Collegati con noi

Economia

Studio della Cgia: molte grandi imprese italiane sono sparite ma le piccole e medie sono leader in Europa

Avatar

Pubblicato

del

Sebbene le nostre Pmi (piccole e medie imprese) siano leader in Europa, il nostro sistema produttivo ha ancora dei forti elementi di criticità. Sino alla prima metà degli anni ’80, segnala la Cgia, l’Italia era tra i leader mondiali nella chimica, nella plastica, nella gomma, nella siderurgia, nell’ alluminio, nell’informatica e nella farmaceutica. Grazie al peso di molte grandi imprese pubbliche e private (Montedison, Montefibre, Pirelli, Italsider, Alumix, Olivetti, Angelini, Eni), lo sviluppo ruotava attorno a questi comparti. A distanza di 40 anni abbiamo perso terreno e leadership in quasi tutti questi settori. “In Italia – spiega Paolo Zabeo – le grandi imprese si sono pressoche’ estinte, non certo per l’eccessiva numero delle piccole aziende, ma per l’incapacita’ di questi grandi player di reggere la sfida della globalizzazione”. Per la Cgia si deve guardare con piu’ attenzione al mondo delle imprese, specie alle piccole e alle micro, visto che la tassazione resta su livelli insopportabili, il credito viene concesso con il contagocce, l’ammontare del debito commerciale della nostra Pa verso i propri fornitori e’ di 57 miliardi di euro, di cui circa la meta’ e’ riconducibile ai mancati pagamenti.

Le performance delle nostre Pmi (sotto i 250 addetti) e delle micro imprese sono molto positive, anche a livello europeo, per numero delle attivita’, fatturato, valore aggiunto e occupati. Siamo primi in Ue per numero di imprese (oltre 3.719.000) e pur constatando che anche negli altri paesi il peso delle Pmi e’ molto simile al nostro, il ruolo delle nostre micro aziende, invece, ci vede primeggiare, soprattutto quando ci confrontiamo con paesi nostri omologhi come la Germania. In termini di fatturato, invece, l’Italia e’ al quarto posto in UE con 2.855 mld di euro all’anno (2016). Solo Germania (6.195 mld), Regno Unito (3.976 mld) e Francia (3.696 mld) hanno un risultato superiore al nostro. Tuttavia, quando analizziamo l’incidenza prodotta dalle nostre Pmi sul totale fatturato, tra i big non abbiamo rivali. E cosi’ anche relativamente al valore aggiunto delle nostre Pmi e delle piccolissime aziende. A fronte di 14,5 mln di occupati in Italia (dato al netto dei lavoratori del pubblico impiego e di alcuni comparti economici rilevanti), 11,4 lavorano presso le Pmi, di cui 6,5 nelle micro imprese. In entrambi i casi, l’incidenza sul totale occupati sbaraglia qualsiasi altro grande paese Ue. Cosi’ anche per quanto riguarda le microimprese (44,9% sul totale occupati).

Advertisement

Economia

Uscire da Confindustria non fa cessare i contratti, condannata la Fiat

Avatar

Pubblicato

del

Chi esce da Confindustria – come ha fatto la Fiat dal primo gennaio 2012, con una clamorosa decisione dell’allora ad Sergio Marchionne – non può disdettare, prima della scadenza, i contratti di lavoro sottoscritti dando vita a nuovi accordi. Ad affermarlo nero su bianco e’ la Cassazione che ha dato piena ragione al ricorso della Cgil contro la stipula di un nuovo contratto del settore automotive, siglato dopo l’uscita del gruppo del Lingotto dall’assemblea degli industriali. La durata dei contratti, come ha sottolineato Bruno Cossu, il legale che ha difeso il sindacato di Maurizio Landini, “vincola tutti i destinatari del contratto stesso sino alla scadenza del termine pattuito” e nessuno “puo’ sciogliersi da tale vincolo unilateralmente prima della scadenza, neppure dissociandosi dall’organizzazione sindacale di appartenenza”.

Maurizio Landini

Ad avviso degli ‘ermellini’, il punto di vista della Cgil – che ha sostenuto la illegittimita’ dei nuovi contratti e di essere stata discriminata per non essere stata informata delle nuove trattative – e’ “fondato”. In particolare, il sindacato Filtem Cgil, spiega il verdetto, ha contestato l’estensione a tutti i dipendenti della Pcma – una societa’ allora controllata da Magneti Marelli che a sua volta era del gruppo Fiat – del nuovo contratto collettivo di lavoro del 29 dicembre 2011 concluso con Fim Cisl, Uilm, Fismic, Ugl ed Associazione Quadri e Capi Fiat in vista dell’uscita di Fiat dalla Confindustria, allora capitanata da Emma Marcegaglia. Secondo la Corte di Appello di Torino, “a partire dal primo gennaio 2012, la Pcma, per effetto del recesso dal sistema confindustriale esercitato dal gruppo Fiat, non aderiva piu’ a detto sistema” e per questo “non era tenuta piu’ a rispettare le intese sindacali sottoscritte dall’associazione del settore (Federgomma)”. Per la Suprema Corte, invece, “nel contratto collettivo di lavoro la possibilita’ di disdetta spetta unicamente alle parti stipulanti, ossia alle associazioni sindacali e datoriali che di norma provvedono anche a disciplinare le conseguenze della disdetta; al singolo datore di lavoro, pertanto, non e’ consentito recedere unilateralmente dal contratto collettivo, neppure adducendo l’eccessiva onerosita’ dello stesso”, conseguente “ad una propria situazione di difficolta’ economica”. In conclusione, secondo la Cassazione, “nessun principio o norma dell’ordinamento induce a ritenere consentita l’applicazione di nuovo Ccnl prima della prevista scadenza di quello in corso di applicazione, che le parti si sono impegnate a rispettare”. Ora la Corte di Appello di Torino, la cui sentenza del 2014 e’ stata annullata con rinvio, dovra’ fare un bel passo indietro.

Continua a leggere

Cronache

Decreto Legge “Salva Ilva” appeso a un filo: slitta ancora la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale

Avatar

Pubblicato

del

Ritarda la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del “decreto-imprese” subito ribattezzato decreto Salva-Ilva perche’ ridisegna e limita il sistema di immunita’ penale per manager e proprietari dell’ex-Ilva ora passata ad ArcelorMittal. Il testo pero’ prevede anche un importante pacchetto di misure per il sostegno delle imprese in crisi, la tutela dei lavoratori precari, dei rider, la proroga degli ultimi Lavoratori socialmente utili (Lsu). Uscito dal consiglio dei ministri del 6 agosto con la dicitura “salvo intese”, il testo e’ ancora in sospeso.

 

La sua pubblicazione era prevista per oggi, ma adesso si parla di 21, 22 agosto ovvero dopo che il Parlamento decidera’ il futuro del Governo Conte. C’e’ quindi il rischio che una serie di misure importanti restino imbrigliate nella crisi agostana e nelle sue conseguenza. Le varie disposizioni sono frutto di un accordo fra M5S e Lega, ma da domani potrebbero non avere vita facile in Parlamento con il rischio di non poter essere convertite in legge entro i 60 giorni canonici. Ancora una volta il destino dell’Ilva sembra appesa a un filo. Come e’ noto, la misura “salva-Ilva” e’ stata concepita per evitare il rischio di un recesso da parte di ArcelorMittal se il 6 settembre non vengono rinnovate le tutele penali previste per chi gestisce il siderurgico. ArcelorMittal ha chiesto una proroga e Di Maio ha previsto uno “scudo” attenuato per tutti quei comportamenti messi in essere da ArcelorMittal in ottemperanza dell’attuazione del nuovo Piano Ambientale. Ma perche’ lo scudo scatti il decreto deve essere pubblicato in Gazzetta.

Nel “decreto-imprese” ci sono poi altre norme care soprattutto ai Cinquestelle. Ci sono le risorse necessarie (10 milioni nel 2019 e 6,9 nel 2020) per salvare il sito di Napoli di Whirlpool. Norme a tutela dei riders. Finalmente, dopo piu’ di un anno dal primo incontro di Di Maio con i ragazzi che fanno consegne a domicilio in bicicletta, arriva un loro inquadramento con tutele economiche e assicurative.

Gli viene riconosciuta una “paga oraria”, a patto che si accetti almeno una chiamata in quell’ora, e la possibilita’ del cottimo purche’ questa componente retributiva non sia prevalente. Devono essere assicurati contro gli infortuni e le malattie. Il decreto permette ai collaboratori (iscritti alla gestione separata dell’Inps) di maturare il diritto alla disoccupazione, alla maternita’ e all’indennita’ di ricovero ospedaliero con un solo mese di contribuzione (cioe’ un solo mese di lavoro) e non con tre mesi come fino ad ora.

Il decreto prevede anche la stabilizzazione dei precari Anpal (L’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro istituita nel 2015 con il Jobs Act);

e la proroga fino a fine anno delle retribuzioni dei Lavoratori Socialmente Utili, rimasti ancora attivi (circa 15.000), retribuzioni peraltro piu’ basse del reddito di cittadinanza (circa 600 euro al mese per 20 ore di lavoro settimanali).

Continua a leggere

Economia

Sud traina crescita imprese, ne nasce una su tre ma…

Avatar

Pubblicato

del

Il Mezzogiorno traina la crescita del tessuto imprenditoriale in Italia nel secondo trimestre, con Sassari e Lecce al vertice della classifica provinciale. Delle 29mila unita’ in piu’ che risultano al Registro delle Camere di commercio come saldo tra iscrizioni e cessazioni tra aprile e giugno, quasi 11mila, ossia una su tre, si trovano nelle regioni del Sud. E Sassari e Lecce sono le due province che registrano l’incremento relativo piu’ elevato,rispettivamente +0,85% e +0,84%, guardando dall’alto in basso Bolzano (+0,83%), Aosta (+0,82%) e Prato (+0,79%), secondo quanto emerge dai dati diffusi da Unioncamere ed Infocamere. Il Mezzogiorno mette a segno anche l’incremento relativo piu’ elevato (+0,52%). Infatti nei primi 20 posti della graduatoria per tasso di crescita si incontrano 10 province meridionali: oltre a Lecce e Sassari, ci sono anche Vibo Valentia, Pescara, Brindisi, Caserta, Campobasso, Nuoro, Crotone e Palermo. Tuttavia il rapporto di Unioncamere e Infocamere dimostra che in valori assoluti sono Roma (+3.168) e Milano (+2.570) a segnare i saldi maggiori tra iscrizioni e cessazioni di impresa nel periodo compreso tra aprile e giugno, davanti a Napoli (+1.636) e Torino (+1.142). In tutte le regioni il trimestre si e’ chiuso con il segno positivo: dalla Lombardia (5.014 imprese in piu’) alla Valle d’Aosta (+101) al Veneto (+2.057), dall’Emilia Romagna (+1.519) alla Toscana (+1.982) al Lazio (+3.956), dalla Campania (+3.258), alla Puglia (+2.243) alla Sicilia (+2.064) alla Sardegna (+1.026). Ad eccezione del Nord-Ovest, pero’, tutte le circoscrizioni hanno registrato un tasso di crescita inferiore a quello misurato nel corrispondente trimestre dello scorso anno. Guardando ai vari settori, con l’eccezione dell’industria estrattiva (limitata a sole 4.120 imprese), tutti hanno messo a segno saldi positivi nel trimestre, sottolineano Unioncamere e Infocamere. Meglio degli altri, in termini assoluti, ha fatto il settore degli alberghi e ristoranti, uno tra i piu’ rilevanti per numero di realta’ esistenti, con 5.284 imprese in piu’. Seguono a ruota altri due grandi comparti: le costruzioni (+4.518 unita’) e il commercio con 3.377 imprese in piu’ rispetto alla fine di marzo. Bene anche il settore delle attivita’ professionali, scientifiche e tecniche (+2.959) e quello dei servizi alle imprese come noleggio e agenzie di viaggio con +2.693 unita’. In termini relativi, le performance migliori vengono dai settori legati ai servizi: +1,4% le attivita’ professionali scientifiche e tecniche, +1,3% le attivita’ di noleggio, agenzie di viaggio e servizi alle imprese e +1,2% gli alberghi e ristoranti.

Continua a leggere

In rilievo