Collegati con noi

Cronache

L’orrore dei video della decapitazione delle due ragazze scandinave in Marocco, i 4 arrestati avevano giurato fedeltà all’Isis

amministratore

Pubblicato

del

Gli inquirenti danesi e quelli norvegesi sono arrivati a Marrakesh. C’è una buona cooperazione giudiziaria tra i due Stati scandinavi e la monarchia del Marocco. La brutale esecuzione di Louisa Vesterager Jespersen, 28enne danese, e Maren Ueland, 24enne norvegese, decapitate in una remota area di Jbal Shamharouch, nella regione di Imlil (40 chilometri a sud di Marrakech), sito isolato dell’Alto Atlante, rischia di destabilizzare anche economicamente il Marocco. Da anni la monarchia marocchina vive anche di turismo. Forse è una delle principale fonti  di reddito il turismo, soprattutto quello che arriva dall’Europa. Sono milioni i cittadini europei che visitano il Marocco, non solo le coste, Casablanca e Marrakesh ma anche l’interno, i monti, il deserto. La fine delle ostilità in Siria e Iraq per paesi come Tunisia e Marocco ha significato dover controllare il rientro in Patria di centinaia, anzi migliaia di foreign fighters che erano stati al fronte. Sono tutti soggetti radicalizzati, potenzialmente assai pericolosi, capaci di qualsiasi azione armata. Ed è per questo motivo che la monarchia del Marocco è considerata in trincea in questa battaglia.

Essere “paladini dell’Islam, della tolleranza e della pace”, fare “fronte comune per contrastare il fanatismo” dei jihadisti, sono le parole d’ordine di Mohammed VI, re del Marocco, che ha mesi fa appello ai sudditi della diaspora, a quei 5 milioni di marocchini che vivono in Europa e nel mondo. Quando si affaccia dai teleschermi per pronunciare il suo discorso il tono è grave: “Di fronte alla proliferazione dell’oscurantismo, diffuso in nome della religione, tutti, musulmani, cristiani ed ebrei devono fare fronte comune per contrastare il fanatismo e l’odio in tutte le sue forme” La monarchia alaouita, che si dice discendente diretta del profeta Maometto, intrattiene rapporti eccellenti con l’Occidente. Mohammed VI è il “comandante dei credenti” che parla e ai marocchini oltre confine: li invita a restare legati ai valori della loro religione e della cultura secolare, “estranea al terrorismo”. Li esorta: “Armatevi di pazienza, perché la congiuntura è difficile, e siate sempre in prima linea tra i difensori della pace, della concordia, della convivenza, ciascuno nel paese in cui risiede”.
“Chi incita alla morte e all’aggressione, chi fa una lettura interessata del Corano e della Sunna, diffonde menzogne in nome di Dio e del profeta. Questa è la vera minaccia”, dice il re che controlla in modo capillare le 30 mila moschee del Paese.  L’islam che professa il re è di rito malikita, il più tollerante, ma il suo ruolo di Amir al Muumin, Comandante dei credenti, gli dà la forza di imporre le linee guida della predica degli imam, ogni venerdì, e di avere il monopolio della formazione dei religiosi. Il duplice barbaro omicidio delle ragazze scandinave ha sconvolto i Re. Che ha assicurato massima collaborazione alle autorità danesi e norvegesi, già presenti sul terreno ed ha chiesto alla sua sicurezza ogni sforzo per incarcerare (già fatto) gli autori del delitto e farli condannare.

Il Re del Marocco Mohammed VI

Per la magistratura reale marocchina, quella duplice barbara esecuzione con decapitazion di due donne dopo averle violentate è  quasi certamente opera dello Stato islamico o Daesh.  Si tratta solo di capire perchè gli autori  autori dell’assassinio hanno filmato l’omicidio delle due turiste e diffuso su Facebook le macabre immagini. Nel video un uomo armato con un coltello viene mostrato mentre sgozza una delle due turiste fino alla decapitazione: “Se diamo per assodato che il video sia autentico, e io penso che sia cosi’, gli autori sono sostenitori dello Stato islamico, perche’ gli autori hanno filmato mentre decapitavano una delle vittime e perchè hanno reso pubblico quel video sui social provocando l’orrore di milioni di persone che ancora riescono a trovare quel video, nonostante l’impegno dei colossi del web a non far girare quel video.  Perchè si ritiene che i quattro arrestati finiranno sono soldati di Abu Bakr Al Bagdadi ovvero il macellaio dell’Isis? Perchè a parte il video della decapitazione delle donne, a casa di due dei quattro arrestati la guardia reale del Marocco ha trovato altri video in cui i presunti assassini giurano fedeltà allo Stato islamico. Nel video di adesione all’Isis, uno dei sospettati cita parti del verso del Corano 9:29, “Combatti quelli che non credono in Allah e nell’Ultimo Giorno e neppure considerano proibito quel che e’ stato proibito da Allah e dal suo messaggero”. L’uomo assicura che al Baghdadi ha “soldati in Marocco” pronti a combattere per l’Isis. “Rispondendo alla chiamata dell’emiro dei fedeli, Abu Bakr al-Baghdadi, e in appoggio dei nostri fratelli ovunque, specialmente quelli di Hajin, diciamo al nostro califfo: hai soldati in Marocco, solo Dio lo sa”.

La citazione dei fratelli di Hajin, la citta’ siriana dove i terroristi avrebbero contato numerose vittime tra le loro fila, ricorre anche nel video con le orribili immagini della decapitazione di una delle due turiste scandinave. In questo nuovo filmato, quello che sembra il portavoce del gruppo aggiunge: “Ecco il nostro messaggio ai sostenitori del califfato sui social media, possa Dio benedirli e riconoscere la loro impresa; hai trasmesso giustizia e verita’ a molte persone di Dio. Che Dio ti benedica per questo. Tuttavia, questo non ti libera dall’obbligo di combattere per Dio “. Con lo sguardo dritto alla telecamera, continua dicendo che loro quattro hanno “sempre sostenuto i combattenti nei campi di battaglia, e dunque non potevamo astenerci”. Parlando infine a nome di tutti i sospettati del duplice omicidio, aggiunge: “Non potremmo vivere in una terra in cui la legge di Dio (la sharia) non e’ osservata. Come potremmo divertirci vivendo quando siamo i primi a guardare la scia di distruzione lasciata dall’aereo della coalizione crociata?”.

Advertisement

Cronache

Uccide la figlia di 16 mesi lanciandola dalla finestra, lui tenta il suicidio ma si salva

Avatar

Pubblicato

del

Prima uccide la figlioletta di 16 mesi scaraventandola gù dal secondo piano. Poi tenta il suicidio, lanciandosi dalla stessa finestra. Così il 35enne di San Gennaro Vesuviano, Salvatore Narciso, il papà che ha lanciato la piccola dalla finestra del secondo piano dell’abitazione dei suoceri, dove erano ospiti, per poi tentare il suicidio. Qualcuno sul posto racconta di un litigio avuto con la moglie ieri o poco prima dell’omicidio, problemi che, secondo le prime indagini e le prime ricostruzioni, avrebbero portato la coppia a decidere di separarsi. Oggi i due, che vivono a Caserta, erano dai genitori di lei in via Cozzolino nel paese vesuviano. Secondo una prima ricostruzione l’uomo ha approfittato dell’assenza della donna, allontanatasi dall’abitazione per faccende domestiche, e, eludendo anche la presenza del cognato in casa a pian terreno, e’ uscito ed ha raggiunto una finestra al secondo piano del vano scale. Poi, poco dopo le 12, la tragedia. Il 35enne afferra la piccola e la lancia nel vuoto. I drammatici istanti nel racconto di una dirimpettaia: “Ho visto quella ‘cosa’ lanciata dalla finestra. Sembrava una bambola ma quando, dopo pochi secondi, ho visto lui alzarsi sulla finestra e buttarsi giu’, ho capito che a cadere era stata la piccola Ginevra. Una scena che non dimentichero’ mai piu'”.

Due tonfi, il silenzio e poi le urla. I vicini chiamano il ‘118’ ed i carabinieri, ma per la piccola Ginevra i soccorsi sono inutili. L’impatto al suolo le e’ stato fatale. L’uomo, in gravi condizioni ma cosciente, viene portato all’ospedale Cardarelli di Napoli, dove nel tardo pomeriggio e’ stato sottoposto ad un intervento alla colonna vertebrale per le lesioni riportate nell’impatto. In via Cozzolino, invece, resta la disperazione dei familiari e dei vicini, ed il corpicino della piccola sul suolo, coperto da un lenzuolo, in attesa del pm di turno.  I carabinieri, stanno ascoltando familiari e vicini nella speranza di riuscire a ricostruire l’accaduto e le ragioni che hanno spinto il 35enne. Salvatore Narciso, invece, non ha proferito parola. Dal suo arrivo in ospedale e’ rimasto in silenzio, in attesa degli esami che l’hanno portato fino all’intervento chirurgico. Ma non e’ in pericolo di vita. E’ rimasto cosciente tutto il tempo, senza parlare, senza fornire agli investigatori alcuna ragione sul gesto che ha spezzato la vita della piccola Ginevra, lasciando nella disperazione tutti. A San Gennaro Vesuviano nessuno immaginava che oggi avrebbero pianto una bimba di 16 mesi. ”Almeno spiegasse perche’ – hanno affermato alcuni anziani – ma cosa gli e’ passato per la testa. Se proprio voleva, si uccideva da solo, quale peccato ha fatto una piccina di un anno?”.

Continua a leggere

Cronache

Torino, ultimatum della sindaca Appendino ai consiglieri del M5S: uniti o tutti a casa

Avatar

Pubblicato

del

“Non sono disposta in alcun modo ad andare avanti col freno a mano tirato, e se il male minore dovesse essere la fine anticipata di questa amministrazione, cosi’ sara’. Chiedo un mandato pieno, non intendo accettare battute d’arresto e compromessi al ribasso, su questo vincolero’ il mandato”. La sindaca di Torino, Chiara Appendino, con queste parole pronunciate nell’aula del Consiglio comunale ha sfidato oggi la sua maggioranza, alla quale ha chiesto una “prova di maturita’”, anche perche’ “una perdurante situazione di stallo procurerebbe alla citta’ danni che non puo’ permettersi”. “Gia’ lunedi’ ci testeremo su una serie di delibere – ha sottolineato Appendino rivolta ai suoi – e vedremo se quest’aula e’ in grado di decidere. Sara’ quello il momento in cui ciascuno si assumera’ le proprie responsabilita’”. L’annuncio della sindaca segna l’avvio di un cambio di passo e l’apertura di una prova di forza che nelle sue intenzioni dovrebbe rimettere in linea la compagine pentastellata in Sala Rossa. Il tutto dopo una scelta pesante: la rimozione dall’incarico del vicesindaco Guido Montanari, per “le frasi, che non hanno visto smentita, pronunciate sul Salone dell’Auto”, che proprio nei giorni scorsi ha annunciato il trasloco in Lombardia. “Una scelta non facile dal punto di vista umano – ha rimarcato Appendino sui social, ancora prima delle comunicazioni ufficiali in aula – ma che ritengo necessaria nell’interesse della Citta’”. “Colgo un orientamento legato ai vecchi poteri forti della citta’”, ha commentato Montanari, difendendo il suo operato. La mossa, secondo l’ormai ex vicesindaco, “allontanera’ ancora di piu’ i cittadini dalla loro amministrazione”. I riflettori sono ora puntati sulla tenuta dei pentastellati, che a meta’ settimana saranno convocati da Appendino per una riunione di maggioranza. Tanti i provvedimenti sul tavolo che generano ‘frizioni’, a cominciare dalla delibera sul Motovelodromo, l’impianto sportivo intitolato a Fausto Coppi, che approda in Aula tra una settimana. Una parte dei consiglieri e’ dalla parte di Montanari e gia’ oggi ha dato segnali di insofferenza. Facendo mancare il numero legale, sia in apertura della seduta quando le comunicazioni di Appendino sono state garantite dalla presenza dei consiglieri di opposizione, sia in chiusura, come certificato dalla verifica chiesta dal capogruppo del Pd, Stefano Lo Russo. La capogruppo del Movimento 5 Stelle, Valentina Sganga, ha chiesto infatti “un confronto interno”, ritenuto “opportuno per risparmiare a Torino e ai torinesi una sovrapposizione fra il piano politico e il piano istituzionale”. E proprio sul “problema interno” hanno battuto gli esponenti dell’opposizione, senza distinzione fra centrodestra e centrosinistra. “Piu’ che col freno a mano tirato – ha sostenuto Lo Russo – Torino e’ oggi senza conducente. La sindaca vuole farci credere che il problema sia Montanari, in realta’ ha un problema interno e ha cercato un capro espiatorio. Ma e’ lei che deve dimettersi”.

Continua a leggere

Cronache

Pugilato, muore a 55 anni investito leggenda Whitaker

Avatar

Pubblicato

del

Il mondo della boxe e’ in lutto e piange uno dei suoi campioni piu’ acclamati e controversi: Pernell Whitaker morto oggi a soli 55 anni dopo essere stato investito da un’auto a Virginia Beach. Secondo i media Usa, la polizia ha ricevuto ieri notte una chiamata per un’incidente ad un incrocio e quando la pattuglia e’ arrivata ha trovato un uomo in condizioni critiche, che e’ deceduto sul posto. Il guidatore e’ rimasto sulla scena dell’incidente, ma non e’ stato arrestato, mentre solo stamane e’ stato annunciato che la vittima dell’incidente era Pernell Whitaker. “Chiedo di rispettare la privacy della mia famiglia in questo momento difficile – ha detto la figlia Dominique, che ha anche quattro fratelli – Oggi abbiamo perso una leggenda, uno dei piu’ grandi di sempre, mio padre Pernell ‘Sweet Pea’ Whitaker”.

Nato a Norfolk il 2 gennaio del 1964, Whitaker e’ considerato uno dei più grandi pugili della storia, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Los Angeles 1984. E’ stato campione mondiale in quattro categorie: IBF, WBC, WBA dei leggeri, IBF dei welters jr., WBC dei welters e WBA dei medioleggeri. Nel 2007 e’ entrato nella International Boxing Hall of Fame. Le statistiche parlano di 214 match disputati, con 201 vittorie, 91 delle quali portate a termine per Ko, anche se il diretto interessato, che ha cominciato a combattere a livello dilettantistico a soli nove anni, ha sempre parlato di oltre 500 incontri. Epici i suoi combattimenti con Oscar De La Hoya e Julio Cesar Chaves. Dopo la fine della carriera, nel 2001, e’ passato ad allenare. “Era nella stessa classe di Muhammad Ali e Sugar Ray Leonard in quanto uno dei pugili piu’ divertenti che ho mai visto in vita mia”, le parole di Magic Johnson che insieme ad altri leggende dello sport, non solo americano, ha voluto rendere omaggio a ‘Sweet Pea’. Tra gli altri, anche Floyd Maywather ha voluto condividere sul suo profilo social una foto che li ritrae insieme e scattata appena due giorni prima della sua tragica morte.

Continua a leggere

In rilievo