Collegati con noi

Cronache

Orrore in Danimarca e Norvegia, il video della decapitazione di Louisa Vesterager Jespersen e Maren Ueland è vero, la polizia del Marocco ha arrestato 4 sospetti: ecco i loro volti, sono tutti estremisti islamici

Pubblicato

del

I servizi di intelligence danesi (Pet) hanno confermato l’autenticità del video diffuso sui social media in cui si vede l’omicidio di una delle due turiste scandinave uccise sulle montagne dell’Alto Atlante, in Marocco. “Il Pet conferma il video della decapitazione che circola su internet che mostra la morte di una delle donne uccise in Marocco”. L’escursionista danese Louisa Vesterager Jespersen, 24 anni, e la 28enne norvegese Maren Ueland avevano programmato una vacanza di un mese in Marocco. Per l’assassinio, per cui si batte anche la pista del terrorismo, sono stati arrestati quattro uomini. Le modalità dell’assassinio sono brutali. Ricordano le esecuzioni dell’Isis. Ma può anche darsi che le due ragazze siano state prima violentate e poi uccise in quel modo barbaro. Non si capisce però il motivo per cui i loto aguzzini abbiano usato tanta crudeltà nell’ucciderle, perchè abbiano ripreso le fasi più atroci del delitto e come quelle immagini siano finite su social. Chi le ha pubblicate? Perchè sono state pubblicate? Quale doveva essere la contropartita “politica” di questa esecuzione sommaria? Si voleva fare del male al turismo marocchino? Si vuole mettere paura ai turisti che vanno in vacanza in Marocco?

 

Le autorità marocchine hanno arrestato tre persone. Sono pesantemente indiziate di essere responsabili dell’omicidio delle due turiste scandinave. Erano ricercati. A rendere noto il fermo dei tre presunti colpevoli sono fonti vicine agli inquirenti. Le autorità marocchine non escludono la “pista terroristica”, ma non l’unica e non è quella privilegiata.  “La pista radicale islamista non viene scartata, a causa del profilo del sospetto arrestato e dei tre uomini ricercati”, ha detto la fonte. Le due donne, una danese di 24 anni e una norvegese di 28, sono state trovate morte lunedì scorso in una zona montuosa isolata a 10 chilometri dal villaggio di Imlil, con ferite di arma da taglio al collo. I tre arrestati sono tutti di Marrakesh e uno ha precedenti “legati ad atti di terrorismo”, secondo il portavoce della polizia Boubker Sabik. In una delle foto in bianco e nero diffuse dalle autorità, uno dei sospettati ha la barba lunga, indossa una veste lunga bianca e uno zucchetto bianco in testa. Il secondo ha anche lui la barba lunga, mentre il terzo ha il pizzetto. “Gli arresti dimostrano l’efficienza delle forze di sicurezza”, hanno riferito fonti vicine alle indagini. Le due turiste sono state aggredite con un coltello, una è stata decapitata secondo la stessa fonte.

Le autorità marocchine hanno diffuso le generalità dei quattro componenti del gruppo: si tratta di Abderrahmane Khayali, nato nel 1985 a Marrakech, ha vissuto nel distretto di El Azzouzia e ha lavorato come idraulico; Abdessamad Joude, nato nel 1993 a Marrakech e residente a Derb Zeroual nella stessa città, venditore ambulante; Rachid El Afati, nato nel 1985, e vive a Douar Caid Harbi, anche lui un venditore ambulante; Younes Ouaziyad, nato nel 1991, vive a Jnanate a Marrakech dove lavora come falegname. I quattro sospetti sono noti per essere estremisti islamici e non hanno mai lasciato il Marocco.

A Copenaghen il Primo ministro danese Lars Lokke Rasmussen ha denunciato quello che ha definito un “crimine bestiale”. Il capo del governo danese non ha escluso “il movente politico e quindi terroristico” dell’orribile omicidio. “I dettagli non sono ancora stati chiariti”, ha aggiunto prima di rivolgersi ai giornalisti in questi termini: “come il mondo intero, proviamo costernazione, disgusto e una profonda tristezza”. La Primo ministro norvegese Erna Solberg ha condannato un “attacco brutale e insensato contro delle innocenti”. I servizi danesi (Pet) “e la Polizia nazionale danese stanno analizzando il video ma non sono attualmente in grado di confermarne l’autenticità”, hanno riferito le autorità in una nota. Louisa Vesterager Jespersen, e Maren Ueland erano partite insieme il 9 dicmbre per un mese di vacanza in Marocco. Tutte e due sono state uccise a coltellate, secondo le autorità, e una di loro è stata decapitata. Il duplice omicidio ha innescato i timori di gravi ripercussioni sul cruciale settore turistico per il Marocco – che ammonta al 10% del reddito nazionale. I due omicidi finora non sono stati rivendicati.

Orrore in Marocco, il video della decapitazione di due giovani turiste scandinave a pochi chilometri da Marrakech pubblicato su Facebook: presi alcuni terroristi

Advertisement

Cronache

Lavoratori trattati come schiavi: blitz della Polizia a Latina, coinvolti anche un sindacalista e un ispettore del lavoro

Pubblicato

del

Sfruttavano centinaia di stranieri e li impiegavano nei campi a fare lavori agricoli in condizioni disumane. È in corso un’operazione della Polizia di Stato di Latina nei confronti di un’organizzazione criminale dedita allo sfruttamento del lavoro ed al caporalato ai danni di centinaia di persone.

Nel blitz coinvolti fra gli altri un sindacalista ed un ispettore del lavoro che operavano nella provincia di Latina: anche loro sono stati raggiunti da una misura cautelare, eseguita dai poliziotti della Squadra Mobile e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato.

Continua a leggere

Cronache

Non si ferma all’alt dei carabinieri e va a schiantarsi contro un albero a Monteforte Irpino: morto un quarantenne di Mercogliano

Pubblicato

del

Un incidente con dei punti oscuri quello avvenuto a Monteforte Irpino, sulla strada nazionale, in località Gaudi nel quale un uomo che guidava una Fiat Bravo non si sarebbe fermato all’alt dei carabinieri finendo con l’impattare contro un albero. Antonio Dello Russo, 40 anni, di Mercogliano morto incastrato nelle lamiere della sua auto. I Vigili del Fuoco ci hanno messo ore a recuperare l’auto, a tirare fuori Dello Russo e a liberare la strade.

La ricostruzione di quanto accaduto non è ancora ben chiara: Dello Russo, potrebbe aver urtato l’auto dei carabinieri e poi sarebbe scappato, inseguito dai militari lungo la strada che da Baiano porta ad Avellino. La sua corsa è finita all’altezza dell’incrocio con la provinciale per Taurano, nella zona del ponte dell’autostrada, quando Dello Russo è andato a schiantarsi contro un albero. L’uomo che è molto conosciuto nella zona, non solo a Mercogliano dove risiedeva, aveva lavorato per un corriere ma attualmente sembra fosse disoccupato: questo però non spiega perché non si sia fermato all’alt dei carabinieri.

 

Continua a leggere

Cronache

Bombe ad Afragola e alla pizzeria Sorbillo, l’analisi di Salvatore Calleri della Fondazione Caponnetto: camorra sovrana in certi posti

Pubblicato

del

 

Salvatore Calleri parla con Juorno.it, analizza il fenomeno camorra dentro quel perimetro più ampio e pericoloso che sono le mafie d’Italia. Calleri ne parla con la competenza dello studioso, di chi quotidianamente analizza pervasività, perniciosità, eversività delle mafie in Italia. Lo fa dall’Osservatorio privilegiato della Fondazione Caponnetto che presiede. L’abbiamo ascoltato sul ritorno delle bombe nell’area nord di Napoli (Afragola, Sant’Antimo, Melito, Grumo Nevano) e sull’ordigno fatto esplodere davanti alla pizzeria di Gino Sorbillo.

Continua a leggere

In rilievo