Collegati con noi

Ambiente

Coldiretti, è l’avellinese Veronica Barbati la leader dei giovani agricoltori

Pubblicato

del

Veronica Barbati è la nuova leader dei giovani agricoltori italiani. Ha trent’anni, è campana di Avellino, laureata in Economia e Gestione dei Servizi Turistici, è stata eletta dall’Assemblea di Coldiretti Giovani Impresa, composta da rappresentanti provenienti dalle campagne di tutte le Province e Regioni italiane, in rappresentanza di oltre 70mila giovani. Dal 2010 Veronica Barbati è titolare di un’azienda situata sulle colline di Roccabascerana in provincia di Avellino che rappresenta un eccellente esempio di multifunzionalità. Oggi raccoglie il testimone di Maria Letizia Gardoni, ora presidente della Coldiretti Marche e componente della Giunta Nazionale. “Occorre creare le condizioni per realizzare il sogno imprenditoriale di una parte importante della nostra generazione che mai come adesso vuole investire il proprio futuro nelle campagne” con queste parole Veronica Barbati oltre a esprimere  la più che legittima soddisfazione di essere diventata la nuova leader dei giovani della Coldiretti riassume anche un sogno della generazione di trentenni di un paese che ha vissuto la crisi dell’economia di carta, della finanza e della globalizzazione puntando sulla terra, sulla campagna, sull’agricoltura, sui prodotti della terra. “Abbiamo un patrimonio immenso da difendere e far crescere in un Paese come l’Italia che può contare sul primato dell’agricoltura più green d’Europa con 297 specialita’ Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, 5056 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la Penisola, la leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole biologiche e il primato della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,4%)” ha spiegato Veronica Barbati.

Veronica Barbati. La nuova leader dei giovani di Coldiretti è laureata in Economia e Gestione dei Servizi Turistici

“L’elezione della nostra Veronica – ha commentato Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania e vicepresidente nazionale – e’ il coronamento di un percorso di grande protagonismo sul territorio dei nostri giovani. In questi anni sono riusciti a far emergere il cambiamento storico che stava avvenendo nelle nostre campagne. Anch’io ho avuto l’onore di ricoprire questo incarico qualche anno fa, ma ho negli ultimi dieci anni si e’ verificata una vera e propria rivoluzione. I nostri giovani agricoltori, con i loro volti puliti e la loro voglia di fare, sono diventati l’esempio da seguire, un vanto per la Campania e per l’Italia. Veronica Barbati ha saputo interpretare e rappresentare perfettamente questo messaggio. Ha parlato alla loro testa, quando li ha invitati ad essere imprenditori propositivi e positivi, nonostante le difficolta’ quotidiane. Ma ha parlato soprattutto al loro cuore, invitandoli sempre a tirare fuori l’orgoglio delle proprie radici e dell’amore per il proprio lavoro. Lavoreremo insieme per far crescere la nuova agricoltura”.

Advertisement

Ambiente

Martedì 19 febbraio è il giorno della Superluna, momento in cui il satellite è più vicino alla Terra

Pubblicato

del

Ancora due giorni e la Superluna piu’ spettacolare del 2019 arrivera’ puntuale martedi’ 19 febbraio, apparendo nel cielo piu’ luminosa e brillante rispetto a una normale Luna piena. A renderla tanto speciale e’ il fatto che la Luna piena si trovera’ esattamente nel punto della sua orbita piu’ vicino alla Terra. “E’ un appuntamento da non perdere”, dice l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. Gli astrofili, intanto, si preparano a fotografarla, sperando nel cielo sereno. “Sappiamo che ‘Superluna’ non e’ un termine scientifico, ma ha il pregio – osserva Masi – di trasferire in modo efficace il significato che la fase di luna piena e’ vicina al perigeo, ossia al punto dell’orbita lunare che corrisponde alla minima distanza dalla Terra. Questo fa apparire la luna piena piu’ luminosa e circa il 7% piu’ grande di una luna piena normale”. La Luna percorre intorno alla Terra un’orbita molto schiacciata, nella quale ogni mese tocca la distanza minima (perigeo) e quella massima (apogeo): la Superluna si ha ogni volta che la Luna piena coincide con l’orario del perigeo. Alle 10,07 del 19 febbraio la Luna si trovera’ quindi al perigeo e la sua distanza dalla Terra sara’ di 356.761 chilometri. “Mai, per tutto il 2019, avremo una Luna piena piu’ vicina di cosi'”, osserva Masi. Quella del 19 febbraio e’ anche la seconda Superluna del 2019, dopo quella che ha coinciso con l’eclissi della notte fra il 20 e il 21 gennaio, con la suggestiva ‘alba della Luna rossa’. promette di essere suggestivo anche il terzo appuntamento con una Superluna dall’inizio dell’anno: e’ per il 21 marzo, a ridosso con l’equinozio di primavera. Anche gli astrofili si stanno preparando allo spettacolo, con serate di osservazioni e, sperando nel cielo sereno, invitano soprattutto a fotografare la Superluna. “Le maggiori dimensioni della Superluna non sono cosi’ evidenti e per apprezzare meglio la differenza rispetto a una luna piena normale interessante riprendere immagini dell’evento”, e’ l’invito di Paolo Volpini, dell’Unione Astrofili Italiani (Uai). “E’ interessante anche fare accostamenti – prosegue – con foto precedenti di superlune e minilune anche in occasioni di eclissi, per misurare la differenza nel diametro apparente della Luna. Per notare in modo tangibile la differenza – conclude – si possono mettere l’una accanto all’altra le immagini di lune piene e lune rosse spettacolari, come la miniluna rossa dell’estate 2018 e la luna superluna del gennaio 2019”.

Continua a leggere

Ambiente

La denuncia dell’Organizzazione mondiale della Sanità, in aumento malattie mentali e neurologiche ovunque

Pubblicato

del

“La situazione della salute mentale nel mondo non è affatto buona. Le malattie mentali e neurologiche sono infatti in aumento, cosi’ come cresce l’uso di sostanze. Al primo posto nella classifica delle problematiche legate alla salute mentale globale c’e’ la depressione, che non conosce distinzioni di tipo socioeconomico, perche’ colpisce indistintamente tutti. C’e’ poi un abbassamento dell’eta’ in cui si presentano questi disturbi, cosi’ come si abbassa l’eta’ dei suicidi”. E’ la fotografia scattata dal direttore del Dipartimento di Salute Mentale e di Uso di sostanze presso l’Organizzazione mondiale della Sanita’ (Oms), Devora Kestel, oggi a Trieste, che questa mattina presenta una relazione sulle “prospettive dell’Oms per il futuro della Salute Mentale Globale”.

Continua a leggere

Ambiente

Il vulcano Stromboli generò tre tsunami nel Medioevo che raggiunsero le coste della Campania, può succedere ancora

Pubblicato

del

Il crollo del fianco nord-occidentale del vulcano Stromboli ha scatenato ben tre tsunami che nel Medioevo hanno raggiunto le coste della Campania ed è ancora potenzialmente in grado di generare tsunami altrettanto violenti. Lo ha scoperto la ricerca italiana pubblicata sulla rivista Scientific Reports e coordinata dall’Universita’ di Pisa. Avvenuti nel periodo compreso fra il 1343 e il 1456, gli tsunami hanno avuto anche un testimone d’eccezione nel poeta Francesco Petrarca, che in una lettera da Napoli parlo’ di aver assistito a “una strana tempesta”. La ricerca e’ stata condotta in collaborazione con Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Universita’ di Modena-Reggio Emilia e Urbino, Istituto di studi del Mediterraneo antico del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), City University of New York, American Numismatic Society, Associazione Preistoria Attuale.

Continua a leggere

In rilievo