Collegati con noi

Politica

Conte ottiene la fiducia alla Camera ma è bagarre in Aula con Lega e FdI

Avatar

Pubblicato

del

La prima fiducia al governo Conte (343 sì e 263 no) arriva in una limpida giornata di settembre, senza alcun pericolo per i numeri in Aula alla Camera (sarebbe bastata una maggioranza politica di 316 si’) ma con una protesta di piazza chiamata da Giorgia Meloni, con il sostegno di Matteo Salvini, che proprio fuori Montecitorio grida contro i “ladri di sovranita’” e invoca “elezioni, subito”.

Un clima di scontro che dalle strade si riverbera fin dentro il Parlamento dove i due partiti all’opposizione scatenano la bagarre guadagnandosi anche l’espulsione di un deputato. E che finisce per provocare l’ira di Giuseppe Conte. Proprio lui che nonostante gli schiamazzi, fuori e dentro il Parlamento, si era presentato a chiedere la fiducia della Camera con un discorso, tra i piu’ lunghi della storia della Repubblica, con il quale intendeva inaugurare una nuova stagione di pacatezza. Lui che aveva inserito nel suo discorso un richiamo a Giuseppe Saragat (“Fate che il volto di questa Repubblica sia un volto umano”) anche per rimarcare il cambiamento dei toni rispetto all’esperienza precedente, in occasione della replica si riprende la scena per una nuova e dura reprimenda dei metodi del Carroccio e del suo leader. “Io e tutti i miei ministri prendiamo il solenne impegno, oggi davanti a voi, a curare le parole, ad adoperare un lessico piu’ consono e piu’ rispettoso delle persone, della diversita’ delle idee. La lingua del governo sara’ mite, l’azione non si misura con l’arroganza delle parole” aveva esordito in mattinata Giuseppe Conte. Poi nel pomeriggio, durante la replica, Conte, pesantemente attaccato da Lega ed Fdi, cambia registro: sbotta e tuona soprattutto contro gli ex alleati. Rinfaccia alla Lega di aver avuto “reazioni emotive” e ceduto a “proclami”, di essere “coerente” solo con le proprie “convenienze elettorali”, rimprovera Matteo Salvini per le sue assenze ai Consigli europei.

“Avete parlato di tradimento ma ripetere all’infinito queste parole non potra’ cambiare la realta’ dei fatti: questa e’ una grande mistificazione. Il fatto di pensare che una singola forza politica o addirittura il suo leader possa decidere ogni anno a suo piacimento o addirittura a suo arbitrio di poter portare il Paese alle elezioni e’ irresponsabile” dice all’ex vicepremier, con il volto teso e costretto a riprendere la parola tra mille interruzioni, urla da stadio, sfotto’, applausi ironici, deputati leghisti che alzano la loro sedia al grido “poltrone!”, “buffone”, “venduto” e “elezioni”. Grida che precedono le dichiarazioni di voto in cui Fi annuncia di non voler votare la fiducia e dove Giorgia Meloni ribatte stizzita al premier (“volgare e’ imbullonarsi alla poltrona”) e denuncia “manovre di palazzo” profetizzando: “sarete travolti da un’Italia libera e sovrana”. Anche la Lega ribatte con durezza (“Conte non e’ stato eletto ma portato qui dal partito del Vaffaday”) anche se lo scontro piu’ duro e’ atteso domani in Senato quando Conte si presentera’ a palazzo Madama per richiedere anche li’ la fiducia con numeri certi, dovrebbero essere assicurati 163 voti, con il timore di qualche defezione, anche tra i 5 Stelle, ma l’aggiunta di altri voti dal gruppo misto e dai senatori a vita. Anche il dem Matteo Richetti non ha ancora sciolto le sue riserve: “Valutero’, domani intervengo in Aula” spiega. Ma ad intervenire in Aula a palazzo Madama domani ci sara’ soprattutto il senatore Matteo Salvini. Che oggi ha anche ascoltato Conte attaccare chi si fa “condizionare da pressioni di poteri economici e da indebite influenze esterne”. Conte, nel suo discorso da un’ora e mezza, invece annuncia passo per passo le linee programmatiche del suo nuovo governo. A partire dal primo banco di prova che sara’ la manovra, passando per la riduzione del debito pubblico e delle tasse fino ad annunciare una serie di riforme: dal fisco alla giustizia, dal taglio dei parlamentari alla nuova legge elettorale, passando per l’autonomia regionale e la revisione dei decreti sicurezza, promettendo piu’ opere pubbliche e piu’ lavoro, un’Italia piu’ verde e piu’ smart. E poi ancora interventi per gli asili nido e una legge di genere per equiparare gli stipendi delle donne, la sempre rinviata legge sulla rappresentanza sindacale. Plaude il Pd. “Oggi si chiude la stagione della cattiveria, dell’odio e credo si possa guardare avanti” commenta il ministro e capo delegazione del Pd al governo, Dario Franceschini che promette: “adesso ci rimbocchiamo le maniche per il bene del paese”.

Advertisement

Politica

“Io vado avanti”, Raggi lancia il bis in Campidoglio

Avatar

Pubblicato

del

“Dobbiamo andare avanti, non ci sto ad apparecchiare la tavola per far mangiare quelli di prima”. Dopo settimane passate ad evitare l’argomento Virginia Raggi scioglie la riserva e annuncia ai consiglieri della maggioranza capitolina in una videoconferenza che si ricandidera’. Una decisione presa nel segno della continuita’ amministrativa e arrivata dopo la certezza che il MoVimento tutto la sosterra’. L’annuncio e’ infatti arrivato dopo incontri sia con Luigi Di Maio che con Alessandro Di Battista, e’ stato preceduto dal sonetto in vernacolo sul blog di Grillo che e’ apparso come un bizzarro endorsement ad un Raggi bis e soprattutto dall’apertura fatta del capo politico di M5s Vito Crimi ad una riflessione ampia sulla permanenza del vincolo del doppio mandato per chi amministra. Un vincolo che metterebbe fuori gioco in un colpo solo le due prime cittadine di Roma e Torino. “Il mondo cambia e dobbiamo tenerne conto”, disse Crimi rompendo quasi un tabu’ e aprendo un varco ad una possibile candidatura della Raggi. E forse l’accelerazione impressa ora all’impresa bis in Campidoglio, con un annuncio arrivato in una serata d’agosto a campagna elettorale ancora lontana, e’ il tentativo della sindaca non solo di spiazzare gli avversari a destra e a sinistra, lontani da una qualsiasi idea di candidato, ma anche di stimolare M5S sul tema doppio mandato che e’ un vero blocco per gli amministratori a 5 stelle. Terzo scopo dell’annuncio anche quello di compattare la maggioranza capitolina per il rush di fine mandato, non facile per la fitta agenda post Covid. E la maggioranza capitolina si schiera con un Raggi bis. “Ora puntiamo ad accelerare con forza, ad avere mani libere, sempre. I giochi di palazzo e le alchimie vecchia maniera non ci appartengono”, dice l’assessore Antonio De Santis. “Ha ragione Raggi, deve andare avanti”, dice Paolo Ferrara. “Era ora”, le parole di Teresa Zotta. “Siamo con te. grazie per il tuo coraggio”, scrive in un post Federica Daga. E cosi’ anche Giuliano Pacetti e l’assessore Gianni Lemmetti. Del resto una delle poche voci dissonanti dell’M5s di Roma, la presidente del VII Municipio Monica Lozzi, qualche settimana fa ha lasciato il MoVimento per candidarsi lei a sindaca e liberando Raggi da una competitor interna. Insomma, il MoVimento e’ con Raggi e ne lancia la nuova corsa in Campidoglio, Un vero contropiede che anticipa i tempi della campagna su Roma con un centrodestra e un centrosinistra ancora ai blocchi di partenza. L’alleato di governo Pd, che sogna di ritornare in Campidoglio anche per sanare la ferita Marino cacciato con le dimissioni di massa dei consiglieri dem, definisce “pessima la notizia della ricandidatura”, e pensa alle primarie dove forse potrebbe correre la senatrice Monica Cirinna’, gia’ stata nelle stanze capitoline. Il centrodestra cerca una quadra e un nome attorno al quale coagulare la Lega, Fdi, Fi. Nomi da entrambe gli schieramenti circolano ma sono solo per ora ipotesi e suggestioni: c’e’ chi fa quello di Giulia Bongiorno, chi quello Valerio Carocci, il giovane leader dei ragazzi del Cinema America. Per ora la corsa vede una partecipante, Virginia Raggi, che ha scelto la sera delle stelle di San Lorenzo per tentare di bissare il successo di 4 anni fa e lasciare il MoVimento sul colle capitolino.

Continua a leggere

Economia

4 miliardi di euro per ricapitalizzare, il Governo va in aiuto delle Pmi

Avatar

Pubblicato

del

Una partenza a rilento, con il mondo delle piccole imprese, dell’artigianato e del commercio piegato dal Covid e il Governo accusato di reagire troppo poco e troppo tardi. Con i decreti attuativi appena firmati, che sbloccano quattro miliardi per sostenere le ricapitalizzazioni delle Pmi e l’incentivo ulteriore sui crediti d’imposta, l’esecutivo punta a riguadagnare il terreno perduto, a fermare l’emorragia che mette a rischio-fallimento un’impresa medio-piccola su tre. Un provvedimento che si somma a quelli per la liquidita’, ai finanziamenti a fondo perduto, ai prestiti in moratoria, ai sostegni per le partite iva, e si affianca all’intervento europeo con la Bei, il Sure e il recovery fund e punta ad essere “un insieme di misure di grande impatto”, come ha spiegato il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri”, che “va oltre il semplice sostegno alle imprese colpite dalla crisi ma punta a valorizzare le potenzialita’ di un settore che e’ da sempre la spina dorsale dell’economia italiana”. I decreti attuativi delle norme sugli incentivi patrimoniali per le Piccole e medie imprese firmati oggi, parte del deinterlocuzioni” con la Commissione Ue, per valutare i profili che hanno dovuto attendere una serie di ” aiuto di Stato e gli impatti sul debito che va verso il 160% di Pil. Due i pilastri: uno dicreto rilancio, guarda al capitale di imprese cronicamente sottocapitalizzate e dunque gia’ molto vulnerabili prima della pandemia. Quelle con sede in Italia, ricavi fra 5 e 50 milioni e un calo (su anno) di almeno un terzo dei ricavi fra marzo e aprile vedranno un credito di imposta del 20% della somma investita nel capitale, ed un ulteriore credito pari al 50% delle perdite eccedenti il 10% del patrimonio netto, fino a concorrenza del 30% dell’aumento di capitale stesso. Viene inoltre istituito il ‘Fondo Patrimonio Pmi’ che, con quattro miliardi di dotazione, potra’ sottoscrivere obbligazioni o titoli di debito di imprese con ricavi superiori a 10 milioni che effettuano un aumento di capitale non inferiore ai 250.000 euro. Il decreto attuativo sul credito d’imposta, invece, prevede la presentazione delle istanze all’Agenzia delle Entrate, secondo termini e modalita’ che saranno definiti con Provvedimento del Direttore della stessa Agenzia, che, verificata la correttezza dei dati, riconosce il credito stesso. L’Agenzia delle Entrate, entro 30 giorni dalla presentazione delle istanze, comunica poi l’esito della richiesta e, in caso di esito positivo, l’importo del credito effettivamente spettante.

Continua a leggere

Politica

Caccia ai deputati furbetti col bonus, Tridico nel mirino

Avatar

Pubblicato

del

Tra minacce di querele e tutele della privacy, e’ aperta la “caccia” ai nomi dei parlamentari che avrebbero fatto richiesta del bonus da 600 euro per i titolari di partite Iva. E’ su di loro che si concentra il branco di “segugi” messi sulle tracce dei “benestanti” percettori del bonus con indennita’ parlamentare assicurata, anche se a finire nel mirino c’e’ pure il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, sotto accusa per la presunta “soffiata” alle alte cariche del Movimento. Di ufficiale ancora non c’e’ nulla e quello che filtra e’ ancora e’ solo il numero dei deputati coinvolti: in 5 avrebbero fatto richiesta ma solo in 3 avrebbero ottenuto il bonus. Dal conteggio si tira fuori Italia Viva che, anzi, minaccia querele contro chi osasse ancora coinvolgerla nell’affaire. “Questo modo di fare servizio pubblico da parte dell’Inps e’ barbaro” commenta il presidente di Iv Ettore Rosato che annuncia: “Nessun nostro parlamentare ha ricevuto il bonus. Sara’ nostra cura difenderci in tutte le sedi da chi sostiene il contrario”. Restano quindi accesi i riflettori sugli eletti della Lega e del M5s, sui consiglieri regionali mentre escono allo scoperto numerosi consiglieri comunali per rivendicare la congruita’ della richiesta di fronte all’esigua indennita’ che percepiscono rispetto a quella dei parlamentari. Si vocifera pure che siano coinvolti governatori. “I nomi devono essere resi pubblici” tuona Luigi Di Maio che gia’ ieri aveva duramente commentato il caso che riguarderebbe anche un esponente dei 5 Stelle. “Non mi importa da quale forza politica provengano” avverte il ministro che appoggia l’iniziativa del capo politico M5s Vito Crimi che ha scritto ai parlamentari pentastellati di rinunciare alla privacy sottoscrivendo “una dichiarazione per autorizzare l’Inps a fornire i dati di chi ha usufruito del bonus”. “Facciano lo stesso tutti i parlamentari di ogni forza politica. Il mio e’ un appello rivolto a tutti i leader dei partiti” dice il titolare degli Esteri. Matteo Salvini dopo aver gridato allo scandalo e paventato espulsioni oggi ha dato ordine di fare chiarezza. “Abbiamo chiesto ieri a tutti i parlamentari di dire se abbiano percepito il bonus o, se non lo sanno, di verificare col loro commercialista se non sia stata fatta la domanda. Finora non ho riscontri di deputati leghisti che abbiano preso il bonus” dice il capogruppo Riccardo Molinari. Tra i deputati del Carroccio si tira fuori Mario Lolini che nega di essere uno dei deputati che hanno percepito il bonus da 600 euro e aggiunge che neppure le sue aziende hanno mai fatto richiesta del bonus da mille euro per le imprese agricole. Fa lo stesso l’ex M5s, attore, Nicola Acunzo: “Mi spiace che si possa anche solo pensare che sia io” afferma il deputato ora al Misto che si dice favorevole alla proposta di Crimi di rinunciare al vincolo della privacy. I nomi dei soggetti coinvolti potrebbero pero’ presto venire alla luce, anche per evitare che l’unico a pagare il conto del caos mediatico provocato dalla notizia sia proprio il presidente dell’Inps Pasquale Tridico. Per evitare di violare le garanzie di privacy il responsabile dell’Istituto potrebbe essere chiamato a riferire in Parlamento, nell’ambito di una audizione secretata in Commissione Lavoro. La presidente Debora Serracchiani per ora assicura che non risultato richieste di convocazione dell’organismo ma gia’ il deputato di Italia Viva, Gianfranco Librandi ha annunciato la sua intenzione di farlo. “Sara’ in quell’occasione che chiedero’ apertamente le dimissioni di Tridico per la grave falla di credibilita’ che ha provocato” afferma. La vicenda ha pure sollevato un polverone politico in chiave referendaria. L’opposizione sospetta che la notizia, che doveva essere nota da tempo trattandosi di bonus arrivati in primavera, sia stata rilanciata per animare un sentimento anticasta volto favorire il Si’ al referendum sul taglio dei parlamentari. ” Io mi limito a commentare strani tweet che confermano questi sospetti, come quello di Manlio Di Stefano, che lega strumentalmente le due cose” commenta Simone Baldelli, vicepresidente azzurro della Camera ed animatore del gruppo dei deputati per il No al referendum del 20 settembre .

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto