Collegati con noi

Cronache

Scontro filobus e camion a Milano, donna in coma

Avatar

Pubblicato

del

Uno scontro tra un filobus e un camion dell’azienda municipale dei rifiuti spezza l’idillio della Milano vestita a festa per la prima della Scala. Una donna di 49 anni e’ in coma a causa dell’incidente avvenuto alle otto del mattino nella festa di Sant’Ambrogio, con ogni probabilita’ per un ‘rosso’ bruciato da uno dei due mezzi in via Ergisto Bezzi, all’angolo con via Marostica, sulla circonvallazione ovest. Da una prima ricostruzione della Polizia Municipale, sembrava che fosse una passante investita dal mezzo pubblico, poi pero’ il marito ha raccontato agli inquirenti che prendeva abitualmente la linea 91, una delle piu’ affollate della citta’. E’ stata quindi avanzata l’ipotesi, tutta ancora da verificare, che la donna, in condizioni sempre piu’ disperate col passare delle ore, possa essere stata sbalzata fuori dal filobus e poi investita dalla vettura dell’Atm, l’azienda pubblica dei trasporti gia’ coinvolta ieri nell’episodio di una brusca frenata del metro’ a San Babila, con diversi contusi. A testimoniare la violenza dello scontro, il fatto che uno dei pali dei semafori sia stato sbalzato venti metri piu’ in la’ rispetto alla sede originaria. Il bilancio finale e’ di 18 persone coinvolte. Ricoverati anche l’autista del bus, che era rimasto incastrato nell’abitacolo e ha riportato un lieve trauma alla testa, e tre dipendenti a bordo del camion verde, uscito semidistrutto dall’impatto. Uno ha riportato una sospetta frattura al femore, gli altri due lievi contusioni. Otto passeggeri sono stati trasportati in ospedale per ferite non preoccupanti, altre sei hanno subito medicazioni sul posto. Gli inquirenti stanno ascoltando diversi testimoni, tra cui anche i due autisti e, attraverso eventuali telecamere presenti nella zona, saranno in possesso di tutti i dati per ipotizzare le responsabilita’ di quanto avvenuto solo nelle prossime ore. Con una nota, Amsa ha garantito “massima disponibilita’” per contribuire ad accertare i fatti. “Oggi non e’ stata una giornata bellissima – ha detto il sindaco Giuseppe Scala prima che iniziasse la Tosca, facendo riferimento all’incidente – sono cose su cui a volte mi sento anche un po’ impotente, ma non riesco a togliermelo dalla testa”.

Advertisement

Cronache

Sardine e Sarde, a Napoli vanno divisi verso la stessa meta

Avatar

Pubblicato

del

Una parte delle Sardine in piazza San Domenico, un’altra parte in piazza del Gesù. Il mare in cui nuotano non è enorme eppure sembra che a Napoli non riescano a nuotare assieme. Alcune delle Sardine napoletane hanno lanciato l’iniziativa per la Pace che si è svolta stasera a Napoli, mentre un’altra parte del gruppo di animatori partenopei ha preso le distanze, aderendo invece al ricordo di Amnesty International in Piazza del Gesu’ per Giulio Regeni.

“In questo momento – spiega Bruno Martirani, la “sardina” che ha lanciato l’iniziativa per la pace – stiamo lavorando tutti insieme, le sardine uniscono e quindi ci sono anche dei dibattiti interni, e’ normale che per stare insieme in democrazia ci sia dialettica interna. In fondo le Sardine restano uno strumento per attivare i segmenti sociali in questo momento disillusi dalla politica”. In Piazza del Gesu’ c’e’ invece Antonella Cerciello, altra organizzatrice del movimento a Napoli: “Non ci sono spaccature – spiega – ovviamente manifestare per la pace e’ importante, si e’ trattato di uno slancio di uno di noi. Ma si lavora insieme in questi giorni sull’incontro di Scampia. Noi abbiamo aderito alla manifestazione di Amnesty ma non parlerei di spaccatura perche’ continuiamo a lavorare insieme”. Il lavoro e’ per l’incontro nazionale delle Sardine in programma il 14 e 15 marzo a Scampia: “La prossima settimana – spiega Riccardo Festa – ci sara’ una riunione per organizzare l’incontro di Scampia. C’e’ un contatto costante e continuo con vertici nazionali, l’idea di Scampia e’ stata lanciata e l’abbiamo condivisa. La organizzeremo meglio nei giorni prossimi, il lancio ha avuto grande rilevanza mediatica perche’ si fa a Napoli e a Scampia ma ora va organizzata bene”.

Continua a leggere

Cronache

Schianto contro bus alle porte di Roma, morti 2 ventenni

Avatar

Pubblicato

del

L’auto che invade la corsia opposta e lo schianto, fortissimo, contro un autobus di linea che non lascia scampo a due amici ventenni. Tragedia nella notte alle porte di Roma. L’incidente e’ avvenuto intorno alle 5 su via Tiburtina a Tivoli Terme. Ancora una volta in una notte del fine settimana sulle strade resta il sangue di vite giovanissime. Al volante della macchina il 20enne Thomas Adami, accanto a lui l’amico Matteo Antonio Calabria di 19 anni. A quanto ricostruito finora Adami, per cause ancora da accertare, avrebbe perso il controllo della vettura e, dopo aver invaso la corsia opposta, si e’ schiantato contro un autobus di linea Cotral che stava rallentando e accostando in prossimita’ della fermata. L’impatto e’ stato violentissimo e all’arrivo dei soccorritori per i ragazzi non c’era piu’ nulla da fare. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri della stazione di Tivoli Terme che si occupano dei rilievi.

I pompieri hanno estratto i corpi dalle lamiere dell’auto che nell’impatto si e’ praticamente accartocciata nella parte anteriore. L’autopsia, che si terra’ presso l’Istituto di medicina legale della Sapienza, contribuira’ a chiarire le cause e la dinamica del tragico incidente che ha visto l’auto dove si trovavano i due giovane invadere completamente la corsia opposta nel momento in cui arrivava il bus che viaggiava in direzione Roma. Tra le ipotesi l’alta velocita’ e l’asfalto bagnato dalla pioggia. Al vaglio degli investigatori le immagini registrate da alcune telecamere che si trovano nei pressi del punto in cui e’ avvenuto l’incidente. I due studenti, amici da tempo, erano usciti ieri sera e quando e’ avvenuto lo schianto percorrevano via Tiburtina verso Tivoli. Sia l’auto sia l’autobus sono stati posti sotto sequestro. Le salme dei ragazzi sono stati portati all’istituto di medicina legale della Sapienza a disposizione dell’autorita’ giudiziaria. Medicati sul posto dal 118 il conducente del bus e un passeggero che era a bordo. Il tratto di strada e’ stato chiuso per alcune ore e il traffico deviato. E sempre ieri sera a Roma un incidente ha coinvolto il conduttore Giancarlo Magalli. Un brutto incidente che fortunatamente non ha avuto conseguenze per Magalli. La sua auto per cause da accertare si e’ schiantata contro il guardrail su via Cassia bis ed e’ andata distrutta. Magalli fortunatamente e’ rimasto illeso. Lo stesso conduttore sulla sua pagina Facebook ha pubblicata la foto della sua Smart distrutta commentando: “Incidente brutto ma non si e’ fatto male nessuno, per fortuna”. I dati sugli incidenti stradali, almeno quelli sul 2019, danno drammaticamente in aumento i morti nel week end quasi sempre giovanissimi. Nei primo nove mesi dello scorso anno in 566 incidenti mortali ci sono stati infatti 620 morti – contro i 588 che sono deceduti nello stesso periodo del 2018 – e fra loro 194 erano persone giovani, con meno di 30 anni. I dati sono stati raccolti dalla Polizia stradale e dall’Arma dei carabinieri. In particolare, gli incidenti mortali con coinvolgimento di veicoli a due ruote, come le moto e gli scooter, sono stati 206, pari al 36,4% del totale. Inoltre, nel 35,5% degli incidenti con morti (pari a 201 casi), l’incidente e’ avvenuto per la perdita di controllo del veicolo da parte del conducente. Per quanto riguarda la fascia oraria, tra le dieci di sera e le sei del mattino sono avvenuti 175 incidenti mortali con 203 persone decedute.(

Continua a leggere

Cronache

Condanna definitiva per abusi su minore, si suicida un 63enne

amministratore

Pubblicato

del

Un uomo di 63 anni, che temeva di finire in carcere in seguito ad una condanna per violenza sessuale divenuta ormai definitiva, si e’ suicidato impiccandosi in un serra non molto lontano dalla sua abitazione. Il fatto, del quale ha dato notizia oggi il quotidiano ‘Il Centro’, e’ accaduto l’altra sera a Miglianico (Chieti). L’uomo era stato condannato a quattro anni e sei mesi di reclusione per abusi su una bambina di 8 anni per un fatto accaduto nel 2008: l’altro ieri la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dal legale dell’uomo, l’avvocato Stefano Sessano, il quale ha comunicato l’esito dell’udienza al suo assistito. Il 63enne, che per questa vicenda si era detto innocente, poco prima di suicidarsi ha postato sul suo profilo Facebook, un messaggio rivolto a sua madre. Il caso era venuto alla luce in seguito al racconto fatto dalla vittima ad una psicologa della scuola e all’apertura di un’indagine.

Continua a leggere

In rilievo