Collegati con noi

Corona Virus

De Luca ricopre di insulti e sfottò de Magistris, i ministri Speranza, Di Maio, Bonafede, Spadafora e…

Avatar

Pubblicato

del

“Ci sono comportamenti che non sono trasparenti e non vanno bene – sottolinea il presidente della Regione Campania Vincenzo parlando nell’appuntamento social del venerdi’ dei rapporti tra Regione Campania e Governo – c’e’ ad esempio un consulente del ministro che parla con un livello di pressapochismo che non e’ possibile. O va a casa lui o va casa il ministro. Ho parlato col presidente del Consiglio perche’ un suo ministro, Spadafora, aveva fatto un atto di sciacallaggio. Gli ho chiesto di intervenire perche’ i suoi ministri non facessero sciacallaggio politico. Il presidente non sapeva, ha detto faro’, diro’ ma non e’ successo niente dopodiche’ abbiamo sentito le parole di un ministro improbabile, Bonafede, conosciuto nell’ ambiente come il ministro bonanotte, e poi e’ intervenuto un altro concittadino, Di Maio, che ha fatto sciacallaggio dicendo cose intollerabili. Rinnovo la sfida a tutti di un dibattito in tv sperando che i miei interlocutori non facciano i conigli e continuino a scappare”. “Ora – ha proseguito De Luca – noi vogliamo collaborare con tutti ma se i ministri del governo continuano a fare sciacallaggio la collaborazione e’ difficile. Tutto questo – ha concluso – per dire che ci sono cose che non sono trasparenti e non va bene nulla”.

Advertisement

Corona Virus

Allarme varianti, Merkel-Macron per frontiere Ue chiuse

Avatar

Pubblicato

del

Il Covid-19 e’ duro a morire, anzi si trasforma per continuare a colpire: la variante inglese si e’ gia’ diffusa in almeno 60 Paesi mentre oltremanica ha provocato oltre 1.800 morti in 24 ore. In Ue l’incremento dei contagi e delle vittime e’ talmente significativo che non si esclude il ripristino dei controlli alle frontiere interne. Germania e Francia spingono in questa direzione, ma la Commissione frena, rilevando che una “chiusura” sarebbe “senza senso”. I governi europei, per difendersi dalle varianti, hanno ripristinato dure restrizioni. La Germania, ad esempio, ha ulteriormente prorogato il lockdown fino a meta’ febbraio, in Olanda scattera’ il coprifuoco per la prima volta dal dopoguerra. In Francia la stagione sciistica e’ destinata a saltare del tutto, perche’ il governo ritiene la riapertura degli impianti a febbraio “altamente improbabile”. Eppure la gravita’ della situazione potrebbe richiedere qualcosa di piu’, come la reintroduzione dei controlli sanitari alle frontiere interne. La cancelliera tedesca Angela Merkel non lo ha escluso e la Francia si e’ detta chiaramente favorevole a questa opzione. Il tema sara’ al centro di una videoconferenza dei leader Ue, domani, nel corso della quale Berlino proporra’ l’adozione di misure coordinate per chi viaggia dalle aree dove sono state individuate le mutazioni. Anche a Bruxelles il tentativo di allineamento tra i Paesi viene ritenuto necessario per evitare una sorta di effetto ping pong tra Stati confinanti. Allo stesso tempo, pero’ la Commissione teme brusche fughe in avanti. “La chiusura a tappeto delle frontiere in questa situazione non ha senso, ostacola il funzionamento del mercato interno e non e’ cosi’ efficace come le misure mirate”, ha detto Ursula von der Leyen al Parlamento europeo. Qualunque cosa decidano i leader, la parola d’ordine e’ quella di fare presto. I numeri che arrivano quotidianamente dalla Gran Bretagna sono spaventosi, con un numero di vittime costantemente bene oltre i mille, che nelle ultime 24 ore e’ arrivato a oltre 1.800. Tra l’altro la variante inglese di diffonde sempre piu’ nel resto del mondo. L’Oms, nel suo ultimo rapporto epidemiologico, ha riferito che ormai e’ presente in almeno 60 paesi e territori, 10 in piu’ rispetto al 12 gennaio. Ed e’ arrivata fino a Pechino, dove sono stati isolati i primi casi: una spia da non sottovalutare per le autorita’ cinesi, che hanno gia’ richiuso in casa milioni di persone a causa di una recrudescenza dell’epidemia. La buona notizia e’ che il vaccino Pzifer potrebbe essere efficace contro la variante inglese, secondo i risultati di due studi preliminari. Il problema e’ che invece non si ha certezza degli effetti del vaccino sulle altre varianti, come quella sudafricana, che si diffonde piu’ lentamente rispetto a quella inglese ma e’ gia’ presente in 23 Paesi. In attesa di avere dati sufficienti per comprendere la pericolosita’ delle nuove mutazioni, l’unica certezza e’ accelerare le campagne di immunizzazione. Oltre 40 milioni di persone in tutto il mondo hanno ricevuto le prime dosi, ma il 90% vivono in appena una decina di paesi.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid, bollettino del contagio in Italia: 13.571 positivi, 524 vittime

amministratore

Pubblicato

del

Sono 13.571 i test (molecolari e antigenici) positivi al coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Le vittime sono 524. Ieri i positivi erano stati 10.497 e i morti 603.

In totale i casi da inizio epidemia sono 2.414.166, le vittime 83.681. Gli attualmente positivi sono 523.553 (-11.971 rispetto a ieri), i guariti e i dimessi 1.806.932 (+25.015), in isolamento domiciliare ci sono 498.623 persone (-11.715).

Sono 279.762 i test per il coronavirus (molecolari e antigenici) effettuati in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 254.070. Il tasso di positivita’ e’ al %4,9, in aumento rispetto al 4,1% di ieri (+0,8%).

Continua a leggere

Corona Virus

Coronavirus, i dati del contagio in Campania: 968 positivi e 42 morti

Avatar

Pubblicato

del

Si attesta a poco più del 6% il rapporto tra persone risultate positive al Covid19 e numero di tamponi effettuati in Campania: sono 968 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore su 15.343 tamponi secondo i dati del bollettino dell’Unità di crisi della Regione Campania. Non scendono però i ricoverati in terapia intensiva e gli ammalati ricoverati in ospedale, rispettivamente 100 e 1.448. Sono 42 i morti.

 

Questo il bollettino dell’Unità di crisi della Regione Campania di oggi:

Positivi del giorno: 968 (di cui 65 casi identificati da test antigenici rapidi)
di cui
Asintomatici: 835
Sintomatici: 68
* Sintomatici e Asintomatici si riferiscono ai soli positivi al tampone molecolare
Tamponi del giorno: 15.343 (di cui 1.302 antigenici)

Totale positivi: 209.482 (di cui 306 antigenici)
Totale tamponi: 2.270.343 (di cui 5.599 antigenici)​

​Deceduti: 42 (*)
Totale deceduti: 3.471

Guariti: 1.940
Totale guariti: 135.145

* 17 deceduti nelle ultime 48 ore e 25 deceduti in precedenza ma registrati​ ieri​

​Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 100
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (**)
Posti letto di degenza occupati: 1.448

** Posti letto Covid e Offerta privata

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto