Collegati con noi

Economia

Confindustria, timori per il Pil e rischi dai tassi

Pubblicato

del

Il protrarsi della guerra, con gli effetti sui prezzi e sulle forniture. La fiammata dell’inflazione che frena la sperata ripresa dopo le minori restrizioni anti-covid. E’ uno scenario difficile quello in cui si muove l’economia italiana e che, secondo Confindustria, e’ destinato nei prossimi mesi a tradursi in Pil “molto debole”. Un’incertezza cui si aggiunge un ennesimo elemento di rischio: l’annunciato aumento dei tassi di interesse. Un quadro che preoccupa e che costituisce una sfida per il governo, su cui va in pressing la Cgil, chiedendo misure subito e minacciando la mobilitazione in caso di mancato confronto sulla manovra. L’ultima Congiuntura flash del Centro studi di Viale dell’Astronomia tratteggia un quadro di “dinamiche contrastanti”: da una parte il protrarsi delle guerra in Ucraina che si trascina dietro i rincari materie prime e la scarsita’ dei materiali, con cui fanno i conti le imprese; dall’altro il calo dei contagi che potrebbe sostenere turismo e servizi, mentre invece l’inflazione frena i consumi delle famiglie. Una situazione che rende “molto incerto” l’andamento del Pil italiano nel secondo trimestre. Una previsione che il Csc non traduce in numeri, ma che contrasta con quella formulata a fine maggio dal Ministero dell’economia, che prospettava un secondo trimestre in “significativo aumento”. Conferma pero’ la situazione di incertezza che ha gia’ portato altri organismi a rivedere al ribasso le stime per l’anno in corso. Ultima in ordine di tempo la Banca d’Italia, che ha abbassato la previsione al +3% per quest’anno (dal 3,8% di gennaio). Prima lo avevano fatto l’Istat(+2,8%) e l’Ocse (+2,5%). Il Governo nel Def di aprile fissava l’asticella al +3,1%. Per i numeri ufficiali bisognera’ pero’ attendere: il dato preliminare dell’Istat e’ in calendario il 29 luglio. Ma il Pil e’ solo la sintesi di un quadro tutto in salita. Se un po’ tutti dovremo fare i conti con l’energia carissima, l’industria e’ alle prese con dati contrastanti: da una parte calano fiducia e ordini, dall’altra l’indice Pmi scende ma resta in espansione e la resilienza della produzione rischia di non durare a lungo “perche’ i margini sono molto ridotti (in alcuni casi negativi)” per i rincari delle commodity. A tutto questo si aggiunge la minaccia derivante dalla svolta annunciata dalla Bce sui tassi: “dato lo stock di debito bancario di famiglie e imprese, un rialzo dei tassi si tradurrebbe in un pesante aumento degli oneri finanziari”, avverte Confindustria, che per le imprese stima 1,5 miliardi in piu’ di interessi nel primo anno per ogni punto di aumento. E se i maggiori costi attesi spingessero famiglie e imprese a rimandare o ridurre consumi e investimenti, si rischia “un impatto diretto” anche sul Pil. La situazione comunque e’ gia’ critica per molti. “Oggi la gente, soprattutto lavoratori e pensionati, non arriva alla fine del mese”, avverte il leader della Cgil Maurizio Landini da una piazza del Popolo tutta rossa per la manifestazione su pace e lavoro. “E’ assolutamente necessario prendere dei provvedimenti, anche straordinari, ad esempio serve tassare al 100% gli extra profitti delle aziende e non al 25%”, chiede Landini, che sull’energia chiede un piano complessivo anziche’ misure tampone e sul fisco indica l’urgenza di “una vera riforma fiscale”, invece di questa “delega fiscale folle”. Sul lavoro l’urgenza e’ “aumentare i salari”: e, per questo, “oggi non e’ il momento di patti generici ma di provvedimenti concreti”. Il contenitore cui si guarda e’ la prossima legge di bilancio, su cui Landini chiede un cambio di passo. “Ci e’ gia’ capitato due volte, di essere chiamati la mattina per farci dire quello che era gia’ deciso”, ora vogliamo il confronto, avverte il segretario della Cgil, pronto all’autunno caldo: se non ci ascoltano, metteremo in campo “tutto cio’ che e’ necessario, fino alle mobilitazioni”.

Advertisement

Economia

Bollette, il governo mette 3 miliardi per sterilizzare i rincari

Pubblicato

del

Ancora rincari in arrivo per luce e gas mentre il Governo corre ai ripari varando un nuovo decreto taglia-bollette da tre miliardi di euro per dare ossigeno a famiglie e imprese. “Sono stati approvati provvedimenti urgenti per sostenere il potere di acquisto delle famiglie, abbattiamo l’Iva e rafforziamo il bonus sociale, interveniamo per incrementare lo stoccaggio di gas naturale e gli aiuti alle famiglie sulle bollette”, ha detto il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, nella conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri, sottolineando che in “mancanza” di queste approvazioni “ci sarebbe stato un disastro, con aumenti fino al 45%”. Il Premier ha quindi fatto presente che “per le bollette abbiamo speso 30 miliardi dall’inizio dell’anno” e “con questi provvedimenti e quelli che prenderemo a luglio questo importo salira’ ancora, stiamo riformando l’assetto energetico del Paese”, ha spiegato Draghi. L’Arera, l’Autorita’ di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, sta facendo i conti per calcolare l’impatto dei nuovi prezzi sul mercato tutelato di luce e gas che scatteranno gia’ domani e rendera’ note nelle prossime ore, forse domani mattina, le nuove tariffe. Nei giorni scorsi Nomisma energia ha stimato aumenti a due cifre per il terzo trimestre: rialzi del gas del 27% a 1,57 euro per metro cubo, con una maggiore spesa della famiglia tipo di 462 euro su base annua, mentre per la luce del 17% a 48,5 centesimi a kwh che per la famiglia tipo implica una maggiore spesa, su base annuale, di 194,4 euro. Ma sono previsioni che non tengono conto delle nuove misure del governo e bisognera’ attendere i conti dell’Arera per avere certezze. Nel dettaglio, il governo per ridurre gli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico, per il terzo trimestre 2022, ha annullato le aliquote relative agli oneri generali di sistema per le utenze domestiche e non domestiche in bassa tensione, oltre che per le utenze con potenza disponibile superiore a 16,5 kW. Si tratta in particolare delle piccole utenze come ad esempio negozi, piccole e medie imprese, attivita’ artigianali, commerciali o professionali, capannoni e magazzini, o per usi di illuminazione pubblica o di ricariche pubbliche di veicoli elettrici. E come nei precedenti interventi, vengono inoltre assoggettate all’Iva al 5% le somministrazioni di gas metano per usi civili e industriali e sono mantenute al livello del secondo trimestre le aliquote relative agli oneri generali di sistema per il gas.

Bollette, Arera: da misure del governo stop alla corsa al rialzo

 

Inoltre il decreto taglia-bollette prevede che il bonus sociale per l’energia elettrica, ossia le agevolazioni tariffarie per la fornitura di energia elettrica in favore dei clienti domestici economicamente svantaggiati ed ai clienti domestici in gravi condizioni di salute, siano riconosciuti anche per il primo trimestre 2022, quindi i bonus annuali riconosciuti agli aventi diritto “decorrono dal 1 gennaio 2022”, quindi con un effetto retroattivo che dovra’ essere calcolato e comunicato alle famiglie. Le soglie di reddito per accedere ai bonus sono 8 mila euro per il primo trimestre 2022, 12 mila per il secondo e terzo trimestre 2022. Tra gli altri provvedimenti del decreto c’e’ anche la concessione di un prestito da 4 miliardi al Gse, Gestore servizi energetici, per l’acquisto di gas naturale finalizzato agli stoccaggi. “L’obiettivo” degli stoccaggi del gas “e’ il 90%, oggi siamo al 57%, l’andamento degli ultimi giorni e’ in crescita”, ha detto il sottosegretario alla presidenza del consiglio Roberto Garofoli, illustrando la misura approvata in Consiglio dei ministri: “Consiste nel prevedere che ci sia un concorso anche pubblico all’operazione di importazione finalizzata agli stoccaggi – ha spiegato -. Si coinvolge Gse in questa operazione, affianchera’ operatori sul mercato, e anche Snam. In questa prospettiva il decreto legge stanzia un finanziamento, un prestito significativo di 4 miliardi perche’ Gse possa concorrere con altri operatori a finalizzare questo obiettivo di sicurezza energetica nazionale”.

Continua a leggere

Economia

Invitalia: Bernardo Mattarella diventa a.d., finisce l’era di Arcuri

Pubblicato

del

Con Bernardo Mattarella amministratore delegato e Rocco Sabelli presidente si apre una nuova pagina per la gestione di Invitalia, la mano operativa e finanziaria dello Stato sul fronte del sostegno al sistema imprenditoriale, dalla nascita di startup ai ‘salvataggi’ di aziende ed al rilancio delle aree di crisi industriali. Si chiude la lunga stagione di Domenico Arcuri che ha guidato Invitalia per 15 anni, dal 2007, e che da marzo 2020 a marzo 2021 e’ stato sotto i riflettori – chiamato dal Governo Conte – per il ruolo di commissario straordinario per l’emergenza Covid: sul suo lavoro, alla chiusura dell’inchiesta della Procura di Roma sulle mascherine irregolari acquistate dalla Cina i magistrati hanno escluso le ipotesi di accusa piu’ gravi, corruzione e peculato, mentre resta l’ipotesi di abuso d’ufficio. Sono le ultime nomine della tornata di designazioni di maggior rilievo nelle aziende pubbliche. Bernardo Mattarella, nipote del Capo dello Stato, in Invitalia arriva al vertice dopo un percorso di crescita interna: direttore finanziario dal 2007 al 2011, dal 2011 al 2017 ha diretto la business unit Incentivi e Innovazione; e’ amministratore delegato di Banca del Mezzogiorno-MedioCredito Centrale, acquisita da Invitalia nel 2017 quando ne ha assunto la guida per essere poi riconfermato ad aprile 2020. Alla presidenza di Invitalia arriva il manager Rocco Sabelli, cresciuto in aziende come Eni e Telecom, apprezzato da Roberto Colaninno che nel 2003 lo ha voluto alla guida della finanziaria Immsi e della Piaggio. Dal 2008 e’ lui, come amministratore delegato di Alitalia, a gestire il ‘piano fenice’, uno dei capitoli della travagliata storia della compagnia che lascia nel 2012. Nel mondo delle aziende del Tesoro arriva nell’aprile del 2019 come presidente e a.d. di Sport e Salute, societa’ in house del Ministero dell’Economia, che ha lasciato poco dopo anche per “una sintonia mai nata”, come scrisse dimettendosi, con l’allora ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora. Sbattendo la porta: “Con la politica pasticciona che ho conosciuto in questi ultimi mesi – commento’ – non ho piu’ alcuna voglia di lavorare”.

Continua a leggere

Economia

Bollette, Arera: da misure del governo stop alla corsa al rialzo

Pubblicato

del

Il Governo vara un nuovo decreto taglia-bollette da tre miliardi di euro e per il terzo trimestre ferma la corsa al rialzo di luce e gas. Ma su anno il conto per famiglie e imprese sara’ comunque salato con rincari per la luce di +91% e del gas +70,7%. “Il terzo trimestre 2022 per la famiglia tipo in tutela, vedra’ un lieve incremento per la bolletta dell’elettricita’, +0,4%, mentre rimarra’ stabile la bolletta gas, senza alcuna variazione”, annuncia Arera dopo il nuovo decreto del governo, sottolineando che senza queste misure il quadro generale “avrebbe determinato una variazione intorno al 45% della bolletta gas e al 15% di quella elettrica”. Ma l’Autorita’ di Regolazione per Energia Reti e Ambiente avverte anche che in termini di effetti finali, “per la bolletta elettrica la spesa per la famiglia-tipo nell’anno scorrevole (compreso tra il 1 ottobre 2021 e il 30 settembre 2022) “sara’ di circa 1071 euro”, +91% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1 ottobre 2020 – 30 settembre 2021). Nello stesso periodo, la spesa della famiglia tipo “per la bolletta gas sara’ di circa 1.696 euro”, con una variazione del +70,7% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente. “Sono stati approvati provvedimenti urgenti per sostenere il potere di acquisto delle famiglie, abbattiamo l’Iva e rafforziamo il bonus sociale, interveniamo per incrementare lo stoccaggio di gas naturale e gli aiuti alle famiglie sulle bollette”, ha detto il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, nella conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri, sottolineando che in “mancanza” di queste approvazioni “ci sarebbe stato un disastro, con aumenti fino al 45%”. Il Premier ha quindi fatto presente che “per le bollette abbiamo speso 30 miliardi dall’inizio dell’anno” e “con questi provvedimenti e quelli che prenderemo a luglio questo importo salira’ ancora, stiamo riformando l’assetto energetico del Paese”, ha spiegato Draghi. Nel dettaglio, il governo per ridurre gli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico, per il terzo trimestre 2022, ha annullato le aliquote relative agli oneri generali di sistema per le utenze domestiche e non domestiche in bassa tensione, oltre che per le utenze con potenza disponibile superiore a 16,5 kW. Si tratta in particolare delle piccole utenze come ad esempio negozi, piccole e medie imprese, attivita’ artigianali, commerciali o professionali, capannoni e magazzini, o per usi di illuminazione pubblica o di ricariche pubbliche di veicoli elettrici. E come nei precedenti interventi, vengono inoltre assoggettate all’Iva al 5% le somministrazioni di gas metano per usi civili e industriali e sono mantenute al livello del secondo trimestre le aliquote relative agli oneri generali di sistema per il gas. Inoltre il decreto taglia-bollette prevede che il bonus sociale per l’energia elettrica, ossia le agevolazioni tariffarie per la fornitura di energia elettrica in favore dei clienti domestici economicamente svantaggiati ed ai clienti domestici in gravi condizioni di salute, siano riconosciuti anche per il primo trimestre 2022, quindi i bonus annuali riconosciuti agli aventi diritto “decorrono dal 1 gennaio 2022”, quindi con un effetto retroattivo che dovra’ essere calcolato e comunicato alle famiglie. Le soglie di reddito per accedere ai bonus sono 8 mila euro per il primo trimestre 2022, 12 mila per il secondo e terzo trimestre 2022. Tra gli altri provvedimenti del decreto c’e’ anche la concessione di un prestito da 4 miliardi al Gse, Gestore servizi energetici, per l’acquisto di gas naturale finalizzato agli stoccaggi. “L’obiettivo” degli stoccaggi del gas “e’ il 90%, oggi siamo al 57%, l’andamento degli ultimi giorni e’ in crescita”, ha detto il sottosegretario alla presidenza del consiglio Roberto Garofoli, illustrando la misura approvata in Consiglio dei ministri: “Consiste nel prevedere che ci sia un concorso anche pubblico all’operazione di importazione finalizzata agli stoccaggi – ha spiegato -. Si coinvolge Gse in questa operazione, affianchera’ operatori sul mercato, e anche Snam. In questa prospettiva il decreto legge stanzia un finanziamento, un prestito significativo di 4 miliardi perche’ Gse possa concorrere con altri operatori a finalizzare questo obiettivo di sicurezza energetica nazionale”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto