Collegati con noi

In Evidenza

Addio a Bryan Dodien, campione 17enne della Juventus morto di cancro

Pubblicato

del

Bryan Dodien era una giovane promessa del calcio italiano. Giocava nella Juventus. É morto a soli 17 anni. Ha lottato ma non ce l’ha fatta contro il cancro. Ad annunciarlo è stato il club bianconero con un tweet dal profilo ufficiale della squadra Under 23:”La Juventus si stringe nel dolore con la famiglia di Bryan Dodien”, si legge. Il giovane campione ha fatto parte del settore giovanile della Juve ma da tempo lottava contro un tumore che lo aveva costretto ad abbandonare il sogno di diventare un calciatore professionista. Dal 2015 al 2019 infatti Dodien aveva dovuto smettere di giocare. Poi il rientro nel 2019 con la speranza di poter riprendere la sua carriera. Era il 6 gennaio del 2019 e allora 14enne, quando si pensava avesse vinto la sua battaglia contro il cancro. Bryan visse la gioia dell’esordio con l’under 15 della Juventus, entrando a 10 minuti dalla fine nel 3-1 contro il Bologna.”Dopo tre anni di lotta oggi sono tornato in campo” commentò in una foto. La malattia peró  si è ripresentata un anno dopo. Poi l’epilogo drammatico.

Advertisement

Esteri

Amazon custodirà in cloud i dati dell’intelligence di Sua Maestà Gchq, MI5 e MI6

Pubblicato

del

I dati classificati dell’intelligence, quindi alcuni fra i segreti piu’ importanti per la sicurezza nazionale del Regno Unito, sono destinati a essere ospitati dai sistemi di Amazon, tramite la sua controllata Amazon Web Services (Aws). Il quotidiano Financial Times ha infatti rivelato un accordo per l’utilizzo di un ‘cloud’, quindi di uno spazio virtuale di archiviazione, da parte delle tre agenzie di spionaggio britanniche, Gchq, MI5 e MI6. Si prevede che venga realizzata una piattaforma digitale dal colosso americano per sfruttare tecnologie all’avanguardia nello spionaggio, come analisi di ‘big data’ e intelligenza artificiale, ma che il tutto sia gestito dai funzionari di sua maesta’. Resta comunque una decisione destinata a sollevare dubbi e critiche da diversi punti di vista, a partire dai timori che venga messa a rischio la sovranita’ britannica rispetto a dati tanto cruciali di fatto custoditi da un soggetto privato. In merito e’ stato interpellato il portavoce del primo ministro Boris Johnson che non ha commentato direttamente la rivelazione del giornale ma ha fatto alcune precisazioni. “Abbiamo utilizzato la tecnologia del settore privato nelle applicazioni di sicurezza nazionale per decenni al fine di mantenere il Paese al sicuro – ha sottolineato – ovviamente garantire la sicurezza di questa tecnologia e’ una priorita’ assoluta e tutte le protezioni sono gia’ adottate per le informazioni classificate indipendentemente dal fornitore della tecnologia”. In base ai dettagli pubblicati dal Ft, l’accordo e’ stato promosso dalla Gchq, l’agenzia di intelligence per le comunicazioni, e ha un valore stimato dagli esperti del settore tra i “500 milioni e il miliardo di sterline nei prossimi dieci anni”. La collaborazione dovrebbe consentire, fra l’altro, ad agenti e funzionari di condividere i dati piu’ facilmente e consentire l’uso di applicazioni speciali come il riconoscimento vocale per individuare e tradurre voci da ore di comunicazioni intercettate. Il sistema di cloud ad alta sicurezza verra’ utilizzato, oltre che dalle tre agenzie, “anche da altri dipartimenti governativi come il ministero della Difesa durante le operazioni congiunte”. Secondo le fonti citate dal quotidiano della City, “tutti i dati delle agenzie saranno tenuti in Gran Bretagna e Amazon non avra’ alcun accesso alle informazioni presenti nella piattaforma”. Restano molti interrogativi pero’, nonostante Londra e Washington siano alleati di vecchia data. “Si tratta dell’ennesima preoccupante partnership tra pubblico e privato, concordata in segreto”, ha affermato Gus Hosein, responsabile dell’associazione Privacy International, sottolineando che ci sono molte cose che il Parlamento britannico, gli organismi di vigilanza e i cittadini devono sapere su questo accordo. Da tempo e’ aperta nel Regno la questione dei rischi rappresentati dalle collaborazioni economiche con societa’ straniere in settori chiave ed e’ stato adottato nei confronti della Cina un atteggiamento molto diverso. Uno dei capitoli piu’ importanti e’ stata la giravolta britannica col colosso della telefonia Huawei, esclusa nel luglio 2020 dalle forniture per la futura rete 5G nel Paese, per ragioni ufficiali di sicurezza nazionale ma nel nome d’una mossa vista come una concessione al volere degli Stati Uniti.

Continua a leggere

Ambiente

Crescono emissioni gas serra in Italia, +6% nel 2021

Pubblicato

del

L’Italia a parole si impegna a rispettare gli obiettivi di decarbonizzazione della Ue, ma poi la realta’ e’ un’altra. Nel 2021 le emissioni di gas serra aumenteranno del 6%, l’installazione di nuove rinnovabili e’ quasi ferma, le auto elettriche sono poche. Per questo le aziende italiane della green economy chiedono una legge apposita sul clima. La Relazione annuale sull’economia verde italiana, presentata oggi agli Stati generali della Green Economy, alla fiera Ecomondo di Rimini, lancia l’allarme con la forza dei numeri. A preparare la ricerca e’ stata la Fondazione Sviluppo Sostenibile dell’ex ministro dell’Ambiente Edo Ronchi, per conto del Consiglio nazionale della green economy, la rete delle associazioni di impresa del settore. Le emissioni di gas serra in Italia nel 2021 hanno ripreso a crescere dopo la frenata della pandemia, si stima del 6%. Secondo la Relazione, per recepire gli obiettivi europei l’Italia dovrebbe tagliare le proprie emissioni del 26,2% nei prossimi 10 anni, riducendole del 2,6% all’anno. Negli ultimi cinque anni l’installazione di rinnovabili si e’ quasi fermata. Colpa dei processi autorizzativi troppo lunghi e delle opposizioni popolari ai nuovi impianti, specie le pale eoliche. L’energia del vento e’ stata la piu’ colpita, con un -7,8%. Oggi in Italia si installano solo 0,8 giga di rinnovabili all’anno, quando per raggiungere i target europei ne servirebbero 8. Siamo sempre campioni d’Europa in economia circolare: primi per produttivita’ delle risorse, secondi per tasso di riciclo dei rifiuti e utilizzo di materiale riciclato. Pero’ da noi le auto elettriche sono solo il 4,3% delle nuove immatricolazioni: 60.000 veicoli, ben lontane dall’obiettivo di 6 milioni di auto nuove al 2030. L’Italia e’ al secondo posto in Europa per prelievo pro capite di acqua potabile, e il consumo di suolo nel nostro paese avanza di 15 ettari al giorno, 2 metri quadrati al secondo. L’agricoltura biologica continua ad aumentare, ed e’ arrivata al 15% della superficie coltivata. Ma le emissioni di gas serra dall’agricoltura non scendono da dieci anni. Se l’Italia rallenta nella transizione ecologica, la crisi climatica non si ferma. Nel 2020 gli eventi estremi connessi al clima nel nostro paese sono stati quasi 1.300. Nel 2011 erano meno di 400. Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, in un videomessaggio inviato agli Stati generali prova a vedere il bicchiere mezzo pieno: “”Nonostante la pandemia, non c’e’ stato in Italia uno stop degli investimenti green. Oltre il 70% delle grandi imprese ha fatto investimenti importanti in questo settore”. Tuttavia, ammette che “sulle rinnovabili e’ necessario uno sforzo enorme”. Le 68 associazioni di impresa del Consiglio nazionale della green economy chiedono ora a governo e parlamento una legge sul clima, come c’e’ in Germania, Francia, Spagna e Gran Bretagna. Un provvedimento che fissi target annuali di decarbonizzazione e impegni vincolanti per singoli territori e settori produttivi, per dare un’accelerazione a una transizione ecologica che arranca. “L’Italia non deve perdere questa occasione – ha concluso Edo Ronchi -. Deve puntare, con piu’ decisione, a far parte delle locomotive europee della green economy”.

Continua a leggere

Esteri

Addio a Corte, la principessa Mako sposa compagno di college e rinuncia a tutto

Pubblicato

del

Dopo un’attesa durata quattro anni – tre dei quali senza mai incontrarsi – la Principessa giapponese Mako, sposa il ‘cittadino borghese’, ed ex compagno di universita’, Kei Komuro, e dice addio al titolo regale. La nipote primogenita dell’Imperatore Naruhito – che appena lo scorso sabato ha compiuto 30 anni – ha deciso di registrare le nozze al comune di Tokyo con il fidanzato coetaneo, e non in pompa magna come si addice a una autorita’ del suo rango. Una decisione legata ad una vicenda che ha toccato l’opinione pubblica aprendo una serie di questioni ancora irrisolte. Dall’annuncio del progetto di matrimonio, nel novembre 2017, i media nipponici non hanno risparmiato critiche puntando il dito sulla famiglia dello sposo e la gestione delle finanze della madre di Komuro, accusata di aver preso a prestito soldi dall’ex partner per l’istruzione del figlio (30 mila euro) senza mai restituirli. Da allora illazioni e giustificazioni si sono susseguite senza soluzione di continuita’, portando la principessa a soffrire di stress post-traumatico, bersaglio di commenti giudicati offensivi sui social. Ma alla fine ha prevalso la voglia della coppia di convolare a nozze, con una cerimonia semplice, in municipio. Niente rischio di domande scomode: dopo il fatidico ‘si” i neo-sposi hanno letto un comunicato per evitare che il pressing dei giornalisti potesse ferire la principessa, procurandole un ‘forte senso di ansia’, riferisce l’Agenzia imperiale che ha tenuto conto del parere del dottore personale della principessa. Risposte scritte gia’ compilate sono state invece distribuite ai media presenti. Nel suo discorso Mako ha affermato che Komuro e’ una persona ‘insostituibile’, e che il loro matrimonio e’ stata ‘una scelta necessaria’. Rispondendo a una domanda sul suo futuro ha precisato che la sua maggiore preoccupazione e’ il continuo processo di diffamazione perpetuato nei loro confronti e delle rispettive famiglie. Komuro – in procinto di ottenere una specializzazione in legge negli Stati Uniti – ha ribadito la volonta’ di risolvere personalmente il contenzioso della madre. L’accanimento dei media sull’opportunita’ delle nozze ha portato la principessa Mako a decidere di non accettare l’indennizzo governativo che le spettava di diritto dopo il matrimonio, valutato intorno ai 152 milioni di yen (oltre 1,1 milioni di euro), pensato per garantire ‘il mantenimento di una vita dignitosa’ dopo l’allontanamento dalla famiglia. Si tratta della prima volta dal termine della Seconda guerra mondiale che il compenso non viene corrisposto. Dopo aver reciso ogni legame di appartenenza con la casa imperiale, come impongono le regole del Trono del Crisantemo per le donne che sposano un cittadino borghese, Mako seguira’ il marito a New York gia’ dal mese prossimo. Una dinamica che inevitabilmente solleva affinita’ con il principe inglese Harry e la consorte Meghan Markle, bersagli degli organi di stampa piu’ tradizionalisti. “Tutto quello che desidero e’ condurre una vita tranquilla in un ambiente completamente nuovo”, ha detto Mako durante la conferenza, leggendo il comunicato con tono smarrito.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto