Collegati con noi

Ambiente

World Best Awards, Ischia è tra le 25 isole più belle del mondo assieme alla Sicilia

Avatar

Pubblicato

del

Tra le isole più belle del mondo scelte dal World Best Awards quest’anno ci sono due isole italiane: la Sicilia che entra nella top ten delle più belle di tutto il pianeta. E poi c’è Ischia, che guadagna il 21esimo posto. A premiare Ischia e la Sicilia sono stati gli utenti che ogni anno partecipano al sondaggio indetto da Travel + Leisure.

È stato chiesto ai lettori di valutare le esperienze di viaggio in tutto il mondo e di condividere le opinioni su città, hotel e isole. Esse sono state valutate in base ad attività e attrazioni, bellezza naturali, spiagge, cibo e accoglienza.

Turismo ed enogastronomia. L’isola d’Ischia è un luogo meraviglioso dal punto di vista naturalistico. Il suo mare, le sue colline, la sua montagna (Epomeo) sono oasi di biodiversità in attesa del riconoscimento del bollino Unesco come patrimonio dell’umanità. Il turismo straniero è attratto non solo dalle terme, dal sole, dal mare ma anche dalla cultura e dell’enogastronomia che è un punto di eccellenza. Su un’isola piccola ci sono decine di ristoranti che richiamano turisti e tra questi ce ne sono tre premiati con le stelle Michelin: Danì Mason (2 Stelle), Indaco di Pasquale Palamaro (1 Stella) e La Tuga con Crescenzo Scotti (1 stella). Nei prossimi mesi, stante la pandemia virale che mette in ginocchio il mondo intero, sarà difficile vedere a Ischia turisti stranieri

Acqua turchese, spiagge di sabbia fine, palme. Quando pensiamo alle isole, è questo ciò che ci viene in mente. Un paradiso tropicale immerso nella natura. In realtà le migliori isole del mondo sono molto diverse da questa immagine. Certamente molte vantano un clima mite, come Bora-Bora (n. 25), Mauritius (n. 6) e Kauai (n. 24). Ma altre ancora hanno vigne invece di palme e castelli invece di capanne rustiche. Tra queste anche la Sicilia, che nell’edizione 2020 del World Best Awards ha conquistato gli utenti e i turisti di tutto il mondo, anche se è la Grecia il paese col maggior numero di presenze in classifica con Creta (n. 15), Mílos (n. 3) e Páros (n. 2).

L’Italia ha conquistato ben 2 posizioni tra le 25 isole più belle del mondo. La Sicilia è nella top ten,  al 9° posto ancor prima di località di indiscussa bellezza come le Galapagos, le Hawaii e addirittura la Polinesia Francese con perle come Bora Bora e Moorea. Nella classifica troviamo anche Ischia, in 21esima posizione. I lettori di T + L hanno premiato le due isole italiana non solo per le bellezze naturali e il mare ma anche per la cultura e l’enogastronomia.

Advertisement

Ambiente

Orso M49 sorvegliato dai forestali su monte Marzola

Avatar

Pubblicato

del

L’Orso M49 si trova ancora sulla Marzola, montagna che sovrasta Trento, nella medesima zona in cui e’ stato localizzato ieri dopo la sua fuga dal Centro Casteller. Si tratta di un’area impervia verso la cima, difficilmente accessibile. Il corpo forestale sta continuando a sorvegliare la zona in cui si trova il plantigrado che, diversamente dalla prima fuga, questa volta e’ provvisto di radiocollare. Lo ha comunicato stamane il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, a margine della discussione sull’assestamento di bilancio in Consiglio provinciale. “Sono arrivati al Casteller anche i tecnici dell’Ispra – ha detto – e dalla loro relazione sulla struttura capiremo se ci possano essere state delle mancanze tecniche, anche se questo tenderei a escluderlo”. Il governatore ha nuovamente interloquito con il ministro per l’Ambiente Sergio Costa, e ha annunciato che subito dopo l’approvazione dell’assestamento si rechera’ a Roma per un incontro.

Continua a leggere

Ambiente

Paura per l’uragano Hanna, Texas flagellato dai venti

Avatar

Pubblicato

del

Hanna si scaglia sul Texas con tutta la sua forza di uragano di categoria 1, il primo della stagione. Con venti a 150 chilometri orari si abbatte sul sud dello stato gia’ in difficolta’ per il coronavirus. Le forti piogge causano ingenti danni: 250.000 persone sono al buio e molte case sono state distrutte. L’allerta e’ massima anche per il timore di tornando che Hanna potrebbe causare. “Ogni uragano rappresenta una sfida enorme. Questa sfida e’ oggi complicata e resa piu’ difficile dal fatto che si abbatte su una delle aree dello stato piu’ colpite dal coronavirus”, afferma il governatore del Texas, Greg Abbott. Di solito, aggiunge, e’ in momenti come quelli di un uragano che si sceglie di “stare insieme alla propria famiglia per cercare di rispondere all’emergenza. Ma lo stare insieme continua a offrire al Covid-19 la possibilita’ di trasmettersi da persona a persona”. Con Hanna molte aree del Texas si attendono fino a 2,1 metri di piogge torrenziali e inondazioni, soprattutto nell’area di Rio Grande Valley. I pompieri e le squadre di primo soccorso lavorano ininterrottamente per aiutare chi e’ in difficolta’, in particolare coloro bloccati nelle proprie abitazioni. Operazioni complicate dalla mancanza di elettricita’ che, al momento, e’ un problema che non si puo’ affrontare: per gli addetti ai lavori e’ infatti troppo pericoloso intervenire a causa della velocita’ dei venti e delle piogge.

“L’uragano Hanna ha dato un duro colpo al nostro sistema. Siamo pronti a ricostruirlo ma non possiamo farlo fino a che non sara’ sicuro. Preparatevi a dei blackout prolungati”, spiega la Magic Valley Electric Cooperative, responsabile del servizio elettrico nell’estremo sud del Texas. Con il passare delle ore Hanna sta pero’ perdendo progressivamente forza e si appresta a entrare in Messico come tempesta tropicale. L’allarme pero’ in Texas resta alto: un altro potenziale sistema tropicale si sta formando nell’Atlantico e sembra orientato a seguire la stessa traiettoria di Hanna. Intanto scatta l’emergenza anche alle Hawaii per l’uragano Douglas, che si fara’ sentire soprattutto sull’isola di Ohau, dove si trova Honolulu. Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza, autorizzando di fatto la Federal Emergency Management Agency, la protezione civile americana, a coordinare gli sforzi e fornire l’assistenza necessaria.

Continua a leggere

Ambiente

RestiAmo al SUD, un tuffo nel Cilento Blu: da Acciaroli a Marina di Camerota

Giovanni Mastroianni

Pubblicato

del

Nella prima parte di “Cilento Blu” ci siamo lasciati dopo aver percorso un itinerario ideale che ci ha visti partire da Paestum per poi raggiungere Agropoli e quindi i magnifici territori di Castellabate, il cui limite meridionale è segnato proprio da Ogliastro, con la sua costa rocciosa che si tuffa nel mare creando insenature splendide.

Riprendendo ora il nostro cammino in direzione Sud Est giungiamo ad Acciaroli, un gioiello di circa mille abitanti, frazione di Pollica, adagiata nel mondo tra dolci  colline e un mare trasparente che bacia sia morbide spiagge sabbiose che approdi di lucide rocce. Da sempre ambitissima non solo per le spiagge ed un mare che anche qui, neanche a dirlo, è da sempre giudicato tra i più puliti d’Italia e quindi del mondo, Acciaroli è famosa anche per il savoir vivre e con la vicina Pioppi, di soli trecento abitanti, un’altra perla del Cilento ed anch’essa frazione di Pollica, condivide primati anche per la longevità della popolazione grazie anche alla dieta mediterranea, di cui la seconda è stata nominata addirittura capitale mondiale. Qui la bellezza della natura incontra avamposti medioevali rappresentati per lo più da torri di avvistamento o chiesette che per secoli hanno scandito la vita semplice dei fortunati abitanti di questi luoghi di incomparabile bellezza. Merita di certo una visita il meraviglioso Palazzo Vinciprova, che oggi ospita due grandi attrattori culturali,  “Musea” ovvero il Museo Vivo del Mare e l’Ecomuseo della Dieta Mediterranea.

Superato il successivo porto di Marina di Casal Velino, dal quale poter partire a bordo di una piccola imbarcazione alla scoperta delle meravigliose spiagge della zona, che anche in questo angolo di mondo sono tutte di una (costante) bellezza senza pari, è la volta di Ascea e della sua Marina, con sabbia finissima dai riflessi dorati ed il mare che concentra in una unica visuale tutte le sfumature del blu, dall’azzurro e del turchese. Di grande interesse il sito archeologico dell’antica Elea, testimonianza ancora viva di una polis della Magna Grecia, poi ribattezzata in epoca romana come Velia.

Proseguendo verso Sud, non abbiamo il tempo di contemplarne la dolce linearità della costa che d’improvviso ci imbattiamo in una vera e propria zampata sferzata nel mar Tirreno dai monti dell’Appennino Meridionale, che qui reclamano la giusta attenzione per aver forgiato un territorio la cui bellezza rivendicano regalandoci un paesaggio mozzafiato. Proprio sulla punta più estrema di questa improvvisa “incursione” montuosa, un vero e proprio “shock” naturale, sorge Palinuro che deve il suo nome ad un altro mito greco narrato nell’Eneide dal grande Virgilio, che del Cilento restò praticamente incantato e qui immaginò come il nocchiero di Enea fu sacrificato da Venere a Nettuno, in cambio del salvataggio dell’intera flotta proveniente da Troia. Pur se giunto sulla costa sano e salvo, il navigante Palinuro fu difatti brutalmente ucciso dagli abitanti del posto e buttato in mare. Veniva così rispettata la volontà del Dio del Mare: una sola vittima per la salvezza di molti “Unum pro multis dabitur caput” (Eneide, V, 815).

I Miti Greci qui sono dunque attualità e non a caso ogni notte del 23 Agosto, soprattutto sulle spiagge ravvivate dai tantissimi turisti nostrani o da quelli che da sempre giungono anche da ogni parte del mondo (coronavirus permettendo ovviamente), si ricorda proprio il passaggio delle navi in fuga da Troia. Tra i colli che si affacciano sul mare compiendo anche salti da capogiro, gli ulivi risplendono alla luce del sole e nelle notti di luna piena si ricoprono di un unico manto dorato, donando al luogo quel fascino senza tempo che si rinnova giorno dopo giorno, notte dopo notte, da migliaia di anni. La continua e fervida alternanza di rupi rocciose e dolci digressioni verso il mare, animano una costa variegata dove affiorano le spiagge più belle mondo, insenature che sono vere e proprie piscine naturali o forano la pietra diventando  grotte marine dove l’incontro tra la luce del sole e il blu dei fondali creano uno spettacolo unico. Le splendide spiagge come quella dell’arco Naturale, accessibili dalla terraferma, si alternano a quelle raggiungibili solo via mare, come l’incantevole  “Buondormire”, che donano così un tocco di ulteriore esclusività ad un luogo già di per sé unico. Anche il faro di Capo Palinuro, che con i suoi settanta metri è il secondo più alto d’Italia, merita una visita, rappresentando un romantico avamposto di umanità affacciato sull’aprirsi ormai senza limiti del mar Tirreno. Dopo la contemplazione paradisiaca del giorno ci aspetta una notte allietata da locali tipici, turistici, esclusivi o alla mano, sempre e comunque immersi di un luogo che nei millenni ha conservato intatta tutta la sua magia.

Il nostro viaggio nella “Costa del Cilento” termina a Marina di Camerota, le sui spiagge,  insenature e grotte si accomunano per beltà a quelle della vicina Palinuro, con un mare sempre trasparente che regala un’alternanza mozzafiato del blu intenso dei fondali più profondi, fino al turchese e dell’azzurro brillante che dipinge i tratti meno profondi o quelli incastrati tra i giochi roccia a ridosso dei ripidi strapiombi, tra cui merita di essere assolutamente visitata la “Cala degli Infreschi”, insignita del titolo di spiaggia più bella d’Italia per l’anno 2014. La possibilità di vivere questo mare splendido è garantita anche dall’offerta a nolo di piccole imbarcazioni o dalle varie organizzazioni di gite turistiche in barca, dove poter scoprire angoli di veri e propri paradisi terrestri. Anche qui la dieta mediterranea rappresenta un costante valore aggiunto, una possibilità di assaggiare letteralmente un territorio attraverso la sapiente preparazione dei prodotti tipici locali che tutto il mondo ci invidia. 

Così come la flotta greca fu costretta a proseguire il suo viaggio per altri lidi, anche noi siamo costretti a lasciare questo mondo a sé che ci ammalia oggi così come ammaliò i Greci ed i Romani migliaia di anni fa. Allontanandoci con il corpo ma non con la mente, possiamo sentire il canto delle sirene, udire antiche imbarcazioni solcare il mare, ascoltare i versi di Virgilio che qui continua a raccontarci Enea, affidando alle onde del mare un’emozione che non smetterà mai di rinnovarsi finché avremo occhi per contemplare, un cuore da far battere, un’anima da nutrire.

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto