Collegati con noi

Sport

Protocollo e restrizioni Covid per calcio e sport in genere, si lavora su documento

Pubblicato

del

In uno scenario di enorme incertezza sul fronte pandemia, il mondo dello sport cerca punti fermi per provare a gestire al meglio i mesi critici per poi riprendere e quindi portare a termine i principali campionati, con piu’ pubblico possibile. La volonta’, dopo tutto quel che e’ avvenuto dall’inizio 2022, e’ avere una risposta dalla Conferenza Stato-Regioni convocata dal ministro per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini, e cui partecipera’ la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali, dove si portera’ un documento-protocollo per lo sport aggiornato e condiviso, la cui stesura ha impegnato fino a tarda ora i tecnici delle parti coinvolte. Un sequel, ancora non definitivo, degli incontri organizzati negli ultimi giorni per mettere a punto un testo completo – che andra’ poi sottoposto al Cts e quindi vidimato dal ministro della Salute, Roberto Speranza – in cui si cerca anche di traslare il piu’ possibile agli atleti le regole valide per tutti i cittadini e soprattutto favorire lo svolgimento dell’attivita’ professionistica. Ne hanno parlato stamane in una riunione ‘politica’ i ministri Speranza e Gelmini, il presidente del Comitato olimpico, Giovanni Malago’, e la sottosegretaria Vezzali, che si sta molto impegnata alla ricerca di un compromesso che tuteli lo sport per riprendere con linee guida chiare e non penalizzanti. Tra i nodi piu’ complessi, la percentuale di positivi tra i componenti della rosa di una squadra (di calcio, basket o volley) oltre la quale una Asl puo’ dichiarare l’esistenza di un focolaio, di fatto bloccandola: la forbice sul tavolo va da una percentuale del 20/25 fino al 50%, quella vista con piu’ favore dalle societa’. Un compromesso potrebbe essere trovato entro il pomeriggio di domani a quota 30/35%. La questione piu’ delicata riguarda il calcio, con la serie A che ha cercato di tenere la barra dritta ma si e’ scontrato con una dura realta’ nella prima e seconda giornata di ritorno (trascinata fino ad oggi), tra un moltiplicarsi di contagi che ha portato a rinvii, proteste, ricorsi e recriminazioni. Per non parlare della questione spettatori, che per le prossime due giornate vedra’ sugli spalti di serie A al massimo cinquemila persone. Serie B e C hanno scelto di fermarsi per un po’ ma per tutti una guida per la ripresa e’ indispensabile. Tra le questioni piu’ calde da dirimere c’e’ quella dell’intervento delle Asl, per cui si chiede con urgenza di arrivare ad una uniformita’ di giudizio. L’obiettivo e’ appunto fare leva su dati oggettivi riguardanti le positivita’ degli atleti e i contatti nel gruppo e all’esterno di esso. Detto che la serie A al momento ha un proprio protocollo ‘fresco’ – ma giovedi’ e’ in programma un’ assemblea per discutere anche degli esiti di domani – le societa’ sperano di arrivare ad avere una quarantena aggiornata in base alle ultime normative e magari alla auto-sorveglianza per chi e’ super vaccinato, ma anche al via libera alla obbligatorieta’ del green pass rafforzato.

Advertisement
Continua a leggere

Sport

Riforme e fuorigioco automatico, Gravina dà le date

Pubblicato

del

Gabriele Gravina ha ben in mente gli step per riformare il calcio italiano e un primo cronoprogramma ha provato a tracciarlo dal palco del Social Football Summit di Roma. Quattro le date piu’ importanti sull’agenda del presidente della Figc, a partire da quella dell’11 ottobre che servira’ a convocare l’assemblea di dicembre per la riforma dei campionati. In mezzo il 15 novembre, data ultima per presentare la lettera d’impegno del Governo circa la candidatura ad ospitare gli europei del 2032. Infine il 4 gennaio. “Per quel giorno, se la tecnologia sara’ completa, mi auguro possa partire la sperimentazione del fuorigioco semiautomatico” ha detto Gravina. Insomma, il lavoro e’ tanto e l’obiettivo e’ uno: evitare che si ripeta un altro mondiale senza l’Italia. E allora non e’ tanto la ricerca del talento, quanto la sua valorizzazione il nodo centrale da sciogliere. “Il punto e’ ragionare con una logica di progettualita’ nel valorizzare i nostri giovani – spiega – Giovani e infrastrutture sono patrimonio del nostro mondo, mentre se il vivaio e’ considerato un costo da ridurre allora siamo lontani da una logica aziendale”. Per questo una prima proposta e’ quella di riformare le liste. “In tempi brevi, gia’ dalla stagione 2023-24 dobbiamo dare risposte” continua il numero uno della Figc, in merito alla possibilita’ di aumentare il numero degli italiani nella rosa delle squadre: ora e’ di 4+4 (cresciuti nei vivaio). “Cominciamo a parlare di 6+6, poi 7+7 e 8+8. Perche’ per arrivare al Mondiale 2026 dobbiamo creare dei presupposti”. Non sfugge alla lente d’ingrandimento anche il tema dei costi, de tenere sotto controllo emulando quanto in parte l’Uefa sta gia’ facendo a livello internazionale. “Tre sono i pilastri da tenere in considerazione: solvibilita’, stabilita’ e contenimento dei costi attraverso maggiori controlli intermedi”, dice Gravina che non dimentica nemmeno l’importanza dell’ospitare un grande evento come gli Europei del 2032. “Al Governo chiedo sostegno per la candidatura e un confronto che che ci sara’ come gia’ c’e’ stato con Draghi”. Tutto questo, pero’, all’interno di un momento storico che dopo la pandemia, vede il mondo del calcio e non solo affrontare anche la crisi energetica. Per Ghirelli sara’ “di lungo periodo” e per combatterla “sara’ necessario cambiare i nostri stili di vita”. Non sono escluse nemmeno le societa’ di calcio che chiedono comunque di non essere dimenticate dal Governo. “Riteniamo che il calcio e lo sport debbano essere equiparati al resto del sistema produttivo industriale”, e’ stato il grido d’allarme lanciato dal presidente della Lega Pro.

Continua a leggere

Sport

Teheran dice “basta proteste”. La nazionale copre la maglia

Pubblicato

del

 Tolleranza zero contro le proteste. Le forze dell’ordine in Iran utilizzeranno “tutta la forza a loro disposizione per contrastare le cospirazioni di controrivoluzionari ed elementi ostili”. Sono definiti in questi termini, in un comunicato della polizia, i manifestanti che da 13 giorni scendono in piazza per denunciare la morte della 22enne curda Mahsa Amini dopo l’arresto da parte della polizia morale perche’ non portava il velo in modo corretto. Da 13 giorni in varie citta’ del Paese continuano dimostrazioni di vario tipo. Secondo il gruppo basato a Oslo ‘Iran Human Rights’, nella facolta’ di Medicina dell’Universita’ di Shiraz alcuni studenti hanno manifestato gridando slogan “contro la dittatura” e contestando le forze dell’ordine dopo l’arresto di alcuni di loro. Un rapporto dell’agenzia vicina alle Guardie della rivoluzione, Fars, parla di 60 vittime tra manifestanti e forze dell’ordine dall’inizio delle proteste, mentre stando ai dati dei media iraniani indipendenti sono almeno 76 i manifestanti uccisi e quasi 3.000 persone sono state arrestate soltanto nella capitale Teheran. Tra i detenuti anche l’attivista Faezeh Hashemi, figlia dell’ex presidente Akbar Hashemi Rafsanjani, che, secondo l’agenzia di stampa Tasnim, e’ stata “arrestata” dai servizi di sicurezza per il suo sostegno alle dimostrazioni. Alla protesta si sarebbe aggiunta anche la nazionale di calcio. Ieri, prima di un’amichevole premondiale in Austria contro il Senegal, i giocatori iraniani si sono coperti la maglia con un giubbotto nero durante l’inno. Il gesto non e’ stato spiegato, ma viene interpretato dagli osservatori come un sostegno alle proteste, considerate anche le dichiarazioni in questo senso sui social media – poi rimosse secondo IranWire – da parte di Sardar Azmoun, attaccante del Bayer Leverkusen e stella della squadra. “Le proteste non si fermeranno perche’ pare che questa volta le persone siano unite, come mai era stato in passato, e soprattutto c’e’ una profonda separazione tra il popolo e il governo”, ha detto all’ANSA la giornalista iraniana Asal Abasian, dissidente fuggita in Turchia dopo avere ricevuto pressioni dalle autorita’ in Iran riguardo al suo lavoro e alla sua identita’ di genere. A quasi due settimane dalla morte della figlia, intanto, la famiglia di Mahsa Amini ha presentato una denuncia contro gli “autori del suo arresto” e gli agenti di polizia che l’hanno interrogata, mentre il Segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha chiesto che venga avviata “un’indagine tempestiva e imparziale” sulla morte della giovane da parte di un’autorita’ indipendente. “Dopo la morte di Mahsa Amini, prosegue l’eroica rivolta delle donne iraniane contro il regime degli ayatollah”, ha scritto intanto la leader di Fratelli d’Italia e premier in pectore Giorgia Meloni in un messaggio sui social media in cui ha espresso “vicinanza alle coraggiose donne che si battono in Iran e nel mondo per difendere i loro diritti e la loro liberta’”. Le reazioni per il pugno duro contro i manifestanti cominciano a moltiplicarsi in tutto l’Occidente. La Spagna ha convocato l’ambasciatore iraniano a Madrid, Hassan Qashqavi, per “protestare” contro la “repressione” in corso nel Paese, dopo aver espresso “l’irremovibile condanna” delle “violenze perpetrate contro manifestanti pacifici in diverse parti della Repubblica islamica dell’Iran”. Nella nota, Madrid ha sottolineato quindi l’impegno “per la difesa dei diritti umani, e in particolare dei diritti delle donne, che devono essere rispettati in ogni circostanza”.

Continua a leggere

Sport

Calcio, Malta sospende il ct Mangia: sospette molestie

Pubblicato

del

Nuovi guai per Devis Mangia. Il tecnico italiano, che dal 2019 e’ alla guida della nazionale di Malta, oggi e’ stato “temporaneamente sospeso” dalla federcalcio maltese (Mfa) e questa sera non sara’ sulla panchina per l’amichevole contro Israele nello stadio nazionale di Ta Qali, al suo posto siedera’ il vice Daviede Mazzotta. La Mfa, in una nota, si e’ limitata ad annunciare che la decisione e’ stata presa oggi “a seguito di una segnalazione ricevuta su una presunta violazione delle politiche federali”, senza ulteriori dettagli e specificando che domani si terra’ una riunione per approfondire il caso. Secondo i media maltesi l’ex responsabile dell’Under 21 italiana, 48 anni, sarebbe stato denunciato da un calciatore della nazionale per molestie sessuali ed esisterebbe una registrazione delle avance. Secondo il sito Lovin’ Malta, il calciatore – uno dei piu’ importanti della nazionale maltese – avrebbe denunciato di aver ricevuto “ripetute avance”. E la versione online di MaltaToday ricorda che Mangia, sposato dal 2019, e’ stato al centro di almeno altri due casi controversi. Nel 2016, quando era alla guida dell’Ascoli, fu allontanato e il 13 maggio di quell’anno il quotidiano ‘Il Centro’ riferi’ che prima di una partita a Novara “pare che la squadra si sia lamentata per il comportamento del tecnico e addirittura, un calciatore si fosse allontanato dal ritiro per alcune ore”. Fonti della Mfa citate dal ‘Times of Malta’ riferiscono che la federazione starebbe indagando su molestie sessuali di cui Mangia sarebbe stato accusato da un giocatore anche in Romania, quando era alla guida dell’Universitatea Craiova prima di essere ingaggiato come ct da Malta con un contratto fino a dicembre 2023. Sulla vicenda in Romania, il media romeno Fanatik nel 2021 pubblico’ un servizio esclusivo specificando che in quel caso ad accusare il tecnico italiano era stato Răzvan Popa. Alla guida della nazionale maltese, Mangia ha ottenuto risultati sorprendenti per le dimensioni del calcio del paese piu’ piccolo della Ue: una vittoria per 3-0 su Cipro, un pareggio 2-2 con la Slovacchia e vittorie contro Lettonia e Gibilterra.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto