Collegati con noi

In Evidenza

Pollice da smartphone, poche regole da osservare per evitare patologie ortopediche invalidanti

Pubblicato

del

La tecnologia in mobilità, ed in particolare lo smartphone, ha avuto nellultimo decennio una diffusione sempre più massiva. Nove persone su dieci nel mondo occidentale sono possessori di un dispositivo mobile connesso alla rete ed il 45% di essi crede che lutilizzo della tecnologia digitale e dei social media abbia avuto nella loro vita un impatto positivo. Ma è davvero cosi? Oltre a minare i rapporti sociali e creare dipendenza cibernetica, luso continuo dello smartphone può portare a patologie ortopediche fastidiose che, se non trattate ab initio, possono risultare altamente invalidanti. In particolare luso eccessivo della tastiera touch per inviare messaggi whatsapp o su direct di instagram può portare dolore al pollice ad alla lunga instaurare un quadro patologico definito come pollice da smartphone.

Si tratta del cosiddetto Morbo di De Quervain, ovvero di una tenosinovite del primo compartimento dei muscoli estensori ( abduttore lungo ed estensore breve del pollice) che fino a pochi anni fa colpiva i lavoratori costretti ad operazioni manuali estremamente ripetitive, ma che oggi si presenta con frequenza allarmante anche in giovani adulti che usano per  troppe ore smartphone, tastiere, mouse o videogiochi.

In particolare quando si interagisce con il telefono, lo si impugna con tutte le dita della mano, ad eccezione del pollice che rimane libero per effettuare movimenti anomali di scrittura digitale. Questi movimenti effettuati sui tre piani dello spazio, nel lungo termine possono determinare infiammazione ai tendini estensori e quindi dolore.

Il processo infiammatorio può coinvolgere poi anche la guaina di scorrimento dei tendini che si gonfia, li comprime aumentando il loro stato di irritazione.

In alcuni casi, la compressione coinvolge il ramo sensitivo del nervo radiale, localizzato poco sopra la membrana tendinea ed il soggetto avverte un certo incremento del dolore e, nei casi più seri, il pollice può presentare parestesie o analgesie. Ma non solo. I legamenti trapeziometacarpali possono diventare lassi, larticolazione tra il trapezio ed il primo metacarpo può non lavorare bene e la continua infiammazione può progredire verso una quadro più severo di artrosi dellarticolazione trapeziometacarpale.

Dunque quando i ragazzini di oggi diventeranno adulti domani, potrebbero ritrovarsi le mani bloccate dallartrosi molto tempo prima di quanto non sia accaduto ai loro genitori e nonni.

Cosa fare per scongiurare scenari cosi gravi? Semplicemente seguire le regole Salva-pollice, ovvero dare tregua ai nostri pollici ed utilizzare anche le altre dita per digitare sullo smartphone; usare comandi vocali per effettuare ricerche sul web; posare il telefono e fare una sana chiacchierata con gli amici dal vivo e lontano dagli schermi. Tuttavia se il dolore al pollice è forte, è necessario rivolgersi subito allortopedico che valuterà eventuali rizosplint (tutori di immobilizzazione per tenere al riposo il pollice) associati ad una terapia antinfiammatoria e fisico-riabilitativa. Peraltro se lapproccio conservativo non risulta risolutivo, lintervento chirurgico di liberazione della guaina tendinea e tenosinoviectomia in anestesia loco-regionale è lunica alternativa, con un periodo di riabilitazione breve e scevro da complicanze. La risposta alla domanda iniziale è la seguente: usato modernamente lo smartphone è di sicuro un amico, ma con le dovute precauzioni.   

Alessio Cioffi (medico specializzando in ortopedia)

Advertisement

Esteri

Trump sente Zelensky, ‘metterò fine alla guerra’

Pubblicato

del

“Metterò fine alla guerra”. E’ il messaggio consegnato da Donald Trump al presidente ucraino Volodymyr Zelensky nella loro prima conversazione da quella famigerata telefonata del 2019 che portò al primo impeachment dell’ex presidente. “Sono contento che mi abbia cercato perché porterò la pace nel mondo e metterò fine alla guerra che è già costata troppe vite e che ha devastato innumerevoli famiglie innocenti”, ha detto Trump. “Tutte e due le parti saranno in grado di negoziare un accordo che metta fine alla violenza e spiani la strada alla prosperità”, ha aggiunto senza mai citare direttamente la Russia o Vladimir Putin, per il quale l’ex presidente non ha mai nascosto la sua ammirazione.

Ma stando al resoconto di Kiev sul colloquio lo stesso Trump avrebbe bollato come “fake news” la tesi secondo cui il suo rientro alla Casa Bianca sarebbe un vantaggio per Mosca. La telefonata arriva tuttavia fra i crescenti timori dell’Ucraina che una seconda presidenza Trump possa sottrarre sostegno a Kiev e possa spingere l’ex presidente a realizzare la sua idea di mettere fine alla guerra “in un solo giorno” consentendo alla Russia di mantenere i territori occupati e lasciando Kiev nella posizione di essere nuovamente attaccata. Con Trump “abbiamo concordato di discutere di persona quali passi possano rendere la pace equa e veramente duratura”, ha assicurato Zelensky precisando di aver sottolineato all’ex presidente “l’importanza vitale del sostegno americano bipartisan e bicamerale per la difesa della libertà e dell’indipendenza dell’Ucraina. Saremo sempre grati agli Stati Uniti per la loro assistenza nel rafforzare la nostra capacità di resistere al terrore russo”.

Il colloquio, secondo gli osservatori, mostra la scarsa fiducia di Kiev in una vittoria di Joe Biden alle elezioni di novembre. I diplomatici di Kiev, secondo indiscrezioni, da tempo stanno lavorando a strategie per persuadere Trump a continuare a sostenere l’Ucraina, nella consapevolezza del suo essere imprevedibile in politica estera. Per questo Kiev è impegnata in una “offensiva di charme”, per usare le parole del Kyiv Independent, facendo leva su alcuni dei suoi maggiori sostenitori, quali Boris Johnson. Dalla convention repubblicana di Milwaukee l’ex primo ministro britannico ha postato una sua foto con Trump riferendo di averlo incontrato e di aver parlato di Ucraina.

“Non ho dubbi che sarà decisivo nel sostenere il Paese e difendere la democrazia”, ha riferito Johnson. Non è chiaro se Zelensky abbia chiesto a Johnson di parlare con Trump ma l’intervento e le parole dell’ex primo ministro sono uno dei tanti sforzi dei sostenitori dell’Ucraina per ammorbidire le posizioni di Trump su Kiev. Zelensky può contare comunque anche sul sostegno di alcuni nell’entourage dell’ex presidente, soprattutto fra i senatori americani. Il fedelissimo di Trump Lindsey Graham, il suo ex segretario di stato Mike Pompeo ma anche Marco Rubio sono tutti forti sostenitori degli aiuti americani a Kiev. La parola Ucraina non è inclusa nella piattaforma del partito repubblicano approvata alla convention, dove ci si limita in via generale a parlare della necessità di riportare la “pace in Europa”.

Una definizione vaga che si accompagna allo scetticismo nei confronti di Kiev di J.D. Vance, il vice di Trump, e all’antipatia dell’ex presidente per la Nato e per quell’Europa alla quale chiede di pagare di più per sostenere Kiev. Sul piano di Trump per la pace non ci sono certezze. Secondo indiscrezioni prevedrebbe il veto all’ingresso dell’Ucraina nella Nato in cambio della pace da parte della Russia. Altre voci invece fanno riferimento alla proposta presentata da due consiglieri all’ex presidente in cui si prevede che il flusso di armi americane all’Ucraina andrà avanti solo se Kiev avvierà colloqui con Mosca. Allo stesso tempo gli Usa avvertirebbero il Cremlino che qualsiasi rifiuto di trattare si tradurrebbe in maggiori aiuti agli ucraini. Trump pubblicamente non si è sbilanciato, limitandosi a ribadire che con lui la guerra non si sarebbe mai aperta e che, una volta rieletto, la terminerà anche prima di insediarsi.

Continua a leggere

Esteri

Attacco di Israele nello Yemen, raso al suolo deposito armi e carburante degli Houthi nel Porto di Hodeida

Pubblicato

del

Attacchi ed esplosioni vengono riferiti in questi minuti nella città di Hodeida controllata dagli Houthi, nello Yemen occidentale. Le immagini che circolano sui social mostrano il fumo che si alza da un sito preso di mira. Gli attacchi arrivano un giorno dopo che un drone Houthi ha colpito Tel Aviv, uccidendo un uomo. Lo riportano i media israeliani citando la tv degli Houthi Al Masirah, secondo cui si tratta di un raid di Usa e Gran Bretagna. Secondo al Arabiya, invece, sarebbe un attacco israeliano. Da Israele al momento non ci sono conferme.

Anche il media libanese Al-Mayadeen ha riferito che l’attacco è stato effettuato da aerei da guerra israeliani, ma per il momento l’Idf non ne ha assunto la responsabilità. Prima dell’attacco, una foto di quello che sembrava essere un aereo da rifornimento era stata pubblicata sulle reti arabe e i media locali hanno riferito che dallo Yemen erano stati lanciati missili terra-aria contro l’aereo. L’attacco ha preso di mira un deposito di carburante nel porto di Hodeida.

Il ministero della Sanità del gruppo Houthi yemenita ha addossato a Israele la responsabilità dei raid su Hodeida aggiungendo che gli attacchi hanno causato morti e feriti. Lo riferisce la tv degli Houthi al Masirah, senza specificare il bilancio.

Continua a leggere

In Evidenza

Oms Europa: sul Covid nessun allarmismo ma proteggere i fragili

Pubblicato

del

“Non è allarmismo” ma “il compito dell’Oms è quello di aiutare a proteggere la salute e il benessere attraverso consigli tempestivi a governi e cittadini. L’Oms Europa prende sul serio questo mandato”. E’ quanto precisa il direttore dell’ufficio regionale dell’Oms per l’Europa, Hans Kluge, su X spiegando che a preoccuparsi per il contagio con Sars-CoV-2, per il rischio di forme gravi, dovrebbero essere “le persone anziane o immunodepresse, le persone con più patologie pre-esistenti, le donne incinte, il personale sanitario che potrebbe essere facilmente esposto nei propri ambienti di lavoro”.

E, alla luce dei dati che documentano l’aumento dei casi in Europa, Kluge ricorda che gli strumenti per ridurre il rischio di malattia grave ci sono: “Rimanere aggiornati con le vaccinazioni Covid; garantire un rapido accesso al trattamento antivirale per le persone ad alto rischio; adottare precauzioni sensate tra cui indossare la mascherina per le persone particolarmente vulnerabili in spazi chiusi affollati con un’apposita mascherina monouso ‘respiratoria’; tenersi lontani dagli altri se si è affetti da Covid o si sospetta di esserlo; adottare precauzioni se si deve interagire con persone che hanno o si sospetta abbiano contratto il Covid (ad esempio familiari o persone che fanno assistenza); lavarsi regolarmente le mani, misura di controllo delle infezioni veramente efficace. Tutti coloro che sono ad alto rischio di gravi conseguenze da Covid dovrebbero sottoporsi a un vaccino aggiornato ogni anno”. “Inoltre, coloro che sono ad altissimo rischio, compresi gli anziani e le persone immunodepresse, dovrebbero sottoporsi a un vaccino aggiornato ogni 6 mesi. I vaccini salvano vite”, conclude il direttore dell’ufficio regionale dell’Oms per l’Europa.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto