Collegati con noi

Politica

Parte pdl su abuso di ufficio, sindaci in attesa

Pubblicato

del

In attesa del più volte annunciato disegno di legge sulla riforma dell’abuso di ufficio, il Parlamento prende l’iniziativa per cercare di rispondere alle altrettante richieste dei sindaci di un intervento in tal senso, ripetuta appena poche settimane fa dal presidente dell’Anci Antonio Decaro. La commissione Giustizia della Camera ha infatti dato avvio all’esame delle proposte di legge finora depositate, alcune delle quali abrogano tout court il reato, mentre altre lo circoscrivono meglio. Il relatore Pietro Pittalis (Fi) ha illustrato in commissione Giustizia della Camera le quattro proposte a cui, ha detto il presidente Ciro Maschio (Fdi), potrebbero aggiungersene altre. Infatti ben tre dei quattro testi sono di Fi, e il quarto è del deputato del Terzo Polo Enrico Costa. Per quanto riguarda le proposte finora in campo la prima ad essere depositata, ad inizio legislatura, è quella di Cristina Rossello (Fi) che propone l’abrogazione secca del reato, e altrettanto fa quella dell’altro “azzurro”, Pittalis, che tuttavia chiede di circoscrivere meglio anche il reato di traffico di influenze.

Anche su quest’ultimo il ministro Carlo Nordio, incontrando l’Anci il 2 dicembre scorso, aveva annunciato l’intenzione di mettervi mano, idea ribadita all’ultimo vertice di maggioranza in tema di giustizia l’11 gennaio scorso. Una terza proposta di Fi, a prima firma di Roberto Pella, mantiene invece il reato, ma lo circoscrive in maniera più precisa, così da permettere ai sindaci di superare la “paura della firma”, tema legato alla realizzazione delle opere del Pnrr. Infine il testo di Enrico Costa trasforma l’abuso di ufficio, che viene meglio definito, da reato punito con il carcere ad una fattispecie punita con una sanzione amministrativa. “E’ già iniziata una discussione interessante” ha detto Maschio il quale, dopo l’annuncio pomeridiano di Nordio di un disegno di legge del governo a giugno sull’abuso di ufficio, ha spiegato che la Commissione comunque andrà avanti in attesa del testo di Nordio “che avrà corsia preferenziale”.

Si va avanti, dunque, anche perché Pd e M5s hanno chiesto di effettuare un ciclo di audizioni. I Pentastellati, con Valentina D’Orso, hanno detto che il reato non va toccato, accusando la maggioranza di mirare ad un “alleggerimento ad ampio raggio del contrasto al malaffare dei colletti bianchi”. Più cauto il Pd, anche perché sono Dem la maggior parte dei sindaci che chiedono da tempo di metter mano a questo reato.

Advertisement

Politica

Offese a Kyenge, Calderoli condannato a 7 mesi

Pubblicato

del

Il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Roberto Calderoli è stato condannato a 7 mesi, con pena sospesa e non menzione nel casellario giudiziario, in Tribunale a Bergamo nel nuovo processo per la vicenda delle offese all’allora ministro dell’Integrazione Cecile Kyenge, che il 13 luglio 2013 definì “orango” alla festa della Lega di Treviglio (Bergamo) durante un comizio. L’accusa era diffamazione aggravata dalla matrice razziale. Kyenge non si era costituita parte civile. La Cassazione aveva annullato le precedenti condanne in primo e secondo grado. A dicembre il reato andrà in prescrizione.

Continua a leggere

Politica

Stop ai controlli sul Pnrr,tensione Corte conti-governo

Pubblicato

del

Nessun passo indietro, ma la promessa di trovare un nuovo “modello” di relazioni, “nel rispetto delle competenze”. E per elaborare, insieme, un “codice dei controlli”, che fissi una volta per tutte le regole. Nel giorno in cui ufficialmente cambia i poteri della Corte dei Conti sul Pnrr, escludendo il “controllo concomitante” per i progetti legati al Piano, il governo incontra i magistrati contabili per spiegare la ratio dell’intervento e cercare di chiudere uno scontro istituzionale che si è trascinato per giorni. Proprio mentre il presidente della Corte, Guido Carlino, siede di fronte a Raffaele Fitto e al sottosegretario Alfredo Mantovano a Palazzo Chigi, alla Camera le commissioni votano l’emendamento della discordia, che esclude il Pnrr dal check in corso d’opera dei magistrati contabili e che, in aggiunta, proroga di un altro anno, fino a giugno 2024, lo scudo alla responsabilità erariale, bocciato ripetutamente dalla Corte.

“Il controllo concomitante può accelerare le opere” anche del Pnrr, aveva spiegato poco prima Carlino alla commissioni congiunte Affari costituzionali e Lavoro, difendendo la bontà dell’azione della Corte a supporto delle attività delle amministrazioni. Una azione preventiva utile anche a non incorrere in errori, bocciature successive e pure nel rischio di essere perseguiti per danno erariale. Ma sul Pnrr alla Corte è affidato “il controllo ex post”, ha precisato Fitto in Aula, cercando al contempo di smorzare la polemica e di assicurare che non era in corso alcuno “scontro” tra poteri. Lo stesso ragionamento che il titolare del Piano ha esposto anche ai giudici a Palazzo Chigi, affiancato da Mantovano. Il risultato di un’ora e mezza di confronto è un messaggio, veicolato da Palazzo Chigi, di pace fatta. Di condivisione della necessità di una “leale collaborazione” assieme a quella di stringere i bulloni di una interlocuzione che, evidentemente, in queste settimane ha subito qualche intoppo. La promessa è di rivedersi già la prossima settimana per aprire un tavolo per la “revisione della disciplina della responsabilità erariale, del meccanismo di controllo concomitante e dell’adozione di un codice dei controlli”.

Bisogna poi impostare “un modello di relazione e scambio di informazioni più intenso e puntuale”. La volontà, insomma, è quella di gettare acqua sul fuoco di uno scontro stigmatizzato duramente dalle opposizioni, che invano hanno cercato la via della non ammissibilità dell’emendamento del governo al decreto Pa. Criticata duramente, in particolare dai Dem, anche la scelta di votare proprio mentre era in corso l’incontro a Palazzo Chigi. Il governo è pronto a mettere mano anche allo scudo erariale per dare “stabilità” alla disciplina, ferma restando la proroga attuata pur avendo “preso atto della contrarietà della Corte”. Si tratta di una norma “transitoria” in attesa della riforma in materia di responsabilità amministrativa e contabile”, ha assicurato sempre Fitto, ribadendo che l’intenzione dell’esecutivo è quella di accelerare sull’attuazione del Pnrr.

Nel frattempo è anche già stata avviata “dal 18 maggio”, come precisa via Twitter, l’interlocuzione con Bruxelles sul nuovo capitolo legato al RepowerEu, che avrà due linee di intervento sostanziali, sulle “infrastrutture energetiche” e sugli “incentivi per dare una risposta per l’efficientamento energetico per famiglie e imprese”. “Siamo pronti a collaborare”, ha assicurato da Torino il commissario europeo Paolo Gentiloni. Precisando però, interpellato sulla scelta dell’esecutivo italiano rispetto alla Corte dei Conti, che non spetta all’Europa il controllo di “fenomeni di frode, di corruzione, di doppia spesa dei diversi fondi”.

Continua a leggere

Economia

L’ultima di Visco, ora si apre il nodo successione a Bankitalia

Pubblicato

del

Poche parole ‘a braccio’ di ringraziamento ai colleghi di 50 anni di lavoro nella Banca, una relazione senza sconti su quei temi e proposte che non condivide ma con toni pacati e un lungo applauso finale. Le ultime considerazioni finali del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco si svolgono, nel salone dei partecipanti di Palazzo Koch, come da tradizione dopo la parentesi del Covid: platea gremita di banchieri, industriali, autorità e sindacalisti. In prima fila gli alti vertici della banca e l’ex premier e numero uno di Via Nazionale e della Bce Mario Draghi. Assente, come d’abitudine, il governo che da ora fino a novembre, quando scadrà il secondo mandato del governatore, dovrà trovare il nome del sostituto. Una casella ‘pesante’ nel puzzle delle nomine che molti indicano verrà occupata da Fabio Panetta, ora nel board della Bce ma con un lungo e inappuntabile curriculum in Banca d’Italia.

A Via Nazionale è arrivato fino alla carica di direttore generale prima di essere chiamato a Francoforte a inizio 2020. Altre soluzioni, quella interna con l’attuale dg della banca Luigi Federico Signorini o di un outsider esterno riscuotono quotazioni inferiori negli ambienti finanziari e della maggioranza parlamentare. L’iter della nomina tuttavia vede un ruolo non notarile del Presidente della Repubblica al quale, secondo la legge, spetta il decreto di nomina su “proposta del presidente del Consiglio dei ministri, previa deliberazione del Consiglio dei ministri, sentito il parere del Consiglio superiore della Banca d’Italia”. Va poi ricordato come la banca sia parte dell’Eurosistema Bce che non deflette sulle caratteristiche di autonomia e indipendenza. Per il momento Visco incassa le parole di elogio dei diversi attori della scena finanziaria. Per Gros Pietro “il governatore è un grande economista, un bravissimo economista” mentre il presidente di Unciredit Pier Carlo Padoan (che occupava la carica di ministro dell’economia ai tempi delle crisi bancarie con Visco governatore), “”il paese deve essere grato a Ignazio Visco” per ” il suo contributo personale a quello che ha fatto la Banca d’Italia in questi anni”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto