Collegati con noi

Musica

Estate 1991, due mesi che hanno cambiato il rock

Avatar

Pubblicato

del

Correva l’estate, calda, del 1991 e il mondo del rock, per tanti che gia’ l’avevano abbracciato, era pronto ad una rivoluzione. Una rivoluzione per chi aveva giurato contro il ‘pop’ ma che non voleva nemmeno essere ‘grunge’, cosi’ come per quelli che arrivavano dal glam rock del decennio prima che andava via via perdendo di energia e, a forza di cotonature di capelli e festini nel Sunset Strip, anche un po’ di credibilita’. Tutti si erano divertiti con i Motley Crue e tutti continuavano a ballare con i Van Halen, ma qualcosa, nel rock, stava cambiando. In sostanza, gli anni Ottanta non erano ancora finiti e i Novanta, quelli del ‘grunge’ che avrebbe fatto piazza pulita, non ancora cominciati. Quello che segno’ l’estate del 1991 e in particolare il mese di settembre di quell’anno, fu l’uscita in quasi contemporanea di una serie di album epocali che assicurava al rock, o all’alt-rock, un’altro decennio di gloria. Settembre 1991 e’ stato ‘il’ mese dell’anno per gli amanti delle chitarre elettriche suonate in un certo modo, ma il vento aveva cominciato a soffiare gia’ ad agosto, quando a Los Angeles una band chiamata Metallica aveva deciso di diventare una delle piu’ grandi al mondo.

Per farlo, James Hetfield e soci avevano deciso di lavorare con il produttore Bob Rock, per arrivare a pubblicare, il 12 agosto, quello passato alla storia come ‘Black Album’, quello di ‘Enter Sandman’, ‘Sad But True’ e della ballata ‘Nothing Else Matters’. Solo poco piu’ di un mese dopo, un’altra band di Los Angeles scendeva in campo per candidarsi ad essere il gruppo piu’ famoso del mondo, almeno per qualche tempo. I Guns’n’Roses venivano dal successo con il debutto ‘Appetite for distruction’, che rispetto ai due album ‘Use your illusioni I e II’, entrambi pubblicati 17 settembre, era stato solo un piccolissimo assaggio. Altra giornata storica, per tutti quelli che (compreso me) vista l’aria che tirava, avevano deciso di passare il tempo davanti al negozio di fiducia in attesa che il commesso uscisse a dire qualcosa del tipo “e’ arrivato qualcosa che ti piacera’”, e’ stata quella del 24 settembre. Tre nomi di band e altrettanti titoli di album destinati segnare un’epoca, o almeno un decennio. Soundgarden con ‘Badmotorfinger’, Nirvana con ‘Nevermind’ e i Red Hot Chili Peppers che davano alle stampe ‘Blood Sugar Sex Magic’. I Soungarden dell’incredibile voce di Chris Cornell erano grunge, ma il terzo disco li portava sfacciatamente all’hard rock, tanto che alcuni parlarono di ‘White Album dell’heavy Metal’. Su ‘Nervermind’ ce’ poco da dire ancora, se non ricordare che fu IL disco che cambio’ il mondo del rock. I RHCP arrivavano da un periodo piu’ che complicato (tra vicende di eroina, disintossicazioni e defezioni), ma con Rick Rubin trovarono una ‘nuova’ strada giusta. Funk rock, funk metal, quello di ‘Breaking the girl’ ma anche quello di ‘Give it away’ o della immortale ‘Under the bridge’. Pochi giorni prima era stata la volta di ‘No more tears’ con un rinato Ozzy Osbourne, di ‘Preatty on the inside’ delle Hole capitanate da Courtney Love, ma nei negozi di dischi (compreso il mio nella provincia milanese di allora), erano arrivati anche i Kyuss di ‘Wretch’, i Rush che dopo tanta strada macinata erano tornati in scena con il monumentale ‘Roll the bones’ e un’altra manciata di solidissime sicurezze per chi cercava una svolta, un suono e una serie di riff di chitarra ai quali dichiarare amore eterno. Finche’ pop-rock non ci separi.

Advertisement

In Evidenza

Rolling Stone shock, Aretha Franklin supera Bob Dylan

Avatar

Pubblicato

del

Rolling Stone shock: nella nuova top 500 delle canzoni di tutti i tempi Aretha Franklin, Sam Cooke e Public Enemy hanno spodestato Bob Dylan, i Rolling Stones e John Lennon. La bibbia del rock ha aggiornato per la prima volta in 17 anni la sua storica hit parade e lo ha fatto all’insegna dell’inclusione. La nuova lista e’ stata creata con l’aiuto di 250 tra musicisti, giornalisti e producer che hanno preso in considerazione oltre quattromila canzoni. Tra le 500 prescelte, 254, cioe’ piu’ della meta’, non erano state messe in elenco nell’edizione del 2004 che aveva visto ai primi tre posti il futuro premio Nobel per la Letteratura, l’ex Beatle e la band di Mick Jagger: tutti musicisti bianchi. La lista originaria era dominata da rock e soul, ora sono entrate nella top 500 generi diversi come l’hip hop, il Latin pop, il country, il rap, l’indie rock e il reggae. “Dal 2004 molto e’ cambiato”, spiega Rolling Stone: “Allora l’iPod era relativamente nuovo e Billy Eilish aveva tre anni. Cosi’ ci e’ sembrato giusto dare alla lista una rispolverata. Il risultato e’ una visione piu’ vasta e inclusiva del pop, una musica che continua a riscrivere la sua storia ad ogni nota”. La troika originaria era composta da “Like a Rolling Stone” di Dylan, “(I Can’t Get No) Satisfaction” degli Stones e “Imagine” di Lennon. Adesso e’ “Respect” a fare da apripista, seguita da “Fight The Power” di Public Enemy, scritta all’epoca del film del 1989 Spike Lee “Fai la Cosa Giusta”, e “A Change Is Going to Come” di Sam Cooke che ha spedito, quest’ultimo, il brano pacifista del marito di Yoko Ono al 19esimo posto in classifica. La canzone di Dylan resta al quarto posto seguita da “Smells Like Teen Spirit” dei Nirvana. “Satisfaction” e’ stata relegata al 31esimo posto. Diciassette anni fa la versione di “Respect” del 1967 interpretata dalla grande Aretha era arrivata quinta. Altre inclusioni hanno provocato sorpresa: debutta in classifica al settimo posto “Strawberry Fields Forever” dei Beatles e per la prima volta c’e’, due posizioni piu’ in basso, “Dreams” dei Fleetwood Mac, forse spinto nella top 500 dalla nuova popolarieta’ alimentata da un video virale di Nathan Apodaca che fa skateboarding su Tik Tok. Svaniti senza lasciare traccia invece brani che erano entrati nella ultima top ten: tra questi “Good Vibrations” dei Beach Boys, “Hey Jude” dei Beatles e “What’d I Say” di Ray Charles.

Continua a leggere

Musica

Musica: i 100 anni di Sergio Bruni a ‘Napulitanata’

Avatar

Pubblicato

del

Uno spettacolo e un’esposizione di memorabilia inedite per il centenario della nascita di Sergio Bruni: mercoledi’ 15 settembre alle ore 21.00 ‘Napulitanata’ ricordera’ ‘A voce ‘e Napule’ con un evento speciale. Nella sala concerto consacrata alla canzone napoletana, in Piazza Museo 10, l’ensemble guidato da Mimmo Matania e Pasquale Cirillo proporra’ le canzoni che maggiormente identificano l’eredita’ bruniana, Carmela e Amaro e’ ‘o bene, ma anche Palcoscenico, ‘O Vesuvio, ‘O ritratto ‘e Nanninella e Na bruna. Bruni era nato il 15 settembre del 1921 a Villaricca ed e’ scomparso il 22 giugno 2003 a Roma. Con Matania alla fisarmonica e Cirillo al pianoforte, si esibiranno Manuela Renno e Pasquale Pirolli, voci, Giuseppe Arena, contrabbasso e Antonio Sacco, tromba. A fare da cornice al concerto ci sara’ un’esposizione di documenti messi a disposizione dalla famiglia Bruni: foto inedite in scena e in famiglia, il manoscritto di una poesia composta da Sergio Bruni per il compleanno della nipotina Eva e uno scritto che il poeta Salvatore Palomba ha voluto dedicare all’artista in occasione del centenario. “Sono felice che una realta’ di giovani appassionati al patrimonio culturale napoletano abbia proposto uno sguardo inedito alla figura di mio padre – ha dichiarato Bruna Chianese, figlia di Sergio Bruni e autrice del libro Mio padre Sergio Bruni – Sono contenta che la mostra possa essere visitata dai turisti presenti in citta’ oltre che dagli appassionati”. Per la mostra ingresso gratuito su prenotazione fino al 31 ottobre. Dopo il riconoscimento Traveller’s Choice 2021 ottenuto da Tripadvisor, Napulitanata da’ quindi il via alla programmazione autunnale, continuando il suo percorso di valorizzazione della canzone classica napoletana.

(La foto in evidenza è tratta da wikipedia)

Continua a leggere

In Evidenza

Muore a 39 anni Sarah Harding cantante delle ‘Girls Aloud’

Avatar

Pubblicato

del

E’ morta, all’eta’ di 39 anni, l’ex cantante del gruppo pop britannico ‘Girls Aloud’ Sarah Harding, a causa di un tumore contro cui combatteva da tempo. Lo ha annunciato la madre della cantante con un post su Instagram. La diagnosi di cancro al seno era stata resa nota un anno fa. “Molti di voi erano al corrente della battaglia di Sarah contro il cancro e sanno cha ha lottato con tutte le sue forze fino all’ultimo giorno”, ha scritto la madre dell’artista. Il gruppo ‘Girls Aloud’, per un periodo considerato anche rivale delle ‘Spice Girls’, era composto da cinque ragazze -Sarah Harding, Nadine Coyle, Nicola Roberts, Cheryl Tweedy e Kimberley Walsh- e conobbe un decennio di successo nei primi anni 2000, prima che si sciogliesse nel 2013, con diversi brani che scalarono le classifiche britanniche, come il pezzo dal titolo ‘Sound Of The Underground’ che fu numero uno nel Natale 2002.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto