Collegati con noi

Spettacoli

Disney accelera, sposta “Hamilton in streaming”

Avatar

Pubblicato

del

Con i teatri di Broadway chiusi almeno fino a settembre per l’emergenza coronavirus e nessuna data certa per la riapertura delle sale cinematografiche, la Disney preme sull’acceleratore e anticipa l’uscita in streaming di “Hamilton”. Il musical di Lin-Manuel Miranda sul “padre della patria” il cui volto appare sulla banconota da dieci dollari sara’ disponibile in streaming su Disney+ a partire dal 3 luglio, la vigilia dell’ Independence Day, con un anno di anticipo rispetto alla data prevista di uscita al cinema. L’annuncio da Burbank e’ stato musica per le orecchie degli spettatori, ma ha lasciato molto meno entusiasti gli esercenti. La Disney ha rinviato la distribuzione di quasi tutti i suoi film piu’ importanti – da “Black Widow” della Marvel al remake di Mulan – per quando i grandi schermi potranno riaprire in condizioni di sicurezza. Spostando “Hamilton” online la casa di Topolino ha fatto capire di essere pronta a sperimentare con le sue produzioni di ‘serie A’ particolarmente se, come sembra probabile nei maggiori mercati, gran parte delle sale non potranno accogliere spettatori per qualche tempo.

I segnali da Broadway dove il musical sul primo Segretario al Tesoro ha fatto per mesi il tutto esaurito, non sono incoraggianti: i teatri della ‘Lunga Strada Bianca’ resteranno chiusi per coronavirus almeno fino al 6 settembre, un colpo da 30 milioni di dollari di perdite alla settimana in mancata vendita dei biglietti. La Disney e’ sbarcata relativamente da poco nel mercato dello streaming e Disney+ si e’ rivelata una gallina dalle uova d’oro in una fase in cui a causa della pandemia i suoi parchi a tema e i negozi sono chiusi, la linea di crociere ha fermato le operazioni, cosi’ come i set cinematografici e televisivi. La scorsa settimana la piattaforma in streaming ha annunciato di aver raccolto oltre 54 milioni di sottoscrittori su scala globale. Mettendo “Hamilton” online la speranza e’ di consolidare gli abbinamenti e costruire una base sicura di spettatori da casa in attesa del debutto della nuova stagione del popolare serie “The Mandalorian” della franchise di “Guerre Stellari”. “Hamilton” e’ stato registrato durante una performance dal vivo del cast originale al Richard Rogers Theatre di New York. La Disney ha pagato 75 milioni di dollari per assicurarsi i diritti mondiali sul film con l’intesa che sarebbe stato mostrato nelle sale.

Advertisement

In Evidenza

Cinema, Marra racconta lo sport più ricco e controverso del mondo con “Altre Storie – La zona nera del calcio”

Avatar

Pubblicato

del

Il 2 luglio arriva in sala con Altre Storie La zona nera del calcio, quella dei perdenti in un mondo pieno di soldi: e’ li’ che vive Bartolomeo (Massimo Ghini) procuratore sportivo, ormai senza speranze e pieno di debiti, protagonista di ‘La volta buona’ di Vincenzo Marra, gia’ alla Festa del Cinema di Roma nella sezione parallela di Alice e da domani, con grande coraggio, al cinema. Bartolomeo negli anni ha sprecato le tante occasioni che ha avuto, anche per il vizio del gioco che gli ha fatto perdere soldi e famiglia, e ora passa le giornate nei campetti di periferia sperando di trovare il nuovo Maradona. A un certo punto gli arriva, pero’, dall’amico Bruno (Max Tortora) l’invito a raggiungerlo in Uruguay per conoscere Pablito (l’argentino 11enne Ramiro Garcia, che gioca nella Roma Calcio a 5), baby calciatore con molto talento che potrebbe sfondare nel calcio italiano. Bartolomeo, dopo aver incontrato il ragazzino, lo porta in Italia, ma il viaggio e il sogno si complicano quando l’uomo scopre che Pablito ha problemi di salute e che dunque il suo futuro calcistico e’ a rischio. “Questo film e’ un po’ un omaggio a Mario Monicelli che, dopo aver visto due miei documentari a Napoli, ha creduto in me prima di tutti – spiega Vincenzo Marra -. Cosi’ quando ho saputo della sua morte di getto ho scritto questa storia, pensando di fargli un doveroso omaggio”.

Va detto che questa dedica a Monicelli non e’ affatto casuale, perche’ i personaggi brutti, sporchi e cattivi, ma pieni di una nascosta umanita’, di ‘La volta buona’ ricordano molto quelli del regista toscano. “La mia e’ una storia diritta, lineare, ma piena di allegorie. Tra queste – continua Marra che aveva gia’ dedicato al mondo del calcio un bel documentario come ‘Estranei alla massa’ – sicuramente c’e’ anche quella dell’emigrazione che nel caso di una giovane promessa del calcio, non si sa perche’, non viene vista in maniera negativa”. E ancora il regista, che nel 2001 con ‘Tornando a casa’ aveva conquistato Nanni Moretti: “Nei personaggi che ho inventato per La volta buona c’e’ comunque un comune denominatore, ovvero il senso di frustrazione, come quando ci capita di vedere un vecchietto che compra il suo gratta e vinci sperando nella fortuna”. Dice infine Massimo Ghini: “Il tema del film non e’ solo legato allo sport, al calcio, ma all’unanimita’ dei personaggi, a queste vite disperate, cattive e ciniche che si incontrano. Quando ho letto il film – conclude l’attore – ho subito pensato a una sceneggiatura di Luciano Vincenzoni per Dino Risi”.

Continua a leggere

Spettacoli

Ascolti in TV, a giugno la Rai sbanca con le partite del Napoli contro Inter e Juve e con i Tg

Avatar

Pubblicato

del

Prosegue, anche nel mese di giugno, l’apprezzamento del pubblico televisivo per l’informazione del servizio pubblico. Tutte le edizioni principali fanno registrare una crescita dei telespettatori rispetto all’analogo periodo dello scorso anno. E’ quanto si apprende da fonti Rai. Il Tg1 delle 13.30, con 3 milioni 580 telespettatori (21.9% di share) continua ad essere il piu’ visto tra le edizioni meridiane con un incremento di 499 mila telespettatori e dello 0.7% di share. Incremento quasi doppio nell’edizione delle 20 (4 milioni 652 mila telespettatori e 23.7% l’ascolto medio) con un piu’ 1.7% di share che corrisponde ad una crescita di 914 mila telespettatori. Il Tg2 delle 13.30 nel mese di giugno fa segnare un piu’ 0.5% di share con oltre 316 mila telespettatori in piu’, mentre alle 20.30 la crescita si attesta a 160 mila telespettatori. Balzo in avanti anche per il Tg3 con un incremento di 1.3 punti di share (+ 285 mila telespettatori) alle 14.30 e un incremento del 2.2% di share (483 mila telespettatori) alle 19.30. Ottima, poi, la performance della TgR che guadagna 2.2 punti di share (565 mila i telespettatori in piu’) alle 14 e 3.5 punti di share con una crescita di telespettatori pari a 827 mila alle 19.35. Venti su venti: tutti i programmi piu’ visti di giugno portano la firma del servizio pubblico, in particolare grazie agli eventi sportivi legati alla Coppa Italia, al programma I soliti ignoti-il Ritorno, al Tg1 e alla fiction Il giovane Montalbano. A dominare la top twenty, nelle prime tre posizioni, la finale di Coppa Italia Napoli-Juventus (10 milioni 202 mila telespettatori, 39.6% di share) e le due semifinali: Juventus-Milan seguita da 8 milioni 277 mila telespettatori (34% di share); Napoli-Inter che ha fatto segnare il 32.3% di share con 7 milioni 119 mila telespettatori. In quarta posizione il game show di Rai1 I soliti ignoti-il Ritorno che, nella puntata dell’8 giugno, ha raggiunto il 22.1% di share (5 milioni 697 mila telespettatori), mentre la quinta posizione spetta al Tg1 delle 20 del 10 giugno con il 25.4% di share pari a 5 milioni 565 mila telespettatori. Da segnalare, poi, nella classifica della top twenty l’episodio Ritorno alle origini, della serie Il giovane Montalbano, con 5 milioni 244 mila telespettatori (23.4% di share). Un palinsesto molto diversificato e anche con un’offerta molto caratterizzata di servizio pubblico in tutte le fasce orarie ha poi permesso a Rai di affermare la propria leadership nelle 24 ore con il 34.1% di share e in prime time con il 35.7% di share.

Continua a leggere

In Evidenza

Cinema, a Boldi e Chiambretti il ‘King of comedy’ a Ischia Global

Avatar

Pubblicato

del

Massimo Boldi e Piero Chiambretti sono i ‘King of comedy’ dell’Ischia Global Film & musica festival: i due artisti saranno premiati sull’isola verde nel corso della 18esima edizione, rispettivamente il 12 al 18 luglio. ”Per Massimo Boldi abbiamo voluto immaginare un tributo ad una carriera che riesce a rinnovarsi ed unire generazioni – annuncia la produttrice Marina Cicogna, membro onorario del board del festival – Chiambretti potremmo definirlo il nostro Jimmy Kimmel, con la sua brillante satira di costume televisiva sempre all’avanguardia”. Massimo Boldi potrebbe tornare prestissimo a lavorare con Christian De Sica, a 30 anni da ‘Vacanze di Natale 90’, in un nuovo cinepanettone.

Il premio ‘King of comedy’ si richiama nel titolo al celebre film di Scorsese su uno show della tv americana, e vuole essere’ un riconoscimento all’intrattenimento inteso in maniera moderna e globale’. E’ andato nelle scorse edizioni anche a Ezio Greggio, Alessandro Siani, Ficarra e Picone. Il Global festival (12-19 luglio) presieduto quest’anno da Carolina Rosi e’ promosso col sostegno del Mibact (Dg Cinema) e della Regione Campania. Tra gli ospiti gia’ annunciati gli attori Roman Griffin Davis e Federico Ielapi; per la sua missione ecologista, nell’ambito del Social Cinema Forum, sara’ premiata la Fondazione Leonardo Di Caprio. Le proiezioni del festival si terranno nelle due storiche sale isolane, l’Excelsior di Ischia Porto e il Delle Vittorie di Forio, che riapriranno i battenti. In cartellone anche l’opera premiata come ‘film dell’anno’ al Global festival , ‘Favolacce’ dei fratelli D’Innocenzo, che dopo l’Orso d’argento ai Berlino, e’ uscita in Italia direttamente on demand.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto