Collegati con noi

Cronache

Orrore in Danimarca e Norvegia, il video della decapitazione di Louisa Vesterager Jespersen e Maren Ueland è vero, la polizia del Marocco ha arrestato 4 sospetti: ecco i loro volti, sono tutti estremisti islamici

Avatar

Pubblicato

del

I servizi di intelligence danesi (Pet) hanno confermato l’autenticità del video diffuso sui social media in cui si vede l’omicidio di una delle due turiste scandinave uccise sulle montagne dell’Alto Atlante, in Marocco. “Il Pet conferma il video della decapitazione che circola su internet che mostra la morte di una delle donne uccise in Marocco”. L’escursionista danese Louisa Vesterager Jespersen, 24 anni, e la 28enne norvegese Maren Ueland avevano programmato una vacanza di un mese in Marocco. Per l’assassinio, per cui si batte anche la pista del terrorismo, sono stati arrestati quattro uomini. Le modalità dell’assassinio sono brutali. Ricordano le esecuzioni dell’Isis. Ma può anche darsi che le due ragazze siano state prima violentate e poi uccise in quel modo barbaro. Non si capisce però il motivo per cui i loto aguzzini abbiano usato tanta crudeltà nell’ucciderle, perchè abbiano ripreso le fasi più atroci del delitto e come quelle immagini siano finite su social. Chi le ha pubblicate? Perchè sono state pubblicate? Quale doveva essere la contropartita “politica” di questa esecuzione sommaria? Si voleva fare del male al turismo marocchino? Si vuole mettere paura ai turisti che vanno in vacanza in Marocco?

 

Le autorità marocchine hanno arrestato tre persone. Sono pesantemente indiziate di essere responsabili dell’omicidio delle due turiste scandinave. Erano ricercati. A rendere noto il fermo dei tre presunti colpevoli sono fonti vicine agli inquirenti. Le autorità marocchine non escludono la “pista terroristica”, ma non l’unica e non è quella privilegiata.  “La pista radicale islamista non viene scartata, a causa del profilo del sospetto arrestato e dei tre uomini ricercati”, ha detto la fonte. Le due donne, una danese di 24 anni e una norvegese di 28, sono state trovate morte lunedì scorso in una zona montuosa isolata a 10 chilometri dal villaggio di Imlil, con ferite di arma da taglio al collo. I tre arrestati sono tutti di Marrakesh e uno ha precedenti “legati ad atti di terrorismo”, secondo il portavoce della polizia Boubker Sabik. In una delle foto in bianco e nero diffuse dalle autorità, uno dei sospettati ha la barba lunga, indossa una veste lunga bianca e uno zucchetto bianco in testa. Il secondo ha anche lui la barba lunga, mentre il terzo ha il pizzetto. “Gli arresti dimostrano l’efficienza delle forze di sicurezza”, hanno riferito fonti vicine alle indagini. Le due turiste sono state aggredite con un coltello, una è stata decapitata secondo la stessa fonte.

Le autorità marocchine hanno diffuso le generalità dei quattro componenti del gruppo: si tratta di Abderrahmane Khayali, nato nel 1985 a Marrakech, ha vissuto nel distretto di El Azzouzia e ha lavorato come idraulico; Abdessamad Joude, nato nel 1993 a Marrakech e residente a Derb Zeroual nella stessa città, venditore ambulante; Rachid El Afati, nato nel 1985, e vive a Douar Caid Harbi, anche lui un venditore ambulante; Younes Ouaziyad, nato nel 1991, vive a Jnanate a Marrakech dove lavora come falegname. I quattro sospetti sono noti per essere estremisti islamici e non hanno mai lasciato il Marocco.

A Copenaghen il Primo ministro danese Lars Lokke Rasmussen ha denunciato quello che ha definito un “crimine bestiale”. Il capo del governo danese non ha escluso “il movente politico e quindi terroristico” dell’orribile omicidio. “I dettagli non sono ancora stati chiariti”, ha aggiunto prima di rivolgersi ai giornalisti in questi termini: “come il mondo intero, proviamo costernazione, disgusto e una profonda tristezza”. La Primo ministro norvegese Erna Solberg ha condannato un “attacco brutale e insensato contro delle innocenti”. I servizi danesi (Pet) “e la Polizia nazionale danese stanno analizzando il video ma non sono attualmente in grado di confermarne l’autenticità”, hanno riferito le autorità in una nota. Louisa Vesterager Jespersen, e Maren Ueland erano partite insieme il 9 dicmbre per un mese di vacanza in Marocco. Tutte e due sono state uccise a coltellate, secondo le autorità, e una di loro è stata decapitata. Il duplice omicidio ha innescato i timori di gravi ripercussioni sul cruciale settore turistico per il Marocco – che ammonta al 10% del reddito nazionale. I due omicidi finora non sono stati rivendicati.

Orrore in Marocco, il video della decapitazione di due giovani turiste scandinave a pochi chilometri da Marrakech pubblicato su Facebook: presi alcuni terroristi

Advertisement

Cronache

Caso Tiziana Cantone, la madre presenta una nuova denuncia sulla gestione di Iphone e Ipad della figlia

Avatar

Pubblicato

del

La madre di Tiziana Cantone, Maria Teresa Giglio, ha presentato un esposto alla Procura di Napoli nel quale si chiede di verificare la trasparenza della gestione di cellulare e computer della figlia nella fase delle indagini. La notizia è del quotidiano “Il Mattino”. L’esposto in procura è stato presentato dall’avvocato Salvatore Pettirossi e si basa sull’esito di un’inchiesta difensiva dalla quale sarebbero emerse lacune nella gestione di Iphone e Ipad di Tiziana, la 31enne che il 13 settembre 2016 a Mugnano (Napoli) si tolse la vita a seguito della diffusione di suoi video e foto hard su internet. Secondo quanto contenuto nell’esposto, i dispositivi elettronici sequestrati la sera del suicidio della ragazza sarebbero stati oggetto di una procedura di estrapolazione del loro contenuto da parte di esperti informatici che invece ne avrebbero dovuto salvaguardare l’integrità, al fine di poter risalire a chi diffuse i filmati in rete.

“L’Ipad – si legge nell’esposto – è risultato resettato e quindi cancellata e definitivamente persa ogni attività svolta da Tiziana Cantone su quel dispositivo” e “anche tutta la messaggistica via Whatsapp risulta mancante”. Inoltre l’Ipad sarebbe stato “resettato e manipolato con l’inserimento manuale di alcune fotografie ricopiate nella cartella immagini”. Infine “all’interno dell’Iphone la sim telefonica non era quella originale usata da mia figlia Tiziana, ma una copia bianca, vuota e mai utilizzata, non associata ad alcun numero telefonico”. L’esposto è ora all’attenzione dei pm della Procura di Napoli che hanno indagato sulla vicenda.

 

Continua a leggere

Cronache

Tutti i testimoni di Palamara per il “processo” davanti al Csm: dagli ex ministri ai consiglieri del Quirinale

Avatar

Pubblicato

del

Nelle 34 pagine del documento depositato al Csm c’è un l’elenco di 133 testimoni che Luca Palamara chiede di accettare per poter svolgere sua difesa. Se il Csm dovesse accettare vedremo sfilare l’ex vicepresidente del Csm Nicola Mancino, gli ex ministri Andrea Orlando e Giovanni Maria Flick,  gli ex presidenti dell’Anm Francesco Minisci ed Eugenio Albamonte, l’attuale procuratore capo di Milano Francesco Greco, Guido Lo Forte, tra i favoriti per la Procura di Palermo fino allo stop inferto, nei fatti, dalla richiesta del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, di procedere seguendo un inedito ordine cronologico.

Luca Palamara. In un momento conviviale assieme alla signora Elena Boschi e l’ex vicepresidente del Csm Legnini

Lo Forte potrebbe dover spiegare perché, in seguito, revocò la candidatura alla Procura generale di Palermo. Palamara chiama a testimoniare anche due consiglieri del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Francesco Garofani e Stefano Erbani. Sia per spiegare le interlocuzioni con Luca Lotti relative alla nomina (non avvenuta) del procuratore generale di Firenze, Marcello Viola, alla Procura di Roma. Insomma c’è molta carne a cuocere messa da Luca Palamara. Che nel documento di difesa svela anche fatti e rapporti normali, leciti, con l’ex vice presidente del Csm Giovanni Legnini, i  “contenuti di una conversazione avuta con l’onorevole Paolo Cirino Pomicino” su Woodcock, “nel periodo di svolgimento” del suo “procedimento disciplinare”.  Insomma, bisogna aspettare che cosa farà il Csm per capire come sarà gestito questo procedimento.

Continua a leggere

Cronache

Uccide i genitori a coltellate, fermato in strada dai carabinieri

Avatar

Pubblicato

del

Ha ucciso sua madre e suo padre l’uomo fermato  a Collegno, nel Torinese, in stato confusionale e con le mani sporche di sangue. Lo hanno accertato i Carabinieri che lo stanno interrogando presso la caserma di Rivoli. Il fermato  avrebbe usato un coltello da cucina per colpire i genitori nell’abitazione in cui viveva con loro a Mirafiori, quartiere di Torino dove il Nucleo investigativo del Comando provinciale dell’Arma ha trovato i due cadaveri. Sono in corso le indagini del Nucleo investigativo per stabilire il movente del duplice omicidio.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto