Collegati con noi

Cronache

La mafia e le sorelle Napoli, Salvini invia gli ispettori del Viminale a Mezzojuso

Avatar

Pubblicato

del

Il loro compito sara’ quello di esaminare la condotta dell’amministrazione comunale. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha inviato con questo obiettivo gli ispettori antimafia a Mezzojuso, in provincia di Palermo. “Sono contento che Salvini avrebbe preso questa decisione, anche se finora a me non e’ stato notificato nulla”, afferma il sindaco Salvatore Giardina. “Sarò ben lieto di spalancare le porte del municipio e mettere a disposizione degli ispettori tutto il materiale necessario alle verifiche, perchè oggi ancor di piu’ credo nelle istituzioni. Mi auguro che finalmente si faccia chiarezza su tutta questa vicenda”. A quanto si apprende, il Comune era da tempo sotto la lente del Viminale. La decisione di inviare l’ispezione ha subi’to un’accelerazione dopo che – durante la diretta da Mezzojuso della trasmissione ‘Non e’ l’Arena andata in onda il 12 maggio su la 7 – a Giardina e’ stato contestato dal conduttore Massimo Giletti di aver partecipato nel 2006, mentre era assessore, alla tumulazione del boss mafioso don Cola La Barbera. In un primo momento il sindaco aveva ammesso la sua partecipazione a quelle esequie come a tante cui aveva preso parte, nel corso degli anni. Ma adesso il primo cittadino smentisce quella circostanza: “in quel momento in tv fui preso alla sprovvista – spiega – ed essendo una persona religiosa che assiste a tutti i funerali, non seppi rispondere adeguatamente. Ma poi facendo mente locale posso affermare con certezza che nel giorno della tumulazione di don Cola, non ero a Mezzojuso”. Lo spunto per realizzare quella trasmissione fu proprio la vicenda delle tre sorelle Napoli, che affermano di essere minacciate da anni dalla mafia “per costringerle a cedere la proprieta’ dei loro terreni o la gestione della loro azienda agricola”. Giletti ha scritto un libro su di loro dal titolo “Le Dannate”. “Dal momento in cui lessi per la prima volta la loro storia, – afferma l’autore – mi resi conto che dentro c’era qualcosa di fatale. Li’ per li’ non sapevo nemmeno io cosa fosse, ma dentro di me sapevo che nella battaglia condotta da quelle tre donne indomite contro la mafia c’era qualcosa che andava oltre ogni stereotipo”. Il conduttore ha dedicato varie trasmissioni a questa storia “piano piano, puntata dopo puntata, mentre il grande pubblico si appassionava alla vicenda incredibile e vergognosa di Marianna, Ina e Irene, mi rendevo conto – continua Giletti – che nei fatti che si susseguivano nelle campagne di Mezzojuso c’era anche dell’altro”. Per Irene, Ina e Anna Napoli: “l’invio degli ispettori del Viminale e’ un atto dovuto per fare chiarezza su quanto e’ successo e continua ad accadere nel nostro territorio”.

Advertisement

Cronache

Maggio fiorentino, è ‘divorzio’ Chiarot-Nardella sulla nomina di Nastasi

Avatar

Pubblicato

del

Si e’ consumato definitivamente il ‘divorzio’ tra il sovrintendente del Maggio musicale fiorentino Cristiano Chiarot e il sindaco di Firenze Dario Nardella che ha scelto di lasciare la presidenza della Fondazione del Maggio a Salvatore Nastasi. Stamani Chiarot, che era stato voluto proprio da Nardella nel 2017 per risollevare le sorti della fondazione gravata da una forte situazione debitoria, ha annunciato che lascera’ alla scadenza del mandato, il 28 luglio, e che non accettera’ proposte di rinnovo dell’incarico in disaccordo proprio con la scelta di Nardella di delegare la presidenza. Il sindaco ha invece replicato che il sovrintendente era d’accordo sulla nomina di Nastasi e andra’ avanti con la sua scelta, mentre ieri una nota di Palazzo Vecchio ha annunciato che non e’ possibile confermare Chiarot perche’ a dicembre raggiungera’ l’eta’ per la pensione. “Cambia la governance ed e’ giusto che cambi anche la gestione del teatro”, ha detto Chiarot, precisando di non aver nessuna intenzione di andare in pensione e di aver chiesto un parere a uno studio legale secondo il quale poteva restare sovrintendente. “Io non posso che accettare le scelte del sindaco, ma non me la sento di poter condividere questa scelta e rimanere qui. L’ho detto a Nardella e anche a Nastasi e tutti hanno insistito affinche’ io rimanessi qua”. Vado via sereno – ha detto ancora -, non mi sarebbe dispiaciuto rimanere ancora ma sono cambiate le cose”. Per Chiarot in questa fase il Maggio fiorentino “ha bisogno di avere come capo il sindaco”. Una posizione ribadita anche in una lettera inviata al primo cittadino. “Il problema principale del futuro sara’ quello di una ricapitalizzazione della Fondazione – scrive -, con lo scopo di attenuare gli effetti negativi del debito. E’ in questo contesto che ho maturato la convinzione che ancora una volta il Maggio deve avere al suo vertice il sindaco della citta’”. Nardella nel pomeriggio ha replicato ricostruendo la vicenda. “Il 10 luglio ci siamo rivisti in Palazzo Vecchio con Chiarot”, che “acconsenti’ a questo schema: presidente della Fondazione del Maggio delegato dal sindaco, Salvo Nastasi, e lui sovrintendente fino al pensionamento, ma anche oltre”. “Faccio presente – ha sottolineato il primo cittadino – che Nastasi mi diede la sua disponibilita’ a condizione che Chiarot fosse stato d’accordo”. L”accordo’, ha ricordato, fu suggellato con una telefonata a Nastasi alla presenza di Chiarot, concordando di incontrarsi il 15 luglio. Ma l’incontro, ha sottolineato Nardella, ieri non c’e’ mai stato “e da tre giorni il sovrintendente non risponde a messaggi e chiamate. Se mi fosse stato detto fin dall’inizio che non se ne parla proprio non avrei continuato su questa strada”. Il sindaco ha annunciato che “prendera’ in mano la situazione e che al prossimo consiglio di indirizzo nominera’ Nastasi. Non cambio di una virgola”. In serata Nardella ha incontrato i sindacati del Maggio per parlare del futuro del teatro.

Continua a leggere

Cronache

l’ex giudice Bellomo 9 ore davanti al Gip si difende: i racconti delle vittime sono falsi

Avatar

Pubblicato

del

Ha documentato con mail e sms che i racconti di alcune sue presunte vittime “non rispondevano alla realta’ dei fatti”. Francesco Bellomo, l’ex giudice barese del Consiglio di Stato agli arresti domiciliari dal 9 luglio per presunti maltrattamenti su quattro donne, tre ex borsiste e una ricercatrice della sua Scuola di Formazione per la preparazione al concorso in magistratura, ed estorsione ad un’altra ex corsista, ha risposto per piu’ di nove ore alle domande del gip del Tribunale di Bari, Antonella Cafagna, durante l’interrogatorio di garanzia. “Ha dato tutti i suoi chiarimenti, contrastato in modo molto rigoroso e documentato tutte le accuse che gli vengono rivolte” ha detto lasciando il palazzo di Giustizia di Bari l’avvocato Beniamino Migliucci, difensore di Bellomo con Gianluca D’Oria. Le prove della sua innocenza, sms e mail, sono contenute in una memoria difensiva che e’ stata depositata al termine dell’interrogatorio, insieme alla richiesta di revoca della misura cautelare. I legali hanno ribadito che “non sussiste alcun reato” e, di conseguenza, “non vi sono esigenze cautelari in questo momento, tanto piu’ che le indagini, per quel che abbiamo appreso dal fascicolo, sarebbero terminate nell’aprile del 2018, la richiesta della misura cautelare e’ del marzo 2019, sono passati tanti mesi e quindi secondo noi diventa anche un po’ un’anomalia che abbiamo segnalato”. Stando alle indagini della Procura di Bari, coordinate dall’aggiunto Roberto Rossi e dal sostituto Daniela Chimienti, Bellomo, destituito nel gennaio 2018, avrebbe vessato alcune corsiste della sua Scuola a partire almeno dal 2011. Alle donne, con le quali aveva anche relazioni intime, avrebbe imposto rigidi codici di comportamento e ‘dress code’, fino a controllarne profili social e frequentazioni. Oltre ad aver negato di aver commesso maltrattamenti, ne’ l’estorsione a una corsista costringendola a lasciare il lavoro di conduttrice in una tv, Bellomo ha respinto le accuse di calunnia e minacce all’attuale premier Giuseppe Conte, che nel 2017 era presidente della commissione disciplinare chiamata a giudicare Bellomo. I legali hanno eccepito anche la “improcedibilita’ e di conseguenza la inutilizzabilita’” dei documenti informatici sequestrati nei giorni scorsi in computer e telefoni “perche’ trattasi a nostro avviso – hanno spiegato – di un sequestro che non si sarebbe dovuto eseguire perche’ abbondantemente fuori dal termine di indagine”.

Continua a leggere

Cronache

Denuncia su Facebook la violenza, arrestato l’aggressore

Avatar

Pubblicato

del

Si conoscevano da molti anni. Entrambi dello stesso paese. Lui dipendente pubblico negli uffici del Comune di Nave, nel Bresciano, e lei barista. Mai pero’ si erano frequentati prima della sera del 20 gennaio scorso quando una serata passata tra un bar e l’altro si e’ trasformata in un incubo per una 39enne che ha rischiato di essere strangolata dal 34enne, Filippo Vitello, arrestato nelle scorse ore su ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Brescia dopo la richiesta del sostituto procuratore Marzia Aliatis dell’aprile scorso. L’accusa per lui e’ di tentato omicidio. L’incontro era avvenuto perche’ il dipendente comunale voleva raccontare le ultime esperienze sentimentali finite male alla donna. Lei non ha mai denunciato l’episodio, ma aveva scelto Facebook per raccontare quello che aveva vissuto. Uno sfogo raccolto da un amico che ha poi portato tutto all’attenzione dei carabinieri. Davanti ai militari la barista ha confermato quanto scritto indicando il nome dell’aggressore. Ci sono voluti sette mesi di indagini e il cerchio si e’ chiuso con la custodia cautelare in carcere del dipendente pubblico che lavorava come operaio per il Comune di Nave, paese della Valtrompia. Dopo l’arresto e’ gia’ stato sospeso. In paese chi conosce Vitello racconta che quando beveva la sera diventata irriconoscibile e violento. Secondo la ricostruzione il 34enne avrebbe cercato un approccio sessuale e davanti al rifiuto della ragazza che conosceva da sempre prima l’ha minacciata di morte e poi l’ha aggredita stringendole le mani al collo. La vittima, spaventata e sotto choc e’ riuscita a scappare chiedendo aiuto ad un passante. Ci sono voluti sette mesi di indagini ma alla fine il cerchio si e’ chiuso. La donna, dopo aver vissuto un periodo difficile a causa dell’episodio subito, ha da poco trovato un nuovo lavoro. Per mesi ha faticato ad uscire di casa per il timore di dover incontrare il suo aggressore rimasto in liberta’ fino a poche ore fa.

Continua a leggere

In rilievo