Collegati con noi

Lavoro

Jobs act, la Consulta boccia i criteri di determinazione degli indennizzi per “i lavoratori ingiustificatamente licenziati”

Avatar

Pubblicato

del

In attesa che il Governo in carica ci metta mano, come promesso in campagna elettorale e nel contratto di Governo, il Jobs Act riceve una prima bocciatura dalla Consulta. La parte del Jobs act che riguarda il calcolo delle indennità che spettano ai lavoratori licenziati in maniera illegittima è incostituzionale.
La Corte costituzionale ha dichiarato “illegittimo l’articolo 3, comma 1, del Decreto legislativo n.23/2015 sul contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, nella parte che determina in modo rigido l’indennità spettante al lavoratore ingiustificatamente licenziato”.

Nel Jobs act si stabiliva come calcolare le indennità in caso di licenziamento illegittimo. Recitava il testo: “Il giudice (…) condanna il datore di lavoro al pagamento di un’indennità non assoggettata a contribuzione previdenziale di importo pari a due mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a quattro e non superiore a ventiquattro mensilità”. In pratica, per il lavoratore licenziato in maniera ingiusta il Jobs act ha previsto un risarcimento di due mesi di stipendio per ogni anno di anzianità di servizio. Il tutto, entro un limite minimo (quattro mesi di stipendio) e massimo (ventiquattro mesi). Ad esempio, se il giudice avesse riconosciuto come illegittimo un licenziamento di un assunto a tutele crescenti con tre anni di servizio, gli sarebbero andati sei mesi di stipendio.
Il recente Decreto dignità ha ritoccato il quantum minimo e massimo degli indennizzi (alzandoli nella nuova forchetta da 6 a 36 mesi), ma non il meccanismo di determinazione che è rimasto legato all’anzianità di servizio. Motivo per cui il problema originario rilevato dalla Corte non è stato risolto. Per la Consulta, si spiega, “la previsione di un’indennità crescente in ragione della sola anzianità di servizio del lavoratore è, secondo la Corte, contraria ai principi di ragionevolezza e di uguaglianza e contrasta con il diritto e la tutela del lavoro sanciti dagli articoli 4 e 35 della Costituzione”.

Censurato il meccanismo legato all’anzianità, la prospettiva – in attesa di capire i dettagli della decisione – sembra esser quella di tornare ai precedenti criteri di calcolo di indennizzo stabiliti dalle norme Fornero, che affidavano ai giudici la valutazione caso per caso (tenendo conto di durata del rapporto, ma anche grandezza della società e comportamenti delle parti) nell’ambito della stessa forchetta minima e massima. Chiaramente in attesa dei correttivi che si vorranno portare per legge.

Tutte le altre questioni relative ai licenziamenti sono state dichiarate invece “inammissibili o infondate” e la sentenza “sarà depositata nelle prossime settimane”.

La questione presso la Corte costituzionale era stata sollevata dal Tribunale del Lavoro di Roma, non tanto per l’eliminazione della reintegra del lavoratore tra le tutele previste dal vecchio ‘articolo 18’, ma proprio per le problematiche legate al meccanismo di indennizzo. In particolare, secondo il Tribunale, il contrasto con la Costituzione non veniva ravvisato nell’eliminazione della “reintegra” – salvi i casi in cui questa è stata prevista – in favore della monetizzazione del risarcimento, “quanto in ragione della disciplina concreta dell’indennità risarcitoria, destinata a sostituire il risarcimento in forma specifica, e della sua quantificazione”.

Advertisement

Economia

Big Mamma ricerca a Napoli pizzaioli e fornai da assumere per la nuova apertura londinese, chi vuole può candidarsi

Avatar

Pubblicato

del

È Napoli la capitale della pizza. È noto in tutto il mondo. E per questo Big Mamma, catena di food francese, sta cercando pizzaioli da poter inserire nel proprio organico. I pizzaioli dovranno esportare a Londra l’arte della pizza. È proprio nella capitale del Regno Unito che Big Mamma sta per aprire il secondo locale.  La catena francese, con personale per lo più italiano, ci ha abituati, nel giro di pochissimi anni, a queste periodiche assunzioni di giovani campani. E, prima in Francia, ora in Inghilterra, Big Mamma si sta affermando come il gruppo di ristorazione europeo più vivace. I loro locali sono un mix di accoglienza, design sempre originale e, soprattutto, luoghi dove si trovano materie prime di qualità, tutte provenienti dall’Italia.

A queste caratteristiche si unisce la cordialità e professionalità di tutto il personale. Far parte della squadra di Big Mamma significa non solo trovare un’occupazione stabile ma anche avere l’occasione di crescere professionalmente. Chi supererà le prove otterrà, infatti, un’assunzione a tempo indeterminato. La selezione si terrà, come sempre, presso il Mulino Caputo di Napoli il giorno 15 aprile, dalle ore 10 fino alle 16. Gli aspiranti pizzaioli e fornai dovranno sostenere un colloquio e la prova pratica. Troveranno nei laboratori del Mulino Caputo impasti e farciture. I pizzaioli devono avere almeno 2/3 anni di esperienza ed essere esperti di pizza napoletana e forno a legna. Big Mamma è una realtà che in pochi anni si è consolidata a Parigi con una serie di trattorie popolari italiane: East Mamma e Ober Mamma, tanto per citarne due, e di pizzerie. È a Parigi che hanno aperto in una stazione ferroviaria, non più in uso, il più grande ristorante d’Europa. Poi a febbraio l’inaugurazione del primo locale a Londra. Ora, a distanza di pochi mesi, ecco la seconda apertura nella capitale del Regno Unito.

I giovani interessati a questa opportunità dovranno inviare il curriculum, entro il 9 aprile, all’indirizzolasquadra@bigmamma.com 

 

Continua a leggere

Economia

Anno 2018, ci sono più posti stabili ma anche 2 milioni di domande di disoccupazione come nel 2017

Avatar

Pubblicato

del

Il 2018 con un segno più per le assunzioni stabili ed un boom delle trasformazioni da tempo determinato a indeterminato. Il governo ed in particolare il M5s con il vicepremier e ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, rivendica il risultato “merito” del decreto dignita’: “Siamo sulla strada giusta”. Ma non tutto e’ roseo e il 2018 deve fare i conti anche con chi il posto lo ha perso: all’Inps sono state presentate oltre due milioni di domande di disoccupazione e mobilita’, un numero in aumento rispetto al totale di 1,93 milioni del 2017 (+5,8%). La fotografia arriva dagli ultimi dati degli osservatori dell’Istituto. Sul fronte dei contratti, l’anno si e’ infatti chiuso con un saldo positivo pari ad oltre 200 mila rapporti di lavoro a tempo indeterminato nel settore privato, a fronte di un +52 mila per quelli a termine. Le trasformazioni registrano un’impennata (+76,2%). Nel complesso, le assunzioni da parte dei datori privati sono state oltre 7,4 milioni (+5,1% sul 2017), a fronte di quasi 7 milioni di cessazioni (+6% sull’anno precedente), da cui deriva un saldo positivo pari ad oltre 431 mila contratti (inferiore del 7,4% rispetto al 2017). Ma guardando le diverse tipologie contrattuali, i numeri risultano in controtendenza rispetto all’anno precedente, che aveva archiviato un saldo negativo per i rapporti di lavoro stabili (-149 mila) ed un balzo dei contratti a termine (+383 mila). Anche sulla scia dell’esaurirsi dell’effetto degli sgravi contributivi (triennali nel 2015 e biennali nel 2016), limitati nel 2017 al programma Garanzia giovani e al Sud. A marzo del 2017 erano stati aboliti anche i voucher. Nel 2018 sono stati 123 mila i contratti a tempo indeterminato instaurati usufruendo del nuovo incentivo triennale, introdotto dalla legge di bilancio 2018, per le assunzioni di giovani under-35. Per il M5s i dati confermano che il decreto dignita’, entrato in vigore ad agosto scorso con l’obiettivo di combattere la precarieta’ e dare una stretta sui contratti a termine, funziona. “Sono i primi effetti del decreto dignita’ e mi danno tanto entusiasmo per andare avanti su questa strada”, commenta Di Maio. Una strada da compiere “ancora lunga”, visto che “ci sono ancora troppi precari che meritano una vita migliore” ma “oggi, quantomeno, sappiamo di aver preso quella giusta”. Di Maio coglie l’occasione anche per ricordare che era stato “chiamato ‘ministro della disoccupazione'” e per attaccare di nuovo il Jobs act, “che ha smantellato i diritti dei lavoratori”. Dai dati sulla cassa integrazione, aggiornati invece a gennaio scorso, le ore autorizzate nel mese risultano 15,2 milioni, in diminuzione del 12,3% rispetto allo stesso mese del 2018 (17,3 milioni). Ma rispetto a dicembre 2018 (14 milioni) in aumento dell’8,2%.

Continua a leggere

Ambiente

Coldiretti, è l’avellinese Veronica Barbati la leader dei giovani agricoltori

Avatar

Pubblicato

del

Veronica Barbati è la nuova leader dei giovani agricoltori italiani. Ha trent’anni, è campana di Avellino, laureata in Economia e Gestione dei Servizi Turistici, è stata eletta dall’Assemblea di Coldiretti Giovani Impresa, composta da rappresentanti provenienti dalle campagne di tutte le Province e Regioni italiane, in rappresentanza di oltre 70mila giovani. Dal 2010 Veronica Barbati è titolare di un’azienda situata sulle colline di Roccabascerana in provincia di Avellino che rappresenta un eccellente esempio di multifunzionalità. Oggi raccoglie il testimone di Maria Letizia Gardoni, ora presidente della Coldiretti Marche e componente della Giunta Nazionale. “Occorre creare le condizioni per realizzare il sogno imprenditoriale di una parte importante della nostra generazione che mai come adesso vuole investire il proprio futuro nelle campagne” con queste parole Veronica Barbati oltre a esprimere  la più che legittima soddisfazione di essere diventata la nuova leader dei giovani della Coldiretti riassume anche un sogno della generazione di trentenni di un paese che ha vissuto la crisi dell’economia di carta, della finanza e della globalizzazione puntando sulla terra, sulla campagna, sull’agricoltura, sui prodotti della terra. “Abbiamo un patrimonio immenso da difendere e far crescere in un Paese come l’Italia che può contare sul primato dell’agricoltura più green d’Europa con 297 specialita’ Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, 5056 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la Penisola, la leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole biologiche e il primato della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,4%)” ha spiegato Veronica Barbati.

Veronica Barbati. La nuova leader dei giovani di Coldiretti è laureata in Economia e Gestione dei Servizi Turistici

“L’elezione della nostra Veronica – ha commentato Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania e vicepresidente nazionale – e’ il coronamento di un percorso di grande protagonismo sul territorio dei nostri giovani. In questi anni sono riusciti a far emergere il cambiamento storico che stava avvenendo nelle nostre campagne. Anch’io ho avuto l’onore di ricoprire questo incarico qualche anno fa, ma ho negli ultimi dieci anni si e’ verificata una vera e propria rivoluzione. I nostri giovani agricoltori, con i loro volti puliti e la loro voglia di fare, sono diventati l’esempio da seguire, un vanto per la Campania e per l’Italia. Veronica Barbati ha saputo interpretare e rappresentare perfettamente questo messaggio. Ha parlato alla loro testa, quando li ha invitati ad essere imprenditori propositivi e positivi, nonostante le difficolta’ quotidiane. Ma ha parlato soprattutto al loro cuore, invitandoli sempre a tirare fuori l’orgoglio delle proprie radici e dell’amore per il proprio lavoro. Lavoreremo insieme per far crescere la nuova agricoltura”.

Continua a leggere

In rilievo