Collegati con noi

Politica

Il sindacato dei magistrati fa retromarcia, ora i ‘referendum sono legittimi” ma i diritti a rischio

Avatar

Pubblicato

del

Nuovo scontro, anche oggi, tra la Lega e l’Anm sui referendum sulla giustizia. All’indomani delle polemiche suscitate dall’intervento del presidente del sindacato delle toghe Giuseppe Santalucia, accusato soprattutto da Lega e Radicali di aver messo in discussione la stessa legittimita’ dei referendum e dunque la stessa sovranita’ popolare, e’ il “parlamentino” dell’Associazione nazionale magistrati a riportare negli esatti termini la questione. E a chiarire che assolutamente nessuno intende mettere in discussione “il legittimo esercizio di una prerogativa costituzionale”. I referendum dunque sono conformi alla Costituzione, ma non condivisibili. E, soprattutto, forieri di rischi per l’indipendenza e l’autonomia della magistratura e per gli stessi diritti dei cittadini, che trovano nelle garanzie riconosciute ai giudici fondamento della loro tutela. Ma il leader della Lega Matteo Salvini rilancia le accuse: “invece di preoccuparsi dei referendum e della volonta’ popolare e anziche’ minacciare – dice – sarebbe utile che l’Anm si preoccupasse di offrire agli italiani processi veloci, certezza della pena e una giustizia libera da correnti, raccomandazioni e spartizioni”. E annuncia che dal 2 luglio, in tutti i Comuni e le piazze d’Italia, “saranno i cittadini con le loro firme a fare vera Giustizia. A questo punto firmare per i 6 referendum significa difendere la Costituzione e la Democrazia”. Una lancia a favore delle toghe viene spezzata invece dal Movimento 5stelle: “Criticare il referendum – dice il presidente della commissione giustizia della Camera Mario Perantoni – e’ pienamente legittimo da parte di chiunque; non e’ accettabile la pretesa di ridurre al silenzio ed impedire la libera espressione di chi rileva la strumentalita’ di questa campagna referendaria nel momento in cui una larga maggioranza e’ impegnata proprio nella riforma della giustizia”. La precisazione di oggi dell’Anm arriva dopo che ieri Salvini e Maurizio Turco avevano chiesto l’intervento del capo dello Stato, soprattutto di fronte a quella che il leader della Lega aveva definito quasi una “minaccia”, e cioe’ l’evocazione da parte di Santalucia di una “ferma reazione” da parte delle toghe. E vista la scia di polemiche, andata avanti nonostante gia’ con un’intervista il leader dell’Anm, esponente di Area, il gruppo piu’ a sinistra delle toghe, avesse cercato di spiegare il senso delle sue dichiarazioni: nessuna minaccia, nemmeno di uno sciopero, solo la volonta’ di chiamare al dibattito le toghe di fronte a un referendum il cui fine e’ “incatenare” la magistratura alla crisi di credibilita’ che sta vivendo. Il documento chiarificatore passa a larga maggioranza al Comitato direttivo centrale dell’Anm. Si astengono soltanto gli eletti di Articolo 101, il gruppo nato in alternativa alle correnti, che contestano a Santalucia (uno dei loro esponenti Andrea Reale si spinge sino a chiederne le dimissioni) soprattutto l’apertura di credito fatta alle riforme messe in cantiere dal governo, “pericolose” e nocive come i quesiti referendari. Con Unicost e Area, lo vota invece anche Magistratura Indipendente, che pure accusa Santalucia di non aver concordato con tutta l’Anm le sue uscite sulla stampa. L’Anm “dara’ il proprio contributo”, ma fin da ora esprime “forte preoccupazione” per 3 quesiti referendari: si tratta innanzitutto delle modifiche in tema di responsabilita’ civile diretta dei magistrati e di separazione delle carriere, che “rischiano di condurre a una magistratura meno indipendente e a un pubblico ministero sganciato dalla giurisdizione e privato dei compiti di garanzia che l’ordinamento gli riserva”. Ma ad allarmare e’ anche il quesito sulla custodia cautelare, “presidio avanzato di tutela della sicurezza collettiva”. “Occorre essere consapevoli – avverte il documento – che l’eventuale approvazione dei quesiti referendari potrebbe comportare gravi ripercussioni sull’assetto costituzionale e sulle guarentigie di autonomia e indipendenza della magistratura, le quali costituiscono non privilegi di categoria ma garanzie irrinunciabili per tutti i cittadini”.

Advertisement

Politica

Save the children, 2.040 vittime tratta in Italia nel 2020

Avatar

Pubblicato

del

Le vittime di tratta prese in carico dal sistema nazionale italiano anti-tratta nel 2020 erano 2.040, di cui 716 nuovi casi emersi e presi in carico nel corso dell’anno. Si tratta in prevalenza di donne e ragazze (81,8%), 1 vittima su 20 e’ minore (105). Tra i paesi d’origine delle vittime prevale la Nigeria (72,3%), seguita da Costa d’Avorio, Pakistan, Gambia e Marocco. La forma di sfruttamento piu’ rilevata e’ quella sessuale (78,4%), seguita da quella lavorativa (13,8%), l’1% e’ stato coinvolto in economie illegali e lo 0,6% nell’accattonaggio. E’ quanto emerge dal rapporto “Piccoli Schiavi Invisibili” di Save the children. Un elemento particolarmente allarmante riguarda le donne vittime di tratta e sfruttamento sessuale con figli minori, spesso anch’essi nelle mani di sfruttatori e trafficanti: i casi di ex-vittime o vittime con figli individuati sono quasi raddoppiati tra il 2016 e il 2020, passando dal 6% all’11,6% sul totale dei casi presi in carico dal sistema anti-tratta, con ulteriore aumento nei primi sei mesi del 2021 (+0,4%). Attualmente il sistema anti-tratta assiste 190 nuclei vulnerabili che comprendono 226 minori. Anche nell’ambito dello sfruttamento lavorativo nel settore agricolo, in particolare nel sud, emergono casi di donne che vivono sole con i figli, principalmente originarie dell’Est Europa, e che subiscono ricatti, violenze e abusi, costrette in un circuito di isolamento di fatto che riguarda anche i figli, compromettendone irrimediabilmente il futuro. “I bambini figli delle vittime di tratta e sfruttamento sono spesso prigionieri, con le loro mamme, di un circuito di violenza, ricatto e abuso che deve essere spezzato ad ogni costo – ha dichiarato Raffaela Milano, Direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children – Le loro mamme sono donne, anche giovanissime, che portano sulla propria pelle una serie ripetuta di violazioni precoci subite in molti casi gia’ nel loro Paesi di origine, in situazioni di estrema poverta’ materiale e deprivazione sociale. Anche qui in Italia affrontano le peggiori condizioni di sfruttamento. E’ necessario rafforzare e sostenere i loro percorsi di fuoriuscita dallo sfruttamento, predisponendo misure specifiche per l’accompagnamento all’autonomia delle mamme e per garantire salute, istruzione, protezione e inclusione per i loro figli. Occorre mettere in atto ogni misura per evitare che, in assenza di interventi tempestivi e adeguati, per sopravvivere le donne corrano il rischio di ricadere nelle mani dei loro sfruttatori”.

Continua a leggere

Politica

Casaleggio: del M5S nello Statuto non c’è nulla, cambino nome

Avatar

Pubblicato

del

“Del M5S, nello Statuto presentato, non rimane nulla. A questo punto potrebbe essere apprezzabile che cambiassero anche il nome di questo diverso soggetto politico che si vuole creare”. E’ quanto afferma in un’intervista al ‘Corriere della sera’ Davide Casaleggio, presidente dell’associazione Rousseau e figlio del fondatore del M5S. “Si e’ passati da una struttura iperdemocratica ad una struttura iperverticistica in cui nessuno viene votato, nessuno si puo’ candidare, persino i gruppi locali non possono esistere se non battezzati da parte di qualche nominato – afferma Casaleggio – oggi non mi risulta ci sia alcuna forza politica in Italia con un vertice di nominati”. “Rousseau – prosegue – garantiva la partecipazione dal basso alle scelte importanti, ma per costruire un partito unipersonale basato su un sistema di nomine e’ stato necessario eliminarlo e sostituirlo con meccanismi di creazione del consenso guidato dall’alto”. Niente nostalgia per lui, “perche’ e’ un sentimento di chi guarda al passato”. Dopo Rousseau, ora l’imprenditore e’ al lavoro per un nuovo progetto, Camelot che “sara’ una Benefit corporation che perseguira’ finalita’ di beneficio comune ad alto valore sociale come la promozione della cittadinanza attiva e digitale”. “Abbiamo ricevuto diverse richieste dai privati – racconta Casaleggio – ma valutiamo anche progetti interessanti nell’ambito politico e istituzionale, perlopiu’ dall’estero”.

Continua a leggere

Politica

Pensioni e ammortizzatori, al via tavolo con Orlando

Avatar

Pubblicato

del

Pensioni, ammortizzatori sociali, sicurezza sul lavoro e green pass. Questi i tre piatti del menu’ che ministro del Lavoro e sindacati sono pronti ad assaggiare al tavolo convocato ormai da oltre una settimana, in un clima che in questi giorni si preannuncia ad alta temperatura per il governo sul fronte delle riforme (dal fisco alla giustizia alla concorrenza): il 6 agosto infatti il green pass sara’ obbligatorio per alcune attivita’, il ciclone Covid ha ripreso a soffiare, e l’economia sia pure in ripresa teme la fragilita’ di questa baby-spinta. Di assaggio si dovrebbe infatti trattare quello che riguardera’ le pensioni, dal momento che l’ordine del giorno sembra piuttosto generico, in quanto dedicato a un ampio ‘stato della previdenza’. Quindi si tratta sostanzialmente di un primo step pensato piu’ per aprire il dialogo – e un calendario di incontri lungo una road map da dedicare alla gestazione degli interventi – che per entrare nel vivo dei contenuti di una possibile riforma. Di sicuro Andrea Orlando ha una sua idea, rivelata in diverse occasioni: quella di guardare alle future generazioni in chiave di prospettiva e di crescita per il mercato del lavoro; rispetto a quella di Cgil, Cisl e Uil che invece chiedono maggiore flessibilita’ in uscita. Il vero nodo e’ superare la fine di quota 100, tenendo presente che ci si ritroverebbe con la base della legge Fornero (l’ex ministra del governo Monti, nel frattempo, e’ stata richiamata anche Palazzo Chigi a far parte del team di consulenti ed esperti). La fine di quota 100 – che ha permesso il pensionamento anticipato di 253mila persone – bussa alla porta a fine anno: la misura (almeno 62 anni di eta’ e 38 di contributi per l’uscita anticipa dal lavoro) lascera’ il posto al pensionamento di vecchiaia a 67 anni come strada principale, a parte la possibilita’ di uscire con 42 anni e 10 mesi di contributi. Ma la flessibilita’ chiesta dai sindacati (in uscita dopo 62 anni di eta’, 41 anni di contributi a prescindere dall’eta’ anagrafica) e’ stata gia’ bocciata dai conti dell’Inps perche’ troppo costosa (oltre 9 miliardi a fine decennio). In generale l’idea del governo – al di la’ dell’esito del primo incontro sulla previdenza – e’ di valutare piu’ che altro piccoli aggiustamenti; invece Cgil, Cisl e Uil immaginano una proposta organica. La sfida – che secondo il governo non puo’ guardare soltanto nella direzione dell’anticipo della pensione – si porta dietro la riforma degli ammortizzatori sociali, anche se quest’ultima dovrebbe avere la precedenza. La questione dovrebbe infatti essere arrivata alle battute finali. Il testo e’ atteso per la fine del mese, almeno secondo gli annunci che si sono trascinati nel tempo. Eppure ancora non c’e’ certezza, sia per l’evoluzione dell’emergenza Covid sia per il ‘peso’ mancante in termini di coperture economiche. Agli ammortizzatori sono stati gia’ destinati 1,5 miliardi risparmiati con la sospensione del cashback; e anche se completamente cancellato non basterebbe per una cassa integrazione per tutti. Intanto l’interlocuzione con il ministero dell’Economia prosegue fitta. Le organizzazioni dei lavoratori pero’ attendono novita’, e di sicuro – vista la crono-scadenza ravvicinata – sara’ un tema a cui il tavolo di confronto, pur se convocato su altro, dedichera’ piu’ di qualche minuto. I sindacati potrebbero sfruttare l’incontro anche per provare a fare un bilancio sullo sblocco dei licenziamenti: il patto chiuso a fine giugno – ragionano da tempo evocando la piazza – non sarebbe infatti stato rispettato nei capitoli essenziali, visto i dossier di crisi che si sono accumulati dall’inizio del mese. Maggior protezione e sicurezza, il welfare sociale – oggi piu’ che mai – non puo’ non guardare in faccia la realta’, perche’ il Covid ancora non si ferma, e anzi apre un altro fronte: lavoro e green pass. Dal 6 agosto saranno legati in un binomio indissolubile, soprattutto dove viene richiesto contatto con il pubblico, o no?. Il tema e’ in cima alle cose da fare; sul punto Orlando ha intenzione di richiamare le parti sociali (la data ancora non e’ stata stabilita), e portare avanti lo stesso metodo con cui si e’ giunti ai protocolli per la sicurezza nei luoghi di lavoro (per i quali si potrebbe pensare anche un’ipotesi di aggiornamento), con un occhio alla curva dei contagi e alla crescita dei vaccini, e tenendo in considerazione i dati scientifici e le indicazioni del Cts.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto