Collegati con noi

In Evidenza

Dopo l’intervento alla prostata il pene si accorcia un centimetro l’anno, ma con la ‘bombita’ …

Pubblicato

del

La scoperta di un tumore alla prostata, l’intervento chirurgico per asportarla e la paura di perdere per sempre la propria virilità. In Italia, secondo le stime dell’Airc, nel 2017 sono stati 34.800 i nuovi casi di cancro alla prostata registrati; un uomo su 8 nel nostro Paese ha la probabilità di ammalarsi nel corso della vita. Il rischio che la malattia abbia un esito infausto è basso, soprattutto se si interviene in tempo, ma dopo “l’intervento di asportazione della prostata, il pene comincia ad accorciarsi di 1 centimetro all’anno”. E’ quanto emerso da uno studio presentato all’ultimo congresso della Sexual Medicine Society of North America (Smsna), tenutosi a Miami dall’8 all’11 novembre. La ricerca, che sarà pubblicata a breve, porta la firma di un gruppo italo-americano composto dal chirurgo Paul Perito di Miami e da Gabriele Antonini dell’Università Sapienza di Roma. “Dopo un intervento così importante come quello per un tumore alla prostata – spiega Antonini – viene alterata inevitabilmente la vascolarizzazione dei corpi cavernosi del pene. Questo determina una ipovascolarizzazione e una ipo-ossigenazione delle arterie del pene che crea una diminuzione dell’elasticità e determina lo sviluppo di tessuto fibrotico con evidente riduzione della lunghezza e della circonferenza del membro. Anche le innovative tecniche robotiche il più delle volte non preservano dal rischio di questa affezione”. 

Da diversi anni in Usa, da qualche tempo in Italia e, seppur da poco, sempre di più in Centro-Sud America, “molti uomini optano per la ‘bombita’ – spiega Antonini – così viene chiamato in Florida e in Centro-Sud America il dispositivo endocavernoso idraulico che permette, attraverso due cilindri gonfiabili che vengono posizionati nel pene ed un piccolo meccanismo a forma di ‘bomba’ posto nello scroto, di arrestare il processo fibrotico di accorciamento del pene e di ripristinare una normale e soddisfacente attività sessuale”. Se dopo 6 mesi dalla prostatectomia radicale “il paziente non riprende una normale attività la protesi al pene è ‘la soluzione’ del problema”, avvertono i chirurghi. “Addirittura da un altro studio psicosessuologico presentato al congresso, si è visto che sono le mogli, preoccupate per la depressione e il blocco emotivo dei mariti per la diminuzione delle dimensioni, ad accompagnarli dal chirurgo per la ‘bombita’”, suggerisce Antonini.

Ma come avviene l’intervento per l’inserimento della protesi peniena? “Tutto viene eseguito in regime di day-surgery con un accesso chirurgico rivoluzionario mini-invasivo di soli 2 cm sulla pancia”, avverte Antonini che da anni è uno chirurghi italiani che si è specializzato sull’impianto di queste protesi. La tecnica avveniristica codificata dai due chirurghi permette di risolvere il problema “in appena 15 minuti e fermare il processo cronico di accorciamento dell’asta”, precisa Antonini. L’uomo al momento di avere un rapporto tocca questa piccola pompa inserita tra i due testicoli e gonfiando i cilindri manda il pene in erezione. Il dispositivo è completamente invisibile perché posto all’interno del corpo ed è paragonabile ad un qualsiasi dispositivo protesico da impiantare chirurgicamente. “Possono beneficiare di questo dispositivo non solo i pazienti oncologici ma tutti quei pazienti affetti da disfunzione erettile ed in particolare quelli con diabete in cui il processo fibrotico del pene è sovrapponibile egli effetti della chirurgia pelvica”, conclude il chirurgo italiano.

Advertisement

Ben'essere

Don Alfonso Iaccarino, l’emozione per la laurea honoris causa in Scienze dell’Educazione

Pubblicato

del

“Sono talmente emozionato che mi trema la voce: tutta la mia vita è stata dedicata alla consacrazione del cibo sano”. Con queste parole, Alfonso Iaccarino, il decano dell’arte culinaria e patron del pluristellato relais “Don Alfonso 1890” di Sant’Agata sui Due Golfi, ha espresso la sua emozione nel ricevere la laurea honoris causa in Scienze dell’Educazione al Suor Orsola Benincasa.

In una gremita Sala degli Angeli, lo chef, visibilmente commosso, ha ricevuto la pergamena dal rettore Lucio d’Alessandro. A tenere la laudatio, gli antropologi Elisabetta Moro e Marino Niola, condirettori del “Mediterranean Diet Virtual Museum”, e la pedagogista Margherita Musello, promotori della proclamazione.

Alfonso Iaccarino, sostenitore da oltre mezzo secolo dell’alimentazione biologica e vero professor della Dieta Mediterranea, patrimonio Unesco dal 2010, ha promosso la cultura enogastronomica italiana e la cultura d’impresa sostenibile in tutti i continenti, contribuendo alla crescita del soft power dell’Italia nel mondo.

Con la sua filosofia eco-culinaria, praticata anche nella sua azienda agricola “Le Peracciole” a Punta Campanella, Iaccarino svolge il ruolo di ambasciatore della cucina mediterranea nel mondo. Durante la sua lectio magistralis, intitolata “La cucina del cuore fra terra, cibo e anima” (pubblicata nel 2010 da Mondadori), il neo dottore ha dichiarato: “Sono felice quando il mio cibo, attraverso il sapore, si fa ambasciatore del mio concetto di vita, che è equilibrio, pace, armonia. La cucina, come la musica, è un linguaggio universale”.

Un riconoscimento speciale è andato anche a Livia Iaccarino, cofondatrice del relais col marito Alfonso. A lei è stato conferito il “Calamaio d’argento”, un’onorificenza accademica che simboleggia la capacità di diffondere nel mondo prestigio e cultura.

L’onore conferito ad Alfonso Iaccarino al Suor Orsola Benincasa non solo celebra i suoi successi e il suo impegno nel promuovere la cucina sana e sostenibile, ma riconosce anche il suo ruolo fondamentale nel diffondere la cultura enogastronomica italiana nel mondo. La sua visione etica della ristorazione come impresa green continua a ispirare e a influenzare chef e appassionati di cucina a livello globale.

Continua a leggere

Ben'essere

Lo chef Massimo Bottura: con l’intelligenza Artificiale si potrà replicare una ottima pizza napoletana

Pubblicato

del

Massimo Bottura, celebre chef dell’Osteria Francescana di Modena, ha recentemente fatto un’affermazione audace durante un’intervista con Reid Hoffman, co-fondatore di LinkedIn. Nel podcast “Possible”, Bottura ha sostenuto che la pizza napoletana può essere replicata perfettamente a Modena come nella Repubblica Ceca grazie all’intelligenza artificiale.

Secondo Bottura, l’uso della tecnologia permetterebbe di ottenere una pizza napoletana perfetta in qualsiasi parte del mondo. “C’è un’incredibile azienda chiamata ItalPizza che fa la pizza. Fare la pizza è un esercizio molto complesso. Ma se hai una macchina, con approccio freddo a tutto quel che fai, se sei alla ricerca della perfezione per la qualità del pomodoro, dell’olio extravergine d’oliva, dell’origano, e poi l’impasto alla giusta temperatura, puoi fare una pizza uguale a Modena o nella Repubblica Ceca. La macchina elimina gli errori umani quotidiani e lo chef può concentrarsi su nuove creazioni”.

Bottura teorizza la separazione dell’atto creativo, spettante all’intelligenza umana, da quello realizzativo, affidato all’intelligenza artificiale. Questo approccio, secondo lui, libererebbe gli chef dalla ripetitività, permettendo loro di focalizzarsi sull’innovazione.

Tuttavia, questa visione non tiene conto di un particolare cruciale: il riconoscimento dell’arte tradizionale del pizzaiuolo napoletano come parte del patrimonio immateriale dell’UNESCO. Non si tratta solo del prodotto finale, la pizza, ma delle pratiche tradizionali tramandate di generazione in generazione. Queste includono la lavorazione dell’impasto, la gestualità della stesura del panetto, la messa a dimora nel forno con l’apposita pala e il sapiente spostamento nel forno stesso.

Privare la pizza napoletana della liturgia che ne accompagna la preparazione significa profanarne la sacralità. L’UNESCO ha riconosciuto come uniche e non replicabili da chiunque queste pratiche artigianali.

L’argomentazione di Bottura potrebbe ritorcersi contro di lui. La cucina, e in particolare l’alta cucina, non può essere paragonata a una catena di montaggio. I clienti che si recano in un ristorante stellato cercano un’esperienza unica e personale. La presenza dello chef in cucina è spesso considerata un valore aggiunto, poiché ogni artigiano del cibo ha una sua manualità, uno stile riconoscibile.

Infine, molte grandi creazioni gastronomiche sono nate da errori. Un esempio emblematico è il soufflé al limone de La Caravella di Amalfi, realizzato senza aggiunta di farina per una disattenzione della chef. Questo piatto, ribattezzato “il sole nel piatto” dal premio Nobel per la letteratura Salvatore Quasimodo, celebra le imperfezioni e la creatività spontanea.

Sia lode dunque alle imperfezioni e alla manualità degli artigiani del cibo. La tecnologia può sicuramente supportare la cucina, ma non potrà mai sostituire l’arte e la tradizione che rendono unica la pizza napoletana.

Continua a leggere

Esteri

Niger: principale miniera uranio torna sotto controllo pubblico

Pubblicato

del

Il Niger ha confermato che una delle più grandi miniere di uranio del mondo è tornata sotto il controllo pubblico, dopo aver revocato la licenza di esercizio al produttore francese di combustibile nucleare Orano. La settimana scorsa la società ha dichiarato di essere stata esclusa dalla miniera di Imouraren nel nord del Niger, con una mossa che ha evidenziato le tensioni tra la Francia e i governanti militari del Paese dell’Africa occidentale.

Il governo ha rilasciato una dichiarazione ieri sera in cui afferma che il sito di Imouraren è tornato “di dominio pubblico dello Stato”, giustificando la revoca della licenza affermando che Orano “non ha mai onorato i suoi impegni” nonostante due “avvisi formali” consegnati dal Ministero delle Miniere nel febbraio 2022 e nel marzo di quest’anno. Orano ha dichiarato giovedì di aver “preso atto” del ritiro della licenza alla sua controllata Imouraren Sa. La mossa è avvenuta nonostante la recente ripresa delle “attività” nel sito realizzata in linea con i desideri del governo, secondo Orano. La società ha aggiunto di essere “disposta a mantenere aperti tutti i canali di comunicazione” con le autorità, riservandosi il diritto di contestare la decisione nei tribunali nazionali o internazionali.

La miniera di Imouraren contiene circa 200.000 tonnellate di uranio, utilizzato per l’energia nucleare e le armi. Ma lo sviluppo è stato congelato dopo il crollo dei prezzi mondiali dell’uranio in seguito al disastro nucleare di Fukushima del 2011 in Giappone. I governanti militari del Niger hanno promesso di rivedere le concessioni minerarie nel Paese da quando hanno preso il potere con un colpo di Stato nel luglio del 2023, come parte della loro attenzione alla sovranità nazionale.

Hanno anche rotto i legami con la Francia, ex potenza coloniale e partner tradizionale, e si sono rivolti alla Russia che sta cercando di estendere la sua influenza nella regione. Secondo i dati dell’organizzazione atomica Euratom, nel 2022 il Niger rappresentava circa un quarto dell’uranio naturale fornito alle centrali nucleari europee.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto