Collegati con noi

Economia

Crollo dell’occupazione, -239mila nuovi contratti ‘a termine’

Avatar

Pubblicato

del

Tra emergenza Covid e lockdown cala il numero delle assunzioni e a crollare sono soprattutto quelle a tempo determinato, gia’ dall’inizio della pandemia. Nel primo trimestre dell’anno, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, si registra una diminuzione di 239 mila attivazioni di rapporto di lavoro dipendente, di cui -44 mila a tempo indeterminato e -195 mila a termine. A fotografare l’impatto del coronavirus sul mercato del lavoro sono i dati che emergono dalla Nota congiunta sulle tendenze dell’occupazione pubblicata da Istat, ministero del Lavoro, Inps, Inail e Anpal, relativa al primo trimestre dell’anno, caratterizzato a partire da fine febbraio e per tutto il mese di marzo dal dispiegarsi dell’emergenza Covid e dalle prime restrizioni per contrastare la diffusione del contagio. Proprio per rendere conto degli effetti dell’emergenza sanitaria, la Nota trimestrale analizza l’andamento dei flussi giornalieri di assunzioni e cessazioni dei rapporti di lavoro dipendente (sulla base delle Comunicazioni obbligatorie rielaborate del ministero) cumulati dei primi tre mesi, rispetto all’analogo periodo del 2019: dopo “una sostanziale tenuta” nei mesi di gennaio e febbraio, si registra “una progressiva perdita” delle posizioni lavorative che al 31 marzo “arriva a circa 220 mila posizioni”. Un andamento negativo dovuto essenzialmente alla contrazione delle assunzioni, misurabile nelle 239 mila attivazioni di rapporto di lavoro dipendente in meno (-44 mila a tempo indeterminato e -195 mila a termine). I precari sono quelli che “stanno pagando di piu’ la crisi occupazionale” conseguente all’emergenza sanitaria, sottolineano i sindacati. Per la Cgil bisogna garantire la tenuta dell’occupazione ma anche la sua qualita’: per questo, “la deroga temporanea alle causali previste dal decreto dignita’, comprensibile in questo periodo di forte incertezza per mantenere anche i lavoratori a termine, non puo’ e non deve trasformarsi in una richiesta di cancellazione dell’obbligo tour court che riporterebbe pericolosamente il Paese indietro”, come afferma la segretaria confederale Tania Scacchetti. Un’apertura diversa dalla Cisl: sono “condivisibili”, sostiene il segretario generale aggiunto Luigi Sbarra, “le ipotesi sull’introduzione di incentivi alle imprese che fanno nuove assunzioni a tempo indeterminato, che devono essere collegati all’impegno a non licenziare. Benissimo, ma a cio’ va affiancata la possibilita’ di assumere a termine senza eccessivi vincoli, eliminando le rigidita’ della legge in materia di causali, che vanno delegate alla contrattazione collettiva, soprattutto di livello aziendale”. E “non si dica – aggiunge – che in tal modo si alimenta la precarieta’: normativa e contrattazione sanciscono piena parita’ di trattamento, questi lavoratori rientrano anche nel premio di produttivita’ e nelle tutele di cassa integrazione”. Dunque, per la Cisl “fino a fine anno le tutele della cassa integrazione e del blocco dei licenziamenti devono viaggiare insieme a tutte le misure possibili per incoraggiare ogni tipo di assunzione”. Intanto, le misure messe in campo dal governo, a partire dagli ammortizzatori sociali ad hoc, hanno attenuato le ricadute sul mercato del lavoro: in un rapporto la Uil indica che le ore autorizzate di cassa integrazione con causale Covid sono state tra aprile e maggio 1,7 miliardi e questo ha “significato aver salvaguardato cinque milioni di posti di lavoro”. La Uil sottolinea, inoltre, come per il primo trimestre si sia registato un calo tendenziale “contenuto” dell’occupazione (-0,2%): “A cio’ – scrive – ha contribuito l’introduzione del blocco dei licenziamenti per giustificato motivo oggettivo e della cig con causale Covid”. Lo stop ai licenziamenti e’ fissato fino al 17 agosto: a quel punto cosa succedera’ in presenza di un vulnus tra fine ammortizzatori e divieto di licenziare?”, domanda il sindacato, tornando per questo a sostenere la necessita’ di una ulteriore proroga.

Advertisement

Economia

4 miliardi di euro per ricapitalizzare, il Governo va in aiuto delle Pmi

Avatar

Pubblicato

del

Una partenza a rilento, con il mondo delle piccole imprese, dell’artigianato e del commercio piegato dal Covid e il Governo accusato di reagire troppo poco e troppo tardi. Con i decreti attuativi appena firmati, che sbloccano quattro miliardi per sostenere le ricapitalizzazioni delle Pmi e l’incentivo ulteriore sui crediti d’imposta, l’esecutivo punta a riguadagnare il terreno perduto, a fermare l’emorragia che mette a rischio-fallimento un’impresa medio-piccola su tre. Un provvedimento che si somma a quelli per la liquidita’, ai finanziamenti a fondo perduto, ai prestiti in moratoria, ai sostegni per le partite iva, e si affianca all’intervento europeo con la Bei, il Sure e il recovery fund e punta ad essere “un insieme di misure di grande impatto”, come ha spiegato il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri”, che “va oltre il semplice sostegno alle imprese colpite dalla crisi ma punta a valorizzare le potenzialita’ di un settore che e’ da sempre la spina dorsale dell’economia italiana”. I decreti attuativi delle norme sugli incentivi patrimoniali per le Piccole e medie imprese firmati oggi, parte del deinterlocuzioni” con la Commissione Ue, per valutare i profili che hanno dovuto attendere una serie di ” aiuto di Stato e gli impatti sul debito che va verso il 160% di Pil. Due i pilastri: uno dicreto rilancio, guarda al capitale di imprese cronicamente sottocapitalizzate e dunque gia’ molto vulnerabili prima della pandemia. Quelle con sede in Italia, ricavi fra 5 e 50 milioni e un calo (su anno) di almeno un terzo dei ricavi fra marzo e aprile vedranno un credito di imposta del 20% della somma investita nel capitale, ed un ulteriore credito pari al 50% delle perdite eccedenti il 10% del patrimonio netto, fino a concorrenza del 30% dell’aumento di capitale stesso. Viene inoltre istituito il ‘Fondo Patrimonio Pmi’ che, con quattro miliardi di dotazione, potra’ sottoscrivere obbligazioni o titoli di debito di imprese con ricavi superiori a 10 milioni che effettuano un aumento di capitale non inferiore ai 250.000 euro. Il decreto attuativo sul credito d’imposta, invece, prevede la presentazione delle istanze all’Agenzia delle Entrate, secondo termini e modalita’ che saranno definiti con Provvedimento del Direttore della stessa Agenzia, che, verificata la correttezza dei dati, riconosce il credito stesso. L’Agenzia delle Entrate, entro 30 giorni dalla presentazione delle istanze, comunica poi l’esito della richiesta e, in caso di esito positivo, l’importo del credito effettivamente spettante.

Continua a leggere

Economia

Al via la vendemmia nell’era della pandemia, l’export arretra del 4%

Avatar

Pubblicato

del

Bilancio in rosso per il vino made in Italy con un -4% di export sotto i colpi della pandemia e delle difficolta’ registrate dalla ristorazione in tutto il mondo per l’emergenza coronavirus dopo il record storico di 6,4 miliardi fatto segnare lo scorso anno dalle esportazioni di vino tricolore. Il giro d’affari negativo delle vendite del vino italiano all’estero, ufficializzato con l’avvio della vendemmia 2020 lungo tutto lo Stivale, e’ considerato dagli operatori un’inversione di tendenza che non ha precedenti negli ultimi 30 anni. L’andamento, rilasciato da Coldiretti in occasione del distacco del primo grappolo di uva in Italia avvenuto in Franciacorta nell’azienda agricola Faccoli a Coccaglio(Brescia), e’ elaborato sulla base dei dati Istat relativi ai primi cinque mesi dell’anno. L’analisi di mercato, che preannuncia e stima contemporaneamente una vendemmia 2020 vicina ai 45 milioni di ettolitri, con una diminuzione di circa il 5% rispetto allo scorso anno, mette allerta anche su un rischio primato mondiale di settore annunciando un testa a testa per la leadership produttiva con i rivali di sempre del settore, i cugini della Francia, per i quali e’ stimata una produzione fra 44,7 e 45,7 milioni di ettolitri contro i 43 e i 44 milioni di ettolitri stimati per l’altro diretto competitor, la Spagna.

Dati alla mano lo scenario produttivo e di mercato prossimo si presenta con una produzione tricolore che dovrebbe essere destinata per circa il 70% a vini Docg, Doc e Igt e il restante 30% per i vini da tavola e un conto negativo tutto in salita per quanto riguarda le esportazioni. In particolare, a livello mondiale, si registra che “in Cina, dove il virus ha colpito per primo, il consumo di bottiglie tricolori fra gennaio e maggio 2020 e’ crollato in valore del 44%, nel Regno Unito le vendite sono scese di quasi il 12%, anche a causa- viene spiegato- delle incertezze e delle tensioni legate alla Brexit. La Francia ha ceduto il 14% mentre l’export in Germania e Stati Uniti, due dei principali mercati per l’Italia, e’ in leggero calo (- 1%)”.

 

Il problema imminente e’ invece legato a problemi burocratici relativi ai lavoratori stranieri da contrattualizzare per la vendemmia che ha avuto inizio. Secondo la Cia-Agricoltori Italiani, con il fisco 4.0 e lo smart working degli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate, servono 15 giorni per dotare di codice fiscale i lavoratori stranieri, al contrario degli anni passati quando-, sostiene l’organizzazione agricola- “bastava un’ora per sbrigare la pratica. Cia aggiunge inoltre che “un altro problema per le aziende riguarda l’indicazione degli sportelli digitali di non effettuare richieste di codici fiscali cumulativi”, “ostacoli- commenta l’organizzazione agricola- che si aggiungano alla difficolta’ di reclutamento di manodopera straniera dopo l’esplosione della pandemia”.

Continua a leggere

Economia

Superbonus, l’Agenzia delle Entrate: ok anche a familiari e conviventi

amministratore

Pubblicato

del

Anche i familiari e i conviventi del possessore o detentore dell’immobile che sostengono la spesa per i lavori effettuati sugli immobili a loro disposizione possono accedere al Superbonus per le ristrutturazioni al 110%. Cosi’ come imprenditori e autonomi sulle unita’ immobiliari all’interno di condomini per i lavori sulle parti comuni. Rientrano inoltre nel plafond agevolabile i costi per i materiali, la progettazione e le spese professionali connesse (perizie e sopralluoghi, spese preliminari di progettazione e ispezione e prospezione). Sono solo alcuni dei chiarimenti interpretativi contenuti nella circolare dell’Agenzia delle Entrate sull’incentivo introdotto con il dl Rilancio. Al Superbonus del 110% possono accedere dunque anche i familiari e i conviventi di fatto del possessore o del detentore dell’immobile, sempre che siano loro a sostenere le spese per i lavori. La circolare specifica che tali soggetti possono usufruirne se sono conviventi alla data di inizio dei lavori o, se antecedente, al momento del sostenimento delle spese. L’incentivo vale anche per gli interventi su un immobile diverso da quello destinato ad abitazione principale, nel quale puo’ svolgersi la convivenza, mentre non spetta al familiare su immobili locati o concessi in comodato. Ha diritto alla detrazione, specifica l’Agenzia, anche il promissario acquirente dell’immobile oggetto di intervento immesso nel possesso, a condizione che sia stato stipulato un contratto preliminare di vendita dell’immobile regolarmente registrato. Per quanto riguarda le partite Iva e i condomini, via libera anche per le persone che svolgono attivita’ di impresa o arti e professioni per i lavori sulle parti comuni degli edifici deliberate dalle assemblee condominiali. Se i lavori invece interessano singole unita’ immobiliari, allora il bonus e’ riconosciuto limitatamente agli immobili estranei all’attivita’ esercitata, appartenenti quindi solo alla sfera “privata” della vita dei contribuenti. La detrazione del 110% si allarga fino a comprendere anche alcune spese accessorie agli interventi che beneficiano delSuperbonus, purche’ effettivamente realizzati. Si tratta, ad esempio, dei costi per i materiali, la progettazione e le altre spese professionali connesse (perizie e sopralluoghi, spese preliminari di progettazione e ispezione e prospezione).

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto