Collegati con noi

In Evidenza

Ciclismo, da Tokyo a bis Mondiale: Filippo Ganna è il re del tempo

Pubblicato

del

Filippo Ganna e’ il padrone del tempo. L’estate magica dello sport italiano, che non vuol finire mai, incorona campione del mondo nella cronometro in linea di ciclismo – per il secondo anno consecutivo – l’azzurro di Verbania che ha bissato il successo iridato 2020 a Imola. Il trionfo arriva sulle strade belghe contro un campione di casa, Van Aert, e sembra di rivivere la notte di Wembley con l’Italia di Mancini campione d’Europa contro l’Inghilterra. Soprattutto, questo nuovo titolo iridato corona l’anno migliore di Ganna, che a Tokyo aveva trascinato il quartetto azzurro all’oro dell’inseguimento a squadre con una gara elettrizzante e una rimonta finale sul filo dei centesimi. Scenario di quest’altra vittoria e’ la strada che porta da Knokke-Hoste a Bruges, ad aprire Mondiali di ciclismo su strada in Belgio, notoriamente terra dei pedali. Non poteva esserci un inizio migliore per i colori italiani: l’oro vinto oggi dal piemontese e’ assai pesante e rappresenta la conferma definitiva delle qualita’ di un atleta formidabile. I 43,3 chilometri del tracciato, ricoperti in 47’47″83, alla media di 54,355 km/h, ne sono la conferma. Ganna ha disputato una gara in crescendo, passando al primo intermedio con 7″ di ritardo da Vout Van Art, mentre al secondo ha ridotto lo svantaggio a soli 84 centesimi: nel tratto finale, poi, il capolavoro. ‘Top Ganna’ ha chiuso con 5″37 di vantaggio sul belga, che a quel punto sembrava sicuro della medaglia d’oro e del titolo, invece e’ rimasto con ‘solo’ l’argento al collo. Per non parlare dell’altro belga, Remco Evenepoel, staccato di 43″34 e a lungo con l’oro in tasca. Nella terra del ciclismo, Ganna ha fornito un’ulteriore prova di forza, di carattere e di concentrazione, azzerando le velleita’ dell’agguerritissima concorrenza, capeggiata proprio da Van Aert, che sognava un grande trionfo davanti al pubblico amico, proprio com’era accaduto l’anno scorso a Ganna, a Monza. Faceva paura, alla vigilia, anche lo svizzero Stefan Kueng, che pochi giorni addietro a Trento aveva soffiato proprio a Ganna il titolo europeo nella sfida contro il tempo: oggi il ‘Re d’Europa’ e’ finito addirittura fuori dal podio, ossia al quinto posto, con un ritardo abissale di 1’06″20 dalla ‘locomotiva’ Ganna. “Oggi come oggi, su percorsi classici, Ganna e’ pressoche’ imbattibile”, ha sentenziato il cronoman Martin, oggi al ritiro Ganna ha macinato, com’e’ suo solito, chilometri su chilometri, spianando la strada che lo conduceva verso Bruges, dov’era posto il traguardo della prima prova iridata di questi Mondiali belgi. E’ stata una marcia trionfale, quella di Ganna, che, a fine gara, ha confessato che “sognava di vincere in Belgio”. “La mia condizione e’ salita di livello nell’ultima settimana, dopo gli Europei di Trento le cose si sono sistemate – le prime parole di Ganna -. Era importante difendere la maglia iridata per me. Eravamo tutti i migliori in gara, ho grande rispetto per ogni avversario, ma vincere in casa dei belgi e’ davvero speciale. Per me era un sogno vincere oggi. Ho fatto una grande prova, e’ tutto fantastico, ringrazio il mio staff”. Il trionfo di Ganna ha oscurato l’ottima prova di Edoardo Affini, che si e’ piazzato al nono posto, con un ritardo di 1’48” dall’oro; l’altro azzurro in gara, Matteo Sobrero, si e’ dovuto accontentare della 21/a piazza, a 3’05”. La crono in linea Elite venne introdotta ai Mondiali per la prima volta nel 1994, sulle strade di Catania, ai Mondiali siciliani (allora pista e strada si disputavano in due settimane consecutive): il britannico Chris Boardman fu il primo campione iridato, con l’azzurro Andrea Chiurato secondo. Poi, sarebbe arrivato Ganna a riscrivere la storia del ciclismo azzurro.

Advertisement

In Evidenza

Roma incassa 5 milioni per le buche e 1,5 miliardi per il Giubileo, a Napoli per ora nessun segnale

Pubblicato

del

Non solo i 1,5 miliardi per il Giubileo, Roberto Gualtieri a nemmeno una settimana dal suo insediamento incassa anche un piccolo aiuto per ripianare le famigerate buche di Roma. Si tratta di un subemendamento al dl Infrastrutture predisposto dallo stesso sindaco di concerto con il Governo che autorizza la Capitale a stipulare una convenzione con Anas, autorizzata ad impiegare fino a 5 milioni di euro, per la messa in sicurezza e la manutenzione straordinaria delle strade. Al netto delle cifre, il provvedimento per il Campidoglio segna l’inizio di un nuovo corso voluto da Gualtieri, all’insegna della collaborazione tra il Comune e tutti i livelli di governo, a partire dall’esecutivo Draghi. Cosi’, Gualtieri ringrazia il governo e il Parlamento “per questo risultato importante” e promette: “Siamo gia’ al lavoro per prendere rapidamente contatto con Anas e sfruttare al meglio quest’opportunita’, che rappresenta il primo esito dell’intenso lavoro di raccordo con il Governo che abbiamo avviato. La stretta e proficua collaborazione tra le istituzioni sara’ una delle chiavi fondamentali per il rilancio della Capitale”. Intanto, proseguono a Palazzo Senatorio le interlocuzioni del sindaco con i partiti in vista della formazione della giunta, che potrebbe essere annunciata tra questa e la prossima settimana (in parallelo con quelle dei municipi). Mentre salgono le quotazioni di Sabrina Alfonsi (gia’ presidente del I municipio, tra le elette in consiglio comunale con il maggior numero di voti) come assessora, sono state avvistate in Campidoglio anche l’architetta Laura Ricci, papabile per l’Urbanistica, e Michela Cicculli eletta consigliera nella lista Sinistra Civica e Ecologista. Qualora Cicculli entrasse in giunta, lascerebbe il posto in Aula a Roberta Agostini, prima dei non eletti, in quota Articolo 1, il partito di Roberto Speranza (tra le altre ipotesi Andrea Catarci, Gianluca Peciola o Imma Battaglia). Ai trasporti – nello schema sei politici e sei civici – potrebbe andare il dem Eugenio Patane’ oppure un tecnico. Della lista civica dovrebbe entrare Alessandro Onorato, gia’ con Marchini, con una delega al Turismo, e Monica Lucarelli. Quest’ultima potrebbe incassare anche la carica di vicesindaca, in ogni caso l’ultima pedina ad essere spostata sullo scacchiere della giunta. Se Giovanni Caudo, ex minisindaco gia’ assessore della giunta di Ignazio Marino, non dovesse far parte della squadra, si aprirebbe la strada per la sua (ormai ex) assessora Claudia Pratelli. Per la Cultura tiene il nome di Pino Battaglia, ma si fa strada sempre piu’ quello di Marino Sinibaldi. La nuova assemblea capitolina potrebbe riunirsi per la prima volta il 4 novembre. Nei banchi dell’opposizione siedera’ sicuramente l’ex sindaca Virginia Raggi insieme ai pentastellati eletti e i consiglieri di Carlo Calenda (che oggi ha chiesto un “confronto di programma” al sindaco). La posizione di Iv potrebbe essere piu’ vicina alla maggioranza, cosi’ come e’ stato piu’ marcato l’impegno per Gualtieri in fase di ballottaggio. E la rottura e’ dietro l’angolo. Alle parole di Calenda – “Renzi non vuole fare niente con nessuno” – ha replicato con acredine il deputato di Italia Viva Roberto Giachetti: “L’ottimo risultato di Roma e’ figlio innanzitutto di un messaggio di inclusione, prospettiva e speranza. Usarlo come una clava per farsi largo e al contempo disfarsi di chi non ritieni piu’ utile, non e’ solo politicamente miope ma umanamente davvero triste”. Insomma a Roma si cominciano a vedere le risorse. Un segno di attenzione del Governo per la Capitale. A Napoli, dove la situazione debitoria della città è ai limiti del collasso, per ora non si vede un centesimo.

Continua a leggere

Esteri

Amazon custodirà in cloud i dati dell’intelligence di Sua Maestà Gchq, MI5 e MI6

Pubblicato

del

I dati classificati dell’intelligence, quindi alcuni fra i segreti piu’ importanti per la sicurezza nazionale del Regno Unito, sono destinati a essere ospitati dai sistemi di Amazon, tramite la sua controllata Amazon Web Services (Aws). Il quotidiano Financial Times ha infatti rivelato un accordo per l’utilizzo di un ‘cloud’, quindi di uno spazio virtuale di archiviazione, da parte delle tre agenzie di spionaggio britanniche, Gchq, MI5 e MI6. Si prevede che venga realizzata una piattaforma digitale dal colosso americano per sfruttare tecnologie all’avanguardia nello spionaggio, come analisi di ‘big data’ e intelligenza artificiale, ma che il tutto sia gestito dai funzionari di sua maesta’. Resta comunque una decisione destinata a sollevare dubbi e critiche da diversi punti di vista, a partire dai timori che venga messa a rischio la sovranita’ britannica rispetto a dati tanto cruciali di fatto custoditi da un soggetto privato. In merito e’ stato interpellato il portavoce del primo ministro Boris Johnson che non ha commentato direttamente la rivelazione del giornale ma ha fatto alcune precisazioni. “Abbiamo utilizzato la tecnologia del settore privato nelle applicazioni di sicurezza nazionale per decenni al fine di mantenere il Paese al sicuro – ha sottolineato – ovviamente garantire la sicurezza di questa tecnologia e’ una priorita’ assoluta e tutte le protezioni sono gia’ adottate per le informazioni classificate indipendentemente dal fornitore della tecnologia”. In base ai dettagli pubblicati dal Ft, l’accordo e’ stato promosso dalla Gchq, l’agenzia di intelligence per le comunicazioni, e ha un valore stimato dagli esperti del settore tra i “500 milioni e il miliardo di sterline nei prossimi dieci anni”. La collaborazione dovrebbe consentire, fra l’altro, ad agenti e funzionari di condividere i dati piu’ facilmente e consentire l’uso di applicazioni speciali come il riconoscimento vocale per individuare e tradurre voci da ore di comunicazioni intercettate. Il sistema di cloud ad alta sicurezza verra’ utilizzato, oltre che dalle tre agenzie, “anche da altri dipartimenti governativi come il ministero della Difesa durante le operazioni congiunte”. Secondo le fonti citate dal quotidiano della City, “tutti i dati delle agenzie saranno tenuti in Gran Bretagna e Amazon non avra’ alcun accesso alle informazioni presenti nella piattaforma”. Restano molti interrogativi pero’, nonostante Londra e Washington siano alleati di vecchia data. “Si tratta dell’ennesima preoccupante partnership tra pubblico e privato, concordata in segreto”, ha affermato Gus Hosein, responsabile dell’associazione Privacy International, sottolineando che ci sono molte cose che il Parlamento britannico, gli organismi di vigilanza e i cittadini devono sapere su questo accordo. Da tempo e’ aperta nel Regno la questione dei rischi rappresentati dalle collaborazioni economiche con societa’ straniere in settori chiave ed e’ stato adottato nei confronti della Cina un atteggiamento molto diverso. Uno dei capitoli piu’ importanti e’ stata la giravolta britannica col colosso della telefonia Huawei, esclusa nel luglio 2020 dalle forniture per la futura rete 5G nel Paese, per ragioni ufficiali di sicurezza nazionale ma nel nome d’una mossa vista come una concessione al volere degli Stati Uniti.

Continua a leggere

Ambiente

Crescono emissioni gas serra in Italia, +6% nel 2021

Pubblicato

del

L’Italia a parole si impegna a rispettare gli obiettivi di decarbonizzazione della Ue, ma poi la realta’ e’ un’altra. Nel 2021 le emissioni di gas serra aumenteranno del 6%, l’installazione di nuove rinnovabili e’ quasi ferma, le auto elettriche sono poche. Per questo le aziende italiane della green economy chiedono una legge apposita sul clima. La Relazione annuale sull’economia verde italiana, presentata oggi agli Stati generali della Green Economy, alla fiera Ecomondo di Rimini, lancia l’allarme con la forza dei numeri. A preparare la ricerca e’ stata la Fondazione Sviluppo Sostenibile dell’ex ministro dell’Ambiente Edo Ronchi, per conto del Consiglio nazionale della green economy, la rete delle associazioni di impresa del settore. Le emissioni di gas serra in Italia nel 2021 hanno ripreso a crescere dopo la frenata della pandemia, si stima del 6%. Secondo la Relazione, per recepire gli obiettivi europei l’Italia dovrebbe tagliare le proprie emissioni del 26,2% nei prossimi 10 anni, riducendole del 2,6% all’anno. Negli ultimi cinque anni l’installazione di rinnovabili si e’ quasi fermata. Colpa dei processi autorizzativi troppo lunghi e delle opposizioni popolari ai nuovi impianti, specie le pale eoliche. L’energia del vento e’ stata la piu’ colpita, con un -7,8%. Oggi in Italia si installano solo 0,8 giga di rinnovabili all’anno, quando per raggiungere i target europei ne servirebbero 8. Siamo sempre campioni d’Europa in economia circolare: primi per produttivita’ delle risorse, secondi per tasso di riciclo dei rifiuti e utilizzo di materiale riciclato. Pero’ da noi le auto elettriche sono solo il 4,3% delle nuove immatricolazioni: 60.000 veicoli, ben lontane dall’obiettivo di 6 milioni di auto nuove al 2030. L’Italia e’ al secondo posto in Europa per prelievo pro capite di acqua potabile, e il consumo di suolo nel nostro paese avanza di 15 ettari al giorno, 2 metri quadrati al secondo. L’agricoltura biologica continua ad aumentare, ed e’ arrivata al 15% della superficie coltivata. Ma le emissioni di gas serra dall’agricoltura non scendono da dieci anni. Se l’Italia rallenta nella transizione ecologica, la crisi climatica non si ferma. Nel 2020 gli eventi estremi connessi al clima nel nostro paese sono stati quasi 1.300. Nel 2011 erano meno di 400. Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, in un videomessaggio inviato agli Stati generali prova a vedere il bicchiere mezzo pieno: “”Nonostante la pandemia, non c’e’ stato in Italia uno stop degli investimenti green. Oltre il 70% delle grandi imprese ha fatto investimenti importanti in questo settore”. Tuttavia, ammette che “sulle rinnovabili e’ necessario uno sforzo enorme”. Le 68 associazioni di impresa del Consiglio nazionale della green economy chiedono ora a governo e parlamento una legge sul clima, come c’e’ in Germania, Francia, Spagna e Gran Bretagna. Un provvedimento che fissi target annuali di decarbonizzazione e impegni vincolanti per singoli territori e settori produttivi, per dare un’accelerazione a una transizione ecologica che arranca. “L’Italia non deve perdere questa occasione – ha concluso Edo Ronchi -. Deve puntare, con piu’ decisione, a far parte delle locomotive europee della green economy”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto