Collegati con noi

Cronache

Bimba colpita da tetano, i genitori sono stati indagati

Pubblicato

del

Mentre la bambina di dieci anni colpita da tetano e’ ancora grave in ospedale, sotto accusa sono finiti i genitori. La Procura della Repubblica di Verona ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di reato di lesioni a causa di omissione dell’obbligo vaccinale nei loro confronti. “Apertura indagini? Lo apprendo dalla stampa, al momento mi riservo di approfondire – ha commentato l’avvocato Thomas Cesaro, che assiste i genitori della bambina. La coppia ha un’altra figlia, piu’ piccola, che a sua volta non sarebbe vaccinata: “non posso rispondere se ci sono possono essere problematiche in famiglia, come intolleranze o allergie che dovevano sconsigliare qualche vaccinazione. Ci saranno delle opportune e successive valutazioni”, ha aggiunto il legale. “Di sicuro – ha rilevato – la mancata vaccinazione non e’ dovuta ad una scelta ideologica”. Oggi in una conferenza stampa nella Direzione Sanitaria i vertici dell’Azienda Ospedaliera hanno confermato che “le condizioni di salute della paziente restano critiche, ma stazionarie”. Il decorso, hanno spiegato i medici, sara’ lungo. “Il tetano e’ una malattia molto pericolosa, che mette a rischio la vita e ci vorranno almeno tre o quattro settimane per il decorso. E’ il primo caso di tetano che vedo nei bambini, e cosi’ molti medici come me”, ha detto il direttore della Pediatria ad Indirizzo Critico dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, Paolo Biban, che ha in cura la bambina. “Su questa vicenda sono state dette delle cose assurde. C’e’ qualcuno che gioca con la pelle della gente. Un comportamento molto discutibile”, ha aggiunto Biban rispondendo a una domanda sulle voci, alimentate sui social da un gruppo no vax, su un presunto miglioramento della bambina, mettendo anche in dubbio la diagnosi di tetano. “Per il tetano – ha spiegato – bisogna agire con trattamenti di supporto, non ci sono terapie. Bisogna stare attenti che gli organi funzionino, nonostante l’esplosione della malattia. Parte in modo subdolo, e’ una malattia sistemica che prende tutto il corpo”. La profilassi vaccinale garantisce la copertura dall’ infezione. “I vaccini sono fatti per questo” ha concluso Biban. Sulla vicenda si e’ espresso anche il virologo Roberto Burioni. “Una storia incredibile”, ha scritto, “perche’ incredibile e’ che nel 2019 si possa rischiare di morire di tetano, una malattia che nei vaccinati (con un vaccino sicurissimo ed efficace) non esiste”.

Advertisement

Cronache

Piazza San Carlo, appello bis per Appendino per ricalcolare la pena

Pubblicato

del

Nuovo processo di appello per l’ex sindaca di Torino, Chiara Appendino per i fatti di piazza San Carlo. Lo hanno disposto i giudici di Cassazione stabilendo che dovrà essere ricalcolata l’entità della pena riducendola. Appendino era stata condannata a 18 mesi di reclusione nel procedimento in cui si ipotizzano, a seconda delle posizioni, i reati di disastro, omicidio e lesioni tutti in forma colposa. I giudici hanno dichiarato “irrevocabile” la responsabilità penale per l’ex sindaca per tutti i capi di imputazione.

Continua a leggere

Cronache

Querelato da Fedez e sua madre, Jacobs rischia il processo

Pubblicato

del

Marcel Jacobs rischia il processo per diffamazione. La procura di Brescia infatti chiuso l’inchiesta a carico del campione olimpico che ha accusato di diffamazione da Fedez e dalla madre del cantante Annamaria Berrinzaghi, amministratrice delegato della società che ha gestito i diritti di immagine del velocista. Dopo la fine del rapporto professionale il 18 gennaio 2023 Jacobs aveva rilasciato una dichiarazione accusando la società di non aver curato nel migliore dei modi i suoi interessi.

“Nel 2018 mi sono affidato alla società di Fedez, mi aspettavo che stare vicino a lui desse visibilità ma lì non hanno mai sviluppato un progetto”, le parole di Jacobs. “Ho vinto a Tokyo e mi hanno scritto 24 ore dopo. Erano al mare e non gliene fregava niente”. Dichiarazione che ha fatto scattare la querela per diffamazione. Ora la Procura di Brescia, ha riportato per primo il Corriere della Sera, ha chiuso le indagini e Jacobs rischia il processo.

Continua a leggere

Cronache

Il Generale Claudio Graziano, Presidente di Fincantieri, trovato morto: ipotesi suicidio

La notizia della morte del presidente di Fincantieri, Claudio Graziano, impatta sul titolo che reagisce con un tuffo in rosso, sotto i 5 euro e in calo di oltre il 3 per cento.

Pubblicato

del

Claudio Graziano, presidente di Fincantieri, è stato trovato morto questa mattina. Le prime indagini suggeriscono che l’ipotesi del suicidio sia la più probabile. La tragica notizia arriva dopo che Graziano aveva recentemente subito la perdita della moglie.

Nato a Torino nel 1953, Graziano ha avuto una lunga e illustre carriera nel settore militare prima di diventare presidente di Fincantieri nel 2022. La sua formazione iniziò all’Accademia Militare di Modena, dove si specializzò in ambito militare. La sua carriera lo portò a ricoprire ruoli di grande responsabilità, culminando con la nomina a Capo di Stato Maggiore della Difesa tra febbraio 2015 e novembre 2018.

Oltre a essere stato Capo di Stato Maggiore della Difesa, Graziano ha ricoperto importanti incarichi a livello europeo, inclusa la presidenza del comitato militare dell’Unione Europea. La sua esperienza e il suo contributo nel campo della difesa e della sicurezza europea sono stati ampiamente riconosciuti.

Il generale Graziano avrebbe lasciato un biglietto di addio prima di togliersi la vita questa mattina nella sua abitazione a Roma. Nel biglietto farebbe riferimento ad una mancanza di senso della sua vita dopo la recente scomparsa della moglie.

Il corpo del presidente di Fincantieri è stato trovato in casa stamattina a Roma. A dare l’allarme un carabiniere della sua scorta che aveva la seconda chiave dell’appartamento al centro storico. Secondo quanto si apprende, Graziano era disteso sul letto e si sarebbe sparato un colpo di pistola alla testa durante la notte.

La notizia della sua morte ha scosso profondamente il settore industriale e militare italiano. Graziano aveva recentemente vissuto il lutto per la perdita della moglie, un evento che potrebbe aver contribuito alla tragedia odierna. La sua scomparsa lascia un vuoto significativo in Fincantieri, dove aveva portato la sua vasta esperienza e leadership.

La comunità di Fincantieri e il mondo militare europeo ricordano Claudio Graziano per la sua dedizione e il suo impegno professionale. La sua morte rappresenta una grande perdita non solo per l’azienda, ma anche per tutti coloro che lo hanno conosciuto e hanno lavorato con lui. Le indagini continueranno per chiarire ulteriormente le circostanze della sua morte.

La notizia della morte del presidente di Fincantieri, Claudio Graziano, impatta sul titolo che reagisce con un tuffo in rosso, sotto i 5 euro e in calo di oltre il 3 per cento.

“La scomparsa del generale Claudio Graziano mi lascia senza parole. Era un amico ed è stato uno straordinario ufficiale che ha reso onore all’Italia anche nei suoi ruoli europei. Una preghiera lo accompagni nel viaggio per raggiungere la sua sposa”. E’ il messaggio del vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani su X.

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto