Collegati con noi

Cronache

Il virus sinciziale uccide due bambini a Castellammare e la Spezia

Pubblicato

del

Era giunto in ospedale un paio di giorni fa il piccolo di 5 mesi stroncato da un virus sinciziale, malattia respiratoria che colpisce i bambini in tenera eta’ e che in sole 48 ore lo ha strappato alla vita. Inutili sono valsi i tentativi dei medici del reparto Pediatria dell’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia (Napoli) dove era ricoverato. Giuseppe, questo il nome del piccolino, e’ morto oggi mentre veniva preparato per essere trasferito all’ospedale Santobono di Napoli. Il virus e’ lo stesso che ha colpito tempo fa la piccola Vittoria, la figlia di Fedez e Chiara Ferragni, che ora sta meglio. Il suo caso ha contribuito a far conoscere questo virus particolarmente pericoloso per i piu’ piccoli. ‘Il piccolo paziente era giunto il 6 novembre scorso con una grave dispnea e gravi problemi respiratori – spiegano dalla Direzione Sanitaria dell’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia – La malattia ha avuto una evoluzione rapida negativa e si stava preparando il suo trasferimento all’ospedale Santobono, con un’anestesista come accompagnatore. E’ stato intubato, ma non ha retto alla manovra di intubazione. E’ morto subito dopo”. L’intero reparto e’ sotto choc. Da giorni si trova ad accogliere bambini molto piccoli affetti dal Vrs (Virus respiratorio sinciziale) per il quale non esistono cure, solo terapie di supporto. L’intero territorio nazionale sta vivendo una epidemia di Vrs e l’ospedale San Leonardo e’ saturo di ricoveri di bambini molto piccoli (sono 5 i pazienti attualmente accolti nel reparto di Neonatologia.)

Hanno tutti da 1 a 30 giorni. Giuseppe era il secondo figlio di una coppia molto giovane originaria di Pimonte, Monti Lattari. Era l’unico, vista la sua eta’, ricoverato in Pediatria. ”La cartella clinica e’ stata sequestrata – aggiungono dalla Direzione sanitaria – e anche il corpicino del bimbo sara’ sottoposto domani mattina ad autopsia, per dare seguito a un’indagine aperta su quanto accaduto”. Il reparto, retto dal primario Luigi Tarallo, e’ considerato un ‘fiore all’occhiello” dell’Asl Napoli 3 Sud. Sul caso indagano i carabinieri. E anche un altro bimbo, questa volta di 11 mesi e’ morto per una probabile insufficienza respiratoria dovuta sempre al virus sinciziale. E’ avvenuto all’ospedale Sant’Andrea della Spezia. Il decesso e’ avvenuto per un arresto cardiocircolatorio dovuto, secondo una prima ipotesi diagnostica, a un’ insufficienza respiratoria acuta sostenuta da un’infezione da virus respiratorio sinciziale. Il decesso e’ avvenuto alle 4 di stamani. Lo ha reso noto l’Asl5. I genitori hanno portato il piccolo all’ospedale perche’ il figlio presentava da circa 24 ore una tosse persistente con progressivo aggravamento. Dopo essere stato sottoposto a triage e a tampone antigenico, risultato negativo, il bimbo e’ stato inviato al Pronto Soccorso pediatrico dove gli specialisti ne hanno disposto il ricovero. La situazione del bimbo si e’ rapidamente aggravata tanto da richiedere l’intervento del rianimatore per effettuare un trasferimento protetto all’ospedale Gaslini di Genova ma a causa della grave instabilita’ clinica subentrata, l’opzione e’ stata scartata ed e’ stata l’equipe di trasporto della Terapia Intensiva del Gaslini ad intervenire al Sant’Andrea. Vani sono stati i ripetuti tentativi, protrattisi per oltre un’ora e mezzo, di rianimare il bimbo. Domani mattina verra’ eseguito il riscontro diagnostico sulla salma per accertare la causa della morte.

Advertisement

Cronache

Più contagi tra bimbi, crescono ansia e fobie

Pubblicato

del

Dati ancora su per i contagi tra i giovanissimi in eta’ scolare ma meno ospedalizzazioni, rileva l’Istituto superiore di Sanita’, mentre chi sul campo si occupa delle conseguenze sulla salute psicologica dei ragazzi, come in Lombardia con il servizio assistenza ‘Zero-17′ a Cernusco sul Naviglio, traccia un primo bilancio del long-Covid nei ragazzi evidenziando un aumento di ansia e fobie da lockdown e da didattica a distanza. Sul fronte dei dati, nell’ultima settimana salgono al 24% i contagi in eta’ scolare rispetto al 20% del rilevamento precedente e la riapertura delle scuole con una maggiore attivita’ di screening, nota l’Istituto superiore di Sanita’ nel focus sulla fascia di eta’ sotto i 19 anni, potrebbe essere il motivo di questa crescita. Inoltre, spiega l’Iss, nell’ultima settimana il 13% dei casi in eta’ scolare e’ stato diagnosticato nei bambini sotto i 5 anni, il 38% nella fascia d’eta’ 5-11 anni, il 48% nella fascia 12-19 anni. Rallenta la crescita del tasso di incidenza nelle fasce 12-15 e 16-19 anni, mentre risultano in aumento i casi diagnosticati per 100.000 abitanti nella fascia 5-11 anni e nei bambini sotto i 5 anni. La fascia con incremento maggiore sul fronte dell’incidenza e’ stata quella 10-19 anni. Si guarda pero’ a una “rilevabile diminuzione del tasso di ospedalizzazione in tutte le fasce di eta’ 0-19 anni”. In totale, dall’inizio dell’epidemia al 12 gennaio 2022 sono stati diagnosticati 1.698.273 casi nella popolazione 0-19 anni, di cui 11.573 ospedalizzazioni, 291 ricoveri in terapia intensiva e 38 deceduti. “Le nuove condizioni di vita delle famiglie e la didattica a distanza hanno avuto un impatto nei minori e lo vediamo dall’emergere di disagi emotivi, difficolta’ nella costruzione dell’immagine di se’ e, ovviamente, nella relazione con i pari”, affermano Mirko Cristofori e Sabina Baratelli, rispettivamente psicoterapeuta e coordinatore del servizio e neuropsichiatra infantile del poliambulatorio del centro S.Ambrogio Fatebenefratelli di Cernusco sul Naviglio, dov’e’ attivo il servizio Zero-17 rivolto ai minori post Covid, gestito in sinergia con il Pronto soccorso pediatrico dell’Ospedale di Erba. “Dalle prime visite, cogliamo segnali di una difficolta’ nella regolazione emotiva con possibili manifestazioni d’ansia acuta, fobie, ritiro, disturbi del sonno o dell’alimentazione”, dicono i due esperti. Almeno la meta’ dei pazienti di Zero-17 viene segnalato dai genitori.

Continua a leggere

Cronache

Camorra: Riello, due soli clan controllano area metropolitana

Pubblicato

del

Non e’ piu’ valido lo schema di una camorra “polverizzata”, rispetto ad una mafia organizzata militarmente. “Due soli clan, l’ Alleanza di Secondigliano e l’ organizzazione dei Mazzarella. attualmente controllano da soli l’ intera area metropolitana di Napoli”. Questa l’ analisi del Procuratore generale di Napoli , Luigi Riello, all’ inaugurazione dell’ Anno giudiziario. “L’ ‘Alleanza di Secondigliano’ – ha aggiunto Riello – e’ l’ obbiettivo principale dell’ azione della DDA. Evidenziato anche, nella relazione del PG l’ abbassamento di eta’ dei nuovi affiliati ai clan. “Ormai si puo’ essere boss a 18 anni, a 15 si partecipa a fatti criminali. I minorenni di alcuni quartieri hanno come modello l’ ‘eroe’ di “Gomorra”. Per il recupero della devianza minorile, Riello ha auspicato “percorsi educativi molto piu’ stringenti”.

Continua a leggere

Cronache

Morto durante lo stage,indagine per omicidio colposo

Pubblicato

del

Sul corpo del diciottenne Lorenzo Parelli sara’ eseguita l’autopsia per stabilire con esattezza le cause della morte. Si tratta quasi di un atto dovuto per ricostruire la situazione nella quale si e’ verificato l’incidente ieri nello stabilimento della Burimec di Lauzacco. E’ uno degli atti che fanno parte del fascicolo aperto dalla Procura di Udine in cui si ipotizza il reato di omicidio colposo. Al momento questo e’ a carico del legale rappresentante dell’azienda, in quanto datore di lavoro. Ma anche questo sembra essere un passaggio dovuto avendo gli inquirenti la “necessita’ di svolgere attivita’ di accertamento irripetibile nelle forme garantite di legge”. Lo scopo, sempre quello: “addivenire a una compiuta ricostruzione della dinamica dell’infortunio mortale”. La stessa Procura nella nota precisa che sono in corso approfondimenti d’indagine per individuare “eventuali ulteriori profili di responsabilita’ anche a carico di altre figure aziendali”. In pratica, occorrera’ capire se l’incidente e’ stato una vera fatalita’ oppure con il rispetto di regole e accorgimenti poteva essere evitato. Ieri sono intervenuti i carabinieri, Roni, personale del Dipartimento Prevenzione Udine, l’Azienda Sanitaria Friuli Centrale, il medico legale Moreschi e il pm. Intanto, Castions di Strada (Udine), dove viveva Lorenzo, che conta 3.500 abitanti, e’ ripiegato su se stesso: proprio oggi si sono svolti i funerali di un altro giovanissimo, un ragazzino di 16 anni morto per un incidente sabato scorso mentre faceva motocross. E Lorenzo aveva espresso l’intenzione di partecipare alle esequie, ovviamente si saranno conosciuti nel paesino friulano. La comunita’ e’ sconvolta, “devastata” dice il sindaco Ivan Petrucco. Pochi i giovani, ancor meno quelli che rimangono, e due di loro sono morti per tragiche ma fortuite circostanze. “Abbiamo finito le lacrime: stanotte non ho chiuso occhio, non si possono perdere due figli in giovanissima eta’ com’e’ accaduto”, dice Petrucco. Oltre al coro di politici, sindacalisti ieri sera e’ intervenuto anche il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi esprimendo “profondo dolore” per un “incidente inaccettabile, come inaccettabile e’ ogni morte sul lavoro. Il tirocinio deve essere una esperienza di vita. Esprimo il mio piu’ profondo cordoglio e la vicinanza alla famiglia”. Ma sono gli stessi studenti a prendere la parola e, per bocca dell’Unione Degli Studenti, chiedono “una risposta pronta da parte del ministro Bianchi”, e “l’introduzione di uno statuto delle studentesse e degli studenti in PCTO, che tuteli i reali obiettivi formativi”. L’UDS ricorda che “da anni invoca la necessita’ di corsi di sicurezza sul lavoro e la sicurezza a scuola, che e’ una piaga del nostro paese, nello scorso anno 1.404 persone sono morte sul lavoro”. C’e’ anche chi protesta – come un gruppo di precari e disoccupati – e manifesta alla sede degli industriali di Firenze. ‘Lorenzo uno di noi, Confindustria sporca di sangue’ hanno scritto su striscioni e cartelli. Per la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, “non si puo’ morire cosi’, con una vita davanti, una professione e tanti sogni ancora da realizzare”. Il presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin, che ha un “figlio di quell’eta’”, parla di “una tragedia immensa”. La tragedia “deve spingerci a riflettere, ma anche ad agire”, conclude. Nel 2021 sono morti in regione 22 lavoratori, piu’ del 2019, anno pre-pandemia.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto