Collegati con noi

Ambiente

Tregua fino al week-end, poi torna il caldo a ferragosto

Pubblicato

del

Ancora una manciata di giorni di tregua prima del ritorno dell’afa. Restano tre giorni di piogge e temporali soprattutto al Sud, prima che nuvoloni e piogge si spostino lentamente nei territori del Nord da martedi’ prossimo. La pausa dal caldo africano durera’ quindi fino alla fine della settimana, poi a Ferragosto in Italia si riaffacciano il sole e le alte temperature. In queste ore pero’ per cinque regioni – Campania, Sicilia, Calabria, Basilicata e Sardegna – il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso l”allerta gialla’ con un avviso di condizioni meteorologiche avverse. Intanto si contano i danni dei temporali che si sono gia’ abbattuti su alcune zone del Paese. All’indomani della bomba d’acqua che ha fatto cadere alberi, divelto transenne e allagato strade e sottopassi, a Caserta si registrano altri effetti collaterali legati al maltempo, tra cui una voragine nel centro della citta’. Anche alcune zone nella penisola sorrentina sono bloccate e l’asfalto ha ceduto in piu’ punti. Inoltre il nubifragio che si e’ abbattuto sul comune di Monteforte Irpino ha provocato diversi allagamenti: un violentissimo fiume di fango e detriti ha trascinato le auto dal centro storico fino a valle mentre alcune famiglie sono state evacuate grazie all’intervento dei vigili del fuoco. Situazioni critiche che hanno portato la Regione Campania a invocare la dichiarazione dello stato d’emergenza. Lo stato di calamita’ naturale per i danni al comparto agricolo in Valcamonica e in Oltrepo’ Pavese – nel Bresciano – e’ stato invece chiesto dall’assessore regionale della Lombardia al Governo. L’arrivo della piogge non sembra fermare pero’ la siccita’. E’ allarme nel Delta del Po, con i primi casi di uccelli acquatici avvelenati dal botulino in valle Mandriole, nel Ravennate, dove il batterio puo’ proliferare per via del prosciugamento degli invasi. Un fenomeno non nuovo che nel 2019 fu particolarmente grave, causando una vera e propria strage di migliaia di uccelli. Quest’anno, informa il Parco del Delta Po, il tempestivo riscontro dei primi casi di botulismo tra gli animali, considerando l’imminente arrivo di migliaia di uccelli migratori, ha indotto l’ente a decidere per il disseccamento della valle. Senza acquitrino infatti il botulino – un batterio anaerobico – non si sviluppa e gli animali dovrebbero tenersene alla larga. I primi animali con sintomi di intossicazione sono stati recuperati e sono in cura. Sulle Alpi invece la siccita’ continua a far emergere tracce del passato. A oltre tremila metri di quota, la fusione del ghiacciaio del Ventina a Cervinia ha restituito un proiettile d’artiglieria della seconda guerra mondiale, richiedendo l’intervento degli artificieri dell’esercito. Con l’ultima ondata di maltempo, secondo un’analisi della Coldiretti, sale il conto degli eventi estremi in Italia dove dall’inizio dell’estate piu’ bollente si sono verificati ben 1.140 tra nubifragi, bombe d’acqua, tornado, tempeste di vento, grandinate e ondate di calore. Il report parla di “un impatto devastante con danni all’agricoltura che superano i 6 miliardi di euro, pari al 10% della produzione nazionale. Le campagne italiane sono allo stremo con cali produttivi del 45% per il mais e i foraggi che servono all’alimentazione degli animali, del 20% per il latte nelle stalle, del 30% per il frumento duro per la pasta di oltre 1/5 delle produzione di frumento tenero, del 30% del riso, del 15% per la frutta ustionata da temperature di 40 gradi, del 20% per cozze e vongole uccise dalla mancanza di ricambio idrico nel Delta del Po, dove – evidenzia la Coldiretti – si allargano le zone di ‘acqua morta’, assalti di insetti e cavallette con decine di migliaia di ettari devastati. Preoccupa anche la vendemmia appena iniziata in Italia con una prospettiva di un calo del 10% delle uve mentre – continua la Coldiretti – e’ allarme negli uliveti con il caldo che rischia di far crollare le rese produttive”. (

Advertisement
Continua a leggere

Ambiente

Nuova isola vulcanica nell’oceano Pacifico, è nata in 11 ore

Pubblicato

del

C’e’ una nuova isola vulcanica nell’oceano Pacifico: e’ nata in appena 11 ore per effetto di un’eruzione sottomarina vicino a Tonga, e in pochi giorni e’ cresciuta fino a raggiungere un’estensione di 24.000 metri quadrati. La sua comparsa e’ documentata dalle immagini riprese lo scorso 14 settembre dal satellite statunitense Landsat 9, di Nasa e Usgs, e da Sentinel-2 del programma di osservazione della Terra Copernicus, di Agenzia spaziale europea (Esa) e Commissione europea. Le immagini mostrano la giovane isola sovrastata da una lunga scia di vapori e cenere e circondata da acque verdognole per il materiale vulcanico riversato in mare. A generare questa nascita spettacolare e’ stato il vulcano sottomarino Home Reef, parte di una dorsale oceanica che si estende dalla Nuova Zelanda a Tonga, in un’area dove la placca del Pacifico sta velocemente scivolando sotto altre due placche (quella di Kermadec e quella di Tonga) a una velocita’ di 24 centimetri all’anno. Il 10 settembre il vulcano si e’ risvegliato da un lungo sonno durato 16 anni e nei giorni successivi ha ripetutamente emesso lava, pennacchi di vapore e cenere. Undici ore dopo l’inizio dell’eruzione e’ apparsa la nuova isola, che inizialmente aveva un’estensione di 4.000 metri quadrati e un’altezza di 10 metri. La sua crescita e’ poi continuata, tanto che il 20 settembre e’ arrivata a coprire una superficie di 24.000 metri quadrati. Resta incerto il suo destino. Le isole create da vulcani sottomarini hanno generalmente vita breve, ma in alcuni casi possono resistere anche per diversi anni. L’ultima isola generata da un’eruzione del vulcano Home Reef nel 2006 e’ stata erosa dalle onde nell’arco di un anno. Un’altra isola formata nel 2020 dall’eruzione del vicino vulcano Late’iki e’ scomparsa dopo appena due mesi, mentre un’isola precedente creata nel 1995 sempre dallo stesso vulcano e’ durata per ben 25 anni.

Continua a leggere

Ambiente

Clima, il 22% di CO2 dai trasporti: 4 città in Italia tra le più inquinate d’Europa

Pubblicato

del

Tra le città più inquinate d’Europa, 4 sono italiane: Cremona, Pavia, Brescia e Vicenza, dove la qualità dell’aria che si respira è “molto scarsa”. E nell’ambiente urbano i 2 settori che incidono maggiormente sul tasso di inquinamento sono la mobilità ed il riscaldamento domestico. In alcune città – tuttavia – anche l’inquinamento industriale e l’agricoltura hanno una notevole incidenza. “Ma i veicoli elettrici possono contribuire enormemente alla transizione verso società più sostenibili: grazie – ad esempio – ai caricabatterie bidirezionali, questi veicoli elettrici possono oggi essere usati come unità di accumulo dell’energia per ampliare notevolmente le capacità di stoccaggio delle reti alimentate da fonti rinnovabili” sottolinea Moreno Scarchini, ceo di EnergRed (www.energred.com), E.S.Co. impegnata nel sostenere la transizione energetica delle pmi italiane, che ha promosso il primo e-Mobility Day a Modena. L’azienda è scesa in prima linea realizzando una speciale due-giorni rivolto agli stakeholder con i quali l’azienda si relaziona. “Vogliamo fare scoprire a tutti le emozioni dell’elettrico, affinché tutti possano comprendere le potenzialità che la mobilità sostenibile è in grado di apportare alla nostra vita, rispettando l’ambiente” sottolinea Moreno Scarchini.

“Il settore dei trasporti contribuisce fino al 22% al totale delle emissioni globali di gas climalteranti. Ma se combinassimo la transizione verso le energie rinnovabili con un passaggio generale ai veicoli a basso consumo – quali biciclette e mezzi di trasporto elettrici – potremmo contribuire in maniera decisiva alla riduzione delle emissioni globali di CO2” mette in evidenza Giorgio Mottironi, responsabile marketing di EnergRed. “Con i nuovi caricatori bidirezionali ‘CC’ in modalità Vehicle-to-Grid (V2G) o Vehicle-to-Home (V2H) oggi l’energia può fluire in due direzioni, andando così a fungere da accumulatori di energia per l’intera rete, a differenza dei classici caricatori unidirezionali ‘EV’ che permettono il flusso di energia soltanto in direzione del veicolo” puntualizza Scarchini. “Quando si pensa alla costruzione di un futuro più sostenibile non si deve più pensare alla mobilità elettrica come un mero mezzo di trasporto ecologico, ma piuttosto al sistema energetico nel suo complesso: solo così sarà possibile riconoscere il ruolo chiave del trasporto elettrico, sia come un tipo di mobilità sostenibile accessibile a milioni di persone, sia – e soprattutto – come sistema in grado di regolare ed equilibrare le reti di distribuzione elettrica alimentate da fonti rinnovabili” conclude il ceo di EnergRed. Ma ad inquinare, anche le nostre case: ogni 115mila appartamenti italiani producono ogni anno un milione di tonnellate di emissioni e ben 15 milioni di italiani vivono ancora oggi in abitazioni dalle caratteristiche energetiche più arretrate, arrivando oltretutto a sprecare mediamente oltre migliaia di euro l’anno per la loro gestione energetica.

Continua a leggere

Ambiente

Fs presenta a Innotrans bus a idrogeno di Qbuzz

Pubblicato

del

Fs ha presentato all’importante appuntamento del settore Innotrans in corso a Berlino gli autobus a idrogeno che Qbuzz, terzo operatore del Tpl in Olanda e controllata di Busitalia, impiega nei servizi di trasporto pubblico locale delle province di Groningen e Drenthe, nel Nord dell’Olanda. La flotta degli autobus a idrogeno dell’operatore olandese e’ formata da 32 veicoli “completamente a emissioni zero”, che sfruttano una “innovativa tecnologia” in grado di convertire “l’idrogeno in elettricita’ senza alcuna emissione di Co2”. Durante la marcia, infatti, il sistema converte l’idrogeno in energia elettrica e la immagazzina in una cella a combustibile, utilizzata direttamente per azionare il motore elettrico. Inoltre, l’autobus recupera energia durante la frenata. E’ stato spiegato durante la presentazione del mezzo alla rassegna tedesca. “Avere una societa’ come Qbuzz, leader in Olanda, nel Polo Passeggeri del Gruppo Fs ci consentira’ di condividere tutte le competenze necessarie per implementare l’utilizzo dell’idrogeno anche in Italia”, ha quindi messo in evidenza l’amministratore delegato del gruppo italiano, Luigi Ferraris. “Questi sono veicoli completamente a emissioni zero. Affinche’ sia davvero una energia pulita, pero’, l’idrogeno deve essere green, cioe’ prodotto con processi che non emettono Co2 o altri inquinanti, come avviene per gli autobus di Qbuzz. E’ evidente come anche in Italia sia molto importante far crescere e sviluppare le energie pulite, cosi’ da poter derivarne poi l’idrogeno”, ha spiegato Ferraris, sottolineando che Fs sta approfondendo la sua applicazione anche nel settore ferroviario, collaborando con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilita’ Sostenibili, l’Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria, altri gestori ferroviari locali e le Regioni italiane interessate a sfruttare le opportunita’ messe in campo dal Pnrr nel settore del trasporto a idrogeno”. Il primo bus a idrogeno a suo tempo ebbe un costo di 1,3 milioni di euro nel 2013, da allora pero’ la spesa necessaria e’ scesa a 650.000 euro nel 2019, avvicinandosi poi ai 500.000 euro di un bus elettrico, ha spiegato l’a.d di Qbuzz, Gerrit Spijksma.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto