Collegati con noi

Esteri

Si allarga lo scandalo, carte segrete anche a casa Pence

Pubblicato

del

Lo scandalo delle carte segrete si allarga. Dopo quelle di Donald Trump e Joe Biden, spuntano anche quelle trovate in casa dell’ex vicepresidente Mike Pence in Indiana. Si tratta di una decina di documenti bollati come classificati e consegnati subito alle autorità americane. La scoperta, ha riferito la Cnn, è stata effettuata da un legale di Pence dopo che l’ex vicepresidente aveva chiesto, in via precauzionale, di esaminare tutte le sue carte in seguito allo scandalo dei documenti trovati in un ex ufficio di Biden a Washington e nella sua abitazione in Delaware. La ricerca in casa Pence ha rivelato la presenza di un “piccolo numero” di fascicoli riservati, di cui gli Archivi Nazionali e il Dipartimento di Giustizia sono stati subito informati.

La scoperta infatti è stata effettuata il 18 gennaio e il giorno seguente i documenti sono stati consegnati all’Fbi. Proprio gli agenti federali, insieme al Dipartimento di Giustizia, hanno avviato un’indagine per accertare come le carte siano finite nell’abitazione privata di Pence. “Il vicepresidente non era a conoscenza dell’esistenza di documenti classificati nella sua abitazione. E’ consapevole dell’importanza di queste informazioni ed è pronto a cooperare pienamente in ogni appropriata inchiesta al riguardo”, ha fatto sapere il suo staff.

Dopo la fine della presidenza Trump, le carte segrete avrebbero prima seguito Pence in un’abitazione temporanea in Virginia. Poi sarebbero state trasferite a Carmel, Indiana, nella residenza di famiglia dell’ex vicepresidente. I documenti sarebbero stati rinvenuti in scatole chiuse con il nastro adesivo che non sembrerebbero essere mai state aperte da quando sono state impacchettate. Il nuovo ritrovamento alimenta il dibattito sulla gestione dei documenti classificati dopo lo scandalo di Trump prima e Biden poi.

Nelle abitazioni private dell’ex presidente e dell’attuale inquilino della Casa Bianca sono state infatti trovate carte riservate, per indagare le quali il Dipartimento di Giustizia ha nominato procuratori speciali nel tentativo di restare imparziale. “Non seguiamo regole diverse per i democratici o i repubblicani, per i potenti e per coloro che non lo sono, per i ricchi o per i poveri”, ha assicurato il ministro della Giustizia Merrick Garland respingendo le accuse di un doppio standard per Trump e Biden.

“Ci basiamo per ogni caso sui fatti e sulle legge, in modo neutrale e non fazioso”, ha aggiunto. Parole che non sembrano però avere molto successo nel placare le critiche dei repubblicani contro il presidente, la cui possibile candidatura al 2024 sembra sempre più in bilico a causa dello scandalo.

Advertisement

Esteri

Usa, ‘armi a Kiev per difesa, la Crimea è ucraina’

Pubblicato

del

“Ci rammarichiamo per ogni perdita di vite umane in questa guerra. Forniamo armi all’Ucraina affinché possa difendere il suo territorio sovrano contro l’aggressione armata, anche in Crimea che, ovviamente, fa parte dell’Ucraina”: cosi’ il portavoce del dipartimento di stato Usa Matthew Miller ha risposto ad una domanda sulla minaccia di conseguenze da parte di Mosca per l’attacco ucraino con armi americane a Sebatopoli.

Continua a leggere

Esteri

Niger: principale miniera uranio torna sotto controllo pubblico

Pubblicato

del

Il Niger ha confermato che una delle più grandi miniere di uranio del mondo è tornata sotto il controllo pubblico, dopo aver revocato la licenza di esercizio al produttore francese di combustibile nucleare Orano. La settimana scorsa la società ha dichiarato di essere stata esclusa dalla miniera di Imouraren nel nord del Niger, con una mossa che ha evidenziato le tensioni tra la Francia e i governanti militari del Paese dell’Africa occidentale.

Il governo ha rilasciato una dichiarazione ieri sera in cui afferma che il sito di Imouraren è tornato “di dominio pubblico dello Stato”, giustificando la revoca della licenza affermando che Orano “non ha mai onorato i suoi impegni” nonostante due “avvisi formali” consegnati dal Ministero delle Miniere nel febbraio 2022 e nel marzo di quest’anno. Orano ha dichiarato giovedì di aver “preso atto” del ritiro della licenza alla sua controllata Imouraren Sa. La mossa è avvenuta nonostante la recente ripresa delle “attività” nel sito realizzata in linea con i desideri del governo, secondo Orano. La società ha aggiunto di essere “disposta a mantenere aperti tutti i canali di comunicazione” con le autorità, riservandosi il diritto di contestare la decisione nei tribunali nazionali o internazionali.

La miniera di Imouraren contiene circa 200.000 tonnellate di uranio, utilizzato per l’energia nucleare e le armi. Ma lo sviluppo è stato congelato dopo il crollo dei prezzi mondiali dell’uranio in seguito al disastro nucleare di Fukushima del 2011 in Giappone. I governanti militari del Niger hanno promesso di rivedere le concessioni minerarie nel Paese da quando hanno preso il potere con un colpo di Stato nel luglio del 2023, come parte della loro attenzione alla sovranità nazionale.

Hanno anche rotto i legami con la Francia, ex potenza coloniale e partner tradizionale, e si sono rivolti alla Russia che sta cercando di estendere la sua influenza nella regione. Secondo i dati dell’organizzazione atomica Euratom, nel 2022 il Niger rappresentava circa un quarto dell’uranio naturale fornito alle centrali nucleari europee.

Continua a leggere

Esteri

Wikileaks, Assange è libero e ha lasciato il Regno Unito

Pubblicato

del

Julian Assange è libero e ha lasciato ieri il Regno Unito e il carcere di massima sicurezza vicino Londra dove era stato incarcerato per cinque anni, ha annunciato oggi WikiLeaks dopo la notizia dell’accordo di dichiarazione di colpevolezza raggiunto con la giustizia americana.

Il fondatore di Wikileaks “ha lasciato il carcere di massima sicurezza di Belmarsh la mattina del 24 giugno, dopo avervi trascorso 1901 giorni. Gli è stata concessa la libertà su cauzione dall’Alta corte di Londra ed è stato rilasciato nel pomeriggio all’aeroporto di Stansted, dove si è imbarcato su un aereo ed è partito dal Regno Unito”, si legge in un comunicato pubblicato sull’account X dell’organizzazione.

“Questo è il risultato di una campagna globale che ha coinvolto organizzatori di base, attivisti per la libertà di stampa, legislatori e leader di tutto lo spettro politico, fino alle Nazioni Unite. Ciò ha creato lo spazio per un lungo periodo di negoziati con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, che ha portato a un accordo che non è stato ancora formalmente finalizzato”, viene specificato da Wikileaks. “Assange dopo più di cinque anni in una cella di 2×3 metri, isolato 23 ore al giorno, presto si riunirà alla moglie Stella Assange e ai loro figli, che hanno conosciuto il padre solo da dietro le sbarre”, conclude la nota.

La madre di Julian Assange ha detto oggi che il “calvario sta finalmente giungendo al termine” per il fondatore di Wikileaks. In una dichiarazione ai media australiani in seguito alla notizia di un patteggiamento con la giustizia americana, Christine Assange ha affermato di essere “grata che il calvario” del figlio “stia finalmente giungendo al termine: ciò dimostra l’importanza e il potere della diplomazia silenziosa. Molti – ha aggiunto – hanno sfruttato la situazione di mio figlio per portare avanti i propri programmi, quindi sono grata a quelle persone invisibili e laboriose che hanno messo al primo posto il benessere di Julian. Gli ultimi 14 anni hanno messo a dura prova me come madre”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto