Collegati con noi

Cultura

L’ex direttore del Mattino Barbano oggi collaboratore di De Luca scrive un libro per spiegare che è necessario riportare il sapere al potere

Pubblicato

del

“Credo che si debba riportare la democrazia dal pathos, dalla verità sentimentale del populismo al logos, alla verità razionale che tiene insieme il sapere con il potere. Sapere e potere sono stati disarticolati, separati drammaticamente dal populismo facendo sì che l’ignoranza sia diventata la fonte di legittimazione della politica. Noi dobbiamo riportare il sapere al potere”.  Alessandro Barbano, per anni giornalista dipendente della famiglia Caltagirone, prima a Roma con i gradi di colonnello al Messaggero, poi a Napoli a presidio degli affari della famiglia romana col ruolo di direttore e “generale” de “Il Mattino”, vuole portare al potere il sapere. E ce lo spiega con un libro che scrive per Mondadori Editore. Il titolo è  ‘Le dieci bugie. Buone ragioni per combattere il populismo’. Il libro lo presenta a Napoli,  poi lo presenterà l’11 marzo a Milano e il 13 a Roma. Nel libro, Barbano “smaschera” le bugie che alimentano il populismo che – ha spiegato – “riassumono i luoghi comuni, i vizi e gli errori che dalle culture tradizionali politiche transitano verso il populismo, si estremizzano e diventano poi un credo”. Tra le bugie citate l’idea che ‘il nuovo sia sempre meglio del vecchio, che il merito faccia male alla democrazia, che le politiche neoliberiste hanno causato la crisi in cui l’Italia si trova quando invece – afferma il giornalista – nel nostro Paese una politica liberale ancora non si è vista.

Le buie e i tic ideologici dei populisti 

Le bugie sono i tic ideologici, le tentazioni estremizzanti che segnano gli ultimi 25 anni della storia d’Italia che poi diventano nel populismo una religione, una fede, una mistica”. Un libro scritto perche’ – ha sottolineato Barbano – “credo che quando sia afferma un conformismo di massa che umilia la democrazia, che considera il compromesso l’inciucio e l’elite la casta, c’è la strada per un pensiero controcorrente per dimostrare che questa mistificazione è figlia di una demagogia falsificatrice che si è imposta alla democrazia italiana”. Uno scenario politico che tuttavia – come evidenziato – non attiene soltanto all’Italia sebbene l’Italia “sia il primo Paese dove il populismo diventa prospettiva concreta di Governo” come accadde agli inizi del Novecento in Europa “quando l’Italia fu laboratorio politico dei fascismi”. Secondo Barbano “siamo in una congiuntura globale in cui la delega è sotto attacco. La democrazia – ha concluso – non e’ condizione acquisita per sempre, ma e’ equilibrio dinamico che puo’ progredire o regredire. E dopo 70 anni di pace, L’Europa sembra aver un po’ dimenticato questa coscienza”. A discutere le tematiche del volume, insieme all’autore, la giornalista Titti Marrone, il filosofo Biagio De Giovanni, lo scrittore e regista Ruggiero Cappuccio e il Rettore dell’Università Federico II, Gaetano Manfredi.

Advertisement

Cultura

Pompei: apre al pubblico l’insula dei casti amanti

Pubblicato

del

Apre alle visite l’Insula dei Casti Amanti. Da martedì 28 maggio un percorso sopraelevato su passerelle sospese consentirà al pubblico di osservare dall’alto l’intera Insula (isolato), comprendente la casa dei Casti Amanti, la casa dei Pittori al lavoro e la casa del Cenacolo colonnato. Si potrà assistere alle attività di indagine e restauro in corso e ammirare gli ambienti emersi durante le recenti attività di scavo.

Tra questi una stanza decorata con figure mitologiche e divinità e la singolare immagine di un bambino con cappuccio e mantello da viaggiatore; disegni a carboncino eseguiti da bambini in un cortile di servizio, e un androne dove sono stati rinvenuti due scheletri di vittime dell’eruzione. Le facciate e alcuni ambienti dell’insula furono scavati nel 1912; dagli anni ’80 seguirono altri scavi che hanno portato alla luce importanti parti delle strutture interne dell’isolato, che fu visitabile, per la parte allora indagata, a periodi alterni.

Il progetto in corso, suddiviso in due lotti per importi di 7 e 5 mio di Euro rispettivamente, mira alla creazione di una copertura con impianto fotovoltaico integrato, di un percorso accessibile a quota dei piani superiori delle case e al completamento dello scavo e del restauro degli ambienti sottostanti, eleminando in tal modo cause di degrado dovute allo scavo parziale del complesso. A partire dal 28 maggio 2024 sarà possibile accedere tutti i giorni dalle ore 10.30 alle 18:00, attraverso un percorso che, interamente “accessibile” , va ad implementare l’itinerario senza barriere architettoniche “Pompei per Tutti”, e include un ascensore per il raggiungimento delle passerelle sospese.

Il percorso dall’alto consentirà una visione innovativa e globale dell’intera insula, nonché dell’architettura delle case romane con l’alternarsi, come in questo caso, di ambienti vari adibiti ad usi diversi, dal produttivo al commerciale all’abitativo, oltre che dell’attività di cantiere in atto, nell’ottica di una rinnovata e migliore fruizione al pubblico e di un approccio di “archeologia pubblica”. L’ingresso sarà contingentato allo scopo di garantire un’ottimale accessibilità e fruizione in sicurezza del percorso, anche in considerazione delle attività in essere al livello archeologico. La progettazione dei due lotti è stata sostenuta con fondi del Grande Progetto Pompeii (2014-2022), mentre i lavori hanno beneficiato di un finanziamento del PON Fesr 2014-2020.

Continua a leggere

Cultura

“I cioccolatini di Olga”, la regista Laura Angiulli si ispira a Roth

Pubblicato

del

Debutta in prima nazionale alla Galleria Toledo di Napoli, teatro stabile d’innovazione ai Quartieri Spagnoli, “I cioccolatini di Olga”, liberamente ispirato a ‘L’orgia di Praga’ di Philip Roth, drammaturgia e regia Laura Angiulli, con Alessandra d’Elia e Antonio Marfella, da giovedì 23 maggio alle 20.30 a domenica 26 maggio). La scena è di Rosario Squillace, il disegno luci del Premio Ubu Cesare Accetta.

“L’orgia di Praga, apparentemente un’operina, pulsa del desiderio d’appartenenza e condivisione – spiega Angiulli -. Se la formazione e i più generali caratteri culturali di Philip Roth fanno riferimento al Nord Est di quell’America della quale fin dall’infanzia lui assume in proprio i tratti, le consuetudini, le passioni giovanili proprie di certa popolazione immigrata di più o meno recente generazione, è anche vero che il richiamo delle radici resta forte, e insiste sulle scelte di vita e letterarie dell’autore e non di rado nell’ampio peregrinare della scrittura lo riporta indietro, in un andare a ritroso attraverso le generazioni”.

Il romanzo esce nel 1985, quarto e ultimo capitolo della tetralogia su Zuckerman, alter-ego dello scrittore questa volta alla ricerca delle novelle inedite del padre del collega Zdeněk Sisovskì in esilio in America. “C’è il riconoscimento di una distanza avvertita e sofferta dal soggetto scrivente – prosegue Angiulli – per caso portato dagli eventi in quella terra della sua antica origine, al tempo ancora oppressa dalla violenza della dominazione sovietica. Le figure faticosamente si aggirano sulla scena dell’opera, quasi fantasmi nella nebbia offuscante di un diritto di sopravvivenza tanto reclamato quanto negato, e pure si stagliano per la nettezza della rappresentazione e si fanno elementi di configurazione di un più ampio spaccato umano che può facilmente essere assunto a segno di una mortificante conduzione di vita, quasi negazione della vita stessa”. Dal racconto sulle conseguenze impreviste dell’arte Roth scrisse una sceneggiatura per un adattamento televisivo mai realizzato.

Continua a leggere

Cultura

Premio Elsa Morante, festa in Rai per i premiati da Avallone a Mannoia

Pubblicato

del

È stata dedicata a ‘La storia’, per i 50 anni del romanzo, la 38/a edizione del Premio Elsa Morante, celebrata all’Auditorium Rai di NAPOLI gremito da ragazzi. La giuria presieduta da Dacia Maraini e composta da Marco Cerbo, Enzo Colimoro, Lino Guanciale, David Morante, Tiuna Notarbartolo, Antonio Parlati, Fiorenza Sarzanini, Teresa Triscari, ha assegnato nove premi: Narrativa a Silvia Avallone (“Elsa Morante è la prima donna che ho letto e mi ha insegnato a lottare da tutti gli stereotipi. Anche il male è uno stereotipo e la letteratura funziona al contrario della cronaca”) per il romanzo “Cuore nero” (Rizzoli); Premio Morante Ragazzi -Prosa e Poesia a Gianluca Caporaso per “Il signor conchiglia” (Salani); Elsa Morante Ragazzi – Storia a Giordano Bruno Guerri per “Storia del mondo, dal bigbang a oggi” (La Nave di Teseo); Ragazzi-per il Sociale a Barbara Stefanelli per “Love harder, le ragazze iraniane camminano davanti a noi” (Solferino). Premi per la Musica sono stati assegnati a Fiorella Mannoia, Carlo Di Francesco ed Alfredo Rapetti Mogol, per Mariposa. “Mentre guardavamo la serie ‘Il grido delle farfalle’, ispirata alla vita delle sorelle Mirabal, Carlo ha iniziato a scrivere delle frasi – ha raccontato Mannoia, festeggiata con una ovazione dagli oltre mille ragazzi presenti – Questa canzone è nata da una tragedia: tre di queste sorelle furono terribilmente massacrate dal regime dominicano di Rafael Trujillo. Mariposa vuol dire farfalla in spagnolo. Poi abbiamo dato tutto ad Alfredo Rapetti Mogol e insieme abbiamo creato questo brano”.

Il premio Graphic Novel è andato a Josephine Yole Signorelli, in arte Fumettibrutti e il Premio sezione Cinema a Marta Savina per il suo “Primadonna”. In vari paesi del mondo aderenti alla rete del Morante, grazie al patrocinio del ministero degli Esteri, molti ragazzi hanno seguito l’evento online. Conduttori sono stati Alessandro Incerto e Tiuna Notarbartolo. L’evento, organizzato dall’Associazione Culturale Premio Elsa Morante con il patrocinio della Rai Campania, ministero dell’Istruzione e del Merito e di quello per gli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale è coordinato da Iki Notarbartolo. Tra le attività collaterali domani alle 10 parte il nuovo format digitale Made in Culture: primo ospite, intervistato al teatrino di Corte di Palazzo Reale, è il cantante LDA.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto