Collegati con noi

Napoli

Il premio Leone d’ Oro a “Mimì alla Ferrovia”, tempio della ristorazione di Napoli da 75 anni

Avatar

Pubblicato

del

“Mimì alla Ferrovia” non è semplicemente e banalmente un ristorante. Non è solo un posto in cui si mangia meravigliosamente. “Mimì alla Ferrovia” a Napoli è per chiunque ci va, la cucina di casa. Sì, la cucina di mamma, la cucina di nonna, la cucina tradizionale tipica napoletana e italiana. È come stare seduto a casa in famiglia e mangiare in una ambiente accogliente, caldo, familiare. Negli anni dei masterchef e degli aspiranti chef, il ristorante di Mimì alla Ferrovia non indugia nello spettacolo, è la tradizione della cucina italiana. Ristoratori non da tv o improvvisati ma di lunghissima e consolidata tradizione. I Giugliano sono dal 1943, quando ancora infuriava la guerra, un punto di riferimento della gastronomia e della ristorazione a Napoli, al Sud. “Mimì alla Ferrovia” è gestito dai cugini Michele & Michele Giugliano e dai loro figli, lo chef Salvatore e la manager Ida, che si occupa anche delle relazioni esterne ed istituzionali dell’azienda. Che ha un altro gioiello della ristorazione a Napoli, in collina, al Vomero, meta della buona borghesia  e soprattutto dei calciatori del Napoli. Parliamo del ristorante “D’Angelo Santa Caterina” in via Aniello Falcone, con vista mozzafiato sul golfo di Napoli.

Il Leone d’Oro. Premio ritirato a Montecitorio da Michele e Salvatore Giugliano

E per i Giugliano, la famiglia titolare del marchio “Mimì alla Ferrovia” è arrivato l’ennesimo  importante riconoscimento. Questa volta è il comitato del gran premio internazionale “Leone d’Oro di Venezia”, che ogni anno seleziona le aziende che con la loro attività hanno contribuito alla crescita dell’economia italiana, che ha premiato i titolari del ristorante “Mimì alla Ferrovia”. La cerimonia si è svolta a Roma, Sala della Regina,  presso la Camera dei Deputati. È qui, in questo luogo istituzionale, che il patron Michele Giugliano e lo chef Salvatore Giugliano hanno ritirato la prestigiosa pergamena come riconoscimento speciale alla carriera e la nomination per partecipare alla selezione per la “Targa del Leone d’Oro”. Quale è il segreto del successo? “Più che segreto parlerei di ricetta semplicissima – spiega Salvatore Giugliano. Ogni giorno manteniamo le radici ben salde nella tradizione con la proposta di ricette classiche e al contempo ci sforziamo di avere una visione chiara anche verso i nuovi orizzonti gastronomici, per riuscire a soddisfare ogni ospite, amico di Mimì, come accade da ben settantacinque anni” conclude Salvatore.

La cucina di Mimì alla Ferrovia. Lo chef nel suo regno

Advertisement

Ambiente

Bonifiche a Bagnoli, prima riunione della cabina di regia con il ministro Provenzano: da 25 anni solo chiacchiere

Avatar

Pubblicato

del

Siamo a parlare sempre di Ilva. Questa volta parliamo della Italsider, ex Ilva di Napoli, nel quartiere di Bagnoli. La fabbrica fu chiusa ad inizio anni ’90. Tutti a casa. Migliaia di persone lasciate in mezzo alla strada. Dissero che avrebbero fatto le bonifiche dei suoli e avrebbero restituito alla sua originaria vocazione turistica questo quartiere che ha una posizione geografica meravigliosa, incastonato tra la collina di Posillipo, l’isola di Nisida e il Golfo di Pozzuoli. Di bonifiche si parla da allora. Sono stati buttati centinaia di milioni di euro. Parte anche in truffe (sono inchieste, processi, non volgari apprezzamenti giornalistici).  E non c’è fine, anzi non c’è inizio a questa bonifica di Bagnoli. A 25 anni dalla chiusura definitiva dell’impianto. Oggi si è svolta una riunione della cabina di regia per il risanamento di Bagnoli, fanno sapere fonti di Palazzo Chigi. È stata la prima riunione convocata dal nuovo presidente del tavolo, il ministro per il Mezzogiorno Giuseppe Provenzano (l’ennesimo ministro che passa) e si è svolta alla Porta del Parco di Bagnoli. Alla riunione, oltre a Provenzano, c’erano il commissario di Bagnoli Francesco Foro Flores, il vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola (fresco indagato per corruzione in relazione alle Universiadi) e gli assessori del Comune di Napoli Carmine Piscopo e Raffaele Del Giudice. È stata la prima riunione dopo l’approvazione dell’ennesimo piano di bonifica e risanamento approvato sotto la presidenza dell’ex ministro Barbara Lezzi, predecessore di Provenzano.

Continua a leggere

In Evidenza

Paul Mac Cartney torna a Napoli in concerto dopo 29 anni: città piena di energia, non vedo l’ora di divertirmi

Avatar

Pubblicato

del

Paul McCartney, lo ‘scarafaggio’ nonchè baronetto di Sua Maestà la Regina ha annunciato 2 concerti in Italia per il 2020. Il suo è un ritorno sette anni dopo il suo ultimo concerto nel Belpaese. Il tour lo porterà a esibirsi a Napoli e a Lucca.

Le due date del “’Freshen up’ Tour 2020” sono: il 10 giugno a Napoli, in piazza Plebiscito; il 13 giugno a Lucca, Mura Storiche.

Mentre in Toscana sarà la prima volta, per l’ex Beatles quello di Napoli è un ritorno dopo 29 anni. Sul blog della casa di Produzione, l’ex frontman e chitarrista dei Beatles, gruppo che ha fatto la storia del rock, si dice “affascinato dal ritorno a Napoli, una città piena di energia, con un suo modo di vivere originale, che ricordo con piacere e di cui spesso leggo e mi parlano perchè Londra è piena di napoletani e perchè Liverpool è la Napoli del Regno Unito. Non vedo l’ora di tornare. Non posso credere che siano passati sette anni dal nostro ultimo concerto in Italia e 29 addirittura dall’ultima volta a Napoli. Ci siamo divertiti tantissimo e siamo certi che queste saranno due serate memorabili per noi e non vediamo l’ora di tornare. Un ulteriore bonus per me è il fatto che questa sarà la mia prima volta di sempre a Lucca. Ecco, Italia tieniti pronta a scatenarti!”.  Paul si è già esibito in 39 spettacoli straordinari in 12 paesi diversi da quando ha annunciato il suo tour mondiale Freshen Up, la cui ultima tranche si è conclusa con un concerto sold-out al Los Angeles Dodger Stadium a luglio.

Le 5 stelle ricevute nelle recensioni della critica musicale e lo stesso totale entusiasmo ricevuto da parte dei suoi fan, un pubblico di ogni età e background, dimostra come la carriera di Paul sia senza eguali, un fenomeno sia come performer che come songwriter e con un appeal globale. A raccontare il piacere, la voglia di suonare a Napoli di Paul McCartney è stato a più riprese uno dei manager di maggior successo in fatto di concerti di rockstar globali come  Mimmo D’Alessandro. Testimone diretto di questo feeling di Mac Cartney con Napoli anche il suo ex portavoce e addetto stampa dal 1989 al 2004, Geoff Baker. “Paul McCartney era affascinato da Napoli. Fu lui a chiedermi di suonare a Napoli, in quel suo breve tour a sorpresa del 1991. Io, da napoletano – ha raccontato Mimmo D’Alessandro -, fui naturalmente felicissimo della proposta e presi l’occasione al volo per organizzare tutto nel più breve tempo possibile”. Ora che il concerto è realtà, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, sui social, ha ringraziato la rockstar di Liverpool.  “Paul, ti aspettavamo da tanto. Siamo orgogliosi che tu abbia scelto Napoli come prima tappa del tuo tour 2020 a piazza del Plebiscito. Welcome back” è il messaggio.

Quella che segue è una foto del concerto napoletano del 5 giugno del 1991 che Paul Mc Cartney ha postato sul suo blog e sui suoi social, frequentati da milioni di followers.

Era il 5 giugno del 1991, al Teatro Tenda (per la verità, lui scrive Teatro Tendo). E quella che vedete di seguito è la scaletta del concerto, con tutte le canzoni che duemila fortunati spettatori si goderono quella sera memorabile.

Electric Set

Di questo concerto è stato poi dato alle stampe un “celebration book”. Anzi per chi volesse rivivere quel concerto, tutto quello che c’è stato anche dietro le quinte, c’è un bel libro di Carmine Aymone e Michelangelo Iossa “Paul McCartney a Napoli – 5 giugno 1991”.

 

 

Continua a leggere

Cultura

Festival del cinema dei diritti umani, tutti gli appuntamenti di Napoli

Avatar

Pubblicato

del

Si apre mercoledi 20 Novembre con un appello per la liberazione di Silvia Romano, la giovane cooperante rapita un anno fa in Kenya il Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli. Silvia Romano  volontaria per la ONLUS Africa Milele della quale non si hanno più notizie certe, se non quelle frammentarie che la Farnesina di tanto in tanto fa trapelare Silvia è ancora nelle mani dei rapitori e l’obiettivo promario oltre a quello della sua liberazione è non far calare il silenzio sulla sua scomparsa. A lanciare l’appello da Napoli i rappresentanti delle Ong e delle associazioni umanitarie internazionali (come Amnesty ed Emergency), che saranno le protagoniste del primo giorno del Festival. La giornata sarà un’occasione per parlare del lavoro delle Organizzazioni Non Governative (ONG) andando oltre a come le si è volute dipingere nelle recenti e tragiche cronache dell’ultimo anno. Si parlerà del loro lavoro, improntato quasi esclusivamente sul volontariato, elencando dati precisi e non gli strali alimentati dalle fake news con le quali siamo stati bersagliati per mere strumentalizzazioni politiche.

Conferenza stampa di presentazione  il 20 novembre  alle 9.30 a Palazzo San Giacomo in Sala Giunta per poi entrare nel vivo del Festival nel pomeriggio presso lo Spazio Comunale Piazza Forcella l’anteprima nazionale di WANTOKS di Iara Lee e la proiezione di Interdipendence della ONG Art For The World.

Giunto all’undicesima edizione il Festival  del Cinema dei Diritti Umani di Napoli, quest’anno è dedicato al tema dell’ambiente come riporta il titolo che può sembrare una affermazione, una cosciente consapevolezza, ma di fatto è un interrogativo cui i cineasti con i loro titoli in concorso pongono a se stessi e a noi, mettendoci di fronte a fatti concreti e prima di tutto compiuti, come stiamo registrando in questi giorni sulle nostre coste e nelle nostre città.

Tante le presenze e le testimonianze a cominciare dalla conferenza della mattina in sala giunta con giornalisti dell’AGI – Agenzia Giornalistica Italia Angelo Ferrari e Luciano Scalettari, Rossella Miccio in rappresentanza di Emergency, Riccardo Noury in rappresentanza di Amnesty Italia, Angelica Romano della ONG “Un Ponte per…”, il comandante Tommaso Stella di “Nave Mediterranea” e altri.

Nel pomeriggio invece allo Spazio Comunale Piazza Forcella (via Vicaria Vecchia, 23) due appuntamenti di valore internazionale. Alle 18.30 Francesco Quatrano, attivista e collaboratore della regista Lara Lee, presenterà il movimento Cultures of Resistance e l’ultimo film della cineasta sull’affondamento delle Isole Salomone, “WANTOKS – Dance of Resilience in Melanesia” in anteprima nazionale.

 

Poi cominceranno una serie di appuntamenti e incontri che vedranno il Festival dividersi in due parti

dal 20 al 23 novembre sarà Eventi Internazionali e al contempo itinerante.

Giovedì 21 il Festival si sposterà, come ormai consuetudine, alla Casa Circondariale “G. Salvia” di Poggioreale con una riflessione sul mito del “boss” attraverso un film ironico di Giovanni Meola, “Bando di concorso”, e una discussione, moderata dal giornalista Sandro Ruotolo, con alcuni testimoni privilegiati, tra cui il cantautore Maldestro e don Franco Esposito, cappellano del carcere. Nel pomeriggio, a Piazza Forcella, ci sarà un dibattito organizzato dall’Atlante dei conflitti e delle guerre del mondo, pubblicazione giunta alla nona edizione, per affrontare il tema delle conseguenze delle guerre sui civili e sulla natura.

Venerdì 22 novembre il Festival sbarca all’Università. Alle 9.30 al Dipartimento di Giurisprudenza (via Porta di Massa – aula 28) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II saranno di scena le associazioni Fridays for Future e Teachers for Future di Napoli che racconteranno le loro azioni a sostegno dell’ambiente introdotte dal professor Antonio Cavaliere (docente di Diritto Penale – Univ. Federico II), dalle iniziative antinucleari di Padre Alex Zanotelli, dalle riflessioni scientifiche dell’ingegner Giovanni de Paoli dell’ENEA e del professor Michelangelo Russo, Direttore del DIARC della Federico II. Un intervento molto atteso sarà quello di Tiziana Volta, coordinatrice italiana della II Marcia Mondiale per la Pace.

A seguire il Festival incontrerà i lavoratori della Whirlpool, non solo ambiente, non solo volontariato, ma il mondo del lavoro entrerà nel programma del Festival

Sabato 23 novembre  con una mattinata nello stabilimento Whirlpool di Napoli, in crisi, e con le testimonianze di sindacalisti ed esperti provenienti da altri siti dove l’inquinamento e i veleni mettono a dura prova il confronto tra occupazione e salute pubblica. Tra questi testimoni dell’ex-ILVA di Taranto, delle Fonderie Pisano di Salerno e rappresentanti della Fiom Lazio e del mondo dell’associazionismo legato alla Terra dei Fuochi. La sera (ore 18) a Piazza Forcella la ricercatrice universitaria Valentina Ripa dialogherà con il regista Marco Bechis del pericoloso trend, non solo climatico-ambientale, dell’Amazzonia e dell’America Latina con la proiezione de “La terra degli uomini rossi – Birdwatchers” dello stesso Bechis. La chiusura (musicale) della serata sarà affidata a Jovine.

Nelle sere dal 27 al 29 novembre, nella monumentale cornice di Maschio Angioino (Napoli), dalle 16 alle 22, saranno proiettati i 31 film che hanno superato il primo livello di selezione del concorso cinematografico. Si tratta di 7 lungometraggi e 24 corti tra cui saranno scelti i due film vincitori (miglior cortometraggio e miglior lungometraggio) dalla Giuria Esperti (composta da Elisabetta Pandimiglio, documentarista romana; Sandro Ruotolo, giornalista; Antonio Prata, direttore del Festival dei Diritti Umani di Lugano; Sandra Lorenzano, docente della Universidad Autónoma de México ed esperta di migrazioni).

 

Tutti i convegni, gli incontri e le proiezioni dei film sono naturalmente gratuiti.

 

Ph. da FB pagina Silvia Romano Libera

Ph. da FB pagina Silvia Romano Libera

Continua a leggere

In rilievo