Collegati con noi

Salute

Epatite colestatica acuta dopo l’assunzione di integratori a base di curcuma, ecco i prodotti ritirati dal mercato

amministratore

Pubblicato

del

Salgono a 20 i casi di epatite colestatica acuta, non infettiva e non contagiosa, segnalati dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e riconducibili al consumo di integratori a base di curcuma. Il Ministero della Salute aggiorna così i casi a oggi, 12giugno. “Sono in corso le verifiche per individuare la causa responsabile dei casi di epatite. In attesa delle analisi, i consumatori sono invitati, a titolo precauzionale, a sospendere il consumo di tali prodotti”, rende noto il Ministero. I casi segnalati sono correlati a prodotti di diverse marche che appresso vi elenchiamo come quelli di tutti i lotti ritirati.

Ecco gli integratori a base di curcuma ritirati dal mercato e che non devono essere usati.

  1. Piperina e curcuma più 95 – lotto 9023 scadenza febbraio 2022- Bodyline, prodotto da Phytoprime
  2. CRCMN-P – HB (Health & Beauty)
  3. Piperina e Curcuma plus  HTF Group San Marino –  lotto 2379 – prodotto da ALSA LAB
  4. Rubigen curcuma e piperina – lotto 210219 scadenza febbraio 2022 – Naturfarma
  5. Movart – lotto M80315 – Scharper S.p.A., Farmaceutici Procemsa spa Nichelino
  6. Curcuma Piperina Abbè Roland prodotto da Studio 3 Farma s.r.l.
  7. Versalis – lotto I 0187 scadenza 01/2022 – Geofarma s.r.l. – prodotto da Labomar s.r.l.
  8. Rubigen curcuma e piperina – lotto 250119 – Naturfarma
  9. Curcumin+piperin – Vegavero – prodotto da Vanatari International GMBH, Berlino
  10. Tendisulfur Forte bustine – Laborest Italia s.r.l. prodotto da Nutrilinea s.r.l.
  11. Cartijoint Forte – lotto 24/18 – Fidia Farmaceutici s.p.a. prodotto da Sigmar Italia s.p.a.
  12. Curcuma liposomiale più pepe nero – lotto 1810224, scadenza 10/21, prodotto da Laboratories Nutrimea con sede e stabilimento di produzione rue des Petits Champs 20, FR 75002, Parigi
  13. Curcuma 95% Maximum – lotto 18L264, scadenza 10/2021, prodotto da Ekappa Laboratori s.r.l. per conto di Naturando s.r.l.
  14. Curcuma complex – B.A.I. aromatici per conto di Vitamin shop
  15. Tumercur – Sanandrea
  16. Movart – lotto M70349 scadenza 08/2019 – Scharper S.p.A., Farmaceutici Procemsa spa Nichelino
  17. Curcuma Meriva 95% 520mg Piperina 5 mg – Farmacia dr. Ragazzi, Malcontenta
  18. Curcuma “Buoni di natura” – Terra e Sole
  19. Curcumina Plus 95% – lotto 18L823 – NI.VA prodotto da Frama
  20. Curcumina 95% Kline – lotto 18M861 – NI.VA prodotto da Frama
  21. Curcumina Plus 95% piperina linea@ – lotto 2077-LOT 19B914 – NI.VA prodotto da Frama
  22. Curcumina Plus 95% piperina linea@ – 18c590 – NI.VA prodotto da Frama

Advertisement

In Evidenza

Al Gemelli i bimbi malati di tumore vanno a scuola di cucina da Heinz Beck

Avatar

Pubblicato

del

Arrivano padelle e pentole al reparto di oncologia pediatrica. Il laboratorio di cucina “Special cook”, infatti, apre al Policlinico universitario Agostino Gemelli di Roma per tutti i piccoli ospiti malati di tumore. Domani alle 16 ad accendere i fornelli sara’ lo chef stellato Heinz Beck. L’unita’ operativa di oncologia pediatrica del Gemelli ha gia’ realizzato in passato alcuni laboratori di cucina in reparto. Questa iniziativa viene potenziata grazie alla collaborazione con Officine Buone, un’organizzazione di volontariato promotrice di un progetto che porta la dinamica del talent di cucina negli ospedali, con una funzione di intrattenimento ma anche di educazione alla buona alimentazione. Le donazioni ricevute, che hanno permesso il nuovo laboratorio e l’acquisto della cucina professionale, sono state realizzate in memoria dello chef Alessandro Narducci (morto un anno fa per un incidente stradale e che, tra l’altro, lavorava proprio da Beck). “Il paziente oncologico in particolare – spiega Antonio Ruggiero, direttore dell’oncologia pediatrica del Gemelli – deve affrontare problemi nutrizionali di diversa natura nel corso della malattia che, oltre a definire una progressiva perdita di peso, possono essere un limite per le cure terapeutiche”. Bambini e ragazzi ricoverati parteciperanno alla realizzazione delle ricette, attivandosi creativamente nella preparazione del piatto. Questo laboratorio potra’ fornire anche consigli pratici e utili per affrontare gli eventuali problemi alimentari legati alla malattia, all’alterazione del gusto e a migliorare la qualita’ di vita durante l’ospedalizzazione.

Continua a leggere

In Evidenza

Tumori polmonari, al Pascale diagnosi veloci e farmaci in grado di attaccare alcune mutazioni tipiche

Avatar

Pubblicato

del

L’Istituto Tumori di Napoli, Fondazione G. Pascale ha istituito ufficialmente il suo primo Molecular Tumor Board (MTB) per i tumori polmonari. Perché è così importante che ci sia un MTB, da chi è composto e cosa fa un MTB? Abbiamo posto queste domande al Nicola Normanno, Direttore dell’Unità di Biologia Cellulare e Bioterapie e ad Alessandro Morabito, Direttore dell’Oncologia Clinica Sperimentale Toraco-Polmonare dell’Istituto Tumori di Napoli.
A cosa serve innanzitutto un MTB? Ogni tumore ha una sua specifica carta d’identità, rappresentata dalle alterazioni genetiche e molecolari che hanno determinato l’insorgenza della neoplasia. Conoscere queste informazioni, sottolinea il Normanno, è fondamentale per la terapia dei tumori, in quanto esistono farmaci in grado di attaccare alcune mutazioni tipiche in maniera specifica ed altamente efficace. In particolare, il tumore del polmone è quello per il quale si hanno, al momento, le maggiori conoscenze e sono disponibili un numero sempre maggiore di farmaci biologici.

Nicola Normanno

Chi fa parte del MTB? L’MTB è, in realtà, un’articolazione del Gruppo Oncologico Multidisciplinare (GOM) Polmone che, riferisce il Dott. Morabito, gestisce tutti i pazienti con diagnosi di tumore del polmone all’interno dell’Istituto Tumori di Napoli. E’ pertanto costituito da un “core team” che include oncologo medico, chirurgo toracico, radioterapista, anatomo-patologo, e biologo molecolare e da tutti i partecipanti del GOM Polmone, ovvero radiologo, pneumologo, endoscopista, radiologo interventista, cardiologo, medico nucleare, terapista del dolore, medico di riabilitazione, psicologo, farmacista, medico di laboratorio e case manager.
Qual è l’obiettivo del MTB? L’obiettivo primario del MTB, ribadisce Normanno, è proprio quello di discutere le differenti opzioni terapeutiche sulla base dei risultati dell’analisi molecolare effettuata sul DNA del tumore del paziente, attraverso analisi cosiddette di next-generetion-sequencing (NGS). Tali analisi possono identificare in alcuni casi alterazioni molecolari comuni e già conosciute, per le quali sono disponibili dei trattamenti efficaci già approvati in pratica clinica che non richiedono pertanto l’intervento del MTB. In altri casi, tali analisi possono portare, invece, ad identificare delle mutazioni complesse o rare, per le quali non sempre sono noti gli effetti terapeutici dei farmaci approvati o per le quali esistono solo farmaci sperimentali. L’MTB si riunisce proprio in presenza di casi clinici che richiedano l’interpretazione di risultati molecolari più complessi, con l’obiettivo finale di discutere tutti insieme e proporre le opzioni terapeutiche più mirate ed efficaci per il singolo paziente. Le riunioni dell’MTB vengono verbalizzate e rappresentano parte integrante del percorso diagnostico-terapeutico dei pazienti con neoplasie polmonari.

Alessandro Morabito

L’attivazione del MTB, sottolinea  Morabito, rappresenta pertanto un’importante evoluzione del GOM Polmone del Pascale, che è stato attivato circa 10 anni fa ed ha definitonel tempo i percorsi diagnostico terapeutici assistenziali per le neoplasie polmonari (PDTA), deliberati poi ufficialmente nel 2017. Ogni anno, sono stati circa 350 i casi discussi all’interno del GOM polmone: tutti i casi dei pazienti in stadio iniziale o localmente avanzato che richiedono trattamenti integrati (chirurgia, radioterapia, chemioterapia) ed i casi più complessi dei pazienti con malattia avanzata, che si possono avvantaggiare delle diverse competenze multidisciplinari. Attualmente, con l’attivazione della Rete Oncologica Campana (ROC), tutti i pazienti con diagnosi certa o sospetta di neoplasia polmonare vengono discussi all’interno del GOM polmone, che ha pertanto implementato notevolmente la sua attività nel 2019, con circa 300 casi discussi nei soli primi 5 mesi dell’anno.
L’istituzione recente del MTB, commenta il Direttore Sanitario Aziendale Rosa Martino, rappresenta, pertanto, un valore aggiunto del GOM Polmone e proietta l’Istituto Pascale fra le strutture più avanzate a livello Nazionale nella ricerca e nella terapie delle neoplasie polmonari.
Questo, conclude il Direttore Generale del Pascale, Attilio Bianchi, è il primo passo verso la costituzione della Rete Regionale della Medicina di Precisione, che ha lo scopo di migliorare ulteriormente la qualità della assistenza oncologica della Regione Campania, garantendo a tutti i pazienti oncologici la possibilità di accesso a terapie innovative per la cura dei tumori.

Continua a leggere

Salute

Arriva l’App per il monitoraggio della sclerosi multipla

Avatar

Pubblicato

del

La tecnologia aiuta i malati di sclerosi multipla, per il monitoraggio della patologia e per raccogliere dati a sostegno della ricerca scientifica. Questo è l’obiettivo di Floodlight Open, una nuova piattaforma (con una app e un portale) che vuole così dare il proprio contributo alla lotta a questa malattia cronico-infiammatoria che porta gradualmente alla disabilita’. L’iniziativa fa parte della campagna#NuovaLuceSullaSm promossa da Roche e presentata allo Spazio Edit di Milano che ha preso il via ieri sera con un evento esperienziale tra luce e suono. La app misurera’ la capacita’ di eseguire piccoli esercizi sullo smartphone. I dati raccolti in tempo reale saranno anonimi e codificati e potranno poi essere messi a disposizione della comunita’ scientifica con l’obiettivo che questo un giorno possa contribuire ad avere un quadro migliore della patologia. “La sclerosi multipla ha, nella maggior parte dei casi, un esordio tra i 20 e i 40 anni ed oggi, queste generazioni, sono perfettamente a proprio agio con smartphone e strumenti digitali – spiega Luigi Lavorgna, neurologo dell’Universita’ della Campania Luigi Vanvitelli e coordinatore del gruppo di studio Digital technology, web e social media della Societa’ italiana di neurologia – Il progetto Floodlight, davvero innovativo, ha l’ambizione di monitorare la performance nell’esecuzione di test elaborati per delineare le funzionalita’ cognitive e motorie nelle persone con Sclerosi Multipla. Un giorno, nemmeno troppo lontano, potrebbe permettere a noi medici di avere a disposizione uno strumento valido e contemporaneo nella gestione del paziente” (Sin).

Continua a leggere

In rilievo