Collegati con noi

Economia

Energia, stato d’emergenza per le Pmi: il 36% alzerà i prezzi, il 26% chiuderà prima

Pubblicato

del

 Le Pmi italiane sono messe alle strette dal caro energia: il 36% prevede di essere costretta ad aumentare i prezzi finali dei propri prodotti e servizi per riuscire a sostenere la stangata in arrivo, mentre il 26% pensa di limitare gli orari di lavoro e di apertura, ad esempio anticipando la chiusura per consumare meno energia. E’ quanto emerge da un sondaggio condotto da SWG per Confesercenti su un campione di imprese dell’artigianato, del turismo e del commercio con 50 dipendenti o meno. Il 6% pensa addirittura ad una sospensione dell’attivita’ nel periodo di bassa stagione, mentre il 18% dichiara di stare valutando una riduzione del numero dei dipendenti. Il 13% si rivolgera’ al credito, approfittando dei finanziamenti garantiti introdotti dal Dl Aiuti Ter per pagare ‘a rate’ gli importi richiesti. Infine c’e’ un 12% che progetta di cambiare gli attuali macchinari ed elettrodomestici con altri a maggiore efficienza energetica.

Il caro-energia, poco sorprendentemente, e’ in testa anche ai desiderata delle imprese per l’esecutivo in formazione. A chiedere nuove misure per contenere gli importi delle bollette e’ il 54%, oltre un’impresa su due, mentre il 28% desidera interventi anche per frenare l’innalzamento dei prezzi di beni e servizi, in primo luogo delle materie prime. Il 33% vorrebbe invece un’accelerazione l’attuazione del PNRR ed il 30% la riduzione della burocrazia, mentre l’11% vorrebbe una moratoria sui finanziamenti. Il 6%, infine, chiede, un aumento delle pensioni. Tra le priorita’ delle piccole imprese c’e’, ovviamente, anche il fisco, sottolinea Confesercenti: il 31% pensa che sia urgente procedere alla riduzione del cuneo fiscale, mentre il 13% chiede il taglio dell’Irpef. Piu’ variegate, invece, le opinioni delle Pmi sulla possibilita’ di una pace fiscale o di un condono: il 36% dice si’, dichiarandosi favorevole (25%) o molto favorevole (11%), il 29% la rifiuta, con una quota del 17% di contrari e del 12% di imprenditori del tutto contrari. Il 25%, invece, non si ritiene ne’ pro ne’ contro all’ipotesi. La lista di priorita’ non coincide del tutto, pero’, con le misure che si ritiene verranno piu’ probabilmente portate a termine. Nonostante l’intervento sulle tariffe energetiche sia in assoluto il piu’ richiesto, ad esempio, solo l’8% ritiene si arrivera’ ad un price cap di luce e gas. Si scommette invece sull’arrivo di una riforma del reddito di cittadinanza (35% delle indicazioni) e sugli interventi sull’immigrazione (32%). Anche se in misura minore, vengono ritenute probabili pace fiscale (24%), flat tax per le imprese (22%), riforma della giustizia (21%), taglio dell’Irpef (20%), e riduzione del cuneo fiscale (17%). La maggioranza relativa delle Pmi (il 37%), si aspetta che la nuova legislatura sia piu’ stabile di quella appena conclusa; il 20% meno stabile, mentre il 28% scommette su un livello di instabilita’ piu’ o meno simile.

Advertisement

Economia

Vinitaly, senza il vino l’Italia perderebbe l’1,1% del Pil

Pubblicato

del

Togliere il vino al Belpaese equivarrebbe, in termini di Pil, a cancellare quasi tutto lo sport italiano, compreso il calcio. Lo afferma Veronafiere, che con l’Osservatorio Uiv-Vinitaly ha presentato oggi, alla vigilia della prima giornata nazionale del Made in Italy e in avvio della manifestazione, i risultati del progetto: “Se tu togli il vino all’Italia. Un tuffo nel bicchiere mezzo vuoto”. Il progetto, pensato sulla scorta dei frequenti attacchi rivolti alla “bevanda nazionale”, comprende un’analisi d’impatto economico commissionata a Prometeia e un focus dell’Osservatorio Uiv-Vinitaly su tre – tra tantissimi – territori simbolo a trazione enologica: Barolo, Montalcino ed Etna. I risultati dell’analisi d’impatto confermano, quantificandolo, il contributo economico del comparto: in caso di scomparsa della filiera del vino, 303 mila persone dovrebbero trovarsi un altro lavoro e il Paese rinuncerebbe a un asset in grado di generare (tra impatto diretto, indiretto e indotto) una produzione annua di 45,2 miliardi di euro e un valore aggiunto di 17,4 miliardi di euro.

Uno choc per l’Azienda Italia pari all’1,1% del Pil (lo sport, secondo stime dell’Istituto Credito sportivo vale l’1,3%). In questo scenario da day after, faremmo a meno di un moltiplicatore economico in grado di generare un contributo di 2,4 euro di produzione (e 0,9 di valore aggiunto) per ogni euro di spesa attivata dall’industria del vino. Infine, ogni 62 mila euro di valore prodotto dalla filiera garantisce un posto di lavoro. Per il ministro dell’Agricoltura e della Sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida, “L’Italia senza il vino sarebbe una Nazione più povera, non solo a livello culturale e ambientale, ma anche sul piano economico, in quanto il settore vinicolo è un asset strategico per l’occupazione e per l’export italiano nel mondo”. Quello del vino, ha concluso il presidente di Veronafiere Federico Bricolo, “è un patrimonio socioeconomico che va difeso e tutelato”.

Continua a leggere

Economia

Coldiretti, boom turismo del vino con 6 milioni notti in vigna

Pubblicato

del

– Sono oltre sei milioni le notti trascorse tra le vigne nel 2023 dagli enoturisti italiani e stranieri che hanno preso d’assalto strutture agrituristiche, bed&breakfast e case vacanza con l’obiettivo di vivere esperienze nel mondo del vino. E’ quanto emerge da una analisi di Coldiretti su dati Terranostra Campagna Amica e Airbnb diffusa in occasione dell’apertura del Vinitaly, con le esperienze del turismo in cantina mostrate dal vivo nello stand della più grande organizzazione agricola d’Italia e d’Europa. L’identikit delle preferenze degli enoturisti è tracciato dall’indagine Coldiretti/Ixe’ sul fenomeno, con 15 milioni di italiani che hanno avuto esperienze di turismo in cantina. Ben 8 cittadini su 10 si dichiarano poi intenzionati a farlo.

Accanto alle tradizionali degustazioni di abbinamento di vino e ai corsi di cucina, non mancano le attività innovative che catturano l’interesse degli appassionati. Un 24% dichiara di essere interessato a pratiche sportive e salutistiche nelle vigne, tanto che ci sono strutture che propongono yoga e pilates in mezzo ai filari o percorsi in bicicletta, secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’. Ma c’è anche un 26% che punta alla vinoterapia e ad attività di benessere con prodotti ricavati dalla vite e dal vino, trainati dalla crescita dell’agriwellness, mentre un 31% chiede concerti e spettacoli organizzati in mezzo ai vigneti. Proprio per sostenere questa nuova forma di turismo dalle crescenti potenzialità arriva il primo accordo siglato tra Coldiretti e Airbnb, che coinvolgerà Campagna Amica e Terranostra, per la promozione di Distretti del Vino, valorizzando esperienze Made in Italy di turismo autentico e sostenibile. A lanciare l’intesa saranno, in questa prima fase, le Colline del Prosecco in Veneto, i Castelli Romani nel Lazio e il Parco del Pollino in Calabria.

Previste, in particolare, la creazione di pagine web dedicata per ciascun Distretto del Vino sul sito di Airbnb con mappa digitale con l’indicazione delle cantine da visitare e schede Informative e wine passport/book o altre iniziative di valorizzazione dell’esperienza vinicola, oltre ad iniziative di formazione. “Il boom dell’enoturismo conferma il ruolo trainante del Made in Italy nel piatto e nel bicchiere per l’intero settore turistico, dove non dobbiamo dimenticare che proprio il cibo e il vino rappresentano la prima voce di spesa.

Un successo dietro al quale ci sono i primati green della nostra agricoltura, con i suoi record in fatto di qualità e di sostenibilità che ci hanno garantito la leadership in tutta Europa”, ha sottolineato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini. “La capacità delle cantine e degli agriturismi italiani di rivoluzionare l’accoglienza interpretando al meglio le nuove esigenze di una parte importante dei flussi turistici nazionale e stranieri, testimonia l’alto grado di professionalità raggiunto, grazie a un impegno costante per la qualificazione dell’offerta turistica”, ha rilevato la presidente di Terranostra Dominga Cotarella.

Continua a leggere

Economia

Parte Vinitaly tra business e arte, triplicato l’export

Pubblicato

del

Il bello, il buono e il business. Ricomincia da tre Vinitaly 2024, a Veronafiere da domenica 14 a mercoledì 17, e sfodera tutte le carte migliori per raccontare il vino italiano al mondo in un compendio di arte, con quadri di Pablo Picasso e Renato Guttuso insieme a capolavori degli Egizi fino ai tempi moderni, musica e qualità produttiva che rendono speciale fare l’esperienza di una visita alle aziende del Vigneto Italia, portando a triplicare i volumi di export negli ultimi 20 anni, come evidenziato da Coldiretti. A tracciare questa emozione è, all’ingresso di Vinitaly, lo stand del ministero dell’Agricoltura presentato in anteprima dal ministro Francesco Lollobridiga alle delegazioni degli oltre 30 Paesi presenti alla ministeriale dell’Organizzazione internazionale della vigna e del vino, per la prima volta tenutasi a Veronafiere, in occasione del centenario dell’Oiv.

In mostra, nello stand istituzionale del Masaf, capolavori di ogni tempo di importanti musei, tra cui quello del vino di Torgiano, e una bottiglia di Tignanello, supertuscan dei Marchesi Antinori, scampata alle bombe in Ucraina e donata dal ministro ucraino al collega Lollobrigida. “Qui rappresenta la solidarietà al popolo ucraino e un messaggio di speranza” sottolinea Lollobrigida. E in un momento di crisi belliche su più fronti e di riduzione della capacità di acquisto delle famiglie “è fondamentale – secondo Lollobrigida – aprire nuovi mercati e rafforzare quelli già aperti”. Col presidente dell’Ice Matteo Zoppas che ribadisce la volontà di far crescere, attraverso la promozione, l’export del vino da 7,7 miliardi a 10 miliardi nei prossimi anni. “Seminiamo per far crescere, lo faremo da qui a Chicago dove stiamo organizzando una nuova fiera con Vinitaly” fa sapere il presidente di Veronafiere Federico Bricolo. E c’è un ragionato ottimismo tra i produttori delle 131 etichette in scena alla degustazione di Vinitaly OperaWine, una schiera di griffe del made in Italy selezionate dall’americana Wine Spectator.

“E’ un momento molto particolare per la storia del vino, – commenta Urs Vetter, responsabile commercio con l’estero di Vietti, a Castiglione Falletto (Cuneo) – si spende meno in tutto il mondo al ristorante ma, come è successo con la pandemia, la gente si fida più delle aziende che conosce. Si da’ fiducia ai marchi noti, ma c’è anche voglia di conoscere. Da qui la ripresa dell’enoturismo con belle presenze nelle Langhe a febbraio di enoappassionati brasiliani, poi degli americani, e nel fine settimana degli italiani”. “L’enoturismo tiene – conferma Antonio Capaldo di Feudi San Gregorio – ed è una grande opportunità sì economica, ma anche per ripensare l’azienda più aperta e accorciare la filiera”. Per Piero Mastroberardino, alla guida dell’omonima azienda campana, “tutti sono sul chi vive e davanti a una concentrazione di mercati bisogna individuare i propri target per mantenere i volumi di export. Occorre talvolta avere il coraggio di cambiare format: noi ad esempio da quando abbiamo trasformato il resort in osteria di qualità abbiamo una clientela di giovani”. Il presidente del gruppo Lunelli, Matteo Lunelli considera “il contesto sfidante.

Le famiglie e i giovani fanno fatica ma apprezzano sia collaborazioni come quella tra Ferrari Trento e la Formula1 sia i valori sottesi dietro un brand. Anche una bollicina di alta gamma deve essere eccellente a 360 gradi, dall’impatto ambientale all’innovazione”. Dalle Dolomiti Anselmo Guerrieri Gonzaga testimonia per l’azienda San Leonardo un ultimo trimestre in ripresa del 31%. “l’Italia dove vendiamo metà produzione va benissimo e non possiamo lamentarci dell’andamento in 67 Paesi esteri”. “Forse dobbiamo mettere da parte il pessimismo – sprona una signora dell’Amarone come Sabrina Tedeschi – e guardare il bicchiere mezzo pieno. A Vinitaly c’è fermento, abbiamo ricevuto nuove richieste di incontro a conferma dell’appeal del vino italiano”: Ottimista anche il vice presidente del gruppo Zonin, Francesco Zonini: “i dati di mercato – osserva – non sono sempre allegri ma gli Usa sono un punto fermo e continuano a remunerare bene la filiera. Vola l’enoturismo: tutti vogliono vivere esperienze legate al vino e gli americani si stanno innamorando di nuovo dell’Italia”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto