Collegati con noi

Spettacoli

Docu e ritratti a Festa di Roma, da Cardinale a Maradona

Pubblicato

del

Sguardi d’autore, come quello di Daniel Pennac su Maradona; protagonisti di ogni forma d’arte, da William Kentridge, alla coppia Joanne Woodward – Paul Newman o Dario Fo. Senza dimenticare i mix di biografia, cronaca e storia da Elisabetta II a Pio La Torre, dall’omicidio di Pasolini al caso Padilla. E’ ricchissimo il viaggio di documentari biografici proposto dalla 17/a edizione della Festa del cinema di Roma (13 – 23 ottobre). Si parte dal concorso Progressive, dove tra i 16 titoli in gara c’e’ EL CASO PADILLA nel quale Pavel Giroud ripercorre la vicenda del grande poeta cubano Heberto Padilla (1932 – 2000), arrestato e costretto nel 1971 a ritrattare in un intervento alla tv cubana le opinioni espresse nella sua raccolta di versi ‘Fuera del juego’ considerata dal regime una critica al ‘lider maximo’. Guardando alle altre sezioni non potrebbe essere piu’ attuale RITRATTO DI REGINA di Fabrizio Ferri che rilegge la monarca attraverso le immagini dei grandi della fotografia che l’hanno ritratta. Si resta su storia e politica con ORA TOCCA A NOI – STORIA DI PIO LA TORRE di Walter Veltroni, che narra il politico, sindacalista e segretario regionale del Pci in Sicilia, a 40 anni dalla sua uccisione in un agguato mafioso. Il film inchiesta PASOLINI, CRONOLOGIA DI UN OMICIDIO POLITICO di Paolo Angelini, segue un ‘itinerario istruttoria’ dal 1960 al 1975, nella verita’ politica del suo omicidio. KILL ME IF YOU CAN di Alex Infascelli racconta Raffaele Minichiello, cittadino americano nato in Irpinia, che a 19 anni, nel 1969, ha compiuto il dirottamento piu’ lungo nella storia dell’aviazione civile. SOUVENIR D’ITALIE di Giorgio Verdelli riporta in scena il talento di Lelio Luttazzi ed esplora l’errore giudiziario di cui e’ stato vittima. In DANIEL PENNAC: HO VISTO MARADONA! Di Ximo Solano si segue l’indagine creativa e surreale a Napoli dello scrittore francese (con la partecipazione, fra gli altri, di Maurizio De Giovanni e Roberto Saviano) sul Pibe de Oro. Innumerevoli gli sguardi sui protagonisti del cinema, a cominciare dalla docuserie THE LAST MOVIE STARS di Ethan Hawke, con la produzione esecutiva di Martin Scorsese, dedicata all’ultima coppia della Golden Hollywood, Paul Newman e Joanne Woodward (che la Festa celebra anche con una retrospettiva). Fra gli altri, la regista Julie Bertuccelli in JANE CAMPION, LA FEMME CINE’MA si muove tra ritratto e autoritratto utilizzando oltre 30 anni di interviste alla cineasta. CLAUDIA di Franck Saint-Cast rimette in scena la memorabile intervista fuori dagli schemi realizzata nel 1961 da Alberto Moravia con Claudia Cardinale (che regala anche un’apparizione). I MAGNIFICI 4 DELLA RISATA di Mario Canale, ricostruisce, attraverso gag, backstage e interviste, la stagione del nostro cinema con protagonisti Roberto Benigni, Francesco Nuti, Massimo Troisi, e Carlo Verdone. In VIRNA LISI – LA DONNA CHE RINUNCIO’ A HOLLYWOOD, Fabrizio Corallo traccia un percorso nelle scelte tra vita e set dell’attrice. Viaggiando fra le altre arti, Sacha Jenkins in LOUIS ARMSTRONG’S BLACK & BLUES, attingendo ai diari audio del maestro del jazz, rivisita l’arte e rivaluta la politica del leggendario musicista. Gianluca Rame (nipote di Franca) con DARIO FO: L’ULTIMO MISTERO BUFFO torna al primo agosto 2016 a Roma, quando il grande attore, drammaturgo e Premio Nobel novantenne, sta per andare in scena con uno dei suoi cavalli di battaglia, Mistero Buffo. LIFE IS (NOT) A GAME di Antonio Valerio Spera, fa conoscere la street artist Laika che ha animato i muri di Roma negli ultimi anni pandemici con poster e murales che urlano la sua indignazione civile. UMBERTO ECO – LA BIBLIOTECA DEL MONDO di Davide Ferrario porta fra stanze, corridoi, saloni tappezzati di libri dallo scrittore per raccontare Eco lettore e collezionista. NINO MIGLIORI. VIAGGIO INTORNO ALLA MIA STANZA di Elisabetta Sgarbi si immerge nelle immagini del fotografo, nato nel 1926. Non mancano gli autoritratti: da quello dell’artista sudafricano William Kentridge nella docuserie SELF-PORTRAIT AS A COFFEE POT a LES ANNEES SUPER-8 della scrittrice Annie Ernaux con David Ernaux-Briot, fino a James Ivory, che con COOLER CLIMATE ripercorre con materiali inediti il suo viaggio in Afghanistan del 1960.

Advertisement

In Evidenza

I Maneskin vincono gli American Music Awards come Favorite Rock Song

Pubblicato

del

I Maneskin hanno vinto nella categoria Favorite Rock Song con il brano “Beggin'” agli American Music Awards, in cui erano nominati insieme a Foo Fighters, Red Hot Chili Peppers, Imagine Dragons e Kate Bush. La colonna sonora del film Elvis, a cui la band ha collaborato, ha vinto nella categoria Favorite Soundtrack. I 4 giovani cantanti italiani, Damiano David, Ethan Torchio, Thomas Raggi e Victoria De Angelis hanno ritirato il premio con una mise particolare, ovvero delle giacche eleganti con cravatta con dei reggicalze al posto dei pantaloni. I Maneskin sono inoltre appena stati nominati nella categoria Best New Artist alla 65/a edizione dei Grammy Awards, che si terranno a Los Angeles il 5 febbraio 2023. Anche la colonna sonora del film Elvis ha ricevuto una candidatura nella categoria Best Compilation Soundtrack for Visual Media.

“Da un paio d’anni siamo in un moto perpetuo, ed è pazzesco ma anche pericoloso perché la mancanza di tempo rischia di intaccare il lato artistico”. Lo dice Victoria De Angelis, protagonista assieme ai colleghi Damiano David, Thomas Raggi ed Ethan Torchio del nuovo numero di Vogue Italia di dicembre in cui i Maneskin conversano con Alessandro Michele, direttore creativo della maison Gucci, con scatti realizzati da Hugo Comte.

“Può capitare che ci troviamo a scrivere una canzone in cinque giorni ed è davvero insensato, dovremmo prenderci tutto il tempo del mondo per la nostra musica” aggiunge Victoria. “La cosa che più mi manca è avere del tempo per crescere come musicista” rileva Thomas Raggi. “La sovraesposizione, e il lavorare troppo oltre alle proprie possibilità, – spiega Damiano David – è quello che ha distrutto le carriere dei migliori artisti delle ultime generazioni. Quando non riesci più a viverti la tua vita perché da una parte sei sommerso dalle responsabilità e dall’altra sei divorato dalla paura di sparire (cosa succede se dico di no all’intervista, alla tv, al tour), inizi a soffocare.

Eviterei una seconda ondata di musicisti che impazziscono o muoiono gonfi di medicinali: ci sono tanti buoni artisti, me li terrei in salute per i prossimi anni!”. Sulla differenza di genere interviene Ethan Torchio: “Ci tengo a dire – dice il cantante – che nascere con una vagina o con un pene non fa di te né una donna né un uomo. Mi interessa l’anima delle persone, che non è maschile o femminile: è semplicemente un’energia”. Alessandro Michele racconta: “Ho capito che devi tenerti stretto chi sei e dove vai: devi volerti molto bene e devi volere altrettanto bene a quello che fai. Bisogna – dice – anche imparare a dire molti no. Siamo esseri umani a cui piace creare mondi: voi immaginate suoni che non esistono e li mettete insieme, io vedo cose”. “I Maneskin sono un orgoglio del nostro Paese nel mondo. Ma anche, e soprattutto, quattro ragazzi della porta accanto. In un mondo di moltissimi like e poche strette di mano, sono spiriti liberi. Intelligenza e lucidità insieme” aggiunge Francesca Ragazzi, Head of Editorial Content di Vogue Italia nel suo editoriale.

Continua a leggere

Spettacoli

Morto a 49 anni Jason David Frank, attore della serie tv Power Rangers

Pubblicato

del

E’ morto all’età di 49 anni l’attore americano Jason David Frank, famoso soprattutto per aver interpretato il ruolo di Tommy Oliver nella serie ‘Power Rangers’. Lo rendono noto i media Usa, citando il suo agente Justine Hunt. Frank è deceduto a Houston, in Texas. L’ipotesi è che si sia trattato di un suicidio.

Continua a leggere

Musica

Grammy: Beyoncé guida nomination, una chance ai Maneskin

Pubblicato

del

Beyoncé spopola alle nomination per i Grammy 2023: la cantante, che con 28 statuette è già l’artista donna più premiata nella storia della Recording Academy, ha ottenuto nove nomination, una di più di Kendrick Lamar e davanti ad Adele e Brandi Carlile alla pari con sette. Una buona notizia per i Maneskin: Victoria, Damiano, Thomas e Ethan sono entrati in gara nella categoria ‘miglior nuovo artista’. E’ la prima volta che la band italiana, il cui nuovo album ‘RUSH!’ uscira’ in gennaio pochi giorni prima della cerimonia dei premi (il 5 febbraio dalla Crypto.com Arena di Los angeles) conquista una candidatura pur essendo stata coinvolta l’anno scorso per presentare le nomination. Quattro artisti sono usciti dagli annunci di oggi con sei candidature a testa: Future, Harry Styles, Mary J. Blige, DJ Khaled e il producer e cantautore The-Dream. La diretta sul sito e sui profili social della Recording Academy ha offerto nel complesso poche sorprese con Beyoncé, Adele, Styles, Lamar e Lizzo nella cinquina candidata nelle tre categorie piu’ importanti – disco, album e canzone dell’anno – in cui hanno fatto meglio del previsto Mary J. Blige e Abba con due nomination su tre. Per la Blige era la prima volta in 16 anni. Le nove nomination – otto per l’album ‘Renaissance’ e una per la canzone ‘Be Alive’ dal film ‘King Richard-Una famiglia Vincente’) mettono Beyonce’ alla pari con il marito Jay-Z per l’onore di artista piu’ candidato nella storia dei premi: ben 88 volte. Il derby con Adele per album dell’anno e’ un replay del 2017 nella stessa categoria quando ’25’ della britannica sconfisse ‘Lemonade’ di ‘Queen Bey’. Beyonce’ non ha mai vinto per l’album dell’anno, Adele ne ha due alle spalle: aprendo la strada a ’30’ che potrebbe essere il terzo della serie. I Maneskin hanno di fronte un gruppo agguerrito di rivali: sono candidati come nuovi artisti dell’anno Anitta, Omar Apollo, Latto, Muni Long, Wet Leg e i meno prevedibili Domi & JD Beck, Samara Joy, Molly Tuttle e Tobe Nwigwe. Due candidature hanno fatto discutere: Dave Chappelle e Louis CK, hanno ricevuto nomination per l’album comico dell’anno a dispetto delle controversie di cui sono stati recentemente investiti, il primo per battute di sapore antisemita e anti-trans, l’altro per accuse di molestie sessuali che nel 2017 avevano travolto la sua carriera salvo poi tornare in pista alla grande a dispetto di quanti lo avevano messo all’indice per il suo comportamento.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto