Collegati con noi

Cronache

Costanzo, in fila per l’addio tra commozione e selfie

Pubblicato

del

La domenica di pioggia non ha fermato le centinaia di persone che hanno voluto rendere omaggio a Maurizio Costanzo, il giornalista scomparso venerdì a 84 anni, nel secondo giorno di camera ardente in sala della Protomoteca in Campidoglio. Un flusso perlopiù ordinato e composto con qualche picco surreale, come un paio di fan che di fronte a Maria De Filippi, in completo e occhiali neri avvicinatasi per ricevere le condoglianze e stringere mani hanno chiesto alla conduttrice un selfie, al quale lei con garbo si è prestata. Tanti anche gli omaggi per il giornalista, dai mazzi di fiori, a due sciarpe della Roma, da piccole raffigurazioni di tartarughe (animale portafortuna di Costanzo) a un vassoio di bigné lasciato al lato del feretro da una collaboratrice dell’autore di Bontà Loro: “A Maurizio piacevano tanto” spiega.

Non è mancata anche una soprano, Antonia Moldovan, che entrata insieme al resto delle persone, ha cantato davanti al feretro l’Ave Maria di Schubert. “Mi aveva ospitato alcuni anni fa – ha spiegato – mi sembrava giusto cantare per lui”. Tra i tanti volti noti, della politica, del giornalismo e dello spettacolo, l’ex presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, Enrico Mentana, Lorella Cuccarini, Bruno Vespa, Gigi D’Alessio, il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri, Nancy Brilli, Stefano Coletta, Piero Fassino, Aurelio De Laurentis, gli ex ministri Luigi Di Maio e Vincenzo Spadafora, Nunzia de Girolamo con il marito Francesco Boccia, Veronica Pivetti, Antonio Giuliani, Arisa, Antonella Elia, Riccardo Rossi. Sono arrivati insieme due talenti sostenuti dal giornalista al Costanzo Show, Giobbe Covatta e Enzo Iacchetti: molto commossi, in sala della Protomoteca si sono fermati a lungo con la figlia del giornalista Camilla.

“Maurizio è sempre stato per me un fratello maggiore – spiega Enrico Mentana – In questa tv rimane tutto di lui, è stato la televisione”. Tanti i personaggi che ricordano il sostegno ricevuto dal giornalista, da Arisa (“mi dava consigli ed è stato il primo a spendersi per me”) a Gigi D’Alessio: “Tra noi c’è un’amicizia di 30 anni. Si occupò di questo ragazzo che riempiva gli stadi ma non era conosciuto da Caianello a salire”, sottolinea il cantautore arrivato insieme al figlio, Lda reduce da Sanremo.

“Sono rimasto senza parole quando è arrivata la notizia, certe persone sembrano eterne. Mi ha insegnato tante cose. Ha iniziato lui a portare il talk show in seconda serata, io sono arrivato dopo sulla sua scia” osserva Bruno Vespa. Per Lorella Cuccarini “Maurizio, è stato un maestro di vita e di televisione. Il mio direttore, un amico e tanto altro. Tra noi non servivano parole”. Continua anche l’omaggio bipartisan della politica: “Nella mia vicenda politica lui è sempre stato, distante, autonomo come doveva essere – commenta Zingaretti – ma al tempo stesso presente per dare un consiglio. Sono convinto lo facesse per il suo amore per Roma, una città a cui ha dato tanto da uomo curioso e creativo”. Mentre Gasparri evidenzia che Costanzo “non è stato mai un giornalista contro, ha sempre consentito a tutti di esprimere le proprie opinioni e posizioni”. I funerali solenni del giornalista sono fissati per lunedì alle 15 nella Chiesa degli artisti a Piazza del Popolo.

Advertisement

Cronache

Traffico di rifiuti, indagati tre funzionari Regione Campania

Pubblicato

del

Sono tre i funzionari della Regione Campania, uno dei quali arrestato e messo ai domiciliari, coinvolti nell’inchiesta della Dia e dei carabinieri del Noe di Potenza su un presunto traffico di rifiuti tra Italia e Tunisia. Coordinata dalla Procura di Potenza, la polizia giudiziaria ha avuto mandato dal giudice di notificare undici misure cautelari: quattro in carcere, cinque ai domiciliari e due obblighi di dimora. Complessivamente sono sedici le persone coinvolte nell’indagine insieme con quattro società. Disposti anche il sequestro di tre società e di beni per un milione di euro agli indagati.

Tra coloro a cui sono stati notificati i domiciliari c’è il funzionario regionale salernitano 66enne Vincenzo Andreola. Analoga misura cautelare per Antonio Cancro, 53 anni, Innocenzo Maurizio Mazzotta, 62 anni, Ciro Donnarumma, 44 anni, Federico Palmieri, 27 anni. Il gip di Potenza ha invece disposto il carcere per gli imprenditori Alfonso Palmieri, 39 anni, Tommaso Palmieri, 70 anni, per il tunisino Mohamed El Moncef Bin, 45 anni, e per Paolo Casadonte, 43 anni.

L’obbligo di dimora è stato emesso infine per Carmela Padovani, 32 anni, e Francesco Papucci, 48 anni. Una delle società coinvolte avrebbe consentito l’ingresso nell’affare di due degli imprenditori indagati, che avevano la necessità di smaltire grandi volumi di rifiuti. Questi imprenditori, viene sottolineato nell’ordinanza del giudice, “portavano in dote le conoscenze presso gli uffici della Regione Campaniadi un funzionario amministrativo… disponibile ad assecondare illecitamente le pratiche della società consentendo di ottenere le necessarie autorizzazioni anche a fronte di evidenti e macroscopiche irregolarità”.

Continua a leggere

Cronache

Estradato in Italia Maffione, accusato di maxi frode su Iva

Pubblicato

del

Estradato in Italia Vincenzo Maffione, arrestato lo scorso 25 gennaio negli Emirati Arabi Uniti con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale in materia di Iva. L’estradizione di Maffione – indagato nell’ambito dell’operazione ‘Pit stop’ della Guardia di Finanza di Torino coordinata dalla Procura europea – è stata eseguita oggi, in via semplificata, dal Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia, con volo Abu Dhabi-Roma. La consegna avviene all’indomani dell’incontro del ministro della Giustizia, Carlo Nordio, con il suo omologo emiratino Abdullah Al Nuaimi. Il ministro ringrazia le autorità competenti, rilevando – si legge in una nota – la crescente fruttuosa ed amichevole collaborazione tra i due governi.

Continua a leggere

Cronache

Mafia: voto di scambio, estorsioni e droga, 12 arresti

Pubblicato

del

Scambio elettorale politico-mafioso, estorsioni, detenzione di armi e stupefacenti, introduzione in carcere di dispositivi telefonici, con i quali dal carcere gestivano i loro affari : sono alcune delle accuse contestate a 12 persone gravemente indiziate di essere organizzatori ed affiliati al Clan “Nardo” operante nell’rea nord della provincia di Siracusa e ritenuta costola della famiglia di cosa nostra catanese “Santapaola Ercolano”.

Dieci di loro sono finite in carcere e due ai domiciliari , in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Catania, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia ed eseguita dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Siracusa.

Avvalendosi della forza di intimidazione derivante dal vincolo associativo gli arrestati, secondo quanto emerso nell’indagine,erano riusciti ad acquisire, in modo diretto e indiretto, la gestione o comunque il controllo di numerose attività economiche e imprenditoriali, prevalentemente nel settore agro-pastorale, nell’area nord della provincia siracusana. il reato di scambio elettorale politico- mafioso è contestato anche ad un candidato sindaco delle scorse elezioni amministrative del 2022 che avrebbe accettato la promessa di ottenere voti in cambio di denaro e dell’impegno ad operarsi per agevolare la scarcerazione del figlio di un affiliato.

I destinatari del provvedimento sarebbero “riusciti ad acquisire, in modo diretto e indiretto, la gestione o comunque il controllo di numerose attività economiche e imprenditoriali, prevalentemente nel settore agro-pastorale, nell’area nord della provincia siracusana”. Secondo gli inquirenti i componenti del clan avrebbero minacciato “anche dall’interno degli istituti di pena, utilizzando illecitamente telefonini, chi si fosse rivolto alle forze dell’ordine, per denunciare un’estorsione o una minaccia subita, occultando armi ad alto potenziale offensivo, smerciando stupefacenti del tipo cocaina e marijuana, gestendo una florida piantagione composta da ben 731 piante”.

Sono stati ricostruiti numerosi episodi di estorsione commessi dagli indagati che “mediante minaccia e avvalendosi della forza di intimidazione, avrebbero costretto diversi imprenditori agricoli o esercenti commerciali a fornire somme di denaro o generi alimentari senza corrispettivo, pagare un servizio di “guardiania” per i propri terreni agricoli, sui quali sarebbero stati anche obbligati a tollerare il pascolo di capi di bestiame riconducibili agli associati, subire il cosiddetto “cavallo di ritorno” per la restituzione di escavatori ed altri mezzi oggetto di furto”. Il reato di scambio elettorale politico mafioso è stato contestato ad un candidato sindaco delle elezioni amministrative del 2022 che “avrebbe accettato la promessa di ottenere voti in cambio di denaro e dell’impegno ad operarsi per agevolare la scarcerazione del figlio di un affiliato”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto