Collegati con noi

Cronache

Arek Milik rapinato del rolex sotto casa, in cinque anni dieci assalti armati a calciatori del Napoli

Avatar

Pubblicato

del

La saga dei Rolex tolti ai calciatori del Napoli continua. Ieri sera è toccato ad Arek MIlik essere rapinato del Daytona che portava al polso. Anzi ieri notte, dopo il match col Liverpool, Milik, dopo aver fatto baldoria assieme ai compagni di squadra, è tornato al parcheggio dell’Holiday Inn di Castelvolturno, un po’ il quartier generale del Napoli, ha preso la sua vettura, e se ne è tornato a casa. 

Erano le 2 e 35 di  notte (o mattina, date voi), in via Ripuaria a Varcaturo, siamo a Giugliano, a due passi dalla sua abitazione, quando due banditi, volto coperto da caschi, a bordo di uno scooter, si sono avvicinati al calciatore che si trovava in auto quasi sotto casa e, con la minaccia di far fuoco con una pistola, gli hanno portato via un Rolex modello Daytona, del valore di
11 milaeuro. Nella foga o per mettergli paura, gli hanno sfondato il vetro. I due rapinatori si sono dileguati. Milik ha quindi chiamato il 113 e una pattuglia della polizia si è recata sul posto. Ora cominciano le indagini. Il calciatore, è sicuro, l’hanno atteso sotto casa. Sapevano che sarebbe arrivato. Sapevano che indossava il Rolex. Sapevano che era un colpo sicuro. Purtroppo è mancata la vigilanza al calciatore. Da troppo tempo esposti a rapine. Sempre uguali. Sempre a loro. Perché il problema non è che si fanno le rapine a Napoli ma a Napoli qualcuno potrebbe aver preso di mira i calciatori. Perché è facile derubarli? Perché sono colpi sicuri e non si va via mai a mani vuote? E lui, Arek Milik, come l’ha presa, che cosa dice, che cosa pensa? L’ha presa con filosofia. Ed anche con un pizzico di ironia a leggere quello che scrive sui suoi profili social. “Una notte quasi perfetta”, ha scritto Arek. Chiaro riferimento alla vittoria contro i Reds di Klopp ma anche allo spavento per il traumatico rientro a casa.

Cinque anni di assalti armati ai calciatori del Napoli e alle compagne, rapinarli è un gioco

 

Advertisement

Cronache

Penne pistola, Kalashnikov, munizioni e droga per fare la guerra sequestrati a Caivano

amministratore

Pubblicato

del

Un fucile kalashnikov e 2 caricatori pieni sono stati rinvenuti e  sequestrati dai carabinieri della tenenza di Caivano in un terreno incolto alle spalle del rione Gescal, zona popolare del comune a Nord di Napoli.
Il tutto era in un sacchetto di plastica nero nascosto tra le sterpaglie. Nel vano stenditoio di una palazzina del Parco Verde, invece, i militari hanno sequestrato una pistola a penna con matricola abrasa, 70 cartucce, 6 grammi circa di kobret, 2 microcamere e un bilancino elettronico.

Continua a leggere

Cronache

Traffico di sigarette, fermati cinque ucraini nello scalo di Capodichino

Avatar

Pubblicato

del

I finanzieri della compagnia di Capodichino, congiuntamente a funzionari dell’Ufficio delle Dogane – S.O.T. Aeroporto Capodichino – hanno individuato all’interno dello scalo 5 cittadini di origine ucraina che trasportavano nei rispettivi bagagli personali complessivi chilogrammi 161,18 di sigarette di contrabbando di varie marche. In particolare, i finanzieri, a seguito di attenta analisi di rischio effettuata sui nominativi delle liste passeggeri provenienti non solo da località sensibili, ma anche da aeroscali nazionali collocati in modo nevralgico per raggiungere mete internazionali, tra i numerosi passeggeri in transito presso lo scalo aeroportuale campano, hanno posto attenzione a questi 5 cittadini ucraini appena giunti dalla capitale ucraina, Kiev.

Quest’ultimi, dopo il ritiro dei bagagli, si apprestavano frettolosamente all’uscita ma venivano fermati dai militari per dei controlli. Non fornendo convinte spiegazioni circa le motivazioni del transito e manifestando anomalo nervosismo nella circostanza, venivano sottoposti a controllo più approfondito, riscontrando così la presenza, all’interno dei rispettivi bagagli, di complessivikg 161,18 di sigarette di contrabbando.

I 5 responsabili sono stati denunciati con l’accusa di contrabbando di tabacchi lavorati esteri. Il materiale sequestrato e avviato alla distruzione.

Continua a leggere

Cronache

Minacce a candidata sindaco del centrodestra a Vibo, si cerca responsabile

Avatar

Pubblicato

del

Intimidazione nella tarda serata di ieri a Vibo Valentia ai danni della candidata a sindaco del centrodestra, Maria Limardo. Un uomo, al momento non identificato, si e’ presentato sotto casa della candidata, chiedendo di lei ed ha cominciato a dare in escandescenze nel momento in cui non e’ riuscito a parlare con la Limardo, che in quel momento non era nell’abitazione. Lo sconosciuto, a quel punto, ha iniziato a profferire frasi minacciose all’indirizzo della Limardo. Dopodiche e’ salito a bordo di un furgone e si e’ allontanato. Maria Limardo, che di professione fa l’avvocato, ha appreso la notizia da un parente che ha assistito alla scena. Sulla vicenda sono in corso le indagini delle forze dell’ordine, che stanno visionando le immagini riprese dalle telecamere del sistema di sorveglianza. “Sono sconvolta – ha commentato la candidata a sindaco – fortunatamente non mi trovavo in casa in quel momento. Tutto questo testimonia il clima pesante che si vive in citta’ da settimane, con il tentativo in atto di danneggiare la mia persona e la coalizione che mi sostiene”.

Continua a leggere

In rilievo