Collegati con noi

Politica

Esce Legnini entra Ermini, il Csm resta nelle mani di un ex deputato del Pd e infuria la polemica politica

Avatar

Pubblicato

del

A volte, diciamolo, il sistema politico ed istituzionale italiano se le va a cercare certe situazioni al limite. Non della decenza ma al limite della credibilità. Perché le istituzioni devono essere credibili. Non sembrare, apparire credibili ma essere credibili. E tra le situazioni limite c’è sicuramente la elezione del vice presidente del Consiglio Superiore della Magistratura. È un organo avente rilievo Costituzionale. È l’organo di autogoverno che assicura e difende l’indipendenza dei giudici rispetto non tanto al potere politico ma rispetto a tutti gli altri poteri dello Stato. È un modo anche per tenere lontani i sospetti che i giudici possano essere politicizzati o possano in qualche modo essere vittime delle sirene della politica. Nella realtà, però, non è così. O non sempre è così. Prediamo la elezione a vice presidente del Csm di David Ermini. È un eccellente avvocato. Negli ultimi dieci anni, però, è stato responsabile giustizia del Pd, riferimento di un mondo politico in materia di giustizia, impegnato per il Pd sul fronte giustizia in tutte le salse e in tutte le istituzioni parlamentari. Non c’è nulla di male, dirà qualcuno. È vero. Ma troppe cose stonano nella elezione di Ermini alla terza votazione. La sua elezione non è andata giù a molti. In primis al ministero della Giustizia, Alfonso Bonafede.

“Prendo atto che all’interno del Csm c’è una parte maggioritaria di magistrati che ha deciso di fare politica!”. Così, in un post su Facebook, il ministro della giustizia Alfonso Bonafede, ha commentato di primo acchito  l’elezione di Ermini.

Elezione vicepresidente del Csm. Il Presidente Mattarella proclama eletto alla terza votazione David Ermini

“Affidare la vice presidenza del loro organo di autonomia ad un esponente di primo piano del Pd, unico politico eletto in questa legislatura tra i laici del Csm è un segnale chiaro” spiega il ministro, che ricorda come in questi anni si è sempre battuto “affinché, a prescindere dallo schieramento politico, il Parlamento individuasse membri laici non esposti politicamente. Una battaglia essenziale, a mio avviso, per salvaguardare l’autonomia della magistratura dalla politica”. Ovviamente, spiega Bonafede, non c’è “nulla di personale nei confronti del neo eletto vicepresidente David Ermini, a cui faccio i migliori auguri di buon lavoro. Continuo a credere che il rapporto tra il ministero e il Csm sia fondamentale per il buon funzionamento della giustizia e mi impegnerò sinceramente. Ma ci sono atti che hanno un significato politico che non può essere ignorato” Luigi Di Maio parla di vicenda “Incredibile!”.

“Questo renzianissimo deputato fiorentino del Pd è appena stato eletto presidente di fatto del Consiglio Superiore della Magistratura. Lo hanno votato magistrati di ruolo e i membri espressi dal Parlamento. Ma dov’è l’indipendenza? E avevano pure il coraggio di accusare noi per Foa che non ha mai militato in nessun partito? È incredibile” scrive sempre su Fb il vicepremier Luigi Di Maio che spiega a chi lo segue che l’esponente dem Ermini  “si è fatto 5 anni in parlamento con il Pd lottando contro le intercettazioni: la riforma che abbiamo bloccato era proprio la sua. Ora lo fanno pure presiedere il Csm. Il Sistema è vivo e lotta contro di noi”, conclude il capo politico dei 5 Stelle.

Pe il resto ci sono i complimenti scontati ma freddini del presidente Mattarella che gli ricorda assieme agli auguri di buon lavoro che il Csm “è un organo collegiale che porta avanti collegialmente i compiti assegnati dalla Costituzione”. E gli auguri dei Presidenti delle due Camere.

A proposito di giudici e politica e di necessità di tenere separate queste due stanze del potere, ricordiamo che dei 24 membri del Csm  16 sono  membri togati, e sono eletti dai magistrati, mentre gli altri otto sono membri laici che vengono votati dal Parlamento in seduta comune. I laici sono Alberto Maria Benedetti, Filippo Donati, Fulvio Gigliotti, Stefano Cavanna, Emanuele Basile, Alessio Lanzi, Michele Cerabona e David Ermini. Tre dei membri del Csm sono in quota M5S, che ha fatto votare online i candidati sulla piattaforma Rousseau (Benedetti, Donati, Gigliotti). Due in quota Lega (Cavanna e Basile). Gli ultimi tre sono stati indicati dalle opposizioni. Michele Cerabona e Alessio Lanzi, espressi da Forza Italia, entrambi avvocati. E infine Davide Ermini, ex responsabile giustizia del Pd. Ed Ermini, unico parlamentare uscente, ora il Csm lo presiederà. Come peraltro era accaduto col suo predecessore, Giovanni Legnini. Anche lui era stato Deputato e sottosegretario prima di andare a presiedere il Csm. Ecco davanti a questi fatti, spiegare poi alla gente comune concetti come indipendenza e autogoverno dei giudici diventa un po’ più complicato del solito. Però, come si dice, è la giustizia, bellezza!!!

Advertisement

Politica

Di Maio “sfratta” la Trenta dall’alloggio della Difesa, l’ex ministra: traslochiamo anche se…

Paolo Chiariello

Pubblicato

del

Alla fine la ex ministra Elisabetta Trenta si è arresa al ridicolo ed ha lasciato la casa che le era stata assegnata per il suo ruolo. L’ha fatto dopo due giorni di polemiche più o meno serie della politica e dopo aver sparso in giro dichiarazioni sul nulla. Ora lascerà la casa della Difesa di San Giovanni e se ne andrà a casa sua al Pigneto. “Mio marito, pur essendo tutto regolare, ma sentendosi in imbarazzo, per salvaguardare la famiglia ha presentato istanza di rinuncia per l’alloggio” ha detto l’ex ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, dopo le polemiche degli ultimi giorni. “Lasceremo l’appartamento nel tempo che ci sarà dato per fare un trasloco e mettere a posto la mia vita da un’altra parte. Sona una cittadina come gli altri, chiedo e pretendo rispetto”, ha dichiarato. Lo stesso rispetto che reclamano le istituzioni e che forse lei aveva dimenticato. In ogni caso la signora Trenta deve lasciare l’alloggio che le fu assegnato entro il 5 dicembre. Per andare oltre dovrà pagare un canone di locazione di mercato e uscire comunque subito. Luigi Di Maio, per ora non ha parlato, ma chi l’ha sentito e visto del suo entourage e lo descriveva inviperito per questa vicenda, oggi – dice – “sembra sia più sereno“. “La differenza tra chi predica l’onestà e chi la predica e la pratica sta tutto nei comportamenti degli iscritti al M5S. Da noi si deve essere onesti, non sembrarlo” ha spiegato Di Maio in ogni occasione in cui c’era qualche dubbio sulla moralità di qualcuno del Movimento. Chi non si adegua viene cacciato. In ogni caso, il caso Trenta non è chiuso. Non é chiuso per il M5S che vuole vederci chiaro. Non é chiuso per la giustizia militare e quella civile. Si indaga sulla assegnazione alla signora Trenta e sulla riassegnazione al marito.

Continua a leggere

In Evidenza

Il Turismo torna ai Beni Culturali dopo la “allegra” parentesi leghista

Avatar

Pubblicato

del

La delega del Turismo torna al ministero dei Beni culturali. È questa la principale innovazione del dl sul riordino dei ministeri che ieri è stato definitivamente approvato dall’aula della Camera, dove il governo lo ha blindato con la fiducia: 331 i sì, 209 i no. Nel voto definitivo sul testo 285 voti a favore e 155 contrari.
Dunque, non sarà più il ministero dell’Agricoltura ad occuparsi di turismo, come accadde nel primo governo Conte. Al Mibact, come avveniva fino al governo Gentiloni, tornano dunque tutte le competenze e le risorse economiche ed umane in materia. Insomma Giuseppe Conte I ha tolto le competenze del Turismo ai Beni Culturali, Giuseppe Conte II gliele restituisce. Non sappiamo quanto è costato agli italiani questa sceneggiata (magari i giudici della Corte dei Conti vorranno saperlo?), ma noi possiamo spiegarvi perché accadde. Secondo quanto emerse all’epoca delle spartizione delle poltrone ministeriali del governo Conte I, quello M5S-Lega, le competenze del turismo andarono inizialmente al ministro dell’Ambiente, il generale dei carabinieri (Forestale) Sergio Costa. Solo che la Lega si impuntò, perchè riteneva di aver incassato poche poltrone di prima fascia e pochissima di sottobosco governativo,  e allora volle fortissimamente volle le deleghe del Turismo. E allora ci si inventò di dare la delega al Turismo al ministero dell’Agricoltura. Dice: ma che c’azzecca? All’epoca ci fu una spiegazione plausibile, addirittura una questione di competenza e competenze. Il ministro dell’Agricoltura, Gianmarco Centinaio, era stato direttore di una agenzia di viaggio e pertanto le sue competenze sul Turismo italiano erano naturali. Dunque il settore Turismo fu tolto ai Beni Culturali, non assegnato all’Ambiente e girato al ministero dell’Agricoltura. Ora è tornato tutto al suo posto. Nel frattempo Gianmarco Centinaio (nella foto in evidenza) ha avuto il tempo di fare tutte le nomine negli enti che dipendendo dalla Direzione Generale Turismo: dal direttore dell’Enit al sito Internet a tutte le società satelliti. Una grande abbuffata. Il primo a beneficiarne fu Giorgio Palmucci. Il nuovo capo dell’Enit, ovvero quello che era il capo di Centinaio quando lavorava al Club Med come manager. Ve l’immaginate la collaborazione tra Palmucci e il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini?

Dal Club Med all’Enit, Palmucci chiamato a rilanciare il settore turismo diventato una appendice del ministero dell’Agricoltura

Con il riordino di queste ore c’è anche il via libera alla assunzione al Mibact a tempo indeterminato di 150 unità di personale non dirigenziale, ed all’uso di personale della società Ales Spa nelle more dell’espletamento delle procedure concorsuali autorizzate per i servizi di vigilanza. Per quanto riguarda i musei, i proventi derivanti dalla vendita dei biglietti all’ingresso degli istituti e luoghi di cultura appartenenti o in consegna allo Stato, sono destinati anche alla fruizione degli stessi musei mediante una riassegnazione.
Novità anche in tema di grandi eventi sportivi. Arriva il Commissario straordinario per le finali della Coppa del mondo e dei campionati mondiali di sci alpino.

Continua a leggere

In Evidenza

Elisabetta Trenta non molla la casa, il M5S dà l’avviso di sfratto: lasci o sarà fuori dal Movimento

Avatar

Pubblicato

del

Sono molto arrabbiata. Questa storia mi porterà dei danni. E’ evidente che ormai sono sotto attacco”. Sono le parole che usa la ex ministra della Difesa Elisabetta Trenta per difendersi dall’inchiesta de “Il Corriere della Sera” sulla casa a San Giovanni che ha conservato pur non essendo da mesi al ministero. Ricordiamo, perchè è utile, che Elisabetta Trenta è stata “bocciata” dal M5S che non l’ha voluta nella delegazione ministeriale del Conte II. Lei al Corriere della Sera dice che quanto accade “è tutto regolare”. E dice che “ormai la casa è stata assegnata a mio marito e in maniera regolare. Per quale motivo dovrebbe lasciarla?”. Dice anche altre cose appendendosi sugli specchi, ma va bene così. Non è importante quello che dice Elisabetta Trenta. È chiaro che l’ex  ministra è convinta che è nel giusto, ben sapendo che quella casa è un privilegio che non sta in piedi. È importante invece quello che dice il M5S. Di Maio da due giorni dice che la Trenta deve lasciate la casa. Oggi il M5S prende ufficialmente, nella sua interezza, posizione. “Le spiegazioni di Elisabetta Trenta, a proposito dell’assegnazione dell’appartamento al marito, non sono sufficienti. I nostri valori sono incompatibili con l’intenzione di mantenere l’appartamento. Ci sono soldati e militari che hanno davvero bisogno di un alloggio e non è il caso di Elisabetta Trenta e del marito.

Questa situazione e’ inaccettabile anche per il lavoro che i nostri parlamentari e attivisti portano avanti da anni in tema di Difesa. Luca Frusone, nostro portavoce in commissione Difesa, ha presentato proprio in questi giorni una risoluzione che chiede la riorganizzazione degli alloggi militari. Quella degli alloggi militari è una questione di cui ci siamo occupati, perchè spesso prevalgono amicizie e clientelismi, a danno dei soldati che, appunto, hanno davvero bisogno” scrive il M5S sul blog. “Non sono concessi sconti – sostiene – Questa è una guerra a una mentalità molto radicata nel nostro Paese. O la trasformiamo noi, o non c’e’ nessuno che lo farà al posto nostro. Questa vicenda non danneggerà il grande lavoro di tutto il MoVimento, come dimostra la risoluzione di Luca Frusone. L’animo delle persone non si può cambiare, che il singolo sbagli puo’ accadere, ma i nostri valori sono intoccabili e li facciamo rispettare. Sempre. Questo e’ cio’ che ci distingue dai partiti. Quindi ci auguriamo che Elisabetta Trenta lasci la casa e se il marito, in quanto militare, ha diritto ad un alloggio puo’ fare domanda e lo otterrà”. Si vedrà. Qualche dubbio che questo comportamento della Trenta non danneggi il M5S però lo nutriamo.

Intanto che la signora Trenta decida se e come andarsene da un alloggio che le fu assegnato da ministra, la Procura militare della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo d’indagine per accertare eventuali profili di sua competenza in relazione alla vicenda della casa dell’ex ministra della Difesa Elisabetta Trenta. Si tratta, per ora, di atto dovuto dopo l’inchiesta di Fiorenza Sarzanini che ha beccato in fallo la ex ministra e le decine di denunce pubbliche di politica e sindacalisti sulla vicenda della casa di San Giovanni dove ancora vive la ex ministra.

Continua a leggere

In rilievo