Collegati con noi

Economia

Ferrari elettrica, la sfida vinta di Vigna e la visita in azienda di Mattarella

Pubblicato

del

Sergio Mattarella, il Presidente della Repubblica Italiana, ha inaugurato ieri la nuova fabbrica Ferrari con una visita che ha segnato un momento storico per il celebre marchio del Cavallino Rampante. Accolto dagli applausi delle tute rosse, Mattarella ha ricevuto in dono una lampada costruita con pezzi di motore, definendola un “bellissimo oggetto”. Questo evento rappresenta il primo passo nel futuro della Ferrari, un’azienda che continua a innovare e a mantenere le promesse.

Due anni fa, il sito ospitava capannoni industriali, oggi è sede di una fabbrica ultramoderna, l’e-building, disegnato dall’archistar Mario Cucinella. Questo impianto, che ha richiesto un investimento di 200 milioni di euro, è dotato di oltre 3.000 pannelli solari e sarà alimentato esclusivamente da energia rinnovabile. L’e-building offrirà spazio e flessibilità per riorganizzare la produzione, con l’obiettivo di assemblare modelli a benzina, ibridi e completamente elettrici.

Benedetto Vigna, amministratore delegato della Ferrari, ha sottolineato l’importanza di questa nuova struttura: «Lì l’elettrico non era possibile realizzarlo». La nuova fabbrica permetterà di produrre modelli come il Purosangue e la SF90 Stradale, nonché la prima supercar elettrica della Ferrari che vedrà la luce nel 2026. Quando l’e-building sarà a pieno regime, impiegherà 300 persone e permetterà di accorciare i tempi di attesa e aumentare le possibilità di personalizzazione delle auto, una caratteristica sempre più richiesta dai clienti.

Vigna ha chiarito che la Ferrari non punta a incrementare i volumi di produzione (circa 13.600 auto vendute lo scorso anno), ma a crescere in valore. Le nuove tecnologie elettriche richiedono processi innovativi e un nuovo know-how che, combinato con l’artigianalità tipica della Ferrari, promette di creare qualcosa di unico nel panorama automobilistico mondiale. La sfida per Vigna è di mantenere l’esclusività del brand, offrendo al contempo modelli tradizionali e elettrici.

La Ferrari sta affrontando una delle sue sfide più significative: introdurre una supercar elettrica senza perdere l’essenza del marchio. «C’è gente che ci scrive dicendo: “Non diventerò ferrarista finché non fate una supercar elettrica”. E altri: “Non comprerò elettrico finché non sarà Ferrari”», ha detto Vigna, evidenziando la necessità di flessibilità per soddisfare una clientela esigente e diversificata.

L’inaugurazione della nuova fabbrica Ferrari non rappresenta solo un ampliamento della capacità produttiva, ma un passo significativo verso il futuro dell’automobile, con un forte impegno verso la sostenibilità e l’innovazione. Dall’e-building si vedono le colline emiliane, simbolo di una tradizione che continua a evolversi senza perdere di vista le sue radici. La Ferrari si prepara a scrivere un nuovo capitolo della sua leggendaria storia, con la promessa di mantenere la sua eccellenza e unicità in ogni nuovo modello, sia esso tradizionale o elettrico.

Advertisement

Economia

Crescono occupati, rischio povertà a minimi da 2010

Pubblicato

del

Cresce l’occupazione e diminuisce il rischio di povertà ma l’Italia resta comunque indietro rispetto alla media Ue: nel 2023 il nostro Paese ha avuto un incremento record degli occupati con 1,5 punti in più (seconda sola a Malta ,oltre il doppio della media Ue) ma resta in fondo alla classifica con appena il 66,3% di persone tra i 20 e i 64 anni che lavora. Nello stesso periodo è diminuito il rischio di povertà che con il 18,9% si porta sui minimi dal 2010. In pratica il cammino per la riduzione del disagio economico e sociale sembra iniziato ma il percorso resta lungo.

Il divario con il tasso di occupazione medio europeo è ancora di nove punti a livello nazionale ma sale si si guarda alle donne e soprattutto ai territori con il Mezzogiorno ancora più indietro. Il 2023, anno che ha registrato una stretta sul reddito di cittadinanza con la possibilità di avere il sussidio al massimo per sette mesi per i cosiddetti occupabili, ha visto comunque una riduzione del rischio di povertà monetaria (ovvero della popolazione con un reddito inferiore al 60% di quello mediano nazionale) di 1,2 punti (-0,3 punti in media in Ue).

Il tasso di rischio di povertà monetaria dopo i trasferimenti sociali è sceso al 18,9% della popolazione (16,2% in Ue) pari a 11,12 milioni di persone, con una riduzione di 676mila persone sul 2022. Se si guarda nel complesso alla povertà e l’esclusione sociale (quindi oltre alla povertà monetaria anche alla presenza di grave deprivazione materiale o di bassa intensità di lavoro) in Italia la percentuale di popolazione in questa situazione di disagio economico è pari al 22,8% in calo di due punti rispetto al 2022 ma comunque superiore alla media Ue (21,4%).

Si trovano in questa situazione di rischio nel complesso nel nostro Paese 13 milioni 392mila persone con una riduzione di circa 900mila persone rispetto al 2022. Sono persone che vivono in famiglie o in situazione di povertà relativa, o sono impossibilitate a fare spese impreviste o a riscaldare adeguatamente l’abitazione o a fare una settimana di vacanza l’anno lontano da casa, o che sono in nuclei a bassa intensità di lavoro, ovvero hanno impegno inferiore al 20% dell’orario normale. Per i minori il rischio di povertà ed esclusione sociale è più alto rispetto alla percentuale complessiva.

Nel nostro Paese nel 2023 oltre un quarto dei minori, il 27,1%, era in questa situazione di disagio, dato in flessione rispetto al 28,5% del 2022, ma comunque superiore alla media Ue (24,8%). In pratica ci sono 2 milioni 471mila under 18 in una situazione di disagio economico. Tra i fattori di grave deprivazione materiale c’è l’impossibilità di fare un pasto adeguato con carne o pesce o un equivalente vegetariano ogni due giorni. Se in media in Ue il 9,5% non può permettersi di mangiare in modo adeguato in Italia la percentuale e all’8,4% (dal 7,5% del 2022).

La percentuale sale al 19,2% in Italia per le persone che hanno un reddito al di sotto del 60% di quello mediano. Per ridurre ancora il rischio di povertà sarà essenziale aumentare la partecipazione al lavoro, soprattutto delle donne. Se l’Italia è ultima per tasso di occupazione in Ue è tra le peggiori anche per quello di disoccupazione con il 7,6% tra i 15 e i 74 anni facendo meglio solo della Spagna (12,2%) e della Grecia (11,1%) .

Il tasso è largamente al di sopra della media Ue attestata nell’anno al 6,1% ma se si guarda all’andamento rispetto al 2022l’Italia ha comunque fatto meglio della media Ue con una flessione del tasso di 0,4% punti a fronte di una riduzione media in Europa di 0,1 punti. L’Italia è invece tra le prime della classe sul divario di retribuzioni tra uomini e donne per ora lavorata (il 4,3% in meno rispetto al 12,7% in meno in media nell’Ue), il dato migliore dopo il Lussemburgo che vede le donne pagate più degli uomini.

Continua a leggere

Economia

Camera di Commercio Napoli, De Luca nomina commissario il prefetto Raffaele Cannizzaro

Pubblicato

del

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, con proprio decreto, ha nominato oggi Il prefetto Raffaele Cannizzaro nuovo commissario straordinario della Camera di Commercio di Napoli. La nomina del Prefetto Cannizzaro nasce “dalla presa d’atto – come scritto nel decreto – della complessità e rilevanza delle funzioni svolte dalla Camera di Commercio che richiedono l’individuazione di un profilo particolarmente esperto, competente ed autorevole in possesso di consolidata e significativa esperienza in campo giuridico amministrativo e nei ruoli di vertice della pubblica amministrazione.

Vi è la necessità e l’urgenza di assicurare il regolare funzionamento dell’Ente e portare a compimento le procedure di rinnovo dell’organo camerale, ponendo in essere tutti gli atti necessari per addivenire al sollecito rinnovo del Consiglio Camerale”. Il prefetto Raffaele Cannizzaro “è stato impegnato in plurime e variegate esperienze ai vertici della pubblica amministrazione, recentemente Presidente della Commissione Prefettizia al Comune di Castellammare di Stabia, e ha ricoperto, nella sua lunga esperienza professionale, anche l’incarico di Prefetto a Cosenza, Catanzaro, Ancona e Perugia”.

Continua a leggere

Economia

Il rischio povertà in Italia cala a 18,9%, minimo dal 2010

Pubblicato

del

Cresce l’occupazione e cala il rischio di povertà anche se l’Italia resta al di sopra della media Ue: nel 2023 la percentuale di popolazione con un reddito disponibile equivalente inferiore alla soglia di rischio di povertà, fissata al 60 % del reddito disponibile mediano equivalente nazionale, è al 18,9% con un calo di 1,2 punti sul 2022 e ai minimi dopo il 2010 (era al 18,7%) ma comunque al di sopra della media Ue (16,2%). Le persone a rischio povertà sono 11,12 milioni, 676mila in meno del 2022.

Se si guarda nel complesso alla povertà e l’esclusione sociale (quindi oltre alla povertà monetaria anche alla deprivazione materiale o la bassa intensità di lavoro) in Italia la percentuale di popolazione in questa situazione di disagio economico è pari al 22,8% in calo di due punti rispetto al 2022 ma comunque superiore alla media Ue (21,4%). In pratica si trovano in questa situazione di rischio nel complesso nel nostro Paese 13 milioni 392mila persone con una riduzione di circa 900mila persone rispetto al 2022. Per i minori il rischio di povertà ed esclusione sociale è più alto rispetto alla percentuale complessiva. Nel nostro Paese nel 2023 il 27,1% dei minori era in questa situazione di disagio, dato in flessione rispetto al 28,5% del 2022 ma comunque superiore alla media Ue (24,8%). In pratica ci sono 2 milioni 471mila under 18 in una situazione di disagio economico. Tra i fattori di deprivazione materiale c’è l’impossibilità di fare un pasto adeguato con carne o pesce o un equivalente vegetariano ogni due giorni. Se in media in Ue il 9,5% non può permettersi di mangiare in modo adeguato in Italia e all’8,4% (dal 7,5% del 2022). La percentuale sale al 19,2% in Italia per le persone che hanno un reddito al di sotto del 60% di quello mediano.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto