Collegati con noi

Cultura

A Galatina nel giorno di San Paolo si rappresenta il rito dei Tarantolati

Pubblicato

del

San Pietro e Paolo, una delle festività più importanti della chiesa cattolica, Pietro, il primo Papa e Paolo il  teologo.  Festeggiati nello stesso giorno a cominciare da Roma, città di cui sono compatroni.

A Galatina, in provincia di Lecce, invece, si festeggia San Paolo, ricordando e rappresentando scenicamente un rito, il tarantismo o tarantolismo, che l’antropologo Ernesto De Martino ci aveva fatto conoscere negli anni passati e che oggi forse non è più praticato solo per il fatto che le tarantole,  protagoniste attive del rito sono oramai sulla via dell’estinzione o perché ai loro morsi, che nelle campagne sono ancora un rischio, ci sono oramai rimedi medici molto più veloci, senza voler entrare nel merito della efficacia.

Martina Chirico, neolaureata in fotogiornalismo del biennio di fotografia dell’ Accademia di Belle Arti di Napoli ci racconta sia fotograficamente che con un breve testo la cronaca della giornata a Galatina di questa nuova interpretazione del vecchio rito che ha ispirato i grandi documentaristi del secolo scorso, ma anche il anche il cinema più vicino a noi.

“Partire dal sud della Calabria ha fatto si che  Il viaggio fosse sfiancante e lungo una notte intera. Arrivo giusto in tempo davanti alla cappella di San Paolo a Galatina, già dalle sette gremita di gente, per assistere alla rappresentazione del “morso della taranta” rievocazione storica dell’antico rito a cui si poteva assistere pochi decenni fa. Il giorno di San Paolo dai paesi vicini giungevano a Galatina persone che si ritenevano morse dalla tarantola e versavano in un profondo stato di malessere che le spingeva a dimenarsi e a ballare, in piena crisi isterica, senza sosta per ore ed ore fino allo sfinimento. Venivano a Galatina per chiedere la grazia della guarigione a San Paolo e bere l’acqua  miracolosa di un pozzo nella Cappella dedicata al Santo.

Oggi assistiamo alla rappresentazione teatrale di quei fatti e  finalmente arrivano, nella piazza affollata, tre carri decorati con tonalità vivaci, dai quali scendono due ragazze vestite di bianco sostenute da due donne in nero e un signore con in testa una coppola, li seguono due ragazzi con i mano un violino e un tamburello. La folla inizia ad arretrare, si sente il fremito della curiosità degli spettatori nell’assistere per la prima volta alla rappresentazione. Il gruppetto di figuranti entra nella cappella e quando esce la danza frenetica della taranta prende vita. Il silenzio tra la folla cala, lasciando il posto al suono del violino e del tamburello trasmettendo energia pura. Le ragazze coricate sui lenzuoli bianchi iniziano ad agitare il capo, i piedi le mani, il loro agitare segue il ritmo che diventa sempre più battente, a tratti rallenta e poi ritorna la frenesia. Il loro malessere si ripercuote sulla folla che osserva. Assorte nella loro danza, si alzano, corrono e ricadono sul bianco lenzuolo dove terminano la loro danza. La folla applaude è lentamente, dopo il ritorno dei figuranti sui carri, che dopo una breve sosta si fanno strada nella popolazione che si disperde. Il rito è consumato, non si perde la memoria di accadimenti che hanno segnato questi luoghi e che ancora sono da studiare.

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Cultura

Pompei, scoperto un Sacrario azzurro decorato nella Regio IX

Pubblicato

del

Recenti scavi nell’Insula 10 della Regio IX a Pompei hanno portato alla luce un ambiente interpretabile come sacrario, con pareti a fondo azzurro decorate in stile pompeiano del IV Stile. Questo straordinario ritrovamento rappresenta una scoperta di grande rilievo per la conoscenza della vita religiosa e decorativa nell’antica città romana.

L’ambiente, situato nell’area centrale della città antica, presenta pareti dipinte di un raro e prezioso colore azzurro, tipico di ambienti decorativi di alto livello. Le decorazioni comprendono figure femminili che rappresentano le stagioni, conosciute come Horae, e allegorie dell’agricoltura e della pastorizia, identificabili dagli attributi dell’aratro e del pedum, un bastone usato da pastori e cacciatori. Il sacrario misura circa 8 metri quadrati ed è situato nella porzione meridionale dell’isolato, parte di un quartiere secondario di una grande domus. Oltre alle decorazioni murali, sono stati rinvenuti quindici anfore da trasporto, un corredo in bronzo composto da due brocche e due lucerne, e accumuli di materiali edilizi pronti per essere utilizzati in ristrutturazioni. Sulla soglia d’ingresso è stato trovato un mucchio di gusci di ostriche, probabilmente destinati a essere tritati e aggiunti agli intonaci.

Ostriche ritrovate a Pompei

L’area interessata dagli scavi era già stata parzialmente esplorata in epoca borbonica. Il sacrario fa parte di un complesso più ampio che comprende un quartiere termale ancora in fase di scavo e un grande salone affrescato di nero, affacciato su un cortile con scala di accesso al primo piano. Questo progetto di scavo è parte di un’iniziativa più vasta volta a mettere in sicurezza il fronte perimetrale tra le aree scavate e non scavate, migliorando l’assetto idrogeologico per garantire una tutela più efficace e sostenibile del patrimonio pompeiano.

 

Questa scoperta arricchisce ulteriormente la nostra comprensione della vita quotidiana e delle pratiche religiose a Pompei. La rarità del colore azzurro nelle decorazioni murali sottolinea l’importanza dell’ambiente all’interno della domus. Gli oggetti ritrovati, insieme alle decorazioni, forniscono preziose informazioni sulle attività rituali e sulle risorse economiche e materiali della città antica.

La comunità archeologica attende con grande interesse i risultati completi degli scavi e ulteriori dettagli su questo affascinante ritrovamento, che continua a svelare i segreti nascosti della città sepolta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

Continua a leggere

Cultura

Successo di ‘Napolindie’ con Erri De Luca e tanta musica

Pubblicato

del

Dieci ore di musica, quaranta artisti e migliaia di presenze: nonostante le condizioni meteo avverse è positivo il bilancio di ‘Napolindie’, festival di musica e e letteratura dell’Arena del Flava (area marina protetta del litorale di Castel Volturno) ideato da Lello Ferrillo e Gianni Simioli, direttore artistico.

Gli organizzatori sottolineano la presenza di due voci significative della cultura come Erri De Luca e Sabrina Efionayi, in uscita con il nuovo romanzo ‘Padrenostro'(La Feltrinelli). Tra i momenti significativi dell’edizione 2024, che ha replicato il successo dello scorso anno, l’esibizione di Enzo Avitabile con uno dei suoi brani più famosi, “Soul Express”, cantato con Ste, Roberto Colella, Gabriele Esposito, Vesuviano.

E ancora, Simona Boo, sul palco con Tartaglia, per ‘Pata pata’ ricordo di Miriam Bakeba. Insieme a Mama Africa, Gianni Simioli ha voluto inserire in scaletta tributi a Pino Daniele, Bob Marley e Massimo Troisi. Spazio all’azione sociale con l’associazione sportiva dilettantistica senza scopo di lucro Tam Tam Basketball, fondata dall’ex giocatore di pallacanestro, oggi allenatore, Massimo Antonelli, successo dello spazio libri con l’associazione culturale Port’Alba. Tra i protagonisti anche Jelecrois, Dada’, Giovanni Block, Vincenzo Comunale, Settembre, Blue Staff, Dario Sansone Ensemble, Veronica Simioli, Maldestro. Media partner Radio Marte.

Continua a leggere

Cultura

Caso Saviano, Sandro Veronesi al leader degli editori Cipolletta: non cambio idea su Buchmesse

Pubblicato

del

“Non cambio idea da un giorno all’altro. Innocenzo Cipolletta era presente alla conferenza stampa a Francoforte e forse poteva dire lì qualcosa”. Lo dice Sandro Veronesi – il primo scrittore a rinunciare a far parte della delegazione italiana alla Buchmesse di Francoforte 2024, dove l’Italia sarà Ospite d’Onore, per l’esclusione di Roberto Saviano – rispondendo all’invito di oggi del Presidente dell’Associazione Italiana Editori agli autori coinvolti nel programma a essere presenti alla Buchmesse all’interno del Padiglione italiano.

“In realtà è anche come ha detto Mauro Mazza. La cosa per cui non ci vado esiste ancora perché sono risposte che Mazza ha dato in conferenza stampa. Io mi sono sbilanciato per primo e non ci vado” spiega Veronesi riferendosi alle ragioni con cui il Commissario Straordinario del Governo ha giustificato l’esclusione di Saviano.

“Mi dispiace molto per Francoforte, è la importante fiera nel mondo. Questa volta c’era l’onore riservato all’Italia, ma ormai mi sembra che ce lo siamo giocato, non mi piacerebbe giocarmi anche il mio cambiando idea dopo quello che ho detto” sottolinea lo scrittore due volte Premio Strega del quale è in uscita poche settimane prima dell’inaugurazione della Fiera di Francoforte il nuovo libro, Settembre nero, pubblicato da La nave di Teseo.

“Ci andrò un’altra volta. Non ero stato invitato dai tedeschi. Se si renderà necessario per lavoro, se Elisabetta Sgarbi vorrà fare qualcosa per il libro potrei anche andare” afferma Veronesi che comunque non sarà con la delegazione italiana.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto