Collegati con noi

Napoli

Tuffi al mare e tintarella sulle spiagge di Napoli nel giorno dell’estate di San Martino, il protettore dei cornuti

Pubblicato

del

All’altezza della Colonna Spezzata, di fronte a piazza Vittoria, c’è la spiaggia libera sempre bella, linda e pinta: mare azzurro, cielo azzurro, sullo sfondo il Castel dell’Ovo in tutta la sua maestosa bellezza. Turisti e napoletani, con asciugamano sistemato sulla sabbia nera come la pece, prendono la tintarella e ogni tanto si lanciano in un bel tuffo refrigerante per sopportare meglio la canicola. Più avanti, rotonda Diaz, spiaggia enorme, decine di persone spaparanzate al sole, persino qualche ombrellone e sdraio. Sul lungomare liberato e chiuso al traffico i chioschetti servono birre ghiacciate, acqua minerale, taralli napoletani e schifezze varie. Capannelli di ragazzi che hanno fatto filone a scuola e se ne sono andati in spiaggia a godersi la bella giornata di sole fanno casino giocando sulla spiaggia. Sulla scogliera sistemata ai tempi dellìAmericas Cup e mai più tolta, di fronte alla piazza, praticamente col mare azzurro negli occhi, non c’è un solo scoglio libero.

Il posto è un po’ appartato rispetto alla spiaggia, ed è normale che qualche coppietta si scambi qualche effusione d’amore. In qualche caso andando anche un po’ abbandonatamente oltre. Ma si sa, ad una certa età, agli ormoni (come al cuore) non si comanda. Più avanti, salendo verso Posillipo, ci si imbatte sulla spiaggia che guarda verso Palazzo Donn’Anna, costruzione seicentesca voluta da donna Anna Carafa, consorte del Duca Medina de Las Torres e realizzata dall’architetto Cosimo Fanzago. Difficile spiegare la bellezza di questo Palazzo che sembra diroccato a chi non è napoletano. Non è costruito sul mare ma si erge dal mare, la sua bellezza è forse dovuto alla incompiutezza. Ogni napoletano se l’immagina finito in un certo modo. Quelli che fanno il bagno tutto l’anno sulla spiaggia che guarda verso il Palazzo godono della protezione dai venti che garantisce. In quel posto hai sotto mano l’intero golfo di Napoli. E pure lì c’erano decine di persone a fare il bagno. Ecco, quando si compilano le classifiche sulla qualità della vita nel Belpaese, è complicato far pesare nel paniere delle cose belle di Napoli una ordinaria giornata di novembre in riva a mare. Perchè oggi, 11 novembre, giorno di San Martino, protettore dei cornuti, a Napoli almeno nessuno è stato mazziato dal cattivo tempo. E la giornata, chi ha potuto, se l’è goduta. Al mare. Altrove, in Italia, fa freddino. E così sia.

Advertisement

Cronache

Azienda dell’acqua di Napoli festeggia 139 anni dalla fondazione

Pubblicato

del

L’azienda che si occupa della gestione del ciclo integrato dell’acqua di Napoli compie 139 dalla sua fondazione. Un compleanno che l’Abc, azienda speciale del Comune di Napoli, ha deciso di festeggiare alla Basilica della Pietrasanta, nei cui sotterranei è stato realizzato nel 2021 il Museo dell’Acqua, grazie alla collaborazione tra Abc e associazione Pietrasanta Polo culturale Ets. Un compleanno che sarà celebrato con lo spettacolo ‘L’acqua è poca’, di e con Amedeo Colella, con le musiche del maestro Francesco Cuomo.

“Sono passati 139 anni da quando re Umberto I inaugurò l’acquedotto del Serino facendo zampillare quest’acqua purissima in piazza Plebiscito – ricorda Alessandra Sardu, presidente Abc – abbiamo deciso di festeggiare questo momento con questo spettacolo dell’artista Colella proprio per cogliere quel legame profondo che lega i napoletani all’acquedotto, un intreccio straordinario di credenze, storia, di modi di dire che svela l’identità più profonda della nostra città”.

La festa sarà anche l’occasione per ripercorrere la lunga storia che lega Napoli al suo acquedotto, la storia dell’azienda, che a seguito del referendum del 2011 sull’acqua pubblica è stata trasformata da spa in azienda di diritto speciale, ma offrirà anche l’opportunità di conoscere le innovazioni tecnologiche che si stanno mettendo in campo per rispondere alle necessità della transizione digitale e ambientale nell’ottica del contrasto al cattivo consumo della risorsa idrica. Alla Pietrasanta infatti sarà allestito uno stand per mostrare ai cittadini alcune delle nuove tecnologie che si stanno adottando e saranno illustrati anche i lavori che si stanno realizzando al sistema fognario e idrico della città.

Continua a leggere

Napoli

De Luca: Manfredi smentisca consulenze a docenti Federico II

Pubblicato

del

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, chiede al commissario di Bagnoli, vale a dire il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, di smentire quanto “sostengono gli esponenti di Fratelli d’Italia di Napoli in merito alle consulenze a docenti della Federico II”. “Io suggerirei al commissario di smentire queste illazioni oppure di fornire l’elenco delle consulenze date a docenti della Federico II per stroncare e bloccare eventuali speculazioni”, ha sottolineato De Luca.

Continua a leggere

Cronache

Auto in fiamme a Napoli, si blocca la zona collinare, traffico in tilt

Pubblicato

del

Un incendio di vaste proporzione ha creato notevoli problemi alla circolazione della zona collinare di Napoli: un’auto in fiamme in via Bernardo Cavallino per motivi da accertare, ha provocato una nuvola di fumo che ha costretto due squadre di Vigili del Fuoco ad intervenire. Non ci sono feriti, ma gli abitanti del quartiere hanno temuto il peggio. La zona è rimasta bloccata da poco dopo le 8 del mattino ed ancora si sta lavorando per mettere la zona in sicurezza. visto che si tratta di un’arteria importante delal zona collinare della città e densamente abitata

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto