Collegati con noi

In Evidenza

Tuyo, la sigla di Rodrigo Amarante per la serie di Netflix “Narcos” riveduta e scorretta dalla band degli ‘A67

Avatar

Pubblicato

del

La musica è l’unica lingua capace di parlare a chiunque, in qualunque parte del mondo. Un linguaggio universale che crea sinergie magiche e inaspettabili, com’è successo con Tuyo, la sigla di Narcos. La famosa serie Netflix che ha raccontato l’epopea criminale di Pablo Escobar e del cartello di Cali e che ora, con la quarta stagione – appena uscita – svela il narcotraffico messicano. La canzone scritta dal cantautore brasiliano, Rodrigo Amarante, è diventata virale ed è stata rifatta e remixata da centinaia di artisti in tutto il mondo. E in Italia non poteva trovare terreno musicale più fertile di quello napoletano, con gli ‘A67 che l’hanno riadattata nella propria lingua madre, il napoletano. Cover che vanta la produzione artistica di Massimo D’Ambra. “Ci siamo innamorati della serie – spiegano i ragazzi della band di Scampia – e della sua colonna sonora. Un brano che per passione e atmosfera poteva essere una canzone napoletana, da qui l’idea di cantarla nella nostra lingua”. Non a caso Tuyo ha gli stessi accordi di un famosissimo classico napoletano, Passione. Il destino ha voluto che durante le registrazioni il cantante della band, il frontman Daniele Sanzone, conoscesse personalmente Rodrigo Amarante, che ha apprezzato la versione napoletana di Tuyo, e con cui è nato un grande feeling. Chissà, domani potrebbe anche venirne fuori un sodalizio artistico, anche temporaneo,  tra Amarante e la band napoletana che ha un sangue misto nelle vene: fa musica che è puro power rock napoletano, ricco di passione, vertigini artistiche e mille declinazioni culturali. D’altrone se nasci a Napoli e ancor di più a Scampia, nelle vene scorre lava non sangue.

La Band napoletana. L’ultimo successo degli A67 è Tuyo, remake di un successo di Rodrigo Amarante

Il video in bianco e nero della canzone, regia di Andrea Ranalli, è stato girato all’interno della vela rossa di Scampia. “Ci piaceva l’idea – continua la band – di portare un po’ di poesia in un luogo diventato simbolo di degrado e criminalità. Provare a raccontare, con le immagini, la normalità di chi vive il nostro quartiere”. Il nuovo disco della band di Scampia vedrà la luce l’anno nuovo. Album anticipato dal singolo, Il Male Minore feat. Caparezza, prodotto da Gigi Canu dei Planet Funk. Un brano “melodicamente scorretto e politicamente ballabile”, come l’hanno definito. Con Tuyo invece, gli ‘A67 intrecciano e uniscono idealmente Medellin, Napoli e Rio De Janero. Pablo Escobar era ossessionato da Napoli, se ne innamorò dopo averla visitata alla fine degli anni ’70, al punto da chiamare il suo quartier generale, “Hacienda Napoles” (Tenuta Napoli). E anche l’autore di Tuyo ama Napoli, come ha confessato al cantante della band. “Quando sono a Napoli sento il senso di umanità nei modi, nella parlata, nel cibo.” Perché come dice lo scrittore noir, Maurizio de Giovanni, “Napoli è una città sudamericana innestata in Italia, perché è più simile a Rio de Janeiro o a Buenos Aires che non alle città del nord Italia.” E da oggi grazie alla versione napoletana di Tuyo degli ‘A67, queste città saranno ancora più vicine. Perchè Napoli anche se ha basi americane che ancora la occupano, è la città meno americana e meno occidentale dell’Occidente.

Advertisement

Cronache

Terrore sul bus, Sy resta in carcere: sostiene di aver agito perchè sentiva le voci dei bambini che muoiono nel Mediterraneo

Avatar

Pubblicato

del

Ousseynou Sy, il 47enne che due giorni fa ha dirottato il bus che guidava con 51 bambini e tre adulti a bordo e poi gli ha dato fuoco, potrebbe colpire ancora e fare altre azioni simili. Ne sono convinti i pm milanesi che nella richiesta di custodia in carcere hanno indicato il pericolo di reiterazione del reato di strage come esigenza cautelare nella richiesta, inoltrata al gip Tommaso Perna che ha interrogato Sy alla presenza anche dei pm, Alberto Nobili, capo del pool dell’antiterrorismo milanese, e il collega Luca Poniz nel carcere milanese dei San Vittore. Un interrogatorio durato un paio di ore nel corso del quale Ousseynou Sy avrebbe mostrato, ha riferito il suo legale Davide Lacchini “evidenti segni di squilibrio”. Una affermazione non solo non gradita ma rigettata dal gip Perna che l’ha interrogato Sy. “Non mi è sembrato affatto uno squilibrato” ha risposto il gip ai cronisti che gliel’hanno chiesto. Dall’interrogatorio è emerso che Sy voleva mettere a segno  “un’azione dimostrativa” e avere “non un impatto nazionale ma un massimo impatto internazionale”. Sempre il suo legale, Davide Lacchini, ha spiegato che il suo assistito  davanti al gip “ha lodato la politica italiana sulle migrazioni” e che il suo messaggio era “nessuno dall’Africa deve venire in Europa”. Sy, stando all’avvocato, davanti al gip , “ha dato dei segni di squilibrio che a mio parere richiedono un approfondimento con una perizia psichiatrica”. Il difensore ha parlato di “evocazioni” e “invocazioni” da parte dell’uomo, ma senza precisare meglio e ha riferito che il suo assistito “ha esposto le sue ragioni davanti al giudice con un certo vigore”.  A chi gli ha chiesto se l’uomo si sia pentito, il difensore ha risposto: “non si è parlato di ciò oggi”.  Sy ha ripetuto, inoltre, “di aver fatto un video” inviato ai suoi conoscenti, “ma gli inquirenti non l’hanno ancora trovato”. Come aveva già detto a chi è andato a trovarlo in carcere, Sy ha parlato anche “dello sfruttamento economico dell’Africa da parte dell’Europa”. Secondo la sua versione, infine, lui voleva arrivare con il bus a Linate e pendere una aereo “per andare in Senegal”. Il coltello l’aveva con se perchè “durante i turni serali gli autisti si portano degli strumenti di difesa.  Ha agito, avrebbe detto, dopo aver sentito dalle “voci dei bambini che stavano morendo nel Mediterraneo” che gli avrebbero chiesto di fare qualcosa di “clamoroso affinchè questo non accada più”.

 

 

Continua a leggere

Cronache

Violentata dal parroco da bambina, da grande l’ha fatto condannare ma molti in paese si sono schierati col prete e lei se ne andrà

Avatar

Pubblicato

del

Quando è diventata donna, maggiorenne, Valentina Cavagna, ha trovato il coraggio di denunciare gli abusi sessuali subiti da bambina dal parroco del proprio paese. L’uomo che aveva abusato di lei era amico di famiglia e maestro di religione. Ora  don Marco Ghilardi, ex parroco di Serina (nella Bergamasca), è stato condannato in via definitiva. Uno è portato a pensare che giustizia è fatta sebbene a distanza di anni. E invece quella ragazza abusata da bambina che trova la forza di portare alla sbarra il prete, oggi si ritrova con buona parte dei cittadini del suo paesino schierati al fianco del sacerdote.

Sospeso, in cella, don Marco condannato a sei anni, si trova in carcere.  Lei, Valentina, quando si presentò in caserma per denuciare il parroco, capì subito che non sarebbe stato facile. Dalla raccolta delle prove fino all’inizio del processo, capì che sarebbe stata dura. Poi con l’aiuto del suo legale, Francesca Longhi, con la voglia di giustizia, è riuscita a far condannare don Marco Ghilardi anche in Cassazione. Eppure, in paese molti si sono schierati dalla parte del parroco, colpevolizzando la ragazza e parlando di sentenza ingiusta. Valentina non si sa spiegare tutto quell’astio. Valentina sta pensando di andarsene da quel paese. Serina non lo sente come casa sua. E allora tanto vale andarsene. Dimenticare tutto il male subito dal parroco condannato e la gente che n0n l’ha aiutata, in fondo è un primo passo per tornare a vivere. Bene.

Continua a leggere

Economia

Ex Ilva, azienda condannata per comportamento antisindacale

Avatar

Pubblicato

del

Il giudice del Lavoro di Taranto, Lorenzo De Napoli, accogliendo un ricorso ex art. 28 presentato dall’Usb, tramite l’avv. Mario Soggia, ha condannato per comportamento antisindacale ArcelorMittal, ritenuta responsabile di aver proceduto alle assunzioni (10.700, di cui 8200 a Taranto) e alle dichiarazioni di esubero (2586) dei lavoratori dello stabilimento siderurgico ex Ilva in maniera non chiara e trasparente. Il giudice fa obbligo all’azienda di comunicare le concrete modalita’ applicative del criterio delle competenze professionali e, a parita’ di queste, dei punteggi e delle graduatorie relativi all’attuazione dei criteri sussidiari dell’anzianita’ di servizio e dei carichi di famiglia. La sentenza ordina la cessazione della condotta sindacale e la rimozione dei suoi effetti mediante le comunicazioni richieste che ArcelorMittal Italia dovra’ fornire entro il termine di 60 giorni alle organizzazioni sindacali firmatarie dell’accordo del 6 settembre 2018.

Il giudice De Napoli ha altresi’ ordinato all’azienda – tenuta al pagamento delle spese della causa – di affiggere la sentenza in tutte le bacheche dello stabilimento siderurgico di Taranto. L’Usb ha contestato la mancanza di comunicazione in merito alle procedure che hanno regolato l’individuazione degli assunti e degli esuberi e rilevato anomalie nell’applicazione dei criteri. “Il giudice De Napoli – fa rilevare l’avv. Mario Soggia – ha precisato nel suo provvedimento che la sentenza non avra’ effetti sui diritti acquisiti dagli assunti. Dunque, se fossero confermate le irregolarita’ l’azienda dovra’ procedere ad ulteriori assunzioni o al risarcimento dei danni patrimoniali nei confronti di chi e’ rimasto in Cassa integrazione straordinaria, ma avrebbe dovuto essere assunto. Per noi e’ stata una grandissima vittoria perche’ l’azienda ha sempre dichiarato di aver rispettato nella maniera piu’ assoluta i criteri di scelta”. Affermazioni “confermate dai suoi dirigenti – conclude il legale – nel corso del processo. ArcelorMittal puo’ presentare opposizione, ma questo e’ un ricorso d’urgenza che ha un’efficacia esplosiva in quanto la sentenza ha immediata esecutivita’ e ora dovranno dare seguito alla condanna del giudice”.

Continua a leggere

In rilievo