Collegati con noi

Tecnologia

Systrom e Krieger lasciano Instagram e Facebook, Zuckerberg li ha liquidati con un miliardo di dollari

Pubblicato

del

Dicono che vogliono “esplorare nuovamente la nostra curiosità e creatività”. Diciamo che ne hanno le facoltà e le capacità. Per non parlare delle risorse. Kevin Systrom e Mike Krieger, hanno lasciato Instagram e Facebook, la società che la controlla. Dalla vendita di Instagram al signor Mike Zuckerberg hanno ricavato un miliardo di dollari. Una cifra che si fa fatica a scrivere, pigiarsi a spenderla.

 

Kevin Systrom e Mike Krieger. Con questa foto pubblicata sui loro profili Fb i fondatori di Instagram lasciano l’azienda di Zuckerberg. Sei anno fa avevano venduto Instagram a Fb per un miliardo di dollari

Kevin Systrom e Mike Krieger. I fondatori di Instagram

La notizia dell’uscita di Systrom e Krieger era stata anticipata dal New York Times. Negli ultimi anni Instagram è diventata centrale per il successo di Facebook, riuscendo a mantenere un’immagine tutto sommato positiva presso gli utenti, a differenza del social network alle prese con scandali legati alla privacy, alla diffusione di notizie false, al caso Analityca, alle interferenze russe nelle presidenziali statunitensi del 2016 e a chissà cos’altro.

La prima versione di Instagram fu diffusa da Systrom e Krieger nell’ottobre del 2010, con l’intuizione che oltre a creare filtri fotografici da applicare alle proprie immagini gli utenti fossero anche interessati a condividerle in un modo semplice, senza dover ricorrere a email o messaggi. In appena due mesi raccolse oltre un milione di iscritti, che diventarono 10 milioni l’anno seguente. Mark Zuckerberg, il CEO di Facebook, si fece avanti nel 2012 offrendo ai cofondatori dell’applicazione circa un miliardo di dollari per la loro azienda, con un accordo per mantenere separate buona parte delle attività dal social network.

Systrom e Krieger hanno lavorato negli ultimi sei anni a Instagram, occupandosi dello sviluppo dell’applicazione e tollerando le crescenti ingerenze da parte di Zuckerberg e degli altri dirigenti di Facebook, interessati a una stretta integrazione con il social network. Secondo fonti consultate da Bloomberg, la costante presenza di Zuckerberg e la minore indipendenza sarebbero state tra le cause delle dimissioni dei due cofondatori. Le differenze di vedute non sono state mai rese pubbliche, e le parti per ora si sono limitate a formule standard e diplomatiche per comunicare le dimissioni. Comunque sia ci sono due geni in giro che cercano nuove frontiere da esplorare o superare.

Questo il testo di un post pubblicato oggi  sui profili Fb di Krieger e Systrom con cui dicono addio a Fb. Il testo è sicuramente frutto di acrobazie diplomatiche e legali. E c’è anche affetto, amore per tanti colleghi di lavoro.

“Kevin ed io siamo grati per gli ultimi otto anni a Instagram e sei anni con il team di Facebook. Siamo cresciuti assieme a 13 persone in una squadra che ha oltre mille con uffici in tutto il mondo. Abbiamo realizzato prodotti usati e amati da una comunità di oltre un miliardo di persone. Abbiamo amato e imparare a lavorare in una grande azienda e a coltivare un’enorme comunità globale. E non avremmo potuto farlo senza il nostro fantastico team di Instagram, e il supporto di Mark Zuckerberg, Sheryl Sandberg, Mike Schroepfer, e Chris Cox . Su Facebook-abbiamo imparato tanto da tutti voi. Ora siamo pronti per il nostro prossimo capitolo.
Abbiamo in programma di prendere un po ‘ di tempo per esplorare di nuovo la nostra curiosità e la nostra creatività. Costruire nuove cose richiede che si faccia un passo indietro, capire ciò che ci ispira e abbinare quello con ciò di cui il mondo ha bisogno; è quello che abbiamo in programma di fare.
Restiamo entusiasti per il futuro di Instagram e Facebook nei prossimi anni”.

Tra i circa 320 like sotto il post, campeggia al primo posto quello di Mark Zukerberg.

Advertisement

In Evidenza

Regole e limiti all’IA, Ue vara prima legge al mondo

Pubblicato

del

Il D-day dell’intelligenza artificiale è arrivato. I ministri dei Ventisette responsabili per le telecomunicazioni hanno approvato l’AI Act, il complesso di norme che disciplina lo sviluppo, l’immissione sul mercato e l’uso dei sistemi di IA in Ue. È il passaggio finale dopo il via libera nel marzo scorso del Parlamento europeo. E non poteva esserci finale migliore, quello di un traguardo raggiunto parlando con “una sola voce”, per parafrasare il commissario europeo al Mercato Interno, Thierry Breton. Il nuovo set di regole, il primo al mondo in materia, è stato adottato all’unanimità, a segnalare la compattezza dell’Unione davanti alle sfide poste dall’IA.

Un esito che per il relatore al Parlamento europeo dell’AI Act, Brando Benifei, “certifica la qualità del lavoro svolto su un tema di grande sensibilità politica e di mercato, che rende l’Ue il capofila globale nella regolamentazione dell’IA”. La normativa si regge su un delicato equilibrio tra spinta all’innovazione e tutela dei diritti umani, della democrazia, dello Stato di diritto e della sostenibilità ambientale.

Innovativo l’approccio al rischio adottato dal legislatore europeo grazie al quale si dettano una serie di obblighi a fornitori e sviluppatori di sistemi di IA in base ai diversi livelli di rischio identificati. Quando è inaccettabile, scattano i divieti: è il caso ad esempio delle tecniche manipolative, delle pratiche di polizia predittiva, del riconoscimento delle emozioni vietato sul posto di lavoro e nelle scuole.

E ancora è il caso del riconoscimento facciale, il cui uso è consentito solo alle forze dell’ordine e soggetto a condizioni rigorose. Altra novità è il capitolo dedicato all’IA generativa, inserito in corso d’opera con l’obiettivo di dare una prima risposta alla rapida diffusione di sistemi come ChatGPT.

La legge promuove regulatory sandboxes e real-world-testing, istituite dalle autorità nazionali per sviluppare e addestrare l’IA innovativa prima dell’immissione sul mercato. L’AI Act vestirà i panni dell’ufficialità tra pochi giorni, con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’Ue, ma non si tradurrà subito in realtà. La nuove regole saranno infatti applicabili solo tra due anni, con l’eccezione dei divieti, che scatteranno dopo sei mesi, dei controlli sui sistemi di IA per finalità generali, compresa la governance (12 mesi) e degli obblighi per i sistemi ad alto rischio (36 mesi).

Chiusa quindi la fase legislativa, si apre ora quella altrettanto cruciale dell’attuazione, che per la vicepremier belga, Petra de Sutter “contribuirà all’autonomia strategica dell’Ue” perché, dice, “avere una legislazione che è una novità mondiale come l’AI Act, può essere un vantaggio competitivo ed è essenziale per la nostra sicurezza economica”. Imperativo, spiega, “sfruttare il potenziale del mercato unico” e dotarsi di un “approccio coerente e omogeneo per sostenere le società nel loro percorso di adeguamento alle regole digitali”. Provando a fare dell’AI Act un volano d’innovazione per l’Europa.

Continua a leggere

Tecnologia

Da 25 big della ricerca appello contro i rischi delle IA

Pubblicato

del

Le Intelligenze Artificiali crescono molto rapidamente e governare questo sviluppo è indispensabile urgente per evitare che diventino ingestibili e pericolose; per questo governi e aziende leader devono investire molto di più per trovare contromisure efficaci ai pericoli che spaziano dall’instabilità sociale alla manipolazione di massa, fino a guerre combattute con macchine autonome. A lanciare l’appello sono 25 tra i maggiori esperti di IA a livello mondiale provenienti da Stati Uniti, Cina, Europa e Regno Unito, guidati da Yoshua Bengio, dell’Università canadese di Montreal. Lo fanno in una lettera pubblicata sulla rivista Science alla vigilia del summit internazionale sulla sicurezza dell’IA in programma a Seoul il 21 e 22 maggio.

Propio mentre l’appello viene diffuso, l’azienda OpenAI annuncia di avere sciolto il team dedicato a mitigare i rischi a lungo termine dell’intelligenza artificiale messo in piedi a luglio del 2023. Quello che secondo i 25 firmatari dell’appello è ormai urgente è “una rigorosa regolamentazione da parte dei governi, non codici volontari di condotta scritta dall’industria”. Per l’informatico Stuart Russell, dell’Università della California a Berkeley e tra i firmatari della lettera, “è ora di prendere sul serio i sistemi di intelligenza artificiale avanzati: non sono giocattoli. Aumentare le loro capacità prima di capire come renderli sicuri è assolutamente sconsiderato”.

La ricerca nell’ambito della IA sta progredendo in modo molto spedito, tanto che nel volgere di pochissimi anni potrebbero aprirsi scenari preoccupanti relativi ad ambiti delicati come la stabilità sociale, la sorveglianza pervasiva, la manipolazione di massa, i crimini informatici su vasta scala, fino a facilitare sistemi di guerra automatizzati. Secondo i firmatari dell’articolo è dunque imperativo che responsabili politici e grandi aziende passino dalle parole ai fatti. aumentando concretamente gli investimenti in sicurezza, che sono oggi quasi inesistenti e imponendo regolamentazioni serie.

Il primo punto enunciato nel documento è l’istituzione di un’efficace organizzazione di esperti in grado di prendere azioni rapide nei confronti delle IA. A titolo di confronto, sottolineano, l’Istituto per la Sicurezza delle IA degli Stati Uniti dispone di un budget annuale di 10 milioni di dollari, mentre l’Agenzia del farmaco Fda dispone di 6,7 miliardi. Andrebbero poi imposte delle politiche per la valutazione del rischio molto più rigorose e con ricadute concrete e, contrariamente a quanto accade oggi, non bisognerebbe fare affidamento su valutazioni volontarie di modelli di IA.

Gli esperti chiedono inoltre alle grandi aziende di IA di dare priorità alla sicurezza, dimostrando che i loro sistemi non possono causare danni e ritengono urgente mettere in atto politiche che si attivino automaticamente quando l’intelligenza artificiale raggiunge determinati traguardi di capacità. Meccanismi dunque capaci stringersi o allentarsi in funzione delle reali capacità raggiunte dagli algoritmi. “Le aziende – ha concluso Russell – si lamenteranno del fatto che è troppo difficile soddisfare le normative, che ‘la regolamentazione soffoca l’innovazione’. È ridicolo. Ci sono più normative sulle paninerie che sulle società di IA”. 

Continua a leggere

In Evidenza

Muovono braccia e mani 43 paralizzati con dispositivo

Pubblicato

del

Un dispositivo non invasivo in grado di stimolare il midollo spinale dall’esterno del corpo ha permesso a 43 pazienti tetraplegici, affetti da paralisi parziale o totale che coinvolge tutti e quattro gli arti e il torso, di recuperare il movimento di braccia e mani in misura maggiore rispetto alla sola terapia di riabilitazione. Lo strumento è stato messo a punto da un gruppo di ricerca guidato dal Politecnico di Losanna, e i risultati del trial clinico sono pubblicati sulla rivista Nature Medicine. Lo studio, che ha coinvolto 60 partecipanti, suggerisce che la terapia è sicura ed efficace e potrebbe quindi costituire un passo avanti per aiutare le persone a recuperare almeno in parte le loro capacità motorie e la loro indipendenza.

Alla base della tetraplegia c’è un danno al midollo spinale localizzato nella parte cervicale, la più alta, della colonna vertebrale. La conseguenza è una perdita totale o parziale della funzione delle braccia e delle gambe e la paralisi non riguarda soltanto il movimento, ma anche la sensibilità. È dimostrato che la stimolazione elettrica del midollo spinale può ripristinare le funzioni compromesse quando viene effettuata su quelle zone che contengono i neuroni coinvolti nel controllo di queste funzioni, ma spesso questi approcci si basano su procedure chirurgiche invasive per l’impianto degli elettrodi nel midollo spinale. Ne è un esempio l’importante risultato pubblicato su Nature Medicine nel 2018, ottenuto su un uomo paralizzato dal 2013 in seguito a un incidente sulle piste da sci che è riuscito a rimettersi in piedi e a camminare grazie ad uno stimolatore elettrico impiantato al di sotto del danno vertebrale.

Per cercare un’alternativa meno invasiva per i pazienti, i ricercatori coordinati da Gregoire Courtine hanno realizzato un dispositivo che invia corrente elettrica al midollo spinale attraverso elettrodi semplicemente posizionati sulla pelle. A testare per la prima volta gli effetti di questo macchinario, chiamato Arcex, sono state 65 persone tetraplegiche reclutate in diversi centri di varie parti del mondo: per tutte era passato almeno un anno dalla lesione responsabile della paralisi. I partecipanti sono stati inizialmente sottoposti per due mesi ad un programma di riabilitazione standard, seguito da altri due mesi di terapia svolta però con l’ausilio del dispositivo.

Non sono stati riscontrati problemi relativi alla sicurezza e, delle 60 persone che hanno portato a termine l’esperimento e, di queste, 43 (il 72%) hanno dimostrato miglioramenti nella forza e nella funzionalità dei movimenti di braccia e mani. Non solo: i risultati indicano anche progressi nella precisione dei movimenti che coinvolgono la punta delle dita, un parziale recupero delle sensazioni associate al tatto e miglioramenti riferiti dai pazienti per quanto riguarda la loro qualità della vita. Gli autori dello studio sottolineano, quindi, l’efficacia della terapia e suggeriscono che potrebbe essere utilizzata insieme a quelle attuali per migliorare il recupero della funzione della mano e del braccio in pazienti tetraplegici.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto