Collegati con noi

Politica

Shock in Germania, l’ultradestra di Afd scavalca Scholz

Pubblicato

del

Olaf Scholz ci aveva messo la faccia: c’è il suo volto sui manifesti elettorali in Germania. E dunque queste elezioni europee, nella Repubblica federale, dove la Cdu si è affermata come primo partito, e l’ultradestra ha sorpassato i socialdemocratici, sono uno “schiaffo al cancelliere”. Con il voto del 9 giugno, anche i tedeschi si sono spostati più a destra. E questo a poche ore dal risultato scioccante arrivato dall’Austria, dove gli estremisti del Fpo sono risultati per la prima volta in vantaggio su tutti. “È un grande successo per noi. E un disastro per i partiti del governo del Semaforo”, ha commentato euforico il leader dei democristiani Friedrich Merz, il quale ha subito aggiunto: “Ma questa è anche una grave sconfitta per il cancelliere, che ha fatto campagna personalmente sui manifesti come Kanzler della pace”. Nelle seconde file, Carsten Linnemann e Jens Spahn hanno evocato perfino la questione di fiducia, per aprire la strada alle urne.

“Scholz resta cancelliere”, la replica ferma di Saskia Esken, copresidente dei socialdem, dove i responsabili di partito hanno ammesso lividi di “non aver puntato” su un risultato del genere e di dove ancora “analizzare” il voto. Mentre Tino Chrupalla, leader di Afd, ha esultato per l’esito “da record” dell’ultradestra, che ha corso senza capolista, a causa dei diversi scandali che hanno colpito Maximilian Krah. Stando alle proiezioni della serata pubblicate dall’emittente pubblica ARD, i democristiani di Friedrich Merz, alleati con la Csu bavarese, confermano il grande vantaggio annunciato da tempo dai sondaggi con un 30,3% (nel 2019 erano al 28,9). E c’è un netto scatto in avanti dell’ultradestra di Afd, che raggiunge il 16% (era all’11%) ed è primo partito nell’est del Paese. Ben due punti in più dei socialdemocratici di Scholz, che col 13,9% peggiorano rispetto al risultato già molto deludente di cinque anni fa (15,8), archiviando il peggior dato mai registrato alle europee. Crollano i Verdi, che hanno raccolto un magrissimo 11,9% (nel 2019 erano addirittura al 20,5), resistono i Liberali, dati al 5% (5,6) e si afferma il nuovo partito di Sara Wagenknecht con un 6%, conquistato fin dalla partita di esordio.

Infine frana la Linke, che l’attivista Carola Rackete non è riuscita a salvare dal naufragio: 2,7% (era al 5,5%). “La destra avanza ovunque. Anche in Italia con Meloni, in Francia con Le Pen, non solo qui. La situazione è nera. Questo mi fa paura per il futuro e anche per il presente”, il commento dell’ex attivista, divenuta nota per le azioni di salvataggio dei migranti nel Mediterraneo e lo scontro con Matteo Salvini. Con al centro temi come la guerra in Ucraina e i migranti – questione riaperta da un attentato a Mannheim commesso da un afghano che ha ucciso un poliziotto – la campagna elettorale in Germania è stata a dir poco turbolenta, segnata da scandali e violenza. L’ultradestra ha dovuto liquidare per strada il suo capolista, accusato di posizioni filorusse, finito in una bufera a causa dell’arresto del suo assistente per spionaggio cinese, e infine caduto sulle dichiarazioni sulle SS. Parole che hanno pesato anche sull’espulsione del partito dal gruppo Id.

Tutto questo non è bastato ad allontanare però gli elettori che i servizi interni tengono sotto osservazione per le posizioni anticostituzionali. E Afd, con la sua abile campagna su Tik Tok, sembra aver attirato soprattutto tanti giovani, nella Germania dove per la prima volta oggi hanno votato anche i sedicenni. In Austria il partito di estrema destra Fpo ha fatto anche meglio, affermandosi come primo della lista col 27% dei voti, con il suo candidato di punta Harald Vilimsky. Mentre Ovp e Spo si sono contesi il secondo posto con un 23% che li vede testa a testa. Anche nel Paese alpino crollano i Verdi finiti al 10,5%, pari merito con Neos.

Advertisement

Politica

Appello degli industriali di Napoli: no all’autonomia differenziata

Pubblicato

del

Rinviare il voto per la riforma sull’autonomia differenziata e aprire “finalmente” un ampio dibattito sulla questione. È la richiesta che gli industriali di Napoli, con una lettera del presidente di Unione industriali Costanzo Jannotti Pecci, rivolgono ai deputati eletti al Sud, al presidente della Camera, ai capigruppo di Montecitorio, ai segretari dei partiti. Jannotti Pecci evidenzia “una serie di rilevanti incongruenze”, a cominciare dalla mancata definizione di Livelli uniformi di prestazione (Lup), e non Essenziali (Lep). L’ “infausta riforma del Titolo V della Costituzione”, scrive il presidente degli industriali napoletani, ha aggravato il divario territoriale, anche in termini di servizi e prestazioni pubbliche resi ai cittadini meridionali. “In tale scenario, porre come prioritario, anziché l’intervento volto a ridurre gli squilibri, un provvedimento di riforma che accentui i poteri di alcuni Enti Regionali, è paradossale”.

Trasferire alle Regioni competenze sull’energia, sui porti e gli aeroporti, sul commercio estero, l’istruzione, la gestione di pezzi di grandi infrastrutture, significherebbe oltretutto, osserva Jannotti Pecci, svuotare di contenuto lo Stato nazione su materie in cui, al contrario, in molti casi bisognerebbe ragionare su scala europea. Si avrebbero normative e regolamentazioni diverse a seconda dell’area in cui si trova a operare un’impresa, “un danno enorme per la certezza del diritto e la fluidità dell’attività economica”. L’autonomia differenziata, aggiungono gli industriali di Napoli, aggraverebbe il gap territoriale, incentivando un processo migratorio “dettato in sostanza dalla discriminazione per residenza: cambiandola, si ottiene un plus di diritti, dalle opportunità di lavoro alle prestazioni di servizi pubblici”.

La riforma, continua il Presidente di Unione Industriali Napoli, non è un obbligo costituzionale. Per trasferire competenze strategiche dallo Stato alle Regioni occorre produrre studi, mai presentati, “che evidenzino una maggiore efficacia nello svolgimento di determinate funzioni, se effettuate dalle Regioni piuttosto che dallo Stato centrale”. Al contrario, “sono ben note le perplessità, espresse sulla base di argomentazioni congrue, da fior di economisti, costituzionalisti, da strutture tecnico-istituzionali come l’Ufficio Parlamentare di Bilancio e la stessa Banca d’Italia, dal Country Report Italia dell’Unione Europea, dalla Svimez”. “Per queste e altre ragioni” Jannotti Pecci invita i Deputati meridionali “a frenare una riforma che rischia di spaccare ulteriormente il Paese”.

Continua a leggere

Politica

Vannacci non ha offeso Egonu, gip archivia la querela

Pubblicato

del

Nessuna offesa nelle parole che Roberto Vannacci ha utilizzato nel suo libro nei confronti di Paola Egonu. Per il gip del Tribunale di Lucca, da parte del generale non c’era volontà di denigrare la campionessa, ragion per cui le accuse di diffamazione mosse dalla giocatrice di volley sono state archiviate. Una decisione per cui si dice soddisfatto l’avvocato Massimiliano Manzo, difensore di Vannacci: “È la vittoria della libertà di opinione”, ha commentato. Di tutt’altro avviso il legale di Paola Egonu, Simone Facchinetti: “Decisione inaccettabile, valuteremo altre azioni”. Dalla campionessa, impegnata all’estero con la nazionale italiana, non è arrivato alcun commento, almeno fino a questo momento. Vannacci, neo parlamentare europeo della Lega, sui social ha ringraziato il suo difensore attraverso il quale ha poi dichiarato.

“Ero sereno e oggi sono soddisfatto. Il coraggio vince e oggi anche la realtà riprende il suo posto scansando un po’ quella percezione che qualcuno vorrebbe prevaricasse il mondo reale che c’è ed esiste. La sinistra se ne faccia una ragione”. Al centro della vicenda giudiziaria le parole che il generale ha utilizzato nel suo libro “Il mondo al contrario” parlando di società multietnica e portando ad esempio proprio la campionessa. Nel testo si legge: “Anche se Paola Egonu è italiana di cittadinanza, è evidente che i suoi tratti somatici non rappresentano l’italianità…”.

Frase per cui la pallavolista ha deciso di andare per le vie legali. La querela dell’atleta, depositata a Bergamo, è finita poi sul tavolo del tribunale di Lucca per competenza territoriale, essendo Vannacci residente a Viareggio. A nulla è servita la lettera che il generale Vannacci ha scritto a maggio a Egonu, non per chiedere scusa – come lui stesso ha tenuto a precisare subito dopo – ma per spiegare quella espressione e ribadire la natura non offensiva delle sue esternazioni. Egonu, però, non ha voluto lasciar perdere e si è opposta alla richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura lucchese. Da qui l’udienza di venerdì scorso, durante la quale le parti coinvolte hanno abbandonato ogni tentativo di trovare un accordo. A mettere un punto, però, è stato oggi il gip Alessandro Dal Torrione, secondo cui quella frase, “ben può’ essere valutata come impropria e inopportuna”. Ma “non risulta tuttavia emergere un superamento del limite della continenza che possa dirsi indicativo della volontà, da parte dell’indagato, di offendere gratuitamente la reputazione” di Egonu, “di denigrarla, di sminuirne il valore, di portare un attacco indebito alla persona”. Motivo per cui il gip ha respinto l’opposizione di Egonu, nonché la richiesta di ulteriori indagini, e accolto quella di archiviazione della Procura.

Continua a leggere

Politica

Parlamento vuoto, tasche dei parlamentari piene: ecco perché gli assenteisti incassano i soldi anche se assenti

Pubblicato

del

In un Parlamento spesso desolatamente vuoto, l’assenteismo dei parlamentari italiani è un problema cronico. Nonostante siano ben retribuiti per occuparsi esclusivamente dell’interesse del Paese, molti deputati e senatori non partecipano attivamente ai lavori parlamentari. I dati di Dataroom del Corriere della Sera, curati da Milena Gabbanelli, illustrano una situazione preoccupante che mette in discussione l’efficacia del sistema.

Ogni parlamentare incassa tra i 13 e i 15 mila euro al mese, con un’indennità stabilita dalla Costituzione di circa 5 mila euro netti. Il resto sono rimborsi per l’attività parlamentare: diaria (3.500 euro), rimborso spese (3.690 euro per i deputati, 5.830 per i senatori), spese di viaggio e telefono. I parlamentari godono anche di pensioni dopo 5 anni di legislatura e di benefit come interessi bancari vantaggiosi. Questo sistema di compensi dovrebbe garantire un impegno totale verso il Paese, ma la realtà è spesso diversa.

I regolamenti di Camera e Senato prevedono penalizzazioni per assenze non giustificate. Tuttavia, la presenza minima richiesta è del 30% delle votazioni giornaliere o mensili, e le assenze possono essere giustificate per missioni, congedi o altri impegni istituzionali. Questo lascia ampi margini di discrezionalità e scarsa trasparenza, permettendo ai parlamentari di evitare decurtazioni anche con alte percentuali di assenze.

Compensi dei parlamentari italiani

I parlamentari italiani godono di compensi elevati e di una serie di benefit che rendono il loro incarico ben remunerato. Ecco una panoramica dei compensi:

  • Indennità netta: 5.000 euro
  • Diaria: 3.500 euro
  • Rimborso spese per i deputati: 3.690 euro
  • Rimborso spese per i senatori: 5.830 euro
  • Spese di viaggio (trimestrali): 3.359 euro
  • Telefono (annuale): 1.200 euro

Questi importi evidenziano come il ruolo di parlamentare sia supportato da un consistente pacchetto retributivo e di rimborsi, destinato a garantire l’impegno esclusivo nell’attività parlamentare.

I Parlamentari più assenteisti

  1. Antonio Angelucci (Lega): Presente allo 0,17% delle votazioni, con un’assenza del 99,83%.
  2. Marta Fascina (Forza Italia): Presente al 7,17% delle votazioni, con un’assenza del 92,83%.
  3. Antonino Minardo (Gruppo Misto): Presente allo 0,63% delle votazioni, con un’assenza del 99,37%.
  4. Giulio Tremonti (Fratelli d’Italia): Presente al 3,54% delle votazioni, con un’assenza del 96,46%.
  5. Claudio Borghi (Lega): Presente al 35,10% delle votazioni, con un’assenza del 64,90%.
  6. Elly Schlein (Pd): Presente al 24,2% delle votazioni, con un’assenza del 75,8%.
  7. Giuseppe Conte (M5S): Presente al 26,74% delle votazioni, con un’assenza del 73,26%.
  8. Matteo Renzi (Italia Viva): Presente al 53,59% delle votazioni, con un’assenza del 46,41%.
  9. Carlo Calenda (Azione): Presente al 51,86% delle votazioni, con un’assenza del 48,14%.

L’assenteismo parlamentare non solo danneggia l’immagine delle istituzioni, ma mina anche la fiducia dei cittadini. Le penalizzazioni previste dalle attuali norme sono insufficienti, e le giustificazioni per le assenze troppo generose. Come sottolineato da Angelo Bonelli di Alleanza Verdi Sinistra, è necessario un intervento più incisivo, con un tetto massimo alle assenze e la possibile decadenza dal mandato per i più assenteisti.

La mancanza di trasparenza nelle commissioni parlamentari è un problema critico. Come evidenziato da Luca Dal Poggetto di Openpolis, non è possibile verificare le presenze dei parlamentari in missione. Questo margine di discrezionalità permette ai parlamentari di risultare presenti anche quando non partecipano effettivamente ai lavori.

Il problema dell’assenteismo parlamentare richiede un intervento urgente e deciso. I cittadini devono poter contare su rappresentanti che si dedicano pienamente al loro ruolo e che rispettano l’impegno preso. Solo così si potrà ricostruire la fiducia nelle istituzioni e garantire un Parlamento efficace e funzionante.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto