Collegati con noi

In Evidenza

In Francia stravince Le Pen, Macron convoca le elezioni

Pubblicato

del

La Francia è sotto shock: alla vittoria schiacciante, senza appello, del partito di estrema destra di Marine Le Pen alle elezioni europee, ha reagito dopo pochi minuti il presidente sconfitto e sconfessato, Emmanuel Macron. “Non posso fare come se niente fosse, ho deciso di ridare a voi la scelta sul vostro futuro parlamentare con il voto. Sciolgo questa sera l’Assemblée Nationale”, ha annunciato. Subito dopo una raggiante Marine Le Pen ha preso la parola: “Siamo pronti a governare”. La Francia entra in una fase istituzionale finora sconosciuta e densa di incognite, tutto sembra possibile in un Paese che si trova impegnato con tutte le sue forze nella preparazione delle imminenti Olimpiadi.

Macron, che ha chiesto invano una “tregua olimpica” ai protagonisti dei conflitti internazionali, si ritrova in trincea all’Eliseo, senza maggioranza e con la prospettiva di dover governare con Le Pen, schieramento da sempre suo più irriducibile avversario. Lo scenario ha lasciato letteralmente senza parole i francesi: su diverse emittenti l’annuncio di Macron è stato seguito da lunghi secondi di silenzio, con le telecamere che inquadravano gli ospiti in studio ammutoliti. La prospettiva – che prenderà forma nei due turni elettorali, fissati al 30 giugno e al 7 luglio – è quella che se il larghissimo risultato favorevole all’estrema destra si confermerà, Macron sarà costretto alla coabitazione con un esponente del Rassemblement National a capo del governo, probabilmente Jordan Bardella, il ventottenne capolista che ha ottenuto il miglior risultato della storia del partito di Le Pen.

Su una conclusione sono d’accordo tutti gli osservatori e gli analisti politici: quello che sta succedendo in Francia è inedito. In una serata mozzafiato, l’Eliseo ha annunciato il discorso di Macron ai francesi in diretta tv pochi minuti dopo la diffusione dei risultati, che dava uno scarto di oltre 16 punti fra il partito lepenista e quello macroniano, che conta meno della metà dei voti dei vincitori (32% contro 14,5%). Atteso, annunciato, da molti temuto, da altri invocato, il terremoto politico è arrivato puntuale: Macron e il “macronismo” hanno subito la più cocente delle sconfitte nelle elezioni meno europee che abbia vissuto il Paese. Come voleva Marine Le Pen, la consultazione europea è stata esclusivamente un voto di “metà mandato” per battere e umiliare il presidente della Repubblica.

Davanti a sé, il presidente che ancora ieri percorreva maestosamente gli Champs-Elysées al fianco di Joe Biden, discutendo poi con lui di guerra in Ucraina e insistendo nel voler guidare una coalizione di intervento e appoggio a Kiev. Il risultato ha sconfessato pienamente il presidente e il governo in carica con una chiarezza senza precedenti. Festeggiano non soltanto l’estrema destra, che ha inseguito questo risultato trasformando la campagna delle europee in un referendum pro o contro Macron. Ma anche l’estrema sinistra de La France Insoumise, che negli ultimi giorni ha intensificato la protesta filopalestinese e ora – superando il 9% – può rimproverare a Macron di aver “perso ogni legittimità”, come ha gridato dal palco Manon Aubry, la capolista.

Con il risultato più importante della sua storia, attorno al 32%, il Rassemblement National ha trovato anche il suo leader, il giovane Jordan Bardella, che a 28 anni e un milione di seguaci su TikTok, diventa anche il più votato in categorie come i pensionati e i dirigenti. Gli analisti si affannano a proclamare che “il soffitto di cristallo”, l’insieme di norme e convinzioni dell’elettorato che impediva all’estrema destra di essere vincente in Francia, è stato infranto. Il cammino di sdoganamento è cominciato 20 anni fa con Marine Le Pen, che dopo aver estromesso il padre e fondatore del partito, Jean-Marie Le Pen, ha cominciato a portare deputati in Parlamento, a cambiare il volto dei leader del partito.

Oggi, in vista del 2027, Marine Le Pen si pone come la più seria candidata alla successione di Macron, dopo aver già promesso la poltrona di premier a Bardella. Con i macroniani umiliati e i lepenisti trionfanti, gli altri partiti festeggiano le loro performance: Raphael Glucksmann ha ottenuto un 14% con il suo Place Publique targato Ps, che di fatto rilancia i socialisti; la France Insoumise, che supera il 9% con Manon Aubry capolista che migliora il record del 2019 e che celebra la “sconfitta di un macronismo allo sbando”; i Républicains, che – lontani dai fasti del passato neogollista – non affondano e restano al 7,2%; Marion Marechal della destra di Zemmour, che supera il 5% ed entra nel Parlamento europeo come gli ecologisti, che temevano il peggio.

Ma tutto è ora orientato verso il futuro prossimo, scadenze elettorali che decideranno i destini del Paese e che annunciano nuovi colpi di scena. Il primo è già arrivato: la maggioranza ha annunciato – attraverso il ministro degli Esteri, Stéphane Séjourné – che non presenterà propri candidati contro i Républicains uscenti nelle loro circoscrizioni. Un primo abbozzo di “front Républicain”, l’antica alleanza contro l’estrema destra che ha funzionato per decenni in Francia ma che sembra difficile ricostruire in pochi giorni.

Advertisement

In Evidenza

Marotta: Lautaro firmerà e Inzaghi spero resti a lungo

Pubblicato

del

L’Europeo sorride all’Inter, con gli azzurri protagonisti da Barella e Bastoni nel successo dell’Italia contro l’Albania nella gara d’esordio in Germania. Ma il club nerazzurro guarda anche avanti, in termini di prospettive, partendo dai rinnovi di due colonne come il capitano Lautaro Martinez e il tecnico Simone Inzaghi, dopo la firma già arrivata da parte dello stesso Barella nei giorni scorsi. Così il presidente e amministratore delegato nerazzurro Giuseppe Marotta ha fatto il punto sulla situazione in casa Inter. “Lautaro virtualmente ha già firmato – le sue parole ai microfoni di ‘Radio Anch’io Sport’ su Rai Radio 1 -. Dobbiamo raccogliere la firma e, siccome è impegnato con la sua nazionale, è questione solo di qualche giorno ma non ci sono problemi. Consideriamo già acquisito il rinnovo di Lautaro”.

E per Inzaghi allontana anche le voci di un futuro in azzurro, in attesa dell’accordo sul rinnovo anche del tecnico: “Inzaghi è molto giovane e ha ancora tempo per fare esperienza. Quest’anno ha fatto un salto in avanti notevole, sono molto contento e ottimista per il suo futuro, la speranza è che possa rimanere con noi per tanti anni. Due passi importanti, quindi, verso la prossima stagione. In cui, secondo Marotta, i nerazzurri non devono porsi limiti, anche nel nuovo Mondiale per Club, che andrà in scena la prossima estate negli USA: “Le informazioni che abbiamo non sono molto concrete. È evidente che sia motivo d’orgoglio per noi e vetrina importante a livello mondiale ma anche rappresenti un ulteriore sovraccarico dei calendari che si comprimono sempre di più, andrebbe rivisto e poi la Serie A andrebbe ridotta a 18 squadre, i carichi di lavori attuali non sono più sostenibili”. In termini di sostenibilità, fondamentale per Marotta è anche quella economica, diventato un elemento chiave per molte proprietà di club italiani, soprattotto quelle straniere.

“Meno male che arrivano capitali stranieri, altrimenti il nostro sarebbe un calcio poco competitivo e a rischio default – ha aggiunto -. Da questo punto di vista è chiaro che questi investitori, come nel caso di Oaktree, manifestano una volontà di mantenere sempre continuità e stabilità nella loro gestione, ma con trasparenza e con grande rigidità economico-finanziaria. Mi sembra giusto. No alle spese folli, sì alla valorizzazione giovani: questo è il motto che ci deve contraddistinguere”. Per raggiungere l’obiettivo, fondamentale è anche il tema stadio. “Abbiamo individuato la zona di Rozzano, poi c’è questa proposta da parte del sindaco di consegnare un progetto di riqualificazione dello stadio di San Siro. Vedremo un attimo, ma adesso è un po’ prematuro”.

Continua a leggere

In Evidenza

Aifa, aumentato del 25% il consumo di antibiotici nel 2022

Pubblicato

del

Nel 2022 oltre 3 cittadini su 10 hanno ricevuto almeno una prescrizione di antibiotici, con una prevalenza che aumenta all’avanzare dell’età, raggiungendo il 60% negli over 85, e un incremento dei consumi del 25% rispetto al 2021, che continua a registrarsi anche nel primo semestre 2023. I dati emergono dal Rapporto ‘L’uso degli antibiotici in Italia – 2022’, a cura dell’Osservatorio Nazionale sull’Impiego dei Medicinali (OsMed) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), pubblicato sul portale dell’Agenzia.

Emerge anche come l’utilizzo al Sud sia nettamente superiore rispetto alle regioni settentrionali. Nel 2022 e nel primo semestre del 2023 si osserva dunque un importante incremento dei consumi di antibiotici erogati in regime di assistenza convenzionata dopo la riduzione del 2020-2021, legata alle misure di contenimento per contrastare la pandemia. Nel 2022 si registra così un incremento del 25% dei consumi rispetto al 2021.

Quasi il 90% del consumo di antibiotici a carico del Ssn viene erogato in regime di assistenza convenzionata, cioè dispensato dalle farmacie territoriali pubbliche e private e rimborsate dal Ssn. I maggiori livelli d’uso si riscontrano per gli uomini nelle fasce più estreme, per le donne nella fascia tra i 20 e i 69 anni. Nella popolazione pediatrica i maggiori consumi si concentrano nella fascia di età compresa tra 2 e 5 anni, in cui circa 1 bambino su 2 riceve almeno una prescrizione di antibiotici. Il 76% delle dosi utilizzate è stato erogato dal Servizio Sanitario Nazionale. A fronte di un consumo complessivo a livello nazionale di 21,2 DDD (Dosi Definite Die, ovvero la dose necessaria a coprire una giornata di terapia nell’adulto)/1000 abitanti die, anche nel 2022 si confermano le differenze tra regioni e aree geografiche già osservate negli anni precedenti, con livelli di consumo superiori al Sud rispetto al Nord (24,4 vs 18,7 DDD/1000 abitanti die). Analogamente ai consumi, la prevalenza d’uso del Sud (43,3%) è nettamente superiore a quella del Nord (28,9%).

Al Sud, evidenzia il Rapporto Aifa, si rileva anche una spesa doppia rispetto alle regioni del Nord (19,1 vs 13,3 euro pro capite) determinata da un maggior consumo di antibiotici e da un ricorso a farmaci più costosi. Quanto al tipo di farmaci, le associazioni di penicilline si confermano anche nel 2022 gli antibiotici più utilizzati a livello nazionale (circa il 36% dei consumi totali). Nel 2022, inoltre, si conferma il trend in peggioramento del rapporto tra il consumo di antibiotici ad ampio spettro rispetto al consumo di antibiotici a spettro ristretto che passa dall’11,0 del 2019 al 13,6 del 2022.

Tale indicatore mostra come l’Italia abbia un importante ricorso a molecole ad ampio spettro, che hanno un maggior impatto sulle resistenze antibiotiche, anche più elevato rispetto agli altri Paesi Europei (13 vs 4). Anche in ambito ospedaliero si registra un aumento della proporzione del consumo di antibiotici ad ampio spettro e/o di ultima linea sul totale del consumo ospedaliero, collocando l’Italia ben al di sopra della media europea (53,9% vs 37,6%).

Continua a leggere

Ambiente

Innalzamento del mare, cittadini poco consapevoli dei rischi: il modello Mose per proteggere Venezia

Pubblicato

del

I cittadini sono ancora poco consapevoli dei rischi e delle conseguenze che derivano dall’innalzamento del livello del mare e dagli altri fenomeni legati al cambiamento climatico in atto: è quanto emerge da uno studio internazionale guidato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma e Bologna che ha analizzato in particolare il caso di Venezia, estremamente esposta a questo fenomeno, e che evidenzia come sia fondamentale potenziare la comunicazione di dati e informazioni rilevanti a tutte le parti interessate della popolazione.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Rendiconti Lincei di Springer, ha visto la partecipazione anche del Centro di Geomorfologia Integrata per l’Area del Mediterraneo di Potenza e della Città di Venezia. “L’aumento del livello marino, in particolare se questo viene accelerato localmente dalla subsidenza (abbassamento del suolo), sta causando erosione costiera, arretramento delle spiagge e inondazioni marine sempre più gravi e diffuse, con impatti ambientali e socio-economici molto importanti sulle popolazioni costiere”, afferma Marco Anzidei, che ha guidato i ricercatori.

“I risultati dello studio evidenziano l’andamento attuale e futuro del livello del mare – aggiunge Anzidei – e i possibili scenari di inondazione in caso di assenza della protezione fornita dal Mose”. I dati indicano che è assolutamente necessaria una partecipazione più ampia ai processi pubblici per concretizzare gli strumenti politici in azioni concrete che aiutino le aree vulnerabili ad adattarsi all’innalzamento del livello marino previsto entro la fine di questo secolo. “I risultati delle ultime ricerche – sottolinea Tommaso Alberti, tra gli autori dello studio – mostrano l’elevata esposizione delle coste del Mediterraneo agli effetti dell’innalzamento del livello marino e degli effetti meteorologici estremi innescati dal recente riscaldamento globale legato alle attività umane”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto