Collegati con noi

In Evidenza

Sarri dedica la vittoria dell’Europa League ai tifosi del Napoli: sono andato all’estero per non andare in una squadra italiana ma…

Pubblicato

del

“Con questa vittoria la nostra stagione vira dal buono allo straordinario. Il mio futuro? Ora è il momento di festeggiare, da domani tireremo le somme. Non ci sono grandissimi problemi ma un confronto è obbligatorio” dice Maurizio Sarri dopo la vittoria dell’Europa League demolendo l’Arsenal. Resterà al Chelsea? Risponde alla domanda sul suo futuro con una dichiarazione di amore. Indovinate a chi? “Negli ultimi 20 giorni sono stato dato per certo a Roma, Milan e Juventus, finche’ queste cose le leggi sui giornali non fa effetto. Piuttosto voglio dedicare la vittoria ai tifosi napoletani, perchè non sono riuscito a dare loro questa soddisfazione ed ai miei giocatori che per infortunio non sono riusciti ad essere qui”. “I napoletani sanno benissimo l’amore che provo per loro – ha aggiunto – l’anno scorso ho scelto l’estero per non andare direttamente in un’altra squadra italiana. Il tifo è una cosa la professione è un’altra”, ha concluso Sarri.

Advertisement

Economia

Primo sciopero in Piazza Affari il prossimo 27 giugno

Pubblicato

del

Il primo sciopero in assoluto di Piazza Affari si terrà giovedì 27 giugno. Lo annunciano i sindacati che temono un disinvestimento in Italia da parte di Euronext. Il gruppo che fa capo alla Borsa di Parigi però nega, citando le “oltre 100 nuove posizioni che si sono create dall’integrazione di Borsa Italiana nel nuovo gruppo”, avvenuta nell’aprile del 2021. Da allora, secondo Fabi, First-Cisl e Fisac-Cgil, c’è stato un “costante, sistematico e complessivo disinvestimento” nel paese. Euronext replica citando invece un “livello senza precedenti di creazione di posti di lavoro” e i “forti investimenti in formazione e compensi variabili”, con l’impegno nel “supportare e valorizzare il talento dei nostri collaboratori”.

Diversa la versione dei sindacalisti, che denunciano lo “svuotamento dall’interno delle strutture italiane”, che induce la numero uno della Fisac-Cgil Susy Esposito a chiedere “una risposta altrettanto forte da parte dell’intero sistema”, ritenendo “urgente” un “intervento istituzionale, dal parlamento al governo”. Secondo il segretario generale della First-Cisl Riccardo Colombani lo sciopero è “il chiaro segnale che l’Italia perde centralità all’interno del gruppo Euronext”. A suo dire “i problemi di organizzazione del lavoro in Borsa Italiana generano carichi di lavoro non più sopportabili” e in cambio “non hanno visto un euro degli aumenti decisi con il rinnovo del contratto nazionale”. Il segretario generale della Fabi Lando Sileoni però teme una “strumentalizzazione politica della vertenza”, che invece è di natura sindacale e aziendale”.

“Qualsiasi altra lettura a questa iniziativa – sottolinea – corre il rischio di pregiudicarne il buon esito e, conseguentemente, di danneggiare chi lavora nelle varie società del gruppo”. La mobilitazione culminerà nell’astensione dal lavoro nelle ultime 2 ore di lavoro di giovedì 27. Altre iniziative sono però in programma fino al 14 luglio a seconda della società del gruppo coinvolta e si concretizzeranno nel blocco della reperibilità e degli straordinari. In questo quadro Euronext spiega che “le trattative in corso con i sindacati hanno l’obiettivo di adattare le condizioni di lavoro al nuovo percorso di crescita dell’azienda”. “Siamo fiduciosi – conclude il gruppo – che raggiungeremo un dialogo costruttivo con i nostri partner poiché il contesto è positivo”.

Continua a leggere

Esteri

Putin a Pyongyang, scontro con Stoltenberg sul nucleare

Pubblicato

del

Il giorno dopo la chiusura della conferenza di pace a Lucerna, che per il Cremlino ha avuto “un’efficacia prossima allo zero”, la Russia ribadisce le sue condizioni all’Ucraina per il cessate il fuoco e rilancia i suoi rapporti con la Corea del Nord, accusata dai Paesi occidentali di sostenere lo sforzo bellico di Mosca. Il presidente Vladimir Putin è atteso da domani per una visita di due giorni a Pyongyang, dove avrà un lungo faccia a faccia con il leader nordcoreano Kim Jong-un e potrebbe firmare un trattato per la “partnership strategica” bilaterale. Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, è però tornato a puntare il dito anche contro Pechino, affermando che “l’Occidente deve far pagare alla Cina l’aiuto alla Russia”. Quanto alla pace, essa può essere raggiunto solo attraverso “la consegna di nuove armi” a Kiev, ha detto il rappresentante dell’Alleanza atlantica, a Washington per incontrare il presidente Usa Joe Biden.

Ma a provocare qualche allarme a Mosca è stata soprattutto un’intervista al Telegraph in cui Stoltenberg ha riferito di discussioni in seno alla Nato sull’opportunità di mettere in stand-by una parte delle testate nucleari del Patto atlantico. “Un’altra escalation della tensione”, ha risposto il portavoce del Cremlino, che non ha rinunciato a sferrare anche un colpo basso al segretario generale: “Quello che Stoltenberg ha detto, chiaramente non concorda con la stessa dichiarazione di ieri (alla conferenza di Lucerna), che non tutti hanno firmato e che, se non erro, parla anche di inammissibilità di tale retorica”, ha affermato Dmitry Peskov. Mosca non nasconde la sua soddisfazione per gli esiti della conferenza in Svizzera, che ha visto 13 dei 93 Stati presenti negare il sostegno alla dichiarazione finale in cui veniva tra l’altro ribadita l’esigenza di garantire “l’integrità territoriale” dell’Ucraina nell’ambito di ogni iniziativa di pace.

Tra gli astenuti, Paesi del calibro di India, Brasile, Indonesia e Sudafrica. Mentre la Cina non ha partecipato. Pechino ha affermato oggi che invece le sue richieste per il riconoscimento della “parità di partecipazione di tutte le parti” in conflitto e per una “discussione equa di tutti i piani di pace disponibili”, è “sostenuta da oltre cento Paesi”. La conferenza ha confermato che è “impossibile risolvere il problema ucraino senza la Russia”, ha commentato il consigliere di Putin per la politica estera, Yuri Ushakov. “In altre parole, non è chiaro cosa abbiano discusso là senza la Russia”, ha aggiunto. Per Mosca rimane valida la cosiddetta “proposta di pace” illustrata dallo stesso Putin la settimana scorsa, e già dichiarata irricevibile dai Paesi occidentali. Vale a dire il ritiro delle truppe ucraine dalle quattro regioni (Donetsk, Lugansk, Zaporizhzhia e Kherson) parzialmente controllate dai russi e l’impegno ufficiale di Kiev a non aderire alla Nato.

E se Kiev oggi non è d’accordo, le condizioni che dovrà accettare in futuro saranno ancora “più difficili e dure”, ha avvertito Serghei Naryshkin, capo dell’intelligence per l’estero, accennando implicitamente, come aveva fatto Putin, alla piega sfavorevole che i combattimenti sul terreno sembrano avere preso per gli ucraini. Putin continua intanto l’opera di riorganizzazione all’interno del ministero della Difesa, dopo la nomina dell’economista Andrei Belousov alla guida del dicastero, coincisa con una serie di arresti eccellenti di dirigenti per accuse di corruzione. Ma questa volta i media dell’opposizione denunciano un caso di nepotismo, perché tra i quattro nuovi vice ministri nominati in sostituzione di altrettanti uscenti figura Anna Tsivileva, che secondo la testata online Meduza sarebbe la figlia di un cugino del presidente. Tsivileva è oggetto di sanzioni da parte dell’Unione europea, che l’ha definita “una stretta parente” di Putin, e della Gran Bretagna, che l’ha indicata come sua “prima cugina”.

Continua a leggere

Economia

La Bce minimizza il terremoto-bond, ma accende un faro

Pubblicato

del

La Bce ridimensiona le turbolenze innescate sulle Borse e sugli spread dall’affermazione dell’estrema destra alle elezioni europee e dalla decisione di Emmanuel Macron di andare al voto. Ma mantiene alta l’attenzione: un duplice messaggio per rassicurare, ma senza togliere le ‘castagne dal fuoco’ alla politica nazionale quando Parigi si avvicina al voto e a Bruxelles si decide sulla nuova Commissione europea. Quasi all’unisono, oggi si sono mossi la presidente Christine Lagarde, il vice Luis de Guindos e il capo economista Philip Lane. Parola d’ordine: lo scossone sui titoli pubblici europei innescato dalla ‘scommessa’ di Macron, che la scorsa settimana aveva fatto schizzare di 29 punti base lo spread Francia-Germania come non accadeva dal 2011 mandando quello dell’Italia oltre 150, “è una rivalutazione dei prezzi” ma “non si tratta di dinamiche di mercato disordinate”, che è uno dei parametri per attivare lo ‘scudo anti-spread’.

Nessuna tensione di liquidità. E dunque nessuna discussione ci sarebbe stata, o sarebbe in programma alla Bce, sull’eventualità di intervenire con acquisti di bond. L’onere di fermare le turbolenze spetta alla politica. E qualsiasi maggioranza esca dale urne in Francia, dove è possibile un’affermazione del Rassemblement National di Marine Le Pen fino ad oggi fortemente anti-europeista, sia attenta alla stabilità finanziaria. Alla Bce si pensa al rischio ‘Frexit’ delle elezioni 2017 e alla fiammata dello spread all’insediamento del governo Meloni a fine 2022, poi rientrata grazie al compromesso. E si respira sollievo sulla stabilizzazione dello spread a 153 e il rimbalzo delle Borse oggi: +0,74% Milano, +0,91% Parigi che a fine giornata si conferma per un soffio prima per capitalizzazione dopo una giornata in cui Londra aveva insediato il primato europeo. Allo stesso tempo, ha spiegato Lagarde, “la stabilità dei prezzi va di pari passo con la stabilità finanziaria.

Prestiamo sempre molta attenzione al buon funzionamento dei mercati finanziari e oggi continuiamo a farlo”. Il ‘faro’ sui mercati è acceso perché le prossime settimane minacciano turbolenze. Molti investitori puntano al tallone d’Achille dello ‘scudo’ Bce, che per essere attivato richiede l’assenza di procedure per deficit eccessivo – che invece arriverà questo mercoledì per Italia – o almeno il rispetto delle raccomandazioni per correggerlo, che però imporrebbero a Roma una correzione dei conti di almeno 10 miliardi l’anno, che rischia di andare in rotta di collisione anche solo con la conferma futura del taglio del cuneo fiscale. “Noi ovviamente aspettiamo le indicazioni che arrivano dalla Commissione europea, abbiamo fatto diversi scenari e quindi siamo pronti a ogni tipo di evenienza. Quindi, con grande senso di responsabilità, faremo le cose giuste”, rassicura il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti. Il nuovo Patto di stabilità impone poi una correzione di bilancio, in assenza di diluizione del piano di rientro in sette anni, che il think tank Bruegel stima per l’Italia al 4,3% di Pil, per la Francia al 3,7%. Un percorso che fa sollevare perplessità sulla sua compatibilità con i piani del governo Meloni e ancor più con i programmi elettorali di Le Pen.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto