Collegati con noi

Cronache

Rom trasferiti a Ciaculli, monta la protesta: qui non vogliamo i nomadi

Pubblicato

del

La protesta monta, anche se fino ad ora i toni si mantengono misurati e non raggiungono certo il clima di intolleranza registrato nei giorni scorsi nel quartiere di Torre Maura a Roma. La parola d’ordine, tuttavia, è sempre la stessa di Roma: “I Rom qui non li vogliamo”. Nella borgata palermitana di Ciaculli, una zona agricola alla periferia orientale della città famosa per l’omonimo mandarino tardivo e per essere stata il feudo del boss mafioso Michele Greco, detto il “papa”, il trasferimento di un gruppo di 14 nomadi provenienti dal campo della Favorita, appena smantellato dall’amministrazione comunale, sta suscitando la reazione dei residenti. Questa mattina una quarantina di persone si sono date appuntamento in un baglio della zona, dopo l’arrivo dei nomadi in una villa vicina confiscata alla mafia. Un tam tam nato sui social sfociato nell’assemblea di stamane organizzata da un “Comitato spontaneo” che si e’ subito costituito preannunciando forme di lotta contro la presenza degli “zingari”.

L’obiettivo non e’ solo quello di chiedere l’allontanamento dei rom, ma di rilanciare la borgata troppo a lungo “dimenticata”, come denunciano gli abitanti. “Possibile che si parli di Ciaculli prima per un nuovo ospedale, poi per un nuovo cimitero e adesso pure per i Rom – dice Salvo Cerrito, uno dei promotori dell’associazione che e’ stata chiamata Giardini della Fawara -. Noi siamo contrari, chiediamo al ministero dell’Interno e alla prefettura di intervenire”. I residenti lamentano i primi disagi, a cominciare dal rogo a un cumulo di rifiuti appiccato dai nomadi venerdi’ scorso, il giorno stesso del loro trasferimento. C’e’ anche chi sostiene di non essere riuscito a dormire per il fracasso provocato da venti auto con stereo a tutto volume. Ma l’amministrazione comunale si e’ affrettata a spiegare che la musica proveniva da un’altra villa della zona, dove si stava festeggiando un compleanno. Spiegazioni che non sembrano modificare la posizione intransigente dei residenti: “l’immobile dove sono stati destinati i Rom – ribadisce Cerrito – e’ senza acqua, luce e servizi igienici. Manca delle condizioni minime per potere essere abitato. Il Comune non ci ha avvisato del loro arrivo, non si e’ voluto confrontare con noi. Per questo non li vogliamo”. E Giuseppe Mazzola, un altro dei promotori del Comitato, rincara la dose: “Ai nomadi sono stati assegnati, oltre alla villa, 8 mila metri quadrati di terreno. Questo rischia di diventare un nuovo campo rom a cielo aperto”. Cerca invece di stemperare gli animi, passando “dalla protesta alla proposta” l’assessore comunale alla “cittadinanza solidale e al diritto e alla dignita’ dell’abitare” Giuseppe Mattina, che domani incontrera’ il Comitato per un esame della questione. “Il percorso di chiusura del campo Rom di Palermo iniziato da mesi – spiega – ha subito una accelerazione nelle ultime settimane. Questo ha portato alcune criticita’ che stiamo risolvendo”. Per Mattina “bisogna superare la paura per costruire una comunita’ che accompagna chi sta indietro. Come gia’ fatto in altre situazioni simili l’amministrazione deve ascoltare ed elaborare una strategia di sviluppo e condivisione. Non possiamo favorire guerre tra poveri”.

Advertisement

Cronache

‘Basta interferenze su Salis’, l’Ungheria gela Roma

Pubblicato

del

Nuovo scontro politico-diplomatico lungo l’asse Budapest-Roma sulla vicenda giudiziaria di Ilaria Salis, l’insegnante 39enne detenuta in Ungheria dall’11 febbraio del 2023 con l’accusa di lesioni aggravate ai danni di alcuni estremisti di destra. Ad accendere le polveri un pesantissimo messaggio diffuso dal governo ungherese in cui si accusa esplicitamente l’esecutivo di Giorgia Meloni di voler condizionare indebitamente lo svolgimento del processo: “È sorprendente che l’Italia cerchi di interferire in un caso giudiziario ungherese”, ha scritto sui social il ministro degli Esteri Péter Szijjártó immediatamente dopo aver incontrato il titolare della Farnesina, Antonio Tajani. Un attacco avallato pienamente da Viktor Orban, visto che è stato pubblicato dall’account X del suo portavoce, Zoltan Kovacs.

“Questa signora – ha incalzato Szijjártó – presentata come una martire in Italia, è venuta in Ungheria con un piano chiaro per attaccare persone innocenti per le strade come parte di un’organizzazione di sinistra radicale. Spero sinceramente che riceva la meritata punizione in Ungheria”. Parole nette e del tutto inattese che hanno provocato la reazione ferma della Farnesina. Da parte di Roma, recita un comunicato, non c’è “nessuna volontà di interferenza, ma la chiara intenzione di far pressione per verificare che le condizioni di detenzione rispettino le normative europee che richiamano alla tutela dei diritti umani”. Nel corso dell’incontro, ha fatto sapere la Farnesina, Tajani ha consegnato al ministro ungherese “un nuovo, dettagliato promemoria sulle condizioni detentive della connazionale, evidenziando la necessità di un giusto processo e dell’assicurare la dignità e i diritti fondamentali della signora Salis, sul cui caso è costante l’impegno dell’ambasciata d’Italia a Budapest”. La riunione, a quanto si apprende, si era svolta in un clima di sostanziale cordialità, senza che nulla potesse far prevedere la successiva reazione ungherese.

A fronte della consegna del promemoria, il ministro magiaro avrebbe semplicemente riferito che la questione, anche a Budapest, ha assunto nelle ultime settimane un rilevante valore politico. Nulla di più. Da qui il sospetto che la sua reazione fosse già stata pianificata. Il botta e risposta ha riacceso lo scontro politico sulla vicenda Salis. “Mi auguro che Tajani – ha attaccato il leader di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni – faccia sapere agli amici ungheresi di Meloni e Salvini che chiedere il rispetto dei diritti civili umani non vuol dire interferenza. Se poi il governo Orban è allergico alle regole del vivere civile, può sempre uscire dalla Ue in cui indegnamente siede”. Netto anche il Pd. “In base alle parole del ministro ungherese, Ilaria Salis è da considerarsi colpevole prima ancora che sia emessa una sentenza”, ha commentato la dem Tatjana Rojc. Per Debora Serracchiani, le parole di Szijjártó sono “inaccettabili”. Infine Lia Quartapelle, molto critica nei confronti del titolare della Farnesina: “Concordava con l’espulsione del partito di Orban dal Ppe e ora si fa rimbrottare da un suo ministro. Da Tajani una profonda involuzione”.

Anche Roberto Salis, il padre di Ilaria, ha reagito furibondo alle parole con cui il ministro magiaro ha definito la figlia: “Dobbiamo chiedergli cosa intende per ‘martire’, se intende una persona torturata per 35 giorni certo Ilaria è una martire”. Intanto, nella prossima udienza anticipata al 28 marzo, il legale chiederà come annunciato nei giorni scorsi gli arresti domiciliari in Ungheria, passaggio necessario per ottenerli eventualmente in Italia. La famiglia Salis ha fatto sapere di aver trovato una “soluzione” a Budapest. “Ilaria è una persona forte – ha detto il papà -. Due giorni fa mi hanno comunicato dall’Arci di Sieci, vicino a Firenze, che il primo maggio mia figlia riceverà la mimosa d’argento”.

Continua a leggere

Cronache

Sequestrati a Tim 250 milioni per truffa nella telefonia

Pubblicato

del

Con un maxi sequestro da circa 322 milioni di euro viene alla luce un altro filone dell’inchiesta già nota della Procura di Milano su una presunta truffa sui servizi di telefonia, che in passato aveva coinvolto WindTre e che ora tira in ballo Tim spa, la quale, come l’altra compagnia, non è indagata, ma si è vista congelare quasi 250 milioni. E ciò per una presunta frode informatica datata, che sarebbe stata commessa, infatti, tra il 2017 e il 2020. In quei quattro anni, e “anche in fase di lockdown Covid”, come si legge nel decreto di sequestro preventivo firmato dal gip Patrizia Nobile, ignari clienti Tim si sarebbero ritrovati abbonati, senza averlo richiesto, ai cosiddetti servizi aggiuntivi “Vas”, come giochi, suonerie, oroscopi e meteo, che prevedevano “il pagamento di un canone settimanale o mensile”.

E sarebbero caduti nel tranello nascosto anche solo visitando pagine web o consultando “un app con il proprio cellulare, talvolta con l’inganno di fraudolenti banner pubblicitari e, senza far nulla”, ossia col sistema del cosiddetto “0-Click”. Con questo metodo gli intestatari delle sim si vedevano portare via, attraverso gli “addebiti”, pochi centesimi a volta ciascuno, fino a qualche euro a settimana, ma con decine di migliaia di attivazioni di servizi si sarebbe creato un presunto profitto illecito per la compagnia telefonica da circa 250 milioni di euro, oggetto del sequestro. Tim spiega di aver appreso con “sorpresa dagli organi di stampa” del provvedimento, che “interviene a oltre cinque anni dai fatti”.

La società confida che “ogni aspetto della presente vicenda sarà chiarito nei tempi più brevi”. Il meccanismo contestato, in pratica, è lo stesso che portò al sequestro, dopo l’inchiesta aperta nel 2018, di oltre 23 milioni di euro a carico di WindTre per una presunta truffa da circa 99 milioni. Su questo primo fronte c’è già un processo di primo grado in corso anche a carico di ex dipendenti, oltre a sette patteggiamenti già incamerati e ad una restituzione di 18,5 milioni. Nella nuova tranche figurano 23 indagati (alcuni comuni ai due filoni), tra cui alcuni dipendenti dell’epoca di Tim, ma anche i responsabili di altre cinque società, tra cui Reply spa (indagati i vertici Mario e Tatiana Rizzante) e anche un’azienda spagnola, per quanto riguarda il settore dei Content service provider e degli hub tecnologici che si sono occupati di quei servizi “premium”. A queste società sono stati sequestrati gli altri più di 70 milioni di euro. Nel decreto, tra l’altro, si fa riferimento alla “consapevolezza di Tim del sistema di attivazione fraudolenta”.

E agli atti dell’inchiesta, coordinata dall’aggiunto Eugenio Fusco e dal pm Francesco Cajani e condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf di Milano, con i colleghi del Nucleo speciale tutela privacy e frodi di Roma, c’è anche una testimonianza, del settembre 2021, di un ingegnere che si occupava della security di Tim. Ha ammesso di aver “riscontrato, dal punto di vista del sistema informatico, anomalie che avevano consentito le attivazioni illecite”. Ha messo a verbale che “al momento delle verifiche ci rendemmo conto che le numerazioni attive con servizi premium su apparato M2m erano più di 100mila”. Il “business”, spiegano gli inquirenti che si sono avvalsi di perquisizioni, ispezioni informatiche e “innovative tecniche di analisi”, infatti, sarebbe cresciuto pure con le attivazioni “dei servizi Vas sulle connessioni mobili usate tra macchine per lo scambio di dati, senza intervento umano (le cosiddette ‘machine to machine’, M2m, ossia, ad esempio, gli impianti di allarme, domotica)”.

Continua a leggere

Cronache

Assalto alla Polizia a Torino per liberare un cittadino marocchino, il video

Pubblicato

del

Nel cuore di Torino, assaltata una volante mentre una pattuglia della Polizia di Stato stava trasferendo un uomo di origini marocchine a un centro di rimpatrio in Lombardia. L’aggressione è avvenuta davanti agli uffici della Questura, con un gruppo di autonomi e anarchici che hanno circondato l’auto della polizia, cercando di liberare l’uomo e ferendo un poliziotto nel tentativo.

L’incidente si è verificato in seguito all’arresto dello straniero, fermato in precedenza per aver imbrattato con scritte ingiuriose le pareti del sottopasso di corso Grosseto. Le tensioni si sono acuite quando un gruppo di antagonisti ha fatto irruzione nei locali del centro medico dell’Asl, prima di concentrare la loro protesta di fronte alla Questura.

Il tentativo di liberare il detenuto è stato frenato dall’intervento degli agenti, che sono riusciti a bloccare quattro aggressori, mentre altri manifestanti sono stati allontanati. Tuttavia, la protesta non si è esaurita qui: i manifestanti hanno danneggiato alcune auto in transito e hanno continuato a esprimere il loro dissenso di fronte alla stazione ferroviaria di Porta Susa.

Le reazioni alle proteste non si sono fatte attendere. L’assessore regionale alla Sicurezza, Fabrizio Ricca, ha espresso solidarietà all’agente ferito e ha condannato il comportamento dei manifestanti, definendolo una sfida alla convivenza civile. Allo stesso tempo, ha respinto qualsiasi forma di dialogo con i centri sociali antagonisti, evidenziando la futilità di tali tentativi.

Anche l’assessore della Regione Piemonte Maurizio Marrone e la vicecapogruppo del partito alla Camera Augusta Montaruli hanno condannato l’assalto, sottolineando il clima di impunità che, secondo loro, si è creato a Torino, alimentando le strategie della tensione degli antagonisti.

Le reazioni sindacali non sono state meno ferme. Il sindacato Siulp provinciale ha definito l’azione come eversiva e al di fuori di ogni limite tollerabile, mentre il sindacato di polizia Sap ha sottolineato le conseguenze delle prese di posizione politiche che, secondo loro, hanno alimentato l’azione degli anarchici. Le indagini proseguono per individuare i responsabili.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto