Collegati con noi

Ambiente

Rinnovabili e rifiuti, sprint del governo su impianti

Pubblicato

del

Il governo schiera una nuova arma contro la sindrome nimby che blocca le grandi infrastrutture. Il decreto Aiuti Ter, approvato ieri, prevede che il Consiglio dei ministri possa sostituirsi ai Comuni che non fanno gli impianti di smaltimento dei rifiuti, nominando commissari per realizzare le opere. Un potere sostitutivo del governo che esiste gia’ per le centrali eoliche e le rinnovabili in genere: ieri e’ stato ampliato a termovalorizzatori e impianti di compostaggio. Ma non basta: nel decreto Aiuti ter, c’e’ anche la possibilita’ di installare fonti rinnovabili sui beni del Ministero dell’Interno. Su commissariati di polizia e stazioni dei pompieri, potremo presto vedere pannelli fotovoltaici e turbine eoliche. Uno strumento per risolvere il nodo della “sindrome nimby”, dall’inglese “not in my backyard”, “non nel mio giardino”, uno dei maggiori ostacoli alla transizione ecologica. L’opposizione di cittadini, amministratori locali e soprintendenze del Ministero della Cultura finisce spesso per allungare a dismisura la realizzazione di centrali eoliche e impianti di smaltimento dei rifiuti, necessari per ridurre i gas serra, il consumo di materiali e l’inquinamento. L’articolo 23 del Decreto legge Aiuti ter, approvato ieri dal Consiglio dei ministri, prevede che, se gli enti pubblici non danno nei tempi previsti le autorizzazioni agli impianti indicati dal Programma nazionale rifiuti, il premier, su proposta del ministro della Transizione ecologica, puo’ nominare un commissario ad acta per realizzare le opere. La nuova norma applica agli impianti di smaltimento rifiuti quei poteri sostitutivi del governo che sono gia’ stati attribuiti in materia di fonti di energia rinnovabili. Il Consiglio dei ministri puo’ avocare a se’ le procedure autorizzative bloccate per le centrali eoliche e fotovoltaiche, e autorizzarle autonomamente. E proprio nell’utlimo Cdm il governo ha sbloccato l’iter di altri 6 parchi eolici: a Ferrandina (Matera), Cerignola e Stornara (Foggia), Manfredonia (Foggia), Ascoli Satriano (Foggia), Acquaviva delle Fonti e Casamassima (Bari), Ittiri e Villanova Monteleone (Sassari). Poi, c’e’ la svolta green per polizia e pompieri. All’articolo 10 del Dl Aiuti, si permette al Ministero dell’Interno di installare fonti di energia rinnovabili sui beni che ha in uso, del demanio e non, anche dandoli in concessione e utilizzando le risorse del Pnrr. Ma non solo. Il Ministero o i concessionari possono pure costituire comunita’ energetiche rinnovabili con altre pubbliche amministrazioni, centrali o locali. Le comunita’ energetiche sono comunita’ di cittadini e pubbliche amministrazioni che si consorziano con imprese dell’energia per costruire fonti rinnovabili sul proprio territorio o i propri edifici, e utilizzarle per l’autoconsumo. Una soluzione che si sta diffondendo in numerosi piccoli comuni italiani. I cittadini, con un piccolo investimento iniziale, possono garantirsi energia pulita a poco prezzo.

Advertisement

Ambiente

Nuova isola vulcanica nell’oceano Pacifico, è nata in 11 ore

Pubblicato

del

C’e’ una nuova isola vulcanica nell’oceano Pacifico: e’ nata in appena 11 ore per effetto di un’eruzione sottomarina vicino a Tonga, e in pochi giorni e’ cresciuta fino a raggiungere un’estensione di 24.000 metri quadrati. La sua comparsa e’ documentata dalle immagini riprese lo scorso 14 settembre dal satellite statunitense Landsat 9, di Nasa e Usgs, e da Sentinel-2 del programma di osservazione della Terra Copernicus, di Agenzia spaziale europea (Esa) e Commissione europea. Le immagini mostrano la giovane isola sovrastata da una lunga scia di vapori e cenere e circondata da acque verdognole per il materiale vulcanico riversato in mare. A generare questa nascita spettacolare e’ stato il vulcano sottomarino Home Reef, parte di una dorsale oceanica che si estende dalla Nuova Zelanda a Tonga, in un’area dove la placca del Pacifico sta velocemente scivolando sotto altre due placche (quella di Kermadec e quella di Tonga) a una velocita’ di 24 centimetri all’anno. Il 10 settembre il vulcano si e’ risvegliato da un lungo sonno durato 16 anni e nei giorni successivi ha ripetutamente emesso lava, pennacchi di vapore e cenere. Undici ore dopo l’inizio dell’eruzione e’ apparsa la nuova isola, che inizialmente aveva un’estensione di 4.000 metri quadrati e un’altezza di 10 metri. La sua crescita e’ poi continuata, tanto che il 20 settembre e’ arrivata a coprire una superficie di 24.000 metri quadrati. Resta incerto il suo destino. Le isole create da vulcani sottomarini hanno generalmente vita breve, ma in alcuni casi possono resistere anche per diversi anni. L’ultima isola generata da un’eruzione del vulcano Home Reef nel 2006 e’ stata erosa dalle onde nell’arco di un anno. Un’altra isola formata nel 2020 dall’eruzione del vicino vulcano Late’iki e’ scomparsa dopo appena due mesi, mentre un’isola precedente creata nel 1995 sempre dallo stesso vulcano e’ durata per ben 25 anni.

Continua a leggere

Ambiente

Clima, il 22% di CO2 dai trasporti: 4 città in Italia tra le più inquinate d’Europa

Pubblicato

del

Tra le città più inquinate d’Europa, 4 sono italiane: Cremona, Pavia, Brescia e Vicenza, dove la qualità dell’aria che si respira è “molto scarsa”. E nell’ambiente urbano i 2 settori che incidono maggiormente sul tasso di inquinamento sono la mobilità ed il riscaldamento domestico. In alcune città – tuttavia – anche l’inquinamento industriale e l’agricoltura hanno una notevole incidenza. “Ma i veicoli elettrici possono contribuire enormemente alla transizione verso società più sostenibili: grazie – ad esempio – ai caricabatterie bidirezionali, questi veicoli elettrici possono oggi essere usati come unità di accumulo dell’energia per ampliare notevolmente le capacità di stoccaggio delle reti alimentate da fonti rinnovabili” sottolinea Moreno Scarchini, ceo di EnergRed (www.energred.com), E.S.Co. impegnata nel sostenere la transizione energetica delle pmi italiane, che ha promosso il primo e-Mobility Day a Modena. L’azienda è scesa in prima linea realizzando una speciale due-giorni rivolto agli stakeholder con i quali l’azienda si relaziona. “Vogliamo fare scoprire a tutti le emozioni dell’elettrico, affinché tutti possano comprendere le potenzialità che la mobilità sostenibile è in grado di apportare alla nostra vita, rispettando l’ambiente” sottolinea Moreno Scarchini.

“Il settore dei trasporti contribuisce fino al 22% al totale delle emissioni globali di gas climalteranti. Ma se combinassimo la transizione verso le energie rinnovabili con un passaggio generale ai veicoli a basso consumo – quali biciclette e mezzi di trasporto elettrici – potremmo contribuire in maniera decisiva alla riduzione delle emissioni globali di CO2” mette in evidenza Giorgio Mottironi, responsabile marketing di EnergRed. “Con i nuovi caricatori bidirezionali ‘CC’ in modalità Vehicle-to-Grid (V2G) o Vehicle-to-Home (V2H) oggi l’energia può fluire in due direzioni, andando così a fungere da accumulatori di energia per l’intera rete, a differenza dei classici caricatori unidirezionali ‘EV’ che permettono il flusso di energia soltanto in direzione del veicolo” puntualizza Scarchini. “Quando si pensa alla costruzione di un futuro più sostenibile non si deve più pensare alla mobilità elettrica come un mero mezzo di trasporto ecologico, ma piuttosto al sistema energetico nel suo complesso: solo così sarà possibile riconoscere il ruolo chiave del trasporto elettrico, sia come un tipo di mobilità sostenibile accessibile a milioni di persone, sia – e soprattutto – come sistema in grado di regolare ed equilibrare le reti di distribuzione elettrica alimentate da fonti rinnovabili” conclude il ceo di EnergRed. Ma ad inquinare, anche le nostre case: ogni 115mila appartamenti italiani producono ogni anno un milione di tonnellate di emissioni e ben 15 milioni di italiani vivono ancora oggi in abitazioni dalle caratteristiche energetiche più arretrate, arrivando oltretutto a sprecare mediamente oltre migliaia di euro l’anno per la loro gestione energetica.

Continua a leggere

Ambiente

Fs presenta a Innotrans bus a idrogeno di Qbuzz

Pubblicato

del

Fs ha presentato all’importante appuntamento del settore Innotrans in corso a Berlino gli autobus a idrogeno che Qbuzz, terzo operatore del Tpl in Olanda e controllata di Busitalia, impiega nei servizi di trasporto pubblico locale delle province di Groningen e Drenthe, nel Nord dell’Olanda. La flotta degli autobus a idrogeno dell’operatore olandese e’ formata da 32 veicoli “completamente a emissioni zero”, che sfruttano una “innovativa tecnologia” in grado di convertire “l’idrogeno in elettricita’ senza alcuna emissione di Co2”. Durante la marcia, infatti, il sistema converte l’idrogeno in energia elettrica e la immagazzina in una cella a combustibile, utilizzata direttamente per azionare il motore elettrico. Inoltre, l’autobus recupera energia durante la frenata. E’ stato spiegato durante la presentazione del mezzo alla rassegna tedesca. “Avere una societa’ come Qbuzz, leader in Olanda, nel Polo Passeggeri del Gruppo Fs ci consentira’ di condividere tutte le competenze necessarie per implementare l’utilizzo dell’idrogeno anche in Italia”, ha quindi messo in evidenza l’amministratore delegato del gruppo italiano, Luigi Ferraris. “Questi sono veicoli completamente a emissioni zero. Affinche’ sia davvero una energia pulita, pero’, l’idrogeno deve essere green, cioe’ prodotto con processi che non emettono Co2 o altri inquinanti, come avviene per gli autobus di Qbuzz. E’ evidente come anche in Italia sia molto importante far crescere e sviluppare le energie pulite, cosi’ da poter derivarne poi l’idrogeno”, ha spiegato Ferraris, sottolineando che Fs sta approfondendo la sua applicazione anche nel settore ferroviario, collaborando con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilita’ Sostenibili, l’Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria, altri gestori ferroviari locali e le Regioni italiane interessate a sfruttare le opportunita’ messe in campo dal Pnrr nel settore del trasporto a idrogeno”. Il primo bus a idrogeno a suo tempo ebbe un costo di 1,3 milioni di euro nel 2013, da allora pero’ la spesa necessaria e’ scesa a 650.000 euro nel 2019, avvicinandosi poi ai 500.000 euro di un bus elettrico, ha spiegato l’a.d di Qbuzz, Gerrit Spijksma.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto