Collegati con noi

Cronache

Perdono un figlio appena nato e i magistrati per precauzione tolgono alla coppia gli altri due bimbi

Pubblicato

del

I guai sono come i dolori non arrivano mai da soli. Lo sanno una coppia di Pellezzano, nel Salernitano. Nei giorni scorsi hanno perso in circostanze assurde il loro ultimogenito. Forse un rigurgito notturno. Ma dovrà essere accertato da una inchiesta avviata dalla magistratura. Qualche giorno di tempo, neanche il tempo dei funerali e di provare a riprendere una vita normale, e ti arriva la seconda mazzata. Il Tribunale per i minori ha tolto alla coppia gli altri due figli. Perché? Per precauzione. In attesa di capire come è morto l’altro bambino.  Il tribunale dei Minori ritiene i genitori responsabili, assieme al pediatra di base e ad altri quattro medici dell’ospedale di Mercato San Severino, della morte del bimbo. Per i magistrati minorili le condizioni della casa dove la famiglia viveva al momento della tragedia sono idonee a far crescere dei bambini. Di qui la decisione di sospendere la patria potestà e affidare i bambini alla nonna materna, presso la quale i genitori possono vederli per una volta alla settimana ma non restare da soli con loro.
Le ipotesi di accusa, a carico dei sette indagati, sono diverse. Si va dall’abbandono di persone minori e incapaci per i genitori, all’omicidio colposo per uno dei cinque medici, all’omessa denuncia e interruzione di pubblico servizio per gli altri quattro sanitari. Insomma una storia tanto assurda quanto incredibile che nelle prossime settimane dovrà essere chiarita. Perché non è normale azzerare una famiglia in questo modo.

Advertisement

Cronache

Carabinieri scovano arsenale da guerra sui tetti nel Napoletano

Pubblicato

del

Armi da guerra sulla tettoia di un box, in un borsone sportivo. In provincia di Napoli, attorno i palazzi del rione Moscarella di Castellammare di Stabia, quelli popolari del lotto 4, al centro di un triangolo ai cui lati corrono due strade statali e viale della Repubblica. La scoperta è dei carabinieri della sezione operativa stabiese. Coperto da erbacce, edera e da rami secchi, un borsone di tela blu poggiava sulla lamiera barcollante di un piccolo box abusivo. All’interno, erose dalle intemperie e dalle piogge ma perfettamente funzionanti, 8 armi da fuoco pesanti. Un fucile d’assalto Ak47 (Kalashnikov), un fucile a pompa SPAS cal 12, di quelli capaci di sfondare una porta. E poi due fucili d’assalto Steyr AUG di produzione austriaca, con una cadenza di tiro pari a 650 colpi al minuto, quasi 11 al secondo. Ancora un fucile a pompa M870s Maverick Eagle Pass con matricola abrasa, due doppietta a canne mozzze, un fucile da caccia. Le armi sono state sequestrate a carico di ignoti e saranno sottoposte ad accertamenti balistici per verificare se siano state utilizzate in azioni criminose.

Continua a leggere

Cronache

Vannacci sospeso dall’incarico per 11 mesi dopo libro

Pubblicato

del

Il generale dell’Esercito, Roberto Vannacci, è stato sospeso dall’impiego per 11 mesi . E’ quanto si apprende da fonti legali in riferimento al procedimento disciplinare avviato nei mesi scorsi dal ministero della Difesa dopo la pubblicazione del libro “Il mondo al contrario”.

Continua a leggere

Cronache

Scoperto un arsenale sui tetti di Castellammare di Stabia

Pubblicato

del

I Carabinieri hanno sequestrato un arsenale da guerra sulla tettoia di un box a Castellammare di Stabia, nella zona dei palazzi del rione Moscarella  del lotto 4, al centro di un triangolo scaleno ai cui lati corrono due strade statali e viale della Repubblica.
La scoperta è dei carabinieri della sezione operativa stabiese. Coperto da erbacce, edera e da rami secchi, un borsone di tela blu poggiava sulla lamiera barcollante di un piccolo box abusivo.

All’interno, erosi dalle intemperie e dalle piogge ma perfettamente funzionanti, 8 armi da fuoco pesanti.
Un fucile d’assalto Ak47 (Kalashnikov), un fucile a pompa SPAS cal 12, di quelli capaci di sfondare una porta.
E poi due fucili d’assalto Steyr AUG di produzione austriaca, con una cadenza di tiro pari a 650 colpi al minuto, quasi 11 al secondo. Ancora un fucile a pompa M870s Maverick Eagle Pass con matricola abrasa, due doppietta a canne mozzze, un fucile da caccia.
Le armi sono state sequestrate a carico di ignoti e saranno sottoposte ad accertamenti balistici per verificare se siano state utilizzate in azioni criminose.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto