Collegati con noi

In Evidenza

Napoli e il razzismo, storia di Umberto e Alberto a Napoli come Totò e Peppino a Milano

Pubblicato

del

Sorseggiare il caffè. Fatto! Fare visita al pescivendolo ché fa colore e folclore quando prende in mano il polpo e dice qualcosa in lingua madre. Fatto. La visita in metropolitana, quella di via Toledo è la più figa in centro. Fatto! Una capatina alla farmacia Incurabili. Fatta! Un pit stop sui binari della Circum per ragioni d’ufficio. Fatto! E poi il bigliettino lasciato ai napoletani per ricordare e suggellare la discesa al Sud del commendatore Brambilla Alberto da Merate di professione imprenditore, economista, analista, opinionista, leghista ed ex sottosegretario con delega alla previdenza ai tempi del Governo Berlusconi.

Umberto de Gregorio e Alberto Brambilla (foto dal profilo Fb di Umberto de Gregorio)

Le foto sono pubbliche, sono sulla pagina Fb del presidente dell’Eav (sì, Eav ovvero Ente autonomo del Volturno), Umberto de Gregorio, e immortalano la calata al sud dell’uomo del nord efficiente, ricco, civile e produttivo che pochi giorni fa dagli schermi di mamma Rai, nel commentare un servizio sui trasporti locali in Campania, aveva spiegato che le ragioni di tanto sfascio sono da addebitare in buona sostanza ai napoletani che “sono antropologicamente diversi, non vogliono fare il biglietto. 

I mezzi per loro devono essere gratis e fatiscenti, a Milano invece possono avere mezzi ultramoderni che si pagano”. C’erano anche altre scemenze ma ve le risparmiamo. Davanti a queste espressioni che in studio la conduttrice e un giornalista bollarono come razziste, Brambilla ha trovato a Napoli chi l’ha accolto, gli ha fatto da Cicerone e s’è preso la briga di conservare e tramandare il bigliettino lasciato dal sciur Brambilla ai napoletani in cui ripete “napoletani vi amo ma siamo antropologicamente un po’ diversi”. Che dire: Napoli è davvero una città tollerante.

Nel senso che tollera tutto e tutti. Persino che certe espressioni idiote e razziste possano ricevere in cambio l’ospitalità con la coda di ogni visione stereotipata di Napoli. Ovviamente con tanto di assist e complicità parte nopea e parte napoletana. E ci fermiamo qua. Sperando che il caffè e tutto il resto non l’abbia offerto l’Eav.

Advertisement

Economia

Vinitaly, senza il vino l’Italia perderebbe l’1,1% del Pil

Pubblicato

del

Togliere il vino al Belpaese equivarrebbe, in termini di Pil, a cancellare quasi tutto lo sport italiano, compreso il calcio. Lo afferma Veronafiere, che con l’Osservatorio Uiv-Vinitaly ha presentato oggi, alla vigilia della prima giornata nazionale del Made in Italy e in avvio della manifestazione, i risultati del progetto: “Se tu togli il vino all’Italia. Un tuffo nel bicchiere mezzo vuoto”. Il progetto, pensato sulla scorta dei frequenti attacchi rivolti alla “bevanda nazionale”, comprende un’analisi d’impatto economico commissionata a Prometeia e un focus dell’Osservatorio Uiv-Vinitaly su tre – tra tantissimi – territori simbolo a trazione enologica: Barolo, Montalcino ed Etna. I risultati dell’analisi d’impatto confermano, quantificandolo, il contributo economico del comparto: in caso di scomparsa della filiera del vino, 303 mila persone dovrebbero trovarsi un altro lavoro e il Paese rinuncerebbe a un asset in grado di generare (tra impatto diretto, indiretto e indotto) una produzione annua di 45,2 miliardi di euro e un valore aggiunto di 17,4 miliardi di euro.

Uno choc per l’Azienda Italia pari all’1,1% del Pil (lo sport, secondo stime dell’Istituto Credito sportivo vale l’1,3%). In questo scenario da day after, faremmo a meno di un moltiplicatore economico in grado di generare un contributo di 2,4 euro di produzione (e 0,9 di valore aggiunto) per ogni euro di spesa attivata dall’industria del vino. Infine, ogni 62 mila euro di valore prodotto dalla filiera garantisce un posto di lavoro. Per il ministro dell’Agricoltura e della Sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida, “L’Italia senza il vino sarebbe una Nazione più povera, non solo a livello culturale e ambientale, ma anche sul piano economico, in quanto il settore vinicolo è un asset strategico per l’occupazione e per l’export italiano nel mondo”. Quello del vino, ha concluso il presidente di Veronafiere Federico Bricolo, “è un patrimonio socioeconomico che va difeso e tutelato”.

Continua a leggere

Cronache

Il direttore dell’Osservatorio vesuviano, Mauro Di Vito: nessun segnale di crisi eruttive

Pubblicato

del

Sono state ben quindici – secondo quanto riporta il sito dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia – le scosse di terremoto registrate stamattina nell’area dei Campi flegrei nell’arco di appena mezz’ora, tra le ore 9.39 e le 10.08. L’evento più forte è stato di magnitudo 3.7, alle 9.44, seguito da una scossa di 3.1 alle 9.46 e da una di 3.0 alle 10.01. Lo sciame si è concluso alle 10.08 con una scossa di magnitudo 2.5. Gli epicentri variano di profondità, da uno a tre chilometri.

Il fenomeno del bradisismo nell’area flegrea prosegue, provocando scosse di terremoto anche intense come quelle di oggi, “ma il rischio di una evoluzione esiste, teoricamente, per il futuro: al momento non c’è nessun segnale di una possibile crisi eruttiva”. Lo dice, ai microfoni della Tgr Campania, il direttore dell’Osservatorio vesuviano, Mauro Di Vito. Oltre le 15 scosse più significative rilevate in mezz’ora dai sismografi, Di Vito riferisce che sono stati 60 gli eventi registrati “in un periodo abbastanza breve” nell’ambito dell’ultimo sciame sismico.

Continua a leggere

In Evidenza

Cheddira (del Napoli) trascina il Frosinone, 2-2 a Napoli. Meret para anche un rigore

Pubblicato

del

Pareggio amaro per il Napoli, che non va oltre il 2-2 contro il Frosinone di Eusebio Di Francesco, perdendo ancora terreno per un piazzamento in Champions League. Alle reti di Politano e Osimhen ha risposto la doppietta di Cheddira, quasi un ex della gara considerando che il suo cartellino è di proprietà dello stesso club campano. Ottimo piglio da parte del Napoli in avvio, con Kvaratskhelia che al quarto d’ora si muove bene tra le linee e imbuca per Osimhen, rapido nella conclusione centrale sulla quale interviene Turati.

Passano però pochi minuti e gli azzurri troveranno il vantaggio, grazie a Politano, che partendo da destra si accentra e con il sinistro a giro pesca l’angolo che vale l’1-0. Sbanda dunque il Frosinone e al 20′ concede un’altra occasione al Napoli e a Osimhen, sul rilancio lungo di Meret letto male da Romagnoli ma non sfruttato dal nigeriano che calcia largo. Al 28′ arriva però l’episodio favorevole per la squadra di Di Francesco, con Cheddira che viene steso in area da Rrahmani e guadagna il rigore per i suoi: dal dischetto va Soulé che però si fa ipnotizzare da Meret e fallisce la chance del pareggio.

Nella ripresa è ancora pericolosa la squadra di Calzona, con l’attacco alla profondità di Osimhen, servito bene da Anguissa e freddo nel pallonetto che supera Turati ma viene salvato da Romagnoli. Al 50′ però è clamoroso l’errore in impostazione di Meret, che di fatto favorisce il piazzato vincente di Cheddira che riporta in parità il punteggio. 1-1 che durerà fino al 64′, quando sugli sviluppi di corner Kvaratskhelia schiaccia la conclusione da fuori area sulla quale interviene Osimhen che spinge in rete il pallone del nuovo vantaggio.

Il Frosinone però non molla e dieci minuti più tardi pareggia nuovamente, ancora con Cheddira che stacca di testa il cross di Zortea e batte per la seconda volta Meret. Portiere incolpevole. Forse è stato lui il migliore in campo. Nel finale sono diverse le offensive degli azzurri, che però chiuderanno in dieci uomini per l’espulsione di Mario Rui, lasciando al Frosinone un punto chiave in ottica salvezza.

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto