Collegati con noi

Cronache

Morto clinicamente il secondo bimbo della detenuta folle di Rebibbia, Bonafede sospende direttrice

Pubblicato

del

Alfonso Bonafede, ministro della Giustizia, dopo che  una detenuta, di nazionalità tedesca, nei giorni scorsi ha ucciso sua figlia di 6 mesi e ridotto in condizione di morte cerebrale l’altro di circa 20 mesi all’interno del carcere di Rebibbia di Roma, ha deciso di attuare una linea dura. “Il messaggio deve essere chiaro: c’è un mondo che è quello della detenzione in cui non si può sbagliare” ha detto il Guardasigilli che ha sospeso la direttrice della casa circondariale femminile, Ida Del Grosso, la sua vice Gabriella Pedote e la vicecomandante del reparto di Polizia Penitenziaria, Antonella Proietti, che aveva la responsabilità della sicurezza del reparto al momento in cui è accaduta la tragedia.

Ministro Alfonso Bonafede. Sospesa direttrice del carcere

“Sono andato personalmente a Rebibbia  – ha spiegato Bonafede – per verificare quello che è accaduto. Si tratta di una tragedia vera. I provvedimenti di sospensione che ho preso? Ho ritenuto che qualcosa non è andato come doveva andare e degli errori sono stati commessi” ha detto il ministro ai microfoni de La 7, la trasmissione “L’Aria che Tira” di Myrta Merlino. Quanto alle critiche di chi dice che la donna non doveva stare in carcere, il ministro spiega di avere comprensione per «i tuttologi ma sono i magistrati a decidere quando si può fare la detenzione domiciliare e non è detto che a casa quei bimbi sarebbero stati più sicuri”. I provvedimenti decisi da Bonafede sono stati formalmente adottati dal capo del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, Francesco Basentini. Da martedì , inoltre, è in corso un accertamento ispettivo da parte del Dap nella struttura per verificare la struttura di detenzione e le condizioni delle mamme detenute. Purtroppo la notizia grave della giornata è quella secondo cui anche  il bambino trasportato in ospedale sarebbe “clinicamente morto”. L’intervento chirurgico non avrebbe sortito il miglioramento delle condizioni sperato dai medici. Il bimbo è in coma e respira grazie ai macchinari. Un miracolo solo può salvarlo da questa condizione.

Advertisement

Cronache

Autovelox non omologati, a rischio sanzioni per milioni

Pubblicato

del

Le multe per eccesso di velocità rilevate sulle strade italiane attraverso apparecchiature uguali a quelle adottate dal Comune di Treviso sulla strada regionale n.53, meglio nota come “Tangenziale”, potrebbero essere annullate. E’ la conseguenza che rischia di derivare da una sentenza della Corte di Cassazione la quale, come riportano i giornali, ha accolto l’impugnazione di un avvocato di Treviso che, da automobilista, aveva ricevuto una sanzione per aver viaggiato a 97 chilometri orari dove il limite è di 90. L’iniziativa del ricorrente era stata assunta anche alla luce di un contenzioso nato due anni fa tra il giudice di pace, al quale si era rivolto un precedente guidatore multato, e la magistratura ordinaria, nel corso del cui svolgimento si erano ottenuti pronunciamenti contrapposti.

Le motivazioni della Suprema Corte risiedono nel fatto che le apparecchiature sarebbero state autorizzate dal ministero delle Infrastrutture ma non sottoposte dallo stesso Governo ad una verifica tecnica più puntuale necessaria alla loro omologazione. Vi sarebbe in sostanza un vuoto normativo che, in assenza di correzioni, metterebbe al riparo d’ora in poi da conseguenze pecuniarie gli automobilisti colti dagli Autovelox per ora giudicati non regolamentari. Per quanto riguarda le finanze pubbliche del Veneto, mediamente le sanzioni per violazioni al codice della strada valgono circa 50 milioni l’anno e sono per un terzo addebitabili al superamento dei limiti di velocità riscontrato dalle apparecchiature elettroniche. La quota normalmente riscossa dal Comune di Treviso sarebbe di poco inferiore ai 4 milioni.

Continua a leggere

Cronache

Spari in piazza ad Afragola dopo i battesimi, due feriti

Pubblicato

del

Due persone sono rimaste ferite da alcuni colpi d’arma da fuoco esplosi oggi, intorno a mezzogiorno, in piazza Castello, ad Afragola, in provincia di Napoli. Poco prima che scoppiasse la lite – tra due gruppi di persone – sfociata prima in rissa a colpi di mazze da baseball e poi in sparatoria, nella vicina chiesa di San Giorgio si erano tenuti dei battesimi. Secondo quanto si appreso i due feriti sono stati colpiti uno alla gamba e l’altro anche all’addome. Altre persone sono rimaste ferite a causa dei colpi inferiti anche alla testa da corpi contundenti. Per uno dei due feriti dai colpi d’arma da fuoco si è reso necessario un intervento chirurgico in ospedale: le sue condizioni sarebbero gravi ma non rischierebbe la vita. Sul posto sono intervenute diverse ambulanze del 118, la Polizia di Stato e i carabinieri. Per ricostruire la dinamica dell’accaduto, che avrebbe potuto provocare il ferimento di persone estranee alla vicenda, sono in corso indagini da parte della polizia di Afragola e della squadra mobile della Questura di Napoli. Trovati a terra e sequestrati, alcuni proiettili inesplosi e alcuni bossoli. Sequestrato anche uno scooter.

Continua a leggere

Cronache

Porta la droga al figlio in carcere, arrestata

Pubblicato

del

Portava al figlio la droga in carcere ed è stata arrestata dalla Polizia penitenzaria. E’ successo ieri, ad Avellino. La donna, che si accingeva ad avere un colloquio con il figlio detenuto, nascondeva addosso “un ingente quantitativo di hashish. Grazie ai controlli svolti dagli uomini della Polizia Penitenziaria, è stata scoperta ed associata nella casa circondariale irpina”, rende noto Tiziana Guacci, segretaria regionale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, Sappe, che sottolinea la “professionalità ed astuzia” con cui il personale della penitenziaria “porta avanti ogni giorno una battaglia per contrastare il traffico di sostanze stupefacenti all’interno del penitenziario, nonostante la critica carenza di organico, che si attesta a circa 83 unità in meno rispetto ai poliziotti previsti, ed il grave sovraffollamento”.

Per Donato Capece, segretario generale del Sappe, “il problema dell’ingresso della droga in carcere è questione ormai sempre più frequente, a causa dei tanti tossicodipendenti ristretti nelle strutture italiane. Dai dati in nostro possesso sappiamo che quasi il 30% delle persone, italiane e straniere, detenute in Italia, ossia uno su tre, ha problemi di droga. La loro presenza comporta da sempre notevoli problemi sia per la gestione di queste persone all’interno di un ambiente di per sé così problematico, sia per la complessità che la cura di tale stato di malattia comporta. Non vi è dunque dubbio che chi è affetto da tale condizione patologica debba e possa trovare opportune cure al di fuori del carcere”.

In evidenza la foto di una delle tante carceri italiane dove purtroppo la droga entra 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto