Collegati con noi

In Evidenza

L’Ospedale delle Bambole, un presidio cittadino alla sua quarta generazione.

Pubblicato

del

Non è solo un luogo magico che ci riporta all’infanzia, ma un vero e proprio tempio di passioni per la bellezza e la cura per gli oggetti che ci sono stati cari.

Non solo bambole, ma statuine, peluche, pupi e giochi delle nostre infanzie.

Tutto è cominciato alla fine dell’800  nella bottega di Luigi Grassi, a San Biagio dei Librai, dove si costruivano scenografie per il teatrino di corte e si riparava ogni tipo di oggetto. Un giorno  entra una signora in lacrime con una bambola rotta in braccio implorando Don Luigi di ripararla, il maestro non si tirò  indietro e accettò il compito, ovviamente portandolo con successo a termine. Dopo quella prima riparazione altre mamme accorrsero in bottega per far “curare”  le bambole, a volte l’unica, delle figlie. Luigi Grassi usava lavorare indossando un camice bianco, per non sporcare i vestiti durante le operazione di pitturazione delle scenografie, fu proprio quel camice a indurre coloro che passavano dinanzi alla bottega osservando pezzi di bambole in riparazione, occhi, braccia, gambe, a esclamare ”me pare proprio o’ spitale d’è bambule”, che tradotto significa: ”mi sembra proprio l’ospedale delle bambole”… Nome che Luigi Grassi adotterà per la sua bottega.

L’ attività passa poi , tra le due guerre al figlio Michele che prosegue con la tradizione insieme alla moglie Giovanna per poi tramandarla al ftglio Luigi che subito apprende i segreti del mestiere e diventa punto di riferimento culturale del centro storico di Napoli che ne amplia il raggio d’intervento, operando anche in campo internazionale.

Dottore di Bambole, Luigi, ma anche restauratore raffinatissimo e sensibilissimo uomo di cultura che con il suo calore umano ha saputo donare sorrisi e speranze ai suoi piccoli “clienti” che vedevano le loro amate bambole sofferenti e bisognose di cure speciali.

Oggi è Tiziana, figlia di Luigi, la quarta generazione, a continuare con lo stesso animo la tradizione familiare, con la stessa sensibilità e passione a curare i pazienti che oramai arrivano da tutto il mondo.

L’ospedale delle bambole si è trasferito dalla storica sede di Via San Biagio dei Librai fronte strada, alla nuova, sempre in Via San Biagio dei Librai al n. 39 nello storico Palazzo Marigliano.

 

 

Tiziana Grassi, ” Dolls’ Doctor” poses with one of dolls inside the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by the grandfather of Tiziana at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city.
Ph. Mario Laporta/KONTROLAB

Tiziana Grassi, ” Dolls’ Doctor” poses close a giant picture of her father Luigi inside the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by the grandfather of Tiziana at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. Ph.Mario Laporta/KONTROLAB

Tiziana Grassi, ” Dolls’ Doctor” poses close a giant picture of her father Luigi inside the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by the grandfather of Tiziana at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. Ph.Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

Tiziana Grassi, ” Dolls’ Doctor” poses with one of dolls inside the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by the grandfather of Tiziana at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city.
Ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

A view of the “Hospital of the Dolls” in downtown Naples. The Hospital of the dolls was created by Luigi Grassi at the end of 1800th. The hospital of the dolls, restore every kind of dolls and is one of most important traditional point in downtown of the city. ph. Mario Laporta/KONTROLAB

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Esteri

Morto a 76 anni O. J. Simpson

Pubblicato

del

E’ morto l’ex giocatore di football americano O.J.  Simpson dopo una battaglia contro il cancro. Aveva 76 anni. Lo riporta Tmz citando la famiglia.

‘The Juice’, così come era conosciuto negli anni d’oro quando indossava la maglia dei San Francisco 49ers, era stato accusato di aver ucciso la sua ex moglie Nicole e il suo amico Ronald Goldman. Il processo era andato avanti per mesi e aveva spaccato l’America, innescando anche un furioso dibattito sulla questione razziale. L’ex campione era stato alla fine scagionato per mancanza di prove. Nel 2008 però è finito in carcere per rapina e sequestro. Nel 2017 ha lasciato il carcere.

Continua a leggere

Esteri

Tragedia in Pakistan: 17 morti e molti feriti in un incidente stradale

Pubblicato

del

Nel sud-ovest del Pakistan, una tragedia ha scosso la provincia del Balochistan, lasciando dietro di sé un bilancio spaventoso di morte e feriti. Almeno 17 persone hanno perso la vita e altre 41 sono rimaste ferite in un grave incidente stradale avvenuto recentemente.

L’incidente è avvenuto quando un mezzo trasportante, presumibilmente un camion, è precipitato in un burrone. Il vice commissario distrettuale, Munir Ahmed, ha dichiarato che il camion stava viaggiando a una velocità eccessiva e ha perso il controllo mentre affrontava una svolta critica sulla strada.

Le autorità locali sono state pronte a rispondere all’incidente, inviando squadre di soccorso e ambulanze sul luogo dell’incidente per assistere i sopravvissuti e recuperare le vittime. Tuttavia, il bilancio delle vittime ha continuato a salire, evidenziando la gravità dell’incidente e la necessità di interventi immediati per prevenire tragedie simili in futuro.

Le indagini sull’incidente sono ancora in corso, con le autorità che cercano di determinare le cause esatte dell’incidente e se ci fossero eventuali violazioni delle normative sulla sicurezza stradale da parte del conducente o di altri fattori coinvolti.

 

Continua a leggere

Economia

L’Italia dell’ortofrutta vale 26 miliardi, filiera strategica

Pubblicato

del

La filiera dell’ortofrutta, settore strategico dell’agroalimentare italiano, ha chiuso il 2023 con una produzione di 24 milioni di tonnellate su una superficie di 1,3 milioni di ettari, gazie al lavoro di 300mila aziende. Il tutto per un fatturato alla fase agricola che ha superato i 16 miliardi di euro, mentre il peso dell’agroindustria è di 10 miliardi di euro. Sono i dati Ismea a fotografare il settore al centro della 41/ma edizione del Macfrut al Rimini Expo Centre in programma dall’8 al 10 maggio, dai numeri record. Ci saranno, infatti, 1.400 espositori in rappresentanza dell’intera filiera (+22%), il 40% sarà estero in un’area espositiva di 34mila metri quadrati netti (+20%). Nel 2023 gli introiti derivanti dalle esportazioni di ortofrutta fresca è di 5,7 miliardi che, insieme a quelle delle conserve ammonta a 11,6 miliardi. Quanto al saldo della bilancia commerciale degli ortofrutticoli freschi si è chiuso in maniera positiva a 550 milioni di euro, anche se in flessione rispetto al 2022 (620 milioni di euro). Il peso dell’intera filiera dal campo alla tavola vale circa tre volte la produzione per un valore che si aggira sui 50 miliardi di euro. Sul fronte dei consumi, sempre secondo i dati Ismea, si è registrata una contrazione in quantità degli acquisti. Il biennio 2020-2021 caratterizzato dalla pandemia, aveva restituito qualche speranza circa l’aumento del consumo, ma il progressivo ritorno alla vita fuori casa ha determinato nel 2023 una battuta d’arresto degli acquisti. In particolare, diminuiscono gli acquisti in quantità di agrumi (-7%), patate (-4%) e insalate di IV gamma (-4%). Tengono le vendite di frutta (-0,1%) e crescono dell’1% quelli di ortaggi.

Il focus internazionale del Macfrut sarà dedicato alla Penisola Arabica, in una scommessa partita tre anni fa, che in fiera vedrà la presenza di un centinaio di buyer da quell’area interessati soprattutto a mele, kiwi e uva da tavola. Le esportazioni italiane in questa zona in quattro anni sono passate dai 73 milioni di euro del 2020 ai 114 milioni dello scorso anno (+56%), secondo i dati di Agenzia Ice. Il mercato ha interessato quasi esclusivamente due aree: Arabia Saudita per un valore di 76 milioni di euro e gli Emirati Arabi Uniti per 29 milioni di euro. Sempre dalla Penisola Arabica sarà presente in fiera Emirates SkyCargo per le opportunità di hub logistico per il business in quell’area. In fiera un padiglione sarà dedicato al Continente africano, da anni al centro dell’attenzione di Macfrut, divenuto sempre più strategico nelle politiche internazionali del governo con l’attuazione del Piano Mattei. Saranno presenti 400 espositori provenienti da 24 Paesi dell’Africa principalmente produttori, ma anche importatori di tecnologie e mezzi tecnici per l’agricoltura; a debuttare quest’anno sono Ruanda, Repubblica Democratica del Congo, Marocco, Namibia e Togo. Protagonista in qualità di Regione partner di questa edizione sarà la Puglia, conosciuta per le sue produzioni ortofrutticole di eccellenza. nei primi tre trimestri del 2023 il settore ha confermata la sua grande attività sui mercati internazionali, con 623 milioni di euro di export. Il prodotto simbolo del Macfrut sarà l’Uva da Tavola che, con una produzione di 1 milione di tonnellate, sarà al centro del Macfrut Table Grape Symposium, il simposio mondiale che nei tre giorni della fiera richiama i massimi esperti e i principali player globali per fare il punto su ricerca, trend di mercato, andamento della produzione, innovazione e strategie commerciali.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto