Collegati con noi

Sport

Leicester: il ricordo del Presidente Vichai nel suo stadio. Il tributo dei fans e dei calciatori, con Claudio Ranieri e Nigel Pearson

Pubblicato

del

Migliaia di tifosi dopo aver sfilato per le strade di Leicester hanno reso omaggio al presidente Vichai Srivaddhanaprabha, morto davanti allo stadio in un drammatico incidente di elicottero insieme ad altre quattro persone. Lo hanno fatto con una sciabolata, con migliaia di sciarpe bianche con sopra scritto «Signor presidente» e «Per sempre nei nostri cuori».
Una immagine bellissima, impressionante: “Abbiamo rispettato Khun Vichai nell’unico modo che conosciamo, dicono al Leicester, con i valori dell’amore che ha instillato in noi”.

Il Leicester City tornava a giocare in casa (con il Burnley, 0 a 0) due settimane dopo la tragedia, con il vuoto lasciato dalla morte di Vichai, un presidente molto amato. Quello che segue è il racconto della celebrazione pubblicato sul sito della squadra inglese.

“Una giornata travolgente per tutti quelli associati al Football Club è iniziata, per molti, in Piazza del Giubileo, dove migliaia di sostenitori si sono radunati per una marcia attraverso la città di Leicester, finendo con i tributi floreali che ci hanno consolato e confortato.
Altri provenivano da più lontano. C’erano storie di fan che viaggiavano dall’Australia, dagli Stati Uniti e dal Sud Africa. Alcuni non avevano nemmeno i biglietti per la partita. Volevano solo essere lì per dare un ultimo addio a un uomo che ha portato il Club oltre ogni riconoscimento.
Dopo due settimane di lutto, dopo un incidente in elicottero al King Power Stadium, che ha causato la morte di cinque persone, il Club ha forgiato un insieme indissolubile in circostanze così tragiche.


“Senza di lui, nulla sarebbe stato possibile”, ha dichiarato Alan “The Birch” Birchenall, il nostro Ambasciatore del Club, si è piazzato al centro del campo, riferendosi allo strepitoso titolo della Premier League 2016 di Leicester.
Mentre i giocatori – indossando magliette tribute – completavano i preparativi all’interno dello spogliatoio, l’Armata Blu, con le sciarpe in alto, tratteneva le lacrime nel guardare un bellissimo video tributo trasmesso sui maxi schermi. C’erano le lacrime per le persone che abbiamo perso e gli applausi per i ricordi che abbiamo condiviso. Come Khun scrisse nel suo programma: “Insieme, ci aiuteremo l’un l’altro a fare i conti con questo.”

I giocatori del City – in camicie ricamate con “Khun Vichai: Forever In Our Hearts” vicino allo stemma del Club – si sono stretti ai familiari poi è stato osservato un silenzio di due minuti, in onore di Khun Vichai, dei suoi quattro compagni di bordo, e dei sacrifici di militari e donne nei conflitti passati e presenti.
È stato rigorosamente osservato da entrambi i sostenitori di Leicester City e Burnley. Per due minuti, la famiglia del calcio ha messo da parte vecchie rivalità nei confronti di un uomo che ha cambiato il panorama del calcio inglese.

La partita che è seguita, uno 0-0, ha visto i giocatori del City combattere le loro emozioni per offrire una prestazione con lo spirito e il coraggio di cui Khun Vichai sarebbe stato immensamente fiero. Jamie Vardy è andato vicino al gol, mentre Rachid Ghezzal è stato sfortunato.
Dopo l’intervallo, la squadra è tornata in campo con i papaveri ricamati sulla maglietta, come parte dei tributi annuali del Club Remembrance Fixture.
Al 60. minuto – per segnare l’età di Khun Vichai quando è morto – tutte e quattro le tribune si sono rimesse in piedi ancora una volta. “Campioni d’Inghilterra, ci hai fatto cantare”, hanno cantato.
Alla fine il Burnley di Sean Dyche, che ha una difesa eccellente, è riuscito ad impedire alla squadra di casa disegnare.

Non c’era un obiettivo da festeggiare, ma sabato 10 novembre si è trattato di qualcosa di più del calcio. Le immagini di Leicester che sono state trasmesse in tutto il mondo – del Club e della città – ne sono la prova. Durante la partita, Khun è apparso dal tunnel, prima come una silhouette, per poi emergere in pieno per ringraziare la famiglia Leicester City per le loro parole di conforto.
L’evento stato seguito da Claudio Ranieri, Nigel Pearson, Craig Shakespeare, Steve Walsh, Robert Huth e Esteban Cambiasso, sei persone che non hanno bisogno di presentazioni per nessuno, con Leicester City nel loro cuore.

Vederli accanto alla squadra moderna, un collettivo giovane ed entusiasta che Puel sta guidando verso una nuova era, è stata l’ennesima espressione della famiglia che Khun Vichai aveva costruito.
Era un padre di famiglia e un padre di quattro figli amorevoli; Aiyawatt, Apichet, Voramas e Aroonroong e marito di Aimon.
Nel 2010, ci ha accolto in quella famiglia. Questo fine settimana, quella famiglia allargata ha detto addio. Grazie, Khun Vichai. Sarai per sempre nei nostri cuori”

Advertisement

Sport

Ecco Calzona “nessuna scusa, il Napoli deve vincere”

Pubblicato

del

“Mi rende felice avere una squadra forte e il Napoli lo è. I ragazzi devono liberarsi la testa per poter giocare il calcio di cui sono capaci: ci proviamo da domani nella sfida contro un grande Barcellona. Una sfida che vogliamo vincere”. Sono le prime parole di Francesco Calzona da neo allenatore del Napoli, a 24 ore dall’andata degli ottavi di finale di Champions League contro il club dei catalani. L’ex vice in azzurro di Sarri e Spalletti, oggi ha conosciuto i giocatori ed ha chiesto a tutti lo stesso atteggiamento.

“Ho trovato una squadra – ha spiegato – che si è messa subito a disposizione. Abbiamo scambiato poche parole perché ora servono subito i fatti. Servono prima di tutto ai tifosi, ai quali non chiediamo nulla, perché è un pubblico speciale e noi dobbiamo renderli orgogiosi, vogliamo farli felici con le nostre prestazioni. Sanno che un allenatore può cambiare poco in 24 ore in una squadra, ma dobbiamo accelerare il processo di apprendimento: ho detto ai giocatori che non abbiamo più scusanti, dobbiamo migliorare la nostra posizione. Cominciamo ora, dagli ottavi di Champions contro il Barcellona che ha passato dei momenti di difficoltà ma è forte. Io arrivo a questa sfida contento di essere qui a Napoli.

In tangenziale mi è salita l’adrenalina: debutto subito contro un avversario forte ma non mi spaventa, perché il Napoli è una squadra forte, deve ritrovare alcuni concetti per dare il top”. Calzona cerca nella squadra “una nuova identità e se non riuscissi in tre mesi a dare la mia impronta al Napoli mi sentirei un fallito. Ma dobbiamo fare anche i risultati, perché si punta al posto in classifica per la nuova Champions”. Dal punto di vista della formazione, Calzona aspetta l’ultima sgambatura di domani mattina per una squadra che però è pronta a riaccogliere Osimhen al centro dell’attacco, cercando quel contropiede che spesso ha punito la difesa dei catalani e che funziona bene con il nigeriano, con Kvaratskhelia e Politano.

“Vedremo – spiega Calzona – le condizioni di Osimhen, che oggi si è allenato con la squadra regolarmente. Poi vedremo come si sentono, parlo anche di Traoré che non è al 100%, vediamo domani”. Calzona ammette con orgoglio di aver appreso tanto dai due allenatori più amati dai tifosi azzurri negli ultimi anni, Maurizio Sarri e Luciano Spalletti: “Ho lavorato con grandi tecnici che mi hanno trasmesso concetti che mi aiuteranno nel mio prosieguo. Poi ci metto del mio, ma ho nella mia esperienza tre allenatori importanti, perché aggiungo anche Eusebio Di Francesco”. Calzona inizia la sua stagione con accanto Di Lorenzo: “Quando si cambia allenatore per la terza volta – spiega il capitano – vuol dire che qualcosa che non va, la squadra è cosciente di questo, abbiamo preso coscienza di dover fare di più. Ora ci metteremo al lavoro con il nuovo mister per uscire tutti da una situazione che non ci vede contenti, la delusione è di tutti noi, ora diamo il massimo per uscire da questa situazione. Ringrazio anche Mazzarri, ci siamo sentiti e dispiace, sappiamo che quando si cambia l’allenatore è una sconfitta per la società, l’allenatore e la squadra. Avevamo perso ultimamente l’entusiasmo che avevamo l’anno scorso, ora reagiamo da professionisti e siamo a disposizione del nuovo tecnico, domani cerchiamo di mettere in campo quel poco che il tecnico ha potuto trasmetterci e di fare un grande match”.

Continua a leggere

Sport

Champions: 9,2 mln incasso Inter-Atletico, 3/o più alto di sempre

Pubblicato

del

Incassi dal botteghino quasi da record per l’Inter nella sfida contro l’Atletico Madrid. Per la gara d’andata degli ottavi di finale di Champions League sono presenti a San Siro infatti 73.709 spettatori, con un incasso complessivo lordo pari a 9.218.859 euro. Si tratta del terzo incasso più alto della storia per un club italiano e secondo della storia nerazzurra, dopo i 12,5 milioni per la semifinale di ritorno di Champions League tra Inter e Milan della passata stagione e i 10,4 milioni di Milan-Inter, gara d’andata sempre delle semifinali di Champions nell’anno scorso.

Continua a leggere

Sport

Gol Arnautovic, all’Inter il primo round con l’Atletico

Pubblicato

del

Il primo round dice Inter, nel segno di Marko Arnautovic. I nerazzurri battono l’Atletico Madrid nell’andata degli ottavi di finale di Champions League grazie ad una rete dell’austriaco nella ripresa, in una gara spigolosa in cui tra l’altro Simone Inzaghi perde anche Marcus Thuram per un problema muscolare. Una partita intensa e combattuta, ma che lascia ben sperare in vista del ritorno fissato al Wanda Metropolitano il prossimo 13 marzo, non solo per il risultato (seppur di misura) ma anche per la prestazione positiva di Lautaro e compagni. L’Inter in avvio parte convinta sulla spinta dei 73mila del Meazza, ma l’Atletico fin dall’inizio dimostra di non volere solo limitarsi a difendere. Non a caso, dopo uno stop mancato di Thuram in area, dall’altra parte Lino calcia a lato col destro in area.

I nerazzurri chiedono un calcio di rigore per un tocco di mano in area di Molina ma sia l’arbitro che il Var lasciano correre. Il problema degli uomini di Inzaghi è la poca lucidità, causata anche dalla grande pressione dei colchoneros che inducono Calhanoglu e compagni a una serie di errori banali. Soprattutto sulla trequarti offensiva, con tanti palloni sprecati malamente tra passaggi e stop sbagliati. Quando tutto fila liscio, però l’Inter si riesce a rendere pericolosa. Il primo squillo è un colpo di testa di Lautaro che Oblak para senza difficoltà. La migliore occasione capita ancora allo stesso argentino: Thuram recupera palla, lancia il capitano che da solo davanti a Oblak calcia male e viene rimontato.

Nel finale di tempo tutto San Siro trema, ma non di gioia, perché Thuram si ferma per un problema muscolare. Il francese poi rientra in campo ma esce all’intervallo per una “contrattura all’adduttore destro da valutare nei prossimi giorni”, un infortunio che rischia di pesare molto anche per le prossime gare. Al suo posto entra Arnautovic, che diventa protagonista nel male e nel bene. Nel male perché spreca tutto il possibile, in un misto tra sfortuna ed errori banali che fanno mugugnare e non poco tutto San Siro. E così la spinta del Meazza un pochino si affievolisce, anche perché Simeone si gioca la carta Morata, fischiatissimo da tutti i 73mila presenti per i suoi trascorsi juventini.

Un ingresso che galvanizza gli ospiti, che non a caso creano la migliore occasione: Lino dopo uno scambio con De Paul si presenta da solo davanti a Sommer ma calcia fuori. Lo stesso De Paul lancia poi Llorente, ma De Vrij all’ultimo riesce a salvare tutto in scivolata. Nel momento in cui l’Atletico prende coraggio, l’Inter con personalità e con il gioco la fa tremare di nuovo, spedendola trenta metri indietro: Lautaro manda in porta Arnautovic, che a tu per tu con Oblak a cinque metri dalla porta calcia incredibilmente alto. E ancora l’austriaco poi chiude troppo leggero su un cross basso di Dumfries. San Siro torna a bollire, Lautaro di testa impegna di nuovo Oblak.

Gli spagnoli vanno in affanno e l’Inter stavolta ne approfitta: Reinildo e De Paul perdono ingenuamente palla, Lautaro si invola ma trova ancora Oblak sulla sua strada, a porta vuota però Arnautovic non sbaglia e porta avanti i nerazzurri. L’Atletico però non ci sta, anzi reagisce subito di carattere, prima con Lino che di destro sfiora il pareggio dal limite, poi con un colpo di testa di Morata di poco a lato. È l’ultimo brivido per Sommer, il primo round verso i quarti è interista.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto