Collegati con noi

Cronache

L’appello del Comitato don Peppe Diana a favore della famiglia Della Corte: “Si riconosca quel ragazzo di 18 anni, Adriano, vittima innocente della camorra”

Avatar

Pubblicato

del

“Ci hanno insegnato a non stare zitti e a non girarci dall’altra parte ed è per questo motivo che non lo faremo, anche oggi, dinanzi alla richiesta di essere ascoltato di un familiare di vittima innocente della criminalità organizzata” è questo l’appello, l’ennesimo del Comitato don Peppe Diana al Viminale. “Abbiamo appreso che Arturo Della Corte, fratello di Adriano Della Corte ucciso a 18 anni è per la terza volta fuori al Viminale perché vuole essere ascoltato. L’istanza presentata per veder riconosciuto Adriano Della Corte, vittima innocente della camorra, è stata rigettata dagli uffici del Ministero dell’Interno perché ritenuta tardiva. Tardi per dire che un ragazzo di 18 anni fu ucciso senza avere alcuna colpa? Non preoccuparsi di chi è morto da innocente, incoraggiando fiducia nella giustizia e negli apparati dello Stato è sbagliato e contravviene a qualsiasi spirito solidaristico che mai dovrebbe mancare nelle leggi” è il duro atto di accusa del Comitato don Peppe Diana, che a settembre ha già scritto al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al ministro dell’Interno Matteo Salvini e al ministro per lo sviluppo economico in qualità di vicepremier, Luigi Di Maio. A novembre, altrettanto è stato fatto indirizzando due missive al Procuratore nazionale antimafia ed antiterrorismo Federico Cafiero De Raho e al Presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra.  “Speriamo che sia giunto il momento di prendere in considerazione le richieste presentate e di non lasciare che le vittime innocenti con i loro familiari, vengano dimenticati” è l’auspicio del Comitato che porta il nome del parroco ucciso dalla camorra casalese. Anche lui era vittima innocente. Don Peppe fu ucciso perchè parlava della camorra, illuminava i cuori di chi era soggiogato dalla camorra. 

Advertisement

Cronache

La banda di famiglia che trafugava opere d’arte nel Museo Villa Livia a Napoli e le vendeva ad antiquari e collezionisti

Avatar

Pubblicato

del

Figurano la custode del Museo “Villa Livia” di Napoli, suo marito, e anche i due figli minori della coppia, tra i componenti la banda di ladri che, su commissione, hanno trafugato dal Museo diverse d’opere d’arte poi rivendute ad antiquari e collezionisti a cui la donna faceva pervenire un campionario fotografico via WhatsApp. A scoprirlo sono stati i carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale che hanno eseguito sei misure cautelari (due arresti in carcere, tre ai domiciliari e un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria) emesse dal gip di Napoli e dal Tribunale dei Minori. Le indagini – partite nel 2018, dopo la denuncia del direttore della Galleria – hanno consentito di scoprire che lei rubava, con il marito che le faceva da palo, e i due figli minori portavano il bottino ai due ricettatori i quali a loro volta lo consegnavano agli acquirenti. Villa Livia è stata usata come set per la fiction “I Bastardi di Pizzofalcone” e per il film “La Paranza dei bambini”. Nei guai è finita Maria Grazia Mazzarella, la custode di Villa Livia. Era lei che inviava persino ai potenziali acquirenti un campionario fotografico delle opere ‘disponibili’. Quelle che poi depredava con l’aiuto del marito e dei figli minori di età.
Contestualmente alle misure cautelari (due in carcere, tre ai domiciliari e un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria), eseguiti anche 8 decreti di perquisizione nei confronti di acquirenti. Il reato contestato è  associazione a delinquere finalizzata al furto e alla ricettazione di opere d’arte.

Continua a leggere

Cronache

Salvatore Narciso, il papà-mostro che ha ucciso la sua bambina di 16 mesi è piantonato in ospedale

Avatar

Pubblicato

del

Rinviato a causa delle condizioni cliniche e psichiche l’interrogatorio di Salvatore Narciso, l’uomo accusato di aver lanciato  dal balcone la figlia di 16 mesi uccidendola. Narciso è ricoverato al Cardarelli perchè aveva tentato  il suicidio buttandosi nel vuoto e rimanendo gravemente ferito. Il magistrato che indaga sulla tragedia di San Gennaro Vesuviano aspetterà che i medici diano il via libera all’interrogatorio. Narciso al momento è piantonato. Ancora non ci sarebbe una misura restrittiva nei suoi confronti. Ma è solo questione di tempo. In Paese nessun ricorda una tragedia simile a quella di ieri. Salvatore Narciso ha ucciso Ginevra, la figlioletta di appena 16 mesi, lanciandola da una finestra al secondo piano, per poi tentare il suicidio subito dopo. “Bravissime persone – spiegano in un piccolo bar della piazza principale del paese – le figlie sono entrambe laureate.

Tutti gentili, se li incrociavi salutavano. La mamma della bambina non la si vedeva spesso. E’ medico, una tragedia quella che e’ successa. Dove l’avra’ trovato a quello li’? Non doveva morire la bambina, doveva essere il contrario”. “Perche’ non l’hanno ancora arrestato? – chiede qualche donna – dicono che ora rischia di restare paralizzato. Ma devono metterlo in galera e buttare via la chiave. Uccidere una bambina, sua figlia. Che schifo. Ha distrutto tutta la famiglia, e ha sconvolto il paese. Non era mai avvenuto un fatto cosi’ tragico”. Qualche altro cittadino ricorda della morte di una bambina avvenuta non molti anni fa. “Pero’ quella bimba mori’ per un boccone andatole di traverso – sottolineano – nessuno l’ha uccisa. La sua morte sconvolse tutti anche se era piu’ grandicella, avra’ avuto nove o dieci anni. Ma quello che e’ accaduto ieri e’ terribile. Quell’uomo e’ un mostro. Ha ragione la moglie”.

Continua a leggere

Cronache

Sanità a Napoli, ancora atti vandalici al San Giovanni Bosco

Avatar

Pubblicato

del

Una serratura forzata ed una vetrata danneggiata. Sono gli ultimi due atti intimidatori che hanno come bersaglio l’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli e che, secondo il commissario dell’ASL Napoli 1 Ciro Verdoliva, “sono tentativi di marcare il territorio da parte di chi fino a poco tempo fa svolgeva attivita’ illecite o non autorizzate all’interno dell’ospedale”. Gli episodi di stanotte che hanno interessato un vetro dell’ex bar e la porta della direzione amministrativa seguono altri atti vandalici, l’ultimo dei quali l’allagamento di alcuni bagni con liquami fuoriusciti dai servizi igienici. ”Da quando abbiamo chiuso il bar che svolgeva senza autorizzazione l’attivita’, rimosso i distributori di merendine abusivamente istallarti nei reparti e allontanato i parcheggiatori abusivi che si erano appropriati dei piazzali antistanti siamo stati continuamente oggetto di queste intimidazioni. Vogliono riappropriarsi del territorio – conclude Verdoliva – ma non lo consentiremo perchè noi tutti, gli uomini e le donne che qui come altrove in citta’ svolgiamo professionalmente la nostra missione, siamo piu’ forti di loro”.

Continua a leggere

In rilievo